fbpx

Quando si piantano le cime di rapa, dalla semina al trapianto fino al raccolto

1.2K
cime di rapa

Le rape sono verdure fresche che possono essere coltivate sia in primavera che in autunno. Maturano rapidamente e si possono gustare sia i verdi brillanti che le radici. Scopri di più su questo antico ortaggio a radice, dalla semina alla raccolta.

Le cime di rapa sono un ortaggio tipico della tradizione culinaria italiana, apprezzato per il caratteristico sapore amarognolo e le ottime proprietà nutrizionali. Questa pianta fa parte della famiglia delle crucifere, come il cavolo e i broccoli. Si adatta sia ai climi miti che freddi e può essere facilmente coltivata nel nostro Paese grazie al suo ciclo di crescita veloce che consente di ottenere diversi raccolti abbondanti nell’arco di una stagione.

Le cime di rapa contengono sostanze benefiche come vitamine, sali minerali e antiossidanti. Hanno proprietà depurative e diuretiche e sono consumate cotte o crude in tante ricette tipiche della cucina italiana. Per coltivare con successo le cime di rapa è importante scegliere la varietà adatta, rispettare il periodo corretto di semina e trapianto, e garantire le giuste cure colturali in campo come irrigazione e fertilizzazione.

In questa guida approfondiamo tutti gli aspetti relativi alla coltivazione delle cime di rapa, illustrando quando e come piantarle per ottenere un buon raccolto.

Quando e come seminare le cime di rapa

La& semina delle cime di rapa può avvenire da marzo a ottobre nelle regioni dal clima mite, mentre nelle zone più fredde si effettua tra luglio e novembre prima dei primi geli. Per ottenere una buona germinazione, il terreno va preparato e i semi vanno interrati in alveoli quando le temperature non scendono sotto i 10°C. Bisogna poi collocare gli alveoli in pieno sole e irrigare con costanza, diminuendo man mano l’acqua.

Quando le piantine raggiungono i 5 cm di altezza, si trapiantano a circa 20 cm di distanza in luoghi soleggiati ed evitando i ristagni idrici. Nelle regioni del Sud la messa a dimora può avvenire da luglio con raccolta a settembre, mentre al Nord si trapianta da luglio ai primi freddi e si raccoglie a novembre.

Per ottenere più raccolti, si possono scegliere sia varietà precoci che tardive da distribuire nell’arco della stagione. Con le giuste cure colturali e rispettando il periodo adatto di semina e trapianto, si possono coltivare con successo le cime di rapa anche nelle aree più settentrionali.

Come e quando trapiantare le piantine di cime di rapa

Il trapianto delle piantine di cime di rapa va effettuato tenendo conto della zona climatica. Nelle regioni del Nord si trapianta tra agosto e ottobre, mentre in quelle del Sud si può proseguire anche più a lungo, fino ai primi freddi. Nelle aree di alta collina e montagna, il periodo adatto è tra giugno e luglio.

Per quanto riguarda le distanze di impianto, la regola generale prevede uno spazio di 15-20 cm sulla fila e 50 cm tra le file. È importante trapiantare in posizioni soleggiate, con terreno sciolto e ben drenato, evitando ristagni idrici.

Prima del trapianto, le piantine vanno irrigate abbondantemente per evitare stress da trapianto. Bisogna procedere nelle ore meno calde della giornata, interrando la piantina fino alle prime foglie. Dopo il trapianto, è consigliabile ombreggiare per 2-3 giorni.

Come coltivare le cime di rapa: Irrigazione, concimazione e cure colturali

Per una corretta coltivazione delle cime di rapa, è importante prestare attenzione a irrigazione, concimazione e cure colturali in campo. Per quanto riguarda la concimazione, si consiglia in genere una fertilizzazione di fondo con stallatico, compost, e in seguito, se necessario, l’uso di concimi NPK con alto potassio.

L’irrigazione va effettuata con frequenza nelle prime settimane dopo il trapianto, fornendo modiche quantità d’acqua per mantenere il suolo umido ma non saturo. Successivamente si possono diradare gli interventi aumentandone la quantità, evitando sia la siccità che i ristagni idrici.

Tra le cure colturali è importante la sarchiatura periodica per eliminare le erbe infestanti e mantenere umidità nel terreno. Inoltre, subito dopo il trapianto, è consigliabile proteggere le piantine dal freddo e dal sole diretto con teli ombreggianti per evitare stress termici.

Quando raccogliere le cime di rapa coltivate nell’orto

La raccolta delle cime di rapa va effettuata quando i broccoletti sono ben sviluppati ma prima che inizino a gonfiarsi, segno di imminente fioritura. Bisogna raccoglierle frequentemente per evitare che i broccoletti sboccino. Per raccogliere le cime di rapa, si tagliano i broccoletti con le foglie tenere che li avvolgono, lasciando 10-15 cm di fusto.

Dopo la raccolta, la pianta emetterà nuovi ricacci in tempi variabili a seconda della temperatura. Nelle regioni del Centro-Sud la raccolta avviene in autunno e inverno, mentre al Nord fino ai primi freddi invernali. È importante prestare attenzione allo stadio di maturazione per ottenere cime di rapa dal sapore delicato, intervenendo al momento giusto con raccolte frequenti.

Rispettando la corretta fase di maturazione e i periodi più adatti nelle diverse zone climatiche, si possono gustare deliziose cime di rapa fresche, saporite e ricche di proprietà benefiche.

Letture correlate:

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy