Come eliminare gli afidi delle piante

564
afidi

Ti stai chiedendo come sbarazzarti degli afidi? Se li hai individuati nel tuo giardino, dovrai agire in fretta: potrebbero muoversi lentamente, ma si moltiplicano rapidamente. Ma niente panico. Siamo qui per aiutare.

Le tue piante da giardino sono rachitiche, avvizzite, ingiallite o arricciate sulle foglie, nonostante i tuoi migliori sforzi per mantenerle in vita? Controlla la parte inferiore delle foglie e potresti trovare il colpevole: grandi gruppi di afidi e/o il residuo appiccicoso che lasciano dopo l’alimentazione.

(Oppure, su piante con foglie fitte come quelle dei gigli diurni, gli afidi possono invece mettere radici alla base della pianta.)

Questi parassiti da giardino hanno corpi morbidi a forma di pera in varie sfumature di bianco, nero, giallo, verde, marrone o rosso. La rovina dei giardinieri ovunque, si nutrono della linfa della pianta e succhiano letteralmente la vita da foglie, steli, boccioli, fiori, frutti e radici.




Cosa sono gli afidi

Gli afidi sono minuscoli insetti succhiatori di linfa appartenenti alla superfamiglia Aphidoidea.

Con una lunghezza compresa tra 4 e 6 millimetri, gli afidi hanno corpi cerosi a forma di pera che variano ampiamente di colore, a seconda della specie (ad oggi sono state scoperte circa 5.000 specie).

Gli afidi verdi sono spesso i più dannosi perché si fondono così bene con foglie e steli che tendono a passare inosservati finché il loro numero non cresce senza controllo. Sono comuni anche gli afidi gialli, grigi, rossi, marroni e neri e gli afidi lanosi bianchi e soffici dai capelli piuttosto selvaggi che ricordano le cocciniglie.

Alcuni afidi hanno persino le ali, il che rende facile scambiarli per altri parassiti. Ciò accade più avanti nella stagione, quando la popolazione di afidi su una pianta diventa troppo massiccia per sostenere la colonia.

In risposta al sovraffollamento, gli ormoni innescano lo sviluppo di ali negli afidi femminili per aiutarli a volare verso altre fonti di cibo e, sfortunatamente per noi, stabilire nuove colonie. Lo fanno in modo rapido ed efficiente essendo vivipari, cioè partorindo vivi.

Sebbene possano essere piccoli e apparentemente insignificanti rispetto ad altri insetti, prosperano grazie alla forza del loro numero. Se c’è una cosa in cui gli afidi sono davvero bravi, è la riproduzione, ed è il modo in cui sono in grado di invadere una pianta prima che tu possa anche battere le palpebre.




Perché ci sono così tanti afidi?

Se sembra che la popolazione di afidi nel tuo giardino sia esplosa durante la notte, in qualche modo è successo.

Vedi, gli afidi non fanno affidamento sul sesso per la riproduzione. Un tipico ciclo di vita inizia in primavera con femmine adulte senza ali che danno alla luce ninfe femmine senza bisogno di compagni maschi.

Poiché non sono sedute in attesa di schiudersi, le femmine maturano rapidamente e continuano a produrre la prossima generazione di femmine.

Quella generazione presto produrrà più femmine, e così via, il tutto senza un solo maschio coinvolto. (Con pochissime eccezioni, gli afidi in primavera e in estate sono tutte femmine.) Ogni generazione vive da 20 a 40 giorni.

Per questo sembra che gli afidi continuino a tornare: non sono i vecchi afidi che ritornano, ma le nuove generazioni di afidi che continuano a nascere.

Per la maggior parte della loro vita, gli afidi rimangono su una pianta ospite fino a quando la pianta infestata non si raggomitola e muore. Contrariamente alla credenza popolare, in realtà non “mangiano” o masticano la pianta; piuttosto, succhiano succhi vegetali ricchi di zucchero attraverso il loro apparato boccale simile a paglia, drenando la pianta dai nutrienti.

In autunno, quando le giornate si accorciano e le fonti di cibo si esauriscono, gli afidi femminili iniziano a produrre femmine alate e, infine, maschi alati.

Trovano compagni adatti e, come esempio di una delle tante meraviglie della natura, queste femmine (che ora sai essere in grado di essere partenogenetiche) deporranno effettivamente le uova su piante ospiti perenni. Sì, possono riprodursi in entrambi i modi!

Queste uova svernano e alla fine si schiudono nel prossimo lotto di matriarche senza ali, che continuano la linea familiare in primavera.




Come eliminare gli afidi con rimedi biologici

Gli afidi si riproducono rapidamente, stiamo parlando di diverse generazioni create in una singola stagione, che quando noterai gli insetti sulle tue piante, probabilmente sarai nel mezzo di un’infestazione conclamata.

Per fortuna, però, i proprietari di case possono spesso combattere i parassiti prima che si verifichino gravi danni. Ecco come sbarazzarsi degli afidi e impedire che tornino a distruggere le tue piante in futuro.

PASSO 1: Rimuovere gli afidi sulle piante

Se scopri gli afidi nel tuo giardino, segui uno di questi tre metodi per sbarazzartene.




Sciacquali

Se noti alcuni afidi sulle tue piante, l’infestazione minore può essere bandita con successo con un forte flusso d’acqua dal tubo. Fai scorrere l’acqua su tutta la pianta, assicurandoti di colpire la parte inferiore di ogni foglia.

Ripeti questo processo ogni pochi giorni fino a quando non avrai eliminato con successo tutti gli afidi, operazione che potrebbe richiedere fino a due settimane.

Spruzzare le foglie con uno spray per afidi fatto in casa

Fare la guerra con un numero maggiore di afidi? Prepara uno spray con aglio fatto in casa, una soluzione per il controllo degli insetti a bassa tossicità che asciugherà i corpi molli e ucciderà gli afidi senza danneggiare le tue piante.

Basta mescolare alcuni cucchiaini di detersivo per piatti liquido con un litro d’acqua, quindi spruzzare o strofinare la soluzione su foglie, steli e gemme della pianta. (Non dimenticare: a questi insetti piace nascondersi sotto le foglie, quindi assicurati di ricoprire accuratamente anche la parte inferiore delle foglie.)

Ripeti il ​​processo ogni due o tre giorni per le prossime settimane, finché non noterai più gli afidi su la pianta.




FASE 2: Ridurre il rischio di ulteriori infestazioni utilizzando queste tecniche di controllo degli afidi

Dopo aver sradicato gli afidi dal tuo giardino, prendi misure per prevenire il ritorno dei parassiti. Ecco tre modi per dissuadere gli afidi dalle tue piante.

Predatori naturali

Diverse specie di insetti, come coleotteri, merletti e vespe parassite, sgranocchiano allegramente gli afidi. Se fornisci un habitat di copertura del suolo fiorita, li attirerai in giardino e manterrai con successo sotto controllo la popolazione di afidi.

I proprietari di case possono anche acquistare questi predatori naturali tramite vendita per corrispondenza. Se introduci insetti benefici nel tuo giardino, non usare un pesticida ad ampio spettro: ucciderà anche loro!




Applicare olio

Se gli afidi si sono depositati sui tuoi alberi da frutto, applica olio dormiente, un olio commerciale che controlla i parassiti durante la bassa stagione, da metà a fine inverno per uccidere le uova che stanno svernando.

Mescolare l’olio dormiente con acqua in uno spruzzatore da giardino, secondo le indicazioni sulla confezione, e applicare su foglie, steli, rami e tronco dell’albero. Riapplicare secondo le indicazioni del produttore.

Scegli strategicamente le piante vicine da coltivare

Origano, erba cipollina, salvia, aglio, porri, cipolle e altre piante dai profumi intensi possono scoraggiare gli afidi. Piantali nelle aree del tuo giardino dove gli afidi sono stati un problema.

Inoltre, puoi coltivare piante che attirano gli afidi, come calendula e nasturzio, sul lato opposto della tua proprietà; possono allontanare gli afidi dall’area interessata. La semina del compagno è una misura di prevenzione a lungo termine, ma potrebbe aiutare la tua popolazione di afidi a diminuire significativamente nel corso di diverse stagioni.

Leggi anche: Sapone di Marsiglia come antiparassitario.




Unisciti alla conversazione

  1. I auguro che i Vs suggerimenti mi aiutino nella coltivazione dell’orto.

    1. Quando Si Pianta Author says:

      Incrociamo le dita 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.