Quando si pianta l’aglio

1.1K




Quando si pianta l’aglio e come si coltiva

L’agliopiantato in autunno, è pronto per essere raccolto da metà a fine estate quando le foglie ingialliscono. Oltre al suo sapore intenso e agli usi culinari, è buono anche in giardino come repellente per insetti.

È facile pensare all’aglio come a una pianta mediterranea e quindi a un raccolto tenero che ha bisogno di molto calore per crescere bene. Tuttavia, se scegli una buona varietà e le dai le giuste condizioni, puoi produrre un raccolto decente indipendentemente da dove vivi in Italia.




Quando si pianta l’aglio

Ingo generali

  • PH Terreno: 6,0 – 7,0
  • Semina: Marzo
  • Tipologia Terreno: Drenante
  • Raccolto: Dicembre – Gennaio
  • Sole: Pieno

Specifiche

  • L’aglio è più spesso piantato in autunno (tra settembre e novembre).
  • Le radici dell’aglio si sviluppano durante l’autunno e l’inverno, prima che il terreno si congeli, e all’inizio della primavera iniziano a produrre fogliame.
  • Quindi, raccoglierai in estate.
  • L’aglio ha bisogno di un periodo freddo di almeno circa 4-8 settimane.
  • Tuttavia, puoi anche piantare l’aglio in primavera, soprattutto se hai una stagione di crescita lunga.

Istruzioni

  • Ottieni chiodi di garofano da un’azienda di semi per corrispondenza o da un vivaio locale.
  • Non usare i chiodi di garofano del supermercato per piantare. Potrebbero essere varietà inadatte per la tua zona e la maggior parte viene trattata per prolungare la loro durata di conservazione, rendendole più difficili da coltivare.
  • Scegli chiodi di garofano grandi e sani, privi di malattie.
  • Più grande è lo spicchio, più grande e sano sarà il bulbo che otterrai l’estate successiva.
  • Rompi i chiodi di garofano dal bulbo qualche giorno prima di piantare, ma mantieni la buccia cartacea su ogni singolo chiodo di garofano.
  • Pianta in file distanziate l’una dall’altra.

Note sulla coltivazione, semina, raccolto, conservazione e altro ancora

SCELTA E PREPARAZIONE DI UN SITO DI IMPIANTO

  • Scegli un’area di giardinaggio che riceva dalle 6 alle 8 ore di luce solare al giorno.
    Prepara il terreno rimuovendo le erbacce e mescolando in salutari aggiunte di compost.
  • Se pianti in primavera, aspetta che il terreno si sia scongelato e drenato. Una volta che il terreno si sbriciola facilmente, è il momento di piantare.
  • Prima di piantare i chiodi di garofano, lavora un paio di cucchiai di fertilizzante completo 5-10-10, farina di ossa o farina di pesce nel terreno diversi centimetri sotto il punto in cui riposerà la base dell’aglio.
Puoi coltivare l’aglio insieme a: Carotecipollepomodoripepemele e pere.
Calorie: 41kcal
Portata: condimento
Cucina: Italiana
Keyword: come coltivare l’aglio




Come si coltiva l’aglio

  • Marzo: semina varietà adatte alla semina primaverile
  • Da aprile a giugno: acqua
  • Luglio o agosto: raccogliere l’aglio
  • Novembre o dicembre: semina la maggior parte delle varietà di aglio

L’aglio coltivato in casa occupa poco spazio e non richiede quasi nessuno sforzo per ottenere un buon raccolto. È un raccolto facile da coltivare: viene seminato dagli spicchi d’aglio anziché dai semi.

Ci sono due tipi di aglio da coltivare: aglio tenero e aglio duro.

Varietà tenera: Il tipo più comune nei supermercati. Produce il maggior numero di chiodi di garofano per bulbo – fino a 18. Ha una buccia bianca e cartacea, si conserva bene e raramente produce un gambo di fiore. L’aglio dal collo morbido è meno tollerante alle temperature fredde prolungate ed è quindi più adatto alla coltivazione nelle contee meridionali miti, sebbene possa essere coltivato altrove con protezione in inverno.

Varietà dura: L’aglio a collo duro ha meno chiodi di garofano per bulbo, di solito 10 o meno. Sono generalmente più resistenti e possono essere coltivati ​​in tutta Italia specie nel Nord. I tipi a collo duro spesso producono un gambo di fiore arricciato o “scapo”.

Questo si raddrizza man mano che matura, per portare una testa di minuscoli bulbilli simili a chiodi di garofano. È meglio rimuovere lo scapo non appena appare (usalo nelle patatine saltate) in modo che la pianta divida le sue energie nella produzione di un bulbo più grande.

Se lasciati sviluppare sulle piante, puoi raccogliere e piantare i bulbilli, ma potrebbero essere necessari 2-3 anni per formare un bulbo decente.




Come piantare l’aglio

La maggior parte delle varietà di aglio viene piantata meglio nel tardo autunno o all’inizio dell’inverno, poiché gli spicchi hanno bisogno di un periodo di freddo per svilupparsi in bulbi.

Assicurati che il tuo terreno sia ripulito dalle erbacce e dai resti delle colture estive. Prima di piantare, scava in un po’ di compost fatto in casa o letame ben decomposto e rastrella bene. Spingi dentro i chiodi di garofano o usa uno schiacciapatate per fare dei buchi a 15 cm di distanza, lasciando 30 cm tra le file.

Gli uccelli hanno un debole per i bulbi e li tireranno fuori dal terreno, quindi metti una rete per uccelli o un vello per l’orticoltura sulle nuove piante finché i germogli non saranno alti 5 cm. Nelle zone fredde, potrebbe essere necessario coprire le piante con delle campane durante l’inverno.




Il periodo di coltivazione dell’aglio è lo stesso degli spinaci.

Questa protezione extra incoraggerà la crescita delle radici, quindi le piante sono pronte per crescere la prossima primavera.

Come coltivare l’aglio in un contenitore

Se non hai spazio o la tua trama è stata colpita dal marciume bianco della cipolla in passato, allora la coltivazione in contenitori fa per te. Usa un vaso di almeno 15 cm di larghezza e profondità, pieno di compost multiuso. Seminare tre chiodi di garofano in un vaso largo 15 cm, sei in uno di 30 cm.

Nutri da aprile quando vedi una forte crescita primaverile, usando un mangime ad alto contenuto di azoto come pellet di letame di pollo essiccato, o riempi il contenitore fino in cima con più compost.

Chi ha letto questo articolo ha letto anche questoColtivazione dei piselli.



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close