fbpx

Marciume apicale pomodoro

354
marciume

Il marciume apicale del pomodoro è una condizione in cui la parte inferiore del frutto si degrada e diventa scura, di solito a causa di una carenza di calcio. Può essere evitato mantenendo un adeguato livello di umidità nel terreno e fornendo una nutrizione equilibrata alle piante.

Le macchie scure che si formano sulle estremità delle coltivazioni di melanzane, dei pomodori e dei peperoni possono risultare preoccupanti, tuttavia non indicano la fine del raccolto.

Tale fenomeno è noto come marciume apicale ed è causato da una carenza di calcio nei pomodori. Apportando delle leggere modifiche all’irrigazione, generalmente sarà possibile preservare i frutti successivi dall’insorgere del marciume apicale.

Cos’è il marciume apicale?

Il marciume apicale rappresenta un disturbo di natura fisiologica, derivante da condizioni di crescita sfavorevoli anziché da parassiti o malattie. Alcune verdure che producono frutti di dimensioni considerevoli, come le melanzane, i peperoni e, più frequentemente, i pomodori, sono particolarmente suscettibili a tale fenomeno.

Sintomi del marciume apicale nel pomodoro

Il marciume apicale si manifesta come una macchia circolare situata all’estremità del frutto, dove precedentemente si trovava il fiore. Il colore di questa macchia può variare dal verde-marrone al nero.

Con il passare del tempo, la macchia si ingrandisce e si depressiona, conferendo al frutto un aspetto appiattito nella zona interessata. La dimensione della macchia scura può variare notevolmente: in alcuni frutti può misurare soltanto 1 cm, mentre in altri può raggiungere un diametro di 2,5 cm o più.

Causa del marciume apicale nella coltivazione del pomodoro

Il marciume apicale è il risultato della carenza di calcio nei frutti, che provoca una ridotta permeabilità della membrana cellulare. Ciò porta al rigonfiamento delle cellule, seguito da perdite e danni alla struttura della membrana, oltre a una diminuzione della crescita delle nuove cellule. Questi processi sono responsabili della comparsa di aree scure e infossate.

È raro che i terreni, o i substrati per vasi siano effettivamente privi di calcio, poiché di solito è presente in abbondanza nel terreno e all’interno della pianta stessa. Tuttavia, affinché il calcio possa raggiungere le parti più distanti dalla radice della pianta, è necessario che ci sia un adeguato flusso d’acqua attraverso la pianta. Poiché i frutti si trovano lontani dalle radici e non competono come le foglie per il calcio, si verifica una carenza locale di calcio all’estremità del frutto.

Le piante coltivate in spazi ristretti delle radici, come i vasi, sono più soggette a irregolarità nell’approvvigionamento idrico, il che porta a una carenza locale di calcio nei frutti. Le piante coltivate in terreno aperto o in serra, invece, hanno meno probabilità di essere colpite da questo problema.

Un problema simile può verificarsi se il fertilizzante viene applicato al terreno asciutto intorno alle piante, poiché la concentrazione di nutrienti nel terreno limiterà l’assorbimento di acqua da parte delle radici delle piante. Inoltre, alcuni componenti dei fertilizzanti, come i sali di ammonio, competono con il calcio per l’accesso alle radici delle piante, aggravando ulteriormente la carenza di calcio.

L’umidità dell’aria può essere un fattore determinante, poiché una quantità elevata di vapore acqueo nell’atmosfera può limitare l’assorbimento di acqua dalle radici delle piante. Pertanto, è importante garantire una buona ventilazione durante il giorno nelle serre, al fine di favorire l’assorbimento idrico adeguato.

Per una crescita ottimale, le piante hanno bisogno di una vasta gamma di nutrienti in diverse quantità, a seconda del tipo di pianta e del suo stadio di crescita. I principali nutrienti derivati dal suolo solitamente sono azoto, fosforo e potassio, mentre carbonio, ossigeno e idrogeno vengono assorbiti dall’aria.

Altri nutrienti essenziali presenti nel suolo includono magnesio, calcio e zolfo. I giardinieri possono integrare la disponibilità di nutrienti applicando fertilizzanti per favorire la crescita delle piante, migliorare la fioritura e la fruttificazione.

Controllo

Non è possibile salvare i frutti una volta che hanno sviluppato il marciume apicale, ma è possibile prendere precauzioni per evitare che i frutti successivi ne siano influenzati, come indicato di seguito:

Il terreno o il substrato utilizzato per la coltivazione dei frutti deve essere costantemente mantenuto umido durante il periodo di crescita attiva. È importante evitare che si asciughi, soprattutto durante i periodi caldi, quando potrebbe essere necessario annaffiare due o più volte al giorno. È preferibile annaffiare più volte al giorno con una quantità inferiore di acqua rispetto a farlo una volta sola con una maggiore quantità di acqua.

Sistemi di irrigazione automatica, l’utilizzo di contenitori più grandi o la coltivazione in terreni di confine possono essere soluzioni utili quando non è possibile annaffiare frequentemente. Inoltre, coprire il terreno o il substrato con un adeguato strato di pacciame, di almeno 5 cm di spessore, può contribuire a conservare l’umidità intorno alle radici delle piante.

L’applicazione di fertilizzante liquido può essere d’aiuto, ma è importante applicarlo solo su terreno umido e seguire le indicazioni del produttore.

Tuttavia, l’applicazione di spray fogliari contenenti sali di calcio, come il nitrato di calcio, non è efficace perché il calcio non viene assorbito rapidamente dai frutti e il trasporto di calcio dalle foglie ai frutti è limitato. Inoltre, il nitrato presente in questo tipo di fertilizzante potrebbe promuovere una crescita lussureggiante che riduce la disponibilità di calcio per i frutti.

Quali pomodori non soffrono il marciume apicale?

Le varietà di pomodoro che non soffrono di marciume apicale sono principalmente quelle di forma tonda e più piccole, come i pomodorini ciliegini. Queste varietà sono meno soggette al problema rispetto ai pomodori allungati, come il famoso San Marzano o il Cuore di bue.

Mentre è comune trovare macchie scure e infossate sulle estremità dei pomodori allungati, è quasi impossibile riscontrare il marciume apicale sui pomodori tondi più piccoli. Pertanto, se si desidera evitare il problema del marciume apicale, è consigliabile coltivare varietà di pomodoro tondo e di dimensioni più ridotte, come i pomodorini ciliegini, che sono meno suscettibili a questa condizione.

Quando dare il nitrato di calcio ai pomodori

Il nitrato di calcio dovrebbe essere somministrato ai pomodori durante tutta la stagione di crescita al fine di favorire lo sviluppo corretto dei tessuti delle piante. Questo trattamento è importante per assicurare una corretta formazione e struttura dei tessuti vegetali dei pomodori.

L’applicazione periodica di nitrato di calcio contribuisce a garantire un adeguato apporto di calcio alle piante di pomodoro, che è essenziale per prevenire problemi come il marciume apicale. È consigliabile seguire le raccomandazioni specifiche e le dosi consigliate per l’applicazione del nitrato di calcio, in base alle esigenze delle piante e alle condizioni locali.

In questo modo, si può assicurare una fornitura costante di calcio alle piante di pomodoro durante l’intera stagione di crescita.

Approfondimento:

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy