fbpx

Sapone di Marsiglia o sapone molle potassico in agricoltura biologica?

107

Nell'orto e in giardino i saponi naturali sono preziosi alleati del green lover. Ma attenzione a non farsi ingannare dalle etichette! Spesso prodotti spacciati per Marsiglia contengono sostanze chimiche dannose per le piante. Per non sbagliare, meglio puntare sul sicuro sapone potassico, più adatto a fungere da corroborante naturale. E per riconoscere un vero bio sapone, il trucco è controllare l'INCI.

In agricoltura biologica è ammesso l’utilizzo sia del sapone di Marsiglia che del sapone molle potassico come corroboranti naturali per le piante. Ma attenzione: spesso i saponi di Marsiglia che troviamo in commercio contengono una bassa percentuale di vero sapone, mentre il resto sono ingredienti chimici non consentiti dai disciplinari bio.

Per essere sicuri di utilizzare un prodotto naturale, è bene controllare l’etichetta e scegliere saponi con almeno il 90% di ingredienti biologici. Il sapone potassico, grazie alla presenza di potassio, è generalmente più tollerato dalle piante e può essere usato come antiparassitario o repellente. In questa guida vedremo nel dettaglio differenze, caratteristiche e impieghi dei due saponi naturali ammessi nelle coltivazioni e negli orti biologici.

Differenza tra sapone molle potassico e sapone di Marsiglia: ingredienti e caratteristiche

La particolare composizione è ciò che differenzia sapone potassico e sapone di Marsiglia. Il primo si ottiene facendo reagire acqua, olio vegetale e idrossido di potassio. Quest’ultimo, contenente potassio, conferisce al sapone una consistenza molle e cremosa che non indurisce nel tempo. Da qui il nome “molle potassico”. Il sapone di Marsiglia ha invece come ingredienti l’acqua, l’olio e la soda caustica.

È proprio la soda, a base di sodio, a renderlo duro e adatto ad essere grattugiato o utilizzato in scaglie con il passare del tempo. Entrambi i saponi naturali sono comunque ammessi e impiegati come corroboranti in agricoltura biologica, grazie alla loro azione fertilizzante sulle piante. Le differenti composizioni determinano però una maggiore tollerabilità del sapone potassico, ideale per trattamenti sulle foglie.

Attenzione alle etichette ingannevoli: molti saponi di Marsiglia sono in realtà detersivi

Il vero sapone di Marsiglia è ottenuto dalla reazione di acqua, olio vegetale e soda caustica. Ha una consistenza dura che col tempo indurisce ulteriormente. Ma spesso i prodotti che si spacciano per “sapone di Marsiglia” contengono solo il 30% di questo ingrediente naturale. Il restante 70% è costituito da elementi di sintesi come sbiancanti ottici e tensioattivi.

Per smascherare questi falsi saponi di Marsiglia basta controllare la composizione chimica sull’etichetta: se compare la dicitura “sapone di sodio 30%” significa che il contenuto di sapone naturale è bassissimo. Si tratta quindi di un comune detersivo non adatto per uso agricolo e sulle piante. Acquistare solo prodotti con almeno il 90% di ingredienti naturali.

Come riconoscere un vero sapone naturale dall’INCI

Per capire se quello che abbiamo acquistato è un vero sapone naturale o un comune detersivo bisogna controllare attentamente l’etichetta. I saponi naturali riportano la dicitura INCI seguita dall’elenco degli ingredienti, che nel caso di un sapone potassico saranno acqua, olio vegetale e idrossido di potassio. Se invece compare la composizione chimica del prodotto significa che non si tratta di un vero sapone. Attenzione poi alla percentuale degli ingredienti naturali, che dovrebbe essere almeno del 90%.

Quindi ricapitolando: sapone naturale = INCI con elenco ingredienti naturali in quantità rilevante. Detergente sintetico = composizione chimica con ingredienti di sintesi in percentuale preponderante. Questa semplice distinzione ci permette di capire se utilizzare o meno un prodotto in agricoltura biologica, dove sono ammessi solo saponi naturali e non detergenti chimici dannosi per le piante.

Usi dei saponi naturali nell’orto e in agricoltura biologica

I saponi naturali come il sapone potassico e il vero sapone di Marsiglia trovano numerosi impieghi benefici in agricoltura biologica e nell’orticoltura. Questi prodotti infatti hanno la capacità di potenziare le difese immunitarie delle piante agendo da corroboranti. Possono essere utilizzati come insetticidi naturali per allontanare parassiti dannosi come afidi, cocciniglie e acari in modo del tutto ecologico.

Una soluzione di sapone molle spruzzata sulle foglie svolge una funzione repellente e impedisce agli insetti di attaccarsi alla pianta. I saponi naturali sono quindi validi alleati dell’agricoltore biologico e del semplice appassionato di orto e giardino per difendere le proprie coltivazioni con metodi non chimici nel totale rispetto dell’ambiente.

Il sapone potassico è più tollerato dalle piante del sapone di Marsiglia

Tra i due saponi naturali utilizzabili in agricoltura biologica, il sapone potassico risulta maggiormente tollerato dalle piante rispetto al sapone di Marsiglia. Il motivo è da ricercare nella composizione chimica: il sapone potassico contiene potassio, elemento fondamentale per la crescita vegetale. Il sapone di Marsiglia ha invece una base di sodio, più dannoso se assorbito in grandi quantità. Per questo, chi coltiva ortaggi, piante aromatiche o fiori sul balcone può utilizzare senza problemi il sapone potassico come corroborante naturale.

Non servono patentini per l’acquisto e l’uso domestico. Basterà seguire le indicazioni per preparare soluzioni diluite da vaporizzare sulle foglie come insetticida ecologico contro afidi e parassiti. In definitiva, per un impiego frequente e diretto sulle piante, meglio scegliere il sapone potassico, più sicuro grazie al suo ingrediente chiave naturale e adatto anche alle coltivazioni biologiche.

Consigli su come utilizzare il sapone potassico contro afidi e parassiti

Il sapone potassico si rivela un ottimo rimedio naturale contro gli afidi e altri insetti dannosi che possono infestare orti e giardini. Grazie alla sua azione repellente, una soluzione di acqua e sapone spruzzata sulle foglie impedisce agli afidi di attaccarsi alla pianta e ne provoca il distacco. Per preparare questo efficace insetticida ecologico, bisogna diluire in 1 litro d’acqua circa 3-4 cucchiai di sapone potassico liquido oppure grattugiare 150g di sapone solido.

Agitare bene e vaporizzare la soluzione sulle parti colpite 2-3 volte alla settimana. In pochi giorni si noterà la scomparsa degli afidi. Il sapone agisce anche su altri insetti come la cocciniglia, gli acari e le larve. È quindi un antiparassitario naturale che ogni coltivatore biologico dovrebbe sempre avere a disposizione per proteggere ortaggi, piante aromatiche e da fiore senza l’utilizzo di pesticidi chimici.

Letture correlate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy