fbpx

Talea nasturzio nel terriccio e in acqua, come farla e periodo indicato

54

Il Nasturzio è una splendida pianta annuale dalle vivaci fioriture che può essere facilmente moltiplicata attraverso la tecnica della propagazione per talea. Questa metodica permette di ottenere numerose nuove piantine in modo economico e naturale, semplicemente sfruttando porzioni di fusto della pianta madre. Che tu sia un esperto giardiniere o un neofita, imparare a propagare il Nasturzio per talea ti consentirà di arricchire il tuo angolo verde con un tripudio di colori in modo semplice e soddisfacente.

Il Nasturzio è una pianta erbacea annuale molto amata e coltivata dagli appassionati di giardinaggio per i suoi splendidi fiori dalle vivaci tonalità gialle, arancioni e rosse. Originaria del Perù, si è diffusa in tutto il mondo grazie alla sua bellezza e alle proprietà aromatiche delle foglie e dei boccioli commestibili.

Una delle caratteristiche più apprezzate del Nasturzio è la facilità con cui può essere propagato da talea. Questa tecnica di moltiplicazione permette di ottenere numerose nuove piantine in modo economico e naturale. Le talee di Nasturzio possono essere radicate sia nel terriccio che in acqua, consentendo di avere sempre a disposizione scorte fresche di questa meravigliosa specie da coltivare in vaso o nell’aiuola del giardino. Scopriamo insieme i semplici passaggi per realizzare con successo la propagazione del Nasturzio per talea.

Strumenti necessari per propagare per talea

Per realizzare con successo la propagazione del Nasturzio per talea, sia nel terriccio che in acqua, occorre munirsi di alcuni semplici strumenti.

Per la coltivazione delle talee di Nasturzio nel terriccio avrai bisogno di un vaso o vasetto con fori di drenaggio, della comune sabbia da utilizzare come substrato, di un bastoncino di bambù per sostenere la talea e ovviamente delle cesoie per effettuare i tagli sulla pianta madre.

Se invece preferisci radicare le talee di Nasturzio in acqua, ti serviranno un barattolo o boccale di vetro, delle mollette per fissare le talee al bordo del contenitore e acqua a temperatura ambiente. In entrambi i metodi, un vaporizzatore manuale può tornare utile per mantenere l’umidità ideale.

Avendo a disposizione questi semplici accessori, propagare il Nasturzio per talea diventerà un’attività piacevole e gratificante per arricchire il tuo angolo verde con nuove piante lussureggianti senza alcuna spesa!

Quando è il momento giusto

Il momento migliore per prelevare le talee di Nasturzio e avviarne la propagazione varia in base alle condizioni climatiche della tua zona. In generale, il periodo ideale coincide con la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, quando le giornate cominciano ad allungarsi e le temperature si fanno più miti.

Nei climi temperati, puoi iniziare a raccogliere i semi di Nasturzio tra settembre e ottobre, in modo che le nuove piantine abbiano il tempo di radicare e crescere rigogliose in vista della primavera successiva. Nelle regioni dal clima più caldo, come ad esempio il sud Italia, la stagione di moltiplicazione per talea si anticipa, ed è possibile propagare per talea già da febbraio.

Indipendentemente dalla tua area geografica, è consigliabile prelevare le talee da piante sane e vegete, possibilmente dopo la fioritura. Un’altra buona regola è evitare di effettuare i tagli in giornate particolarmente calde e asciutte, per non stressare eccessivamente la pianta madre. Con un po’ di esperienza, imparerai a cogliere il momento perfetto per garantire una radicazione ottimale delle tue talee di Nasturzio!

Come fare la talea nel terriccio

La propagazione del Nasturzio per talea nel terriccio è un metodo semplice e infallibile per ottenere nuove piantine in modo economico e naturale. Per iniziare, dovrai scegliere una porzione sana e vegeta della pianta madre, possibilmente con qualche gemma laterale.

Con un paio di cesoie ben affilate, effettua un taglio netto di circa 10-15 cm, leggermente obliquo per aumentare la superficie di radicazione. Rimuovi le foglie inferiori per qualche centimetro, in modo da poter interrare la talea agevolmente.

Riempì quindi un vaso con fori di drenaggio con del comune terriccio universale o, ancora meglio, della mescolando il terriccio con sabbia. Fai un buchetto al centro e inserisci la talea di Nasturzio per circa 3-5 cm, premendo leggermente il substrato per farla aderire.

Annaffia con cura e sistema il vaso in una posizione riparata e ombreggiata. Continua a mantenere il terriccio umido ma non fradicio, vaporizzando se necessario. In circa 3-4 settimane la talea avrà emesso le prime radici, pronta per essere trapiantata in un nuovo vaso più grande!

Come fare la talea in acqua

Un metodo altrettanto efficace per la propagazione del Nasturzio è quello di radicare le talee direttamente in acqua. Questa tecnica permette di osservare da vicino lo sviluppo delle radici e non richiede l’utilizzo di terriccio.

Per realizzarla, procedi come per il metodo nel terriccio prelevando degli steli sani da 10-15 cm e rimuovendo le foglie inferiori. Scegli poi un contenitore di vetro o plastica trasparente abbastanza capiente.

Utilizzando delle mollette o uno stuzzicadenti, fissa le talee al bordo del recipiente in modo che la parte interrata rimanga immersa di qualche centimetro nell’acqua. Cambia regolarmente l’acqua per mantenerla fresca e ossigenata.

In circa 2-3 settimane dovrebbero comparire le prime radici biancastre. A questo punto, puoi decidere di trapiantare la talea in un vaso con terriccio oppure lasciarla temporaneamente nell’acqua prima del rinvaso definitivo.

Quali sono le differenze tra la talea in acqua e nel terriccio

Quando si tratta di propagare il Nasturzio per talea, i metodi in acqua e nel terriccio presentano alcune differenze significative che vale la pena conoscere per scegliere l’opzione più adatta alle proprie esigenze.

La principale diversità riguarda la rapidità di radicazione. Le talee di Nasturzio radicate in acqua tendono infatti a sviluppare le radici in tempi leggermente più brevi, nell’arco di 2-3 settimane, mentre nel terriccio occorrono solitamente 3-4 settimane.

Un altro aspetto da considerare è la visibilità del processo di radicazione. Coltivando le talee in un contenitore trasparente con acqua è possibile monitorare giorno dopo giorno la crescita delle radici bianche, cosa non altrettanto agevole nel caso del terriccio.

La manutenzione rappresenta un ulteriore fattore discriminante. Le talee in acqua richiedono semplicemente un ricambio periodico del liquido, mentre quelle nel terriccio vanno annaffiate con maggiore attenzione per mantenere un’adeguata umidità senza ristagni.

In definitiva, entrambe le tecniche sono valide per la moltiplicazione del Nasturzio, ma la preferenza può ricadere sul metodo in acqua per una radicazione più rapida e controllata oppure su quello nel terriccio per una gestione più tradizionale.

Cure post talea

Una volta che le talee di Nasturzio hanno emesso le prime radici, sia che siano state propagate in acqua o nel terriccio, è importante dedicare loro le giuste cure per favorire un completo e rigoglioso sviluppo della piantina.

Il primo passo dopo la radicazione è il rinvaso in un nuovo contenitore più ampio riempito con un terriccio fertile, possibilmente arricchito con stallatico o compost per fornire i nutrienti necessari. Durante questa fase, maneggia con estrema delicatezza le radici per non danneggiarle.

Successivamente, sistema il vaso in una posizione soleggiata ma riparata dalle ore più calde. Il Nasturzio predilige infatti un’esposizione luminosa ma non eccessivamente cocente. Annaffia regolarmente tenendo il terriccio leggermente umido, ma evita ristagni idrici che potrebbero causare marciumi.

Nelle prime settimane, potrebbe essere utile vaporizzare le foglie con acqua demineralizzata per aumentare l’umidità ambientale ed effettuare periodicamente una concimazione liquida bilanciata per supportare la crescita vegetativa.

Con un po’ di esperienza, imparerai a riconoscere le esigenze specifiche delle tue piantine di Nasturzio appena propagate e a fornire loro le cure personalizzate per una fioritura rigogliosa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy