fbpx

Scalogno: Origine, varietà e proprietà

82
scalogno

Lo scalogno è un ortaggio appartenente alla famiglia delle liliacee, simile all'aglio e alla cipolla. È caratterizzato da un bulbo allungato o tondo, utilizzato principalmente in cucina per il suo sapore aromatico. È facile da coltivare e offre numerosi benefici per la salute grazie alle sue proprietà nutritive. Inoltre, può essere conservato a lungo termine, consentendo di utilizzarlo in diverse preparazioni culinarie durante tutto l'anno.

Lo scalogno è una pianta il cui aspetto dei bulbi è del tutto simile a quello della cipolla. La principale differenza che salta subito all’occhio è la dimensione, in genere più ridotta rispetto alla cipolla, poiché una volta spellato, il bulbo non supera solitamente i 4-5 centimetri.

Le guaine esterne, che funzionano come una sorta di sottile rivestimento protettivo del bulbo, possono presentare una vasta gamma di colori, a seconda della specifica varietà, tra cui verde violaceo, rosso, rosso-bruno, rosso rosaceo, viola, giallo, grigio e bianco.

In questa guida, esploreremo le origini e le caratteristiche botaniche di questa preziosa pianta, oltre a scoprire le sue varietà, le sue proprietà, le differenze con la cipolla, le modalità di utilizzo in cucina, i benefici per la salute, la coltivazione e la conservazione.

Origini dello scalogno

Le origini dello scalogno risalgono a tempi antichi e le sue tracce possono essere rintracciate nelle regioni dell’Asia centrale e del Mediterraneo. Questa pianta erbacea, appartenente alla famiglia delle liliacee, ha radici storiche profonde e una lunga tradizione culinaria.

Sin dai tempi antichi, lo scalogno è stato apprezzato per il suo sapore caratteristico e le sue proprietà benefiche. Grazie alla sua versatilità in cucina e alla sua capacità di adattarsi a diverse condizioni di coltivazione, lo scalogno è diventato un ingrediente amato e utilizzato in molte culture gastronomiche in tutto il mondo.

Varietà

Le varietà di scalogno offrono una vasta gamma di opzioni per arricchire le tue coltivazioni. Ecco alcune varietà popolari:

  • Lo scalogno di Romagna: Questa varietà italiana si distingue per il suo sapore delicato e la forma allungata del bulbo, ideale per aggiungere un tocco di dolcezza alle tue preparazioni culinarie.
  • Lo scalogno grigio: Caratterizzato dal suo colore grigio-argento, questo scalogno offre un gusto aromatico intenso, perfetto per esaltare i sapori dei piatti.
  • Lo scalogno coscia di pollo: Con la sua forma rotonda e un sapore leggermente piccante, questa varietà è ottima per insaporire salse e piatti a base di carne.
  • Lo scalogno di Jersey: Originario dell’isola di Jersey, questo scalogno si contraddistingue per il suo sapore dolce e delicato, perfetto per una vasta gamma di ricette.
  • Lo scalogno Griselle o Grisor: Conosciuto anche come Griselle o Grisor, questo scalogno presenta un sapore robusto e un aroma unico, perfetto per aggiungere carattere ai tuoi piatti.
  • Lo scalogno Francese: Originario della Francia, questo scalogno offre un sapore raffinato e aromatico, ideale per piatti sofisticati e ricercati.

Proprietà

Lo scalogno è noto per le sue proprietà benefiche per la salute. Ricco di antiossidanti, vitamine e minerali, lo scalogno contribuisce a rafforzare il sistema immunitario, favorisce la digestione e ha proprietà antibatteriche e antinfiammatorie.

Inoltre, è un alleato per il benessere cardiovascolare, grazie alla presenza di composti sulfurei che favoriscono la riduzione del colesterolo nel sangue.

Che differenza c’è tra cipolla e scalogno?

Molte persone si chiedono qual è la differenza tra la cipolla e lo scalogno, dato che spesso vengono utilizzati in modo simile in cucina. La principale differenza risiede nella struttura del bulbo: la cipolla ha un unico bulbo di dimensioni maggiori, mentre lo scalogno è composto da diversi bulbi più piccoli, detti spicchi.

Dal punto di vista del sapore, lo scalogno è più delicato e leggermente agrodolce rispetto alla cipolla.

Quando si usa in cucina?

Lo scalogno è un ingrediente molto versatile e si presta ad essere utilizzato in numerose preparazioni culinarie. Viene spesso impiegato come base aromatica per insaporire salse, zuppe, sughi e piatti a base di carne, pesce o verdure.

Il suo sapore delicato e leggermente piccante si sposa bene con una vasta gamma di ingredienti, conferendo loro un tocco di raffinatezza.

Cosa si mangia?

Nella preparazione culinaria dello scalogno, si utilizza principalmente il bulbo, che viene tagliato a fette sottili o tritato finemente.

Le foglie dello scalogno, chiamate anche “falsi steli”, possono essere utilizzate come guarnizione per insalate o per aromatizzare piatti caldi. Inoltre, i fiori dello scalogno sono commestibili e possono essere utilizzati per decorare insalate o piatti gourmet, donando un tocco estetico e un sapore leggermente piccante.

Controindicazioni

Nonostante le numerose proprietà benefiche, è importante fare attenzione a eventuali controindicazioni dell’uso dello scalogno. Alcune persone possono manifestare sensibilità o allergie agli alliums, la famiglia botanica a cui appartiene lo scalogno.

Inoltre, l’eccessivo consumo di scalogno crudo può causare irritazione gastrica. È sempre consigliabile consultare un medico o un nutrizionista in caso di dubbi o condizioni di salute particolari.

A cosa fa bene?

Lo scalogno offre una serie di benefici per la salute grazie alla sua ricchezza di nutrienti. Tra i suoi principali vantaggi, troviamo la capacità di supportare il sistema immunitario, favorire la digestione, promuovere la salute cardiovascolare, contrastare l’infiammazione e contribuire al benessere generale dell’organismo.

Le proprietà antiossidanti dello scalogno aiutano a combattere lo stress ossidativo e a proteggere le cellule dai danni dei radicali liberi.

Coltivazione dello scalogno

La coltivazione dello scalogno può essere un’esperienza gratificante per gli amanti dell’orticultura. È possibile piantare gli spicchi di scalogno in terreno ben drenato a inizio primavera o in autunno, lasciando una distanza di circa 15-20 cm tra le piantine.

Richiede una posizione soleggiata e regolare irrigazione. Dopo alcuni mesi, si possono raccogliere i bulbi maturi per essere utilizzati in cucina.

Conservazione

Per conservare lo scalogno a lungo termine, è consigliabile mantenerlo in un luogo fresco e asciutto, come una cantina o un ripostiglio. I bulbi possono essere posizionati in una cassetta o in un sacchetto di carta perforato per favorire la circolazione dell’aria.

In alternativa, è possibile conservare lo scalogno in frigorifero, avvolto in un foglio di carta assorbente, per una durata più breve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy