Quando si piantano gli oleandri

231
Oleandro

Gli oleandri sono un pilastro dei giardini mediterranei, ampiamente utilizzati per la piantumazione di schermi, sui pendii e lungo le strade. Fioriti in estate, i grandi grappoli aperti possono essere singoli o doppi e sono disponibili in molti colori tra cui bianco, rosa, rosso e pesca. Gli steli eretti sono rivestiti con foglie sempreverdi che sono lunghe, sottili e di un'attraente tonalità di verde-argento.

Ogni parte della pianta dell’oleandro è estremamente velenosa e consumarne anche una piccola quantità può essere fatale, quindi è consigliabile non coltivare oleandri dove ci sono bambini e animali domestici. Il fogliame può causare irritazioni alla pelle. Lavarsi accuratamente le mani dopo la manipolazione o la potatura e, idealmente, indossare i guanti.

Quando si piantano gli oleandri e come si coltivano

Di origini nordafricane e mediterranee, l’arbusto da fiore sempreverde noto come oleandro cresce in tutto il mondo nelle regioni calde e subtropicali. È un membro della famiglia delle Apocynaceae alias dogbane.

I proprietari di case, le comunità e i dipartimenti dei trasporti li piantano perché crescono rapidamente come frangivento affidabili e ornamenti mediani autostradali di facile manutenzione che i cervi non mangeranno.

Le foglie spesse hanno la forma di lame di spada. Formano coppie opposte o sono disposte in spirali di tre. I fiori profondamente lobati possono essere doppi o singoli, e sbocciano all’estremità dei rami, che possono essere estesi o eretti.

C’è anche un parente con un nome simile che è ampiamente coltivato come ornamentale. Citerò solo di sfuggita l’oleandro giallo ( Cascabela thevetia ), perché è una specie diversa della stessa famiglia.

C. thevetia è anche una pianta velenosa di cui essere a conoscenza, ed è originaria del Messico e di tutta l’America centrale. Chiamato “dado fortunato” nelle Indie occidentali, è comunque altamente tossico e può causare anche vittime se ingerito.




Coltivazione e storia

La sua tossicità potrebbe essere la ragione per cui l’oleandro è sopravvissuto così a lungo nel mondo naturale, ma sicuramente la sua longevità come prezioso ornamentale è dovuta a quelle gloriose fioriture.

E questa pianta esiste fin dall’antichità, immortalata nelle pitture murali romane di Pompei.

Quando si piantano gli oleandri

Le piante di oleandro ( Nerium oleander ) sono tra gli arbusti più versatili, con decine di utilizzi nei paesaggi meridionali e costieri. Tollera un'ampia gamma di condizioni, tra cui terreno difficile, nebbia salina, pH elevato, potature severe, calore riflesso da pavimenti e muri e siccità.

Dimora

  • Dimora Marzo – Maggio
  • Sole Pieno
  • PH Terreno 6 – 7
  • Tipologia Terreno: Drenante
  • Fioritura: In Estate

Coltivazione

  • Tollera un'ampia gamma di condizioni, tra cui terreno difficile, nebbia salina, pH elevato, potature severe, calore riflesso da pavimenti e muri e siccità.
  • Non possono sopportare sono le temperature invernali inferiori a 5 Gradi.
  • Tuttavia, nei climi più freddi, puoi coltivare una pianta di oleandro in un contenitore e portarla in casa quando le temperature scendono.
  • La prima cosa che dovresti sapere se vuoi coltivare una pianta di oleandro in giardino è che devi evitare di coltivare oleandri nei paesaggi domestici dove giocano bambini e animali domestici.
  • Indossa sempre maniche lunghe e guanti quando lavori con l'arbusto.

Istruzioni

  • La cura dell'oleandro è facile e questo rende l'arbusto popolare tra i dipartimenti autostradali.
  • Vedrai spesso masse di arbusti di oleandri piantati in progetti di abbellimento delle autostrade dove forniscono un'eccezionale esposizione di fiori di lunga durata con pochissima manutenzione.
  • Anche in giardino, gli arbusti di oleandri richiedono cure minime.
  • Sebbene gli arbusti siano resistenti alla siccità, hanno un aspetto migliore quando vengono annaffiati durante i periodi di siccità.
  • Le foglie ingiallite indicano che la pianta sta ricevendo troppa acqua. Se il terreno è povero, nutrire leggermente la pianta con un fertilizzante bilanciato durante la sua prima primavera.
  • Una volta stabiliti, gli arbusti di oleandro non richiedono una concimazione di routine.
  • Pizzicare le punte dei giovani steli riduce la leggibilità e incoraggia l'arbusto a ramificarsi.
  • Si può anche eseguire la potatura degli oleandri . Pota per rimuovere gli arti danneggiati o malati in qualsiasi momento e pota per modellare l'arbusto nel tardo autunno.

Note

Parassiti comuni e malattie delle piante

Le foglie di oleandro contengono lattice e gli estratti della pianta costituiscono un forte insetticida. Per questo motivo, le piante sono resistenti ai cervi e raramente hanno gravi problemi con malattie o parassiti. Sono particolarmente resistenti all’avvizzimento da verticillium. Anche così, tieni d’occhio afidi, cocciniglie e squame.
I parassiti più dannosi sono i bruchi di oleandro. I bruchi maturi possono risalire i muri degli edifici adiacenti e riprodursi vicino alle grondaie. Rimuovi i bozzoli per gestire la generazione successiva, che potrebbe mangiare tutto il fogliame della pianta in una o due settimane.
  • Puoi coltivare vicino i limoni.
Keyword: Come coltivare gli oleandri

Come coltivare l’oleandro

L’oleandro, Nerium oleander, è un tenero arbusto e deve essere coltivato dove le temperature non scendono mai sotto lo zero, quindi in Italia è adatto solo per crescere all’aperto nelle zone più miti.

Di solito, gli oleandri vengono coltivati ​​in vaso in un luogo protetto come un giardino d’inverno, un portico o una serra, ma non sono adatti per ambienti caldi con riscaldamento centralizzato. Gli oleandri possono andare all’aperto per i mesi estivi.

Acquista e pianta cespugli di oleandri in primavera o in estate. Pianta in un vaso di buone dimensioni usando un compost a base di terra e posizionalo in un luogo ben illuminato al coperto, lontano dal riscaldamento centralizzato, o pianta all’aperto in un luogo soleggiato e riparato in zone miti solo perché gli oleandri non tollerano il gelo.

Innaffia regolarmente e dai da mangiare durante l’estate. Rinvasare ogni anno in primavera.




Dove coltivare l’oleandro

Una buona luce è essenziale affinché gli oleandri producano fiori. All’interno, posiziona il tuo oleandro in una veranda, un portico o una stanza fresca in piena luce o all’esterno in un luogo riparato che prende il sole per tutto o per la maggior parte della giornata.

Come piantare l’oleandro

Pianta l’oleandro in un vaso di buone dimensioni usando un terriccio a base di terriccio mescolato con un terzo di grana grossa o perlite per garantire un buon drenaggio. Metti il vaso dove non c’è pericolo di ristagni d’acqua: all’interno, questo può essere su un grande piattino di ciottoli per proteggere le superfici, mentre all’esterno la pentola dovrebbe essere sollevata appena da terra se si trova sulla pavimentazione.




Come prendersi cura dell’oleandro

Gli oleandri hanno bisogno di annaffiature regolari dalla primavera all’autunno per mantenere il compost uniformemente umido ed è particolarmente importante che le piante non manchino d’acqua in primavera quando si stanno formando i boccioli dei fiori. Durante l’inverno, ridurre la frequenza delle annaffiature poiché la crescita rallenta. Nutri con un fertilizzante liquido ogni due settimane circa dalla tarda primavera all’inizio dell’autunno.

La potatura dei cespugli di oleandri non è essenziale ma spesso è necessaria per ridurre le dimensioni della pianta, soprattutto se ci si sposta dall’esterno in estate allo svernamento al coperto. Si consiglia di potare a fine inverno o all’inizio della primavera, ma la potatura può essere eseguita in autunno, se necessario. Inizia rimuovendo qualsiasi crescita morta o danneggiata, quindi sfoltisci i germogli affollati.

Taglia i germogli fioriti della metà e rimuovi alcuni centimetri di punte dei germogli non fiorite che incoraggeranno la crescita cespugliosa.

Ogni primavera, rinvasare gli oleandri che crescono in vaso, passando alla dimensione successiva del contenitore. Se le piante sono già in vasi grandi, condisci raschiando delicatamente i 3-5 cm superiori di terriccio e sostituendoli con terriccio fresco.

Come propagare l’oleandro

Prendi le talee da metà a fine estate. Seleziona i germogli frondosi non fioriti e prendi delle talee lunghe circa 10 cm, usando un coltello affilato per tagliare appena sotto l’articolazione di una foglia. Immergi la base nella polvere per la radicazione degli ormoni e mettila in vasi di compost di semi e talee mescolato con un volume uguale di perlite o sabbia tagliente. Anche le talee si radicano facilmente quando sono poste in acqua e possono quindi essere messe in vaso nel compost quando le radici sono ben sviluppate.

Gli oleandri possono anche essere coltivati ​​da seme. Raccogli i semi maturi in autunno e seminali immediatamente nel compost umido come sopra.




Quando si piantano gli oleandri e risoluzione dei problemi

Le piante di oleandro che crescono al coperto sono più soggette a parassiti rispetto a quelle che crescono all’esterno. Sii vigile e controlla regolarmente la presenza di parassiti come cocciniglie, acari e cocciniglie: al riparo, combatti i parassiti con un controllo biologico.

È probabile che le piante siano riluttanti a fiorire se non c’è abbastanza luce buona. Spostati in un luogo soleggiato per una migliore possibilità di fioritura.

I boccioli dei fiori che cadono prima dell’apertura sono causati dall’essiccazione dell’oleandro durante la formazione dei fiori. Assicurati che il tuo oleandro non manchi d’acqua durante la stagione di crescita.

Il fogliame ingiallito è un segno che le piante stanno ricevendo troppa acqua.

Potrebbe interessarti: Quando si pianta la siepe.




Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.