Come raccogliere l’aglio

407
raccolta aglio

In generale, l'aglio è pronto per la raccolta quando le foglie inferiori iniziano a imbiondire. L'unico modo per esserne sicuri è scavare alcuni bulbi per verificarne l'andamento. Se i chiodi di garofano riempiono le bucce, è tempo di raccogliere.

Un ortaggio che non dovevo acquistare da diversi anni è l’aglio. Ogni autunno, immancabilmente, lo raccolgo dalla mia coltivazione del mio orto casalingo. Penso che una delle cose migliori della coltivazione dell’aglio sia che ottieni ottimi ortaggi da gustare!

Ma una cosa fondamentale da notare se sei nuovo nella coltivazione, è quando raccogliere l’aglio e quei deliziosi scapi all’aglio che arrivano prima nella stagione.

Di solito spargo il mio raccolto di aglio su un paio dei miei letti rialzati. Se ho ancora bisogno di spazio, ne metto qualche pezzo in più qua e là in un giardino ornamentale.

Prima di parlare di quando raccogliere l’aglio, discutiamo prima di come raccogliere gli scapi d’aglio e assicurarci che non vadano sprecati!







Quando raccogliere gli scapi d’aglio

Gli scapi d’aglio di solito iniziano a fare la loro comparsa a volte a giugno (questo potrebbe differire se ti trovi in ​​una zona diversa). Non tutte le mie varietà sono sempre pronte allo stesso tempo, il che è bello perché posso raccogliere in lotti e godermele più a lungo.

Gli scapi d’aglio sono facili da distinguere dal resto della pianta perché sembrano cipolle verdi con un lungo cappello da elfo (il bulbil) all’estremità. Saprai che i tuoi scapi sono pronti per essere raccolti quando formeranno una spirale.

Taglia semplicemente lo scapo (io uso le mie forbici per erbe aromatiche ) alla base dove esce dal gambo. Se gli scapi diventano dritti, dopo che hanno attraversato la loro fase di curling, hanno superato il loro apice. Saranno più duri di uno scapo fresco più giovane e avranno un sapore amaro.

Una volta che ho una manciata di scapi, di solito li metto nel pesto di scapi all’aglio (alcuni dei quali li congelerò in vaschette per cubetti di ghiaccio). Taglio i cappelli degli elfi e uso semplicemente il gambo.

Se non tagli gli scapi e li lasci sulla pianta, i bulbilli si trasformano in fiori e semi (qui una guida per coltivare l’aglio germogliato). Anche se non hai intenzione di mangiare i tuoi scapi d’aglio, è comunque una buona idea tagliarli alla base del loro gambo in modo che tutta l’energia possa tornare a far crescere il bulbo sottoterra.




Quando raccogliere l’aglio

Dopo aver tagliato gli scapi d’aglio, hai circa un mese prima che l’aglio stesso sia pronto. Alcuni anni fa, mentre stavo scrivendo un articolo per un’altra pubblicazione, ho intervistato un coltivatore che ha un’azienda agricola. L’ho scoperto dopo aver letto dell’aglio nero che coltiva, ma questo è un altro argomento. Ma gli ho chiesto quando è pronto l’aglio per la raccolta perché il tempismo è tutto.

Mi ha spiegato che usa un calendario per determinare quando raccogliere i propri raccolti, ad esempio raccoglie sempre l’aglio turbante il 25 luglio. Ma poiché viviamo tutti in diverse zone di giardinaggio e in vari climi, in generale, dice di cercarne due foglie morte e secche alla base della pianta, con una terza foglia che sta iniziando a morire.

La prima foglia potrebbe essere difficile da vedere perché potrebbe essere già mangiata dai batteri del suolo. Quando sarà il momento di raccogliere, ci saranno ancora molte foglie verdi, ma non lasciare che questo ti fermi. Il motivo della raccolta al momento giusto è perché il bulbo è avvolto dalle foglie. Quando una foglia muore, i batteri del suolo la mangiano. Questa foglia scomparirà non solo sopra il suolo, ma anche sotto.

Questa è la regola pratica che seguo da anni.




Come raccogliere l’aglio

Il modo migliore per rimuovere un bulbo d’aglio dipende dalla varietà che hai piantato. Per le varietà Turban, Carchoke e Silverskin, potresti voler usare un forcone o una vanga, facendo attenzione a non toccare il bulbo. Di solito tiro le mie varietà hardneck, come Rocambole e Porcelain, perché i colloqui sono solitamente super spessi e robusti.

A volte il terreno e i bulbi hanno bisogno di un po’ di lusinghe. Ho scoperto che quando in autunno pacciamo il mio letto rialzato con la paglia, il terreno è molto più sciolto che se lasciassi il letto esposto per l’inverno. Quando l’aglio è pronto per essere estratto, a volte può essere diventato più compatto.

Senza un pacciame invernale, mi sono ritrovato prima con uno stelo spezzato in mano e uno spicchio d’aglio ancora nascosto sotto terra. Ma vuoi anche assicurarti di non ammaccare o rompere il bulbo sotto il terreno. I lividi influiscono sulla durata di conservazione.

Di solito prendo la mia spatola e ben lontano dal bulbo, provo delicatamente a sollevare il terreno sottostante. Di solito questo spinge leggermente il bulbo, allentando il terreno abbastanza da permettermi di tirare il gambo. Rimuovo delicatamente lo sporco in eccesso, sempre facendo attenzione a non ammaccare il bulbo.

E se estrassi l’aglio troppo presto?

A volte è difficile sapere se una testa d’aglio più piccola continuerà a crescere, anche se le tre foglie inferiori sono morte. C’è una fase di crescita rapida appena prima che l’aglio sia pronto per la raccolta, quindi pochi giorni potrebbero fare una differenza significativa. Ma poi a volte una lampadina sta per scadere, qualunque cosa accada.




Come si asciuga e si conserva l’aglio?

Curare l’aglio significa fondamentalmente asciugarlo. Vuoi un sacco di flusso d’aria e un posto fresco per curarlo. Stendibiancheria sono fantastici da avere perché puoi usarli anche per altre verdure ed erbe aromatiche. Ho realizzato il mio stendibiancheria con uno schermo pinzato su un telaio di legno di scarto.

Lo metto su una pila di mattoni o secchi nel mio garage in modo che l’aria fluisca sotto. Negli anni passati, ho anche appeso il mio aglio a mazzi, assicurato da uno spago attorno agli steli, nel garage. Puoi anche intrecciare i gambi per conservarli.

Dopo che il mio aglio si è asciugato, lo “pulirò” rimuovendo delicatamente sporco e detriti, e forse uno strato esterno essiccato, sopra un secchio. Taglio il lungo gambo, così ho uno spicchio come quello che vedresti al supermercato.

Ho usato per conservare i miei bulbi in una ciotola a fondo piatto fino a quando non ho visto l’idea intelligente di Jessica di conservazione nel suo video in cui li mette in scatole di uova vuote.

Articoli correlati:



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close