fbpx

Mirtilli controindicazioni, proprietà e modalità d’uso

428

Conosciuto anche come mirtillo nero, mirtillo di bosco o mirtillo europeo, i mirtilli sono spesso consumati freschi o trasformati in marmellata, succo o torta. I mirtilli sono disponibili anche sotto forma di polvere, succo o integratore. Il mirtillo (Vaccinium Myrtillus) è una pianta della famiglia delle Ericaceae. Grazie alle sue proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e vasodilatatorie, aiuta nel trattamento dei disturbi cardiovascolari.

mirtilli sono frutti dalle riconosciute proprietà benefiche, ricchi di antiossidanti e nutrienti utili per la salute. Nonostante ciò, il loro consumo può comportare alcune controindicazioni in determinate situazioni o contesti. In questo articolo analizziamo nel dettaglio quando è meglio evitare o limitare l’assunzione di mirtilli, ad esempio in caso di problemi renali o interazioni farmacologiche.

Scopriamo quali sono le categorie più a rischio, come donne in gravidanza, bambini o persone con particolari patologie. Impariamo a riconoscere anche i possibili effetti collaterali legati ad un eccessivo consumo di questi frutti di bosco, per poterne apprezzare i benefici riducendo il rischio di conseguenze negative.

Proprietà del mirtillo

Il mirtillo è una pianta dalle molteplici proprietà benefiche, dovute ai diversi principi attivi presenti nelle sue parti, in particolare nelle bacche. Queste contengono antocianine, che donano il caratteristico colore e hanno azione antiossidante, vitamine A e C, e acidi organici. Le antocianine migliorano l’elasticità dei vasi sanguigni, rendendo il mirtillo efficace per fragilità capillare e disturbi circolatori.

Agiscono anche sulla retina, aumentando la velocità di rigenerazione della rodopsina e migliorando la vista in condizioni di scarsa luminosità. Le vitamine e i sali minerali hanno un’ulteriore azione antiossidante contro i radicali liberi. Le foglie hanno proprietà ipoglicemizzanti utili in caso di diabete. I giovani germogli danno origine a un prodotto ad azione antinfiammatoria intestinale.

Modalità d’uso dei mirtilli

Esistono diversi modi per assumere i mirtilli e beneficiare delle loro proprietà. L’estratto secco titolato si assume per via orale (60-120 mg al giorno lontano dai pasti). Il decotto si prepara facendo bollire 70 g di bacche in 1 litro d’acqua per 5 minuti. La tintura madre (40 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua) stimola le funzioni gastriche.

Il succo (un cucchiaio al mattino a digiuno) migliora la microcircolazione. Il macerato glicerinato dei giovani germogli (40-50 gocce 2 volte al dì lontano dai pasti) ha effetto antinfiammatorio intestinale. Dosi e modalità variano a seconda della preparazione, consentendo di sfruttare al meglio le proprietà del mirtillo.

Controindicazioni

L’assunzione di mirtillo può comportare alcune controindicazioni in specifici contesti. L’estratto secco ha un effetto diuretico che in soggetti predisposti può favorire la formazione di calcoli renali di ossalati e fosfati. Inoltre, grazie all’azione ipoglicemizzante delle foglie, il mirtillo è sconsigliato a chi assume farmaci per il diabete, per non interferire con la terapia.

Prima di assumere prodotti a base di mirtillo è opportuno consultare il proprio medico curante, specialmente in caso di patologie renali o trattamenti farmacologici per il controllo della glicemia. Con le dovute precauzioni, i benefici del mirtillo possono essere sfruttati senza effetti collaterali.

Ricette facili da preparare a base di mirtilli

Si prestano a diverse preparazioni sfiziose per portare in tavola tutte le loro proprietà benefiche. Una ricetta semplice e gustosa sono i pancake ai mirtilli: per l’impasto servono farina, latte, uova, zucchero e un pizzico di sale; quando la pastella è pronta, aggiungere i mirtilli freschi o surgelati. Si friggono poi dei pancake sottili da servire con sciroppo d’acero, yogurt o panna.

Un’altra idea appetitosa sono le tartine con ricotta e mirtilli: preparare delle fette di pane tostato, spalmarle con ricotta fresca e decorare con abbondanti mirtilli freschi. Per una merenda sana ed energetica, provare anche lo smoothie ai mirtilli: frullare mirtilli con latte (anche vegetale), banana e un cucchiaio di semi oleosi come mandorle o noci. I mirtilli si sposano poi perfettamente con carne bianca, pesce, riso, quinoa e insalate.

Letture correlate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy