fbpx

Guida passo passo alla coltivazione dei gigli

1.6K

Con fiori grandi e vistosi, i gigli aggiungono un'eleganza sorprendente al giardino dall'inizio alla metà dell'estate. Coltivati ​​da bulbi, questi fiori perenni sono meglio piantati in autunno e ritorneranno anno dopo anno con cure minime, purché siano piantati nel posto giusto. Scopri di più nella nostra guida alla coltivazione dei gigli.

I gigli sono piante perenni con fiori a forma di tromba, spesso di colore bianco, giallo o rosso. La coltivazione dei gigli può essere effettuata sia in piena terra che in vaso, a seconda della specie. In piena terra, i gigli necessitano di un terreno ben drenato e soleggiato, anche se alcune specie tollerano l’ombra parziale. In vaso, invece, è importante utilizzare un terriccio specifico per piante fiorite e assicurarsi che il vaso abbia dei fori di drenaggio.

Hanno bisogno di essere annaffiati regolarmente, ma non devono essere lasciati in acqua stagnante, poiché questo può causare marciume delle radici. Inoltre, è importante fertilizzare le piante con un fertilizzante specifico per piante fiorite durante la stagione di crescita. I gigli sono generalmente resistenti alle malattie e ai parassiti, ma è importante rimuovere regolarmente i fiori appassiti per evitare che la pianta si affatichi e per favorire la fioritura successiva.

Cenni di coltivazione

I gigli sono apprezzati per le loro fioriture profumate e spesso fiori giganti a forma di tromba. Piantati come bulbi, sono perfetti per contenitori e bordure di fiori.

Esistono due tipi principali di giglio da coltivare: orientale e asiatico. I gigli orientali in genere hanno fiori rosa grandi e profumati. Crescono in terreni acidi e quindi dovrebbero essere coltivati ​​​​in contenitori di compost.

I gigli asiatici hanno una maggiore varietà di colori tra cui giallo, arancione, rosso e quasi nero, ma non sono profumati e tendono ad essere più piccoli dei tipi orientali.

Tuttavia, prosperano in terreni alcalini e sono estremamente resistenti, quindi sono più facili da coltivare: basta piantare i bulbi in giardino o in vasi di compost multiuso senza torba.

Quando piantare i gigli

La coltivazione dei gigli è un’attività che richiede una buona esposizione al sole e un terreno ben drenato. I gigli sono piante che fioriscono in primavera e in estate, quindi il periodo di coltivazione dipende dalla zona in cui ci si trova.

Nel Nord Italia, i gigli possono essere piantati in autunno o in primavera, mentre nel Sud Italia possono essere piantati anche in inverno.

È importante ricordare di prestare attenzione all’irrigazione durante la fase di crescita dei gigli, in modo che il terreno rimanga sempre umido, ma senza ristagni d’acqua. Inoltre, è consigliabile concimare regolarmente le piante con un fertilizzante a base di azoto per favorire lo sviluppo dei fiori.

Specifiche di coltivazione

  • Dimora: Primavera
  • PH Terreno: 6,3 – 6,8
  • Tipologia Terreno: Argilloso, Drenato
  • Fioritura: Estate

Maggiori informazioni per la coltivazione

  • Coltiva gigli orientali in terreno acido o compost e altri tipi, inclusi gigli asiatici e turchi in terreno da neutro a alcalino o compost multiuso.
  • Tutti i tipi hanno bisogno di un luogo soleggiato riparato per prosperare e di un vaso profondo se crescono in contenitori.
  • Pianta i bulbi da ottobre ad aprile.
  • Punta le varietà più alte e proteggi tutti i tipi dallo scarabeo giglio.
  • Lascia che le foglie si estinguano naturalmente dopo la fioritura.

Istruzioni per la coltivazione

  1. I gigli stanno meglio in una posizione di pieno sole, idealmente con le loro radici in un terreno o compost ricco e abbastanza umido, ma drenante. 
  2. Coltiva gigli orientali in terreno acido o compost e gigli asiatici in terreno da neutro a alcalino o compost multiuso.
  3. I gigli martagone, lancifolium e pardalinum sono felici se coltivati ​​in una posizione di ombra screziata e spesso si auto-semina e formano una meravigliosa colonia sotto gli alberi decidui.
  4. Sono tutti ideali per la naturalizzazione.

Come piantare i gigli

I gigli possono essere piantati dal tardo autunno fino all’inizio di aprile. Si comprano come bulbi – scegli bulbi grandi e sodi.I gigli in vaso devono avere almeno 12 cm di terreno sopra il bulbo. I bulbi beneficeranno di una protezione invernale extra se piantati più in profondità.Come guida generale piantare bulbi a una distanza di 15 cm e tre volte la profondità dell’altezza del bulbo.

Puoi coltivare i gigli insieme ai tulipani.

Come prendersi cura dei gigli

Sostieni i gigli a crescita alta con un supporto per piante. Quando le piante iniziano a fiorire, nutrile con il pomodoro ogni quindici giorni. Ciò incoraggerà grandi fiori e aiuterà i bulbi a funzionare bene l’anno successivo. L’unica eccezione a questo è se stai coltivando gigli di martagone, che felicemente si auto-semina.

Non tagliare mai gli steli fioriti al livello del suolo. Basta rimuovere il terzo superiore. Lascia gli steli in posizione fino a quando non sono diventati marroni poiché forniranno energia per il bulbo. Questa regola si applica anche quando si coltiva per il taglio. Sposta i gigli in vaso in un luogo ombreggiato dopo la fioritura.

Risoluzione dei problemi

Un parassita comune che disturba i coltivatori di gigli è lo scarabeo del giglio rosso . Questi straordinari coleotteri rossi, che crescono fino a 8 mm di lunghezza, possono essere avvistati in qualsiasi momento da marzo a ottobre.

Quando ti avvicini a una pianta, cadono a terra, atterrando sulla schiena in modo che siano difficili da vedere. Mangiano foglie di giglio e lasciano dietro di sé un escremento nero, che può essere utilizzato per identificare un’infestazione anche se non vedi lo scarafaggio.

La migliore protezione contro i coleotteri giglio è la vigilanza. Controlla la presenza di uova e larve sulla parte inferiore delle foglie e rimuovile non appena le vedi.

Se un’infestazione è molto grave, potresti dover ricorrere a un insetticida adatto, ma dovresti cercare di evitare di spruzzare gigli in fiore, poiché gli spray potrebbero rappresentare un pericolo per gli insetti impollinatori.

10 gigli da coltivare

Lilium ‘Yelloween’

Fioriture giallo pallido di Lilium ‘Yelloween’

Lilium ‘Yelloween’ porta graziose fioriture gialle con una nervatura centrale giallo-verde. Una varietà asiatica ad alta crescita che raggiunge i 140 cm, “Yelloween” è perfetta per crescere in un bordo misto erbaceo e crea un fantastico fiore reciso.

Lilium ‘Sorbona’

Una fioritura rosa brillante con bordi bianchi di Lilium ‘Sorbonne’

Lilium ‘Sorbonne’ porta fiori rosa brillante e profumati con un margine bianco. Una varietà orientale ad alta crescita che raggiunge poco più di 1 m, la ‘Sorbonne’ è perfetta per crescere in un confine erbaceo misto e crea un fantastico fiore reciso.

Lilium ‘Ninfa’

Lilium ‘Ninfa’: petali giallo pallido con centri rosa

Lilium ‘Nymph’ è una varietà orientale. Raggiunge un’altezza sbalorditiva fino a 200 cm e porta grandi fiori giallo limone pallido fortemente profumati con una striscia rosa lungo ogni petalo.

Lilium ‘Casa Blanca’

Fiori bianchi puri di Lilium ‘Casa Blanca’

Lilio ‘Casa Blanca’ è un classico giglio orientale con fiori profumati, bianchi puri e stami rosso scuro. I fiori crescono su steli alti fino a 130 cm, da metà a fine estate. In questo articolo trovi maggiori informazioni.

Lilium ‘Belonica’

Fiori doppi rosa senza polline di 
Lilium ‘Belonica’

Lilio ‘Belonica’ è un giglio orientale ibrido noto come giglio rosa, che porta fantastici fiori doppi profumati e privi di polline nei toni del rosa. Altezza fino a 80 cm.

Lilium ‘Tigrinum splendens’

Lilium Tigrinum splendens

Conosciuto anche come giglio tigre, il giglio ‘Tigrinum splendens’ ha fiori d’arancio maculati a forma di campana, simili a tigri, su steli alti fino a 140 cm. È una varietà rustica con fiori che compaiono da agosto a settembre.

Lilium ‘Firebolt’

Giglio ‘Firebolt’

‘Firebolt’ è un giglio orientale con fiori bordeaux estremamente scuri – il giglio orientale più scuro disponibile – con una forte fragranza, da luglio ad agosto. Crescendo fino a 85 cm, è eccellente per le composizioni di fiori recisi.

Lilium ‘The Edge’

Giglio ‘The Edge’

The Edge ha fiori bianco-rosa con un bordo picotee rosa-viola più scuro. I fiori crescono su robusti steli alti fino a 90 cm, da metà luglio, e sono perfetti per essere recisi

Lilium ‘Evento Stracciatella’

Giglio ‘Evento Stracciatella’

Il giglio ‘Stracciatella Event’ è un giglio asiatico che porta fiori bianchi con forti macchie viola scuro. Fiorisce a giugno su steli alti fino a 120 cm, è perfetta per la coltivazione in vaso e bordure ornamentali, ed è un ottimo fiore reciso.

Lilium ‘Tarrango’

Lilium Tarrango

Un giglio orientale alto, che cresce fino a 90 cm nel primo anno e più alto negli anni successivi. I fiori sono enormi e rosa brillante.

Articolo correlato: Come coltivare la primula

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy