Quando seminare la Verbena e come farlo

323
semina

La verbena si semina in semenzaio a 1-2 mm di profondità da marzo ad aprile nelle zone temperate, e tutto l'anno in quelle tropicali. Dopo la germinazione, che avviene in 7-15 giorni, le piantine vanno trapiantate a 6-8 settimane quando hanno sviluppato un buon apparato radicale.

Cari amici giardinieri, benvenuti sul mio blog dedicato al giardinaggio! In questo nuovo articolo parleremo nel dettaglio di quando e come seminare la verbena per ottenere splendide fioriture.

La verbena è una pianta erbacea che regala lunghe e abbondanti fioriture in una vasta gamma cromatica, dai classici colori accesi come il rosso, rosa e viola, fino alle nuove varietà pastello. È originaria delle zone tropicali del Centro e Sud America, quindi predilige climi miti.

In base alla varietà e alla zona climatica, vedremo quali sono i periodi migliori per la semina e se è preferibile farla in semenzaio o direttamente in piena terra. Vi guiderò passo passo con tutti i segreti per ottenere una germinazione rapida e omogenea: distanze corrette, profondità ottimale di semina, cure colturali post-semina ecc.

Scopriremo anche quando è il momento giusto per trapiantare le piantine ottenute e come favorire l’attecchimento. Con i miei consigli di esperto coltivatore, avrete successo assicurato nella semina della verbena! Munitevi di vasi e semi, siete pronti a iniziare? Via al nostro viaggio nel mondo della semina della verbena!

Periodo di semina della Verbena a seconda della zona

La verbena può essere seminata in periodi diversi a seconda della zona climatica di coltivazione. Nelle regioni con inverni miti, è possibile seminarla tutto l’anno, prediligendo i mesi primaverili ed estivi.

Nelle zone temperate, la semina primaverile va effettuata tra marzo e aprile, mentre per la semina autunnale aspettare settembre-ottobre. In climi freddi, meglio solo una semina primaverile tra aprile e maggio.

L’importante è garantire alla semina temperature medie di almeno 15-18°C per favorire una rapida e uniforme germinazione. Scegliendo i periodi migliori per la propria area, si otterranno piantine robuste da trapiantare per fioriture estive o autunnali.

Semina in primavera o in estate?

In generale, per le varietà annuali è preferibile la semina primaverile, mentre per le verbena perenni si può optare anche per una semina estiva.

In primavera, tra marzo e aprile, le condizioni di luce, temperatura e umidità sono ideali per la germinazione. Le piantine avranno poi tutta l’estate per crescere rigogliose e fiorire abbondantemente.

La semina estiva è consigliata per le zone con estati fresche e piovose. Va fatta tra giugno e agosto, per consentire l’attecchimento prima dei primi freddi autunnali. In ogni caso, assicurate temperature di almeno 18°C per la germinazione.

Semina in semenzaio o direttamente in terra?

Per un maggiore controllo di condizioni e germinazione, è preferibile seminare la verbena in semenzaio o cassetta alveolare, per poi trapiantare le piantine ottenute.

La semina diretta richiede condizioni ottimali di terreno, umidità e clima. È consigliata solo per le aree con primavere ed estati calde e piovose.

Il semenzaio permette di riparare le giovani piantine, assicurare terreno fertile e umidità costante. Dopo la germinazione, le piantine possono essere trapiantate con tutto l’apparato radicale intatto.

Profondità e distanza tra i semi in fase di semina

I semi di verbena sono molto minuti, quindi vanno interrati solo leggermente. La profondità ideale è di 1-2 mm. Nel semenzaio o cassetta alveolare, distanziate i semi di 2-3 cm sulla fila e 4-5 cm tra le file, oppure seguite le indicazioni specifiche per la distanza dei semi della cassetta scelta.

Per la semina in piena terra, prevedete una distanza di 15-20 cm sulla fila e 20-30 cm tra le file. Con questa disposizione otterrete una crescita omogenea ed eviterete competizioni tra le piantine.

Cure post semina della verbena

Dopo la semina è importante mantenere il terreno costantemente umido per favorire la germinazione, che avviene in genere entro 7-15 giorni.

Per le prime settimane, tenete le piantine in luogo riparato e soleggiato, proteggendole da pioggia, vento e sbalzi termici. Quando compaiono le prime 4 foglioline vere, iniziate a concimare ogni 2 settimane con fertilizzante liquido bilanciato.

Quando le piantine hanno 6-8 foglie, diradarle se necessario e abituarle gradualmente alle condizioni esterne, per favorire un apparato radicale forte e prepararle al trapianto definitivo.

Tempi di germinazione e crescita delle piantine

I semi di verbena cominciano a germogliare in genere dopo 7-15 giorni dalla semina. Le condizioni ottimali sono terreno costantemente umido e temperatura tra 15°C e 20°C.

Dopo la germinazione, ci vorranno circa 5-6 settimane affinché le piantine sviluppino un apparato radicale robusto e 6-8 foglie vere, segno che sono pronte per essere trapiantate o messe a dimora nella posizione definitiva.

Per favorire una crescita sana e rigogliosa, assicurate luce solare, annaffiature frequenti, e concimate ogni 2 settimane dopo la comparsa delle prime foglie vere. Con queste attenzioni, otterrete splendide piantine da far fiorire!

Quando trapiantare le piantine di Verbena

Il momento migliore per trapiantare le giovani piantine di verbena è quando hanno sviluppato almeno 6-8 foglie vere e l’apparato radicale è ben formato, di solito a 5-6 settimane dalla germinazione.

Il trapianto va effettuato preferibilmente in primavera inoltrata o all’inizio dell’estate, quando le condizioni climatiche sono più stabili, con temperature medie attorno ai 18-20°C.

Prima del trapianto, abituate le piantine gradualmente alle condizioni esterne. Annaffiate abbondantemente dopo il trapianto e proteggete dal vento e dal sole diretto per i primi giorni, fino all’attecchimento.

Semina diretta all’aperto o pre-germinazione?

In sintesi, la pre-germinazione in ambiente protetto è sempre consigliabile, in quanto permette un maggiore controllo di condizioni ed uniformità di germinazione. Consente inoltre di ottenere piantine più sane e robuste, che attecchiranno meglio una volta trapiantate nella posizione definitiva.

La semina diretta può essere effettuata con successo solo in aree con clima particolarmente favorevole. Richiede terreno molto soffice e privo di infestanti, irrigazioni frequenti, e protezioni nei primi giorni di vita. Per questo, il semenzaio rimane il metodo migliore per la semina della verbena.

Concimazione e irrigazione per favorire la semina

Per favorire una germinazione rapida e rigogliosa, è importante concimare e irrigare correttamente prima e dopo la semina. Prima della semina, incorporate nel terreno del compost ben maturo o un fertilizzante organico granulare.

Dopo la semina, mantenete il terreno costantemente umido con annaffiature frequenti, evitando però i ristagni. Quando compaiono le prime foglioline, iniziate a concimare ogni 2 settimane con fertilizzante liquido bilanciato.

Un corretto apporto di nutrienti ed umidità stimolerà una crescita sana e rigogliosa delle piantine. Con queste semplici attenzioni otterrete una germinazione ottimale!

Predilige terreni soleggiati, arieggiati e fertili

Per una rigogliosa germinazione e crescita, la verbena predilige terreni soleggiati, ben drenati e fertili. L’ideale è un mix di terriccio universale e sabbia, per assicurare un buon drenaggio ed areazione delle radici.

Incorporate nel terreno del compost vegetale ben maturo, fonte di sostanze nutritive utili. Regolate il pH intorno a 6-6,5. Prima della semina, vangate bene ed eliminate erbacce e detriti.

Scegliete una posizione a pieno sole, eventualmente riparata da una leggera ombreggiatura nelle ore più calde. Con queste semplici accortezze, otterrete una germinazione rapida ed omogenea e piantine sane e rigogliose.

Fasi lunari e condizioni climatiche ottimali

Per una germinazione ottimale della verbena, rispettate anche fasi lunari e condizioni climatiche favorevoli. La luna calante è la fase ideale per la semina, mentre sono da evitare le giornate di luna nuova o piena. Scegliete giornate serene, senza eccessiva umidità o vento.

Le temperature ottimali per la germinazione sono comprese tra 15°C e 20°C. Evitate di seminare con clima troppo rigido o caldo, che comprometterebbero la nascita uniforme delle piantine.

Osservate previsioni meteo e calendario lunare prima di pianificare la semina. Con le giuste combinazioni astrali e climatiche, la vostra verbena crescerà sana e rigogliosa!

Eventuali parassiti e malattie in fase di germinazione

Durante la germinazione, le giovani piantine di verbena possono essere soggette ad alcuni parassiti e malattie, se non adeguatamente protette.

Tra i nematodi, occhio a quello delle lesioni radicali, che provoca ingiallimenti e deperimento. Controllate che non vi siano larve di insetti che possano danneggiare radici e fusti.

Tra i patogeni fungini, peronospora, muffa grigia e marciumi radicali sono le principali minacce. Create un ambiente sano e osservate quotidianamente l’evoluzione delle piantine, intervenendo tempestivamente in caso di necessità.

Con le dovute protezioni e controlli costanti, è possibile evitare queste problematiche, ottenendo una germinazione ottimale e piantine sane e rigogliose!

Approfondimento:

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy