Come disidratare le patate

138
patate secche

Avete mai pensato di utilizzare le patate essiccate nei vostri piatti? No, vero? Ecco perché oggi parleremo di come disidratare le patate in vari modi e di come conservarle per poi utilizzarle nei vostri piatti. Quindi, senza perdere altro tempo, addentriamoci in questa straordinaria conversazione culinaria.

La disidratazione è un metodo di conservazione facile che prolungherà la durata di conservazione delle patate fresche per anni. Puoi conservare 4kg di patate fresche in 3 barattoli!

Come può essere? Il cibo disidratato si restringe del 50% o più mentre si asciuga, permettendoti di conservarne un’enorme quantità in barattoli da 3 litri. Una volta reidratate le patate disidratate possono essere cotte esattamente come le patate fresche.







Perché disidratare le patate?

Sembra strano disidratare le patate quando si conservano così bene. Ma ecco due buoni motivi per asciugare le patate.

Le patate possono essere conservate a lungo se si dispone di un luogo fresco, buio e asciutto dove conservarle. Una cantina per le radici è l’ideale. Ma se sei come noi e non hai un luogo asciutto, buio e fresco dove conservare il cibo, disidratare le patate è una buona opzione.

Ricorda, non conservare le patate in frigorifero: avranno delle macchie nere e avranno uno strano sapore dolce.

Comodi pasti preconfezionati

Le patate essiccate sono ottime anche per il campeggio o per preparare patate smerlate o gratinate fatte in casa. In una notte feriale intensa, quelle patate disidratate sono sicuramente facili e veloci!




Come essiccare le patate

Passaggio 1: Lavate le patate ed eliminate eventuali imperfezioni. Sta a te decidere se sbucciare le patate o meno. A volte lo faccio, a volte no.

Passaggio 2: Affetta le patate a circa 2,5 mm di spessore. Ho usato il robot da cucina, ma funzionano anche una mandolina o un coltello affilato. Cerca solo di mantenere lo spessore costante. Se volete potete anche fare delle patate disidratate sminuzzate.

Passaggio 3: Metti le patate subito in una ciotola d’acqua per prevenire l’ossidazione. Le patate inizieranno a diventare marroni molto rapidamente! Ci sono voluti solo dai 60 ai 90 secondi perché queste fette di patate diventassero marroni.




Sbollentare le patate prima di disidratarle: Molto importante!

Passaggio 4: Sbollentate le patate portando a bollore abbondante acqua. Aggiungere le fette di patate o le patate tagliuzzate all’acqua e riprendere l’ebollizione fino a quando le fette non saranno tenere, circa 4-6 minuti. Forchetta tenera significa che puoi inserire facilmente una forchetta senza che la patata si sbricioli.

NON saltare questo passaggio. Seriamente, i risultati non sono belli. Le patate che non vengono sbollentate diventeranno di un colore grigio molto sgradevole in nero mentre si disidratano. Non sono pericolosi da mangiare, ma nessuno vorrà mangiarli. Ascolta, ho fatto un piccolo lotto solo per mostrartelo.

Passaggio 5: Scolare le patate o scolarle con un mestolo forato grande.

Passaggio 6: Disporre le fette nel disidratatore in modo che non si sovrappongano. Le patate grattugiate possono sovrapporsi.

Passaggio 7: Mettere in disidratatore e asciugare a 125° F/52° C per 8-10 ore. Se prepari un mix di tagliuzzato e affettato, tieni presente che i brandelli potrebbero richiedere un po’ meno tempo delle fette e potrebbe essere necessario ruotare i vassoi o rimuoverne alcuni prima che gli altri siano completamente asciutti.

Le patate saranno traslucide e croccanti dappertutto, proprio come le patate in una scatola di patate smerlate. A meno che, ovviamente, non lasci la buccia, quindi sembreranno bontà fatta in casa e nessun prodotto in scatola potrebbe essere paragonato.

Passaggio 8: Lasciare raffreddare e conservare in un contenitore capiente dove non si schiacciano. Ora sei pronto per goderti le tue patate disidratate.

Articoli correlati:



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close