Quando si pianta la monarda (balsamo d’api)

121
balsamo d'api

Apprezzato per i suoi fiori luminosi e vivaci e la lunga stagione di fioritura, il balsamo d'api comprende diverse specie di fiori selvatici nativi del Nord America del genere Monarda. Delle circa 15 specie all'interno del genere, le varietà vendute nei garden center sono solitamente ibridi e cultivar basate su tre specie. M. didyma, M. fistulosa, e M. puntata.

Un classico nativo americano, il balsamo d’api (monarda) è amato dai giardinieri non solo per le sue bellissime fioriture a spirale in rosso, rosa, viola e bianco; ma per il suggestivo profumo sprigionato dal fogliame scaldato dal sole o sfiorato da una mano.

Ed è tanto amato dalla fauna selvatica quanto dai giardinieri.

Pianta il balsamo d’api e puoi essere sicuro dell’attenzione dei colibrì e delle api in estate e dei fringuelli amanti dei semi in inverno.

Le varietà più denominate vendute come “Monarda” sono ibridi con M. didymacome genitore principale, ma spesso c’è anche un contributo genetico da altre specie. Il balsamo d’api è una pianta un po’ erbacea che cresce da 25 cm a 1 metro circa di altezza, con foglie ovali che sono lanuginose sul lato inferiore.

Ma mentre il fogliame non è particolarmente attraente, i balsami d’api producono abbondanti grappoli di petali tubolari scarlatti, rosa, bianchi, lavanda o viola in spirali terminali, spesso con brattee colorate, per buona parte dell’estate.

Le caratteristiche fioriture della “pettinatura appuntita” sono tra i loro principali punti di forza, insieme alla capacità delle piante di attirare api, farfalle, uccelli canori e colibrì nel paesaggio del giardino.

Il balsamo d’api viene solitamente piantato in primavera o in autunno da piante da vivaio coltivate in contenitori. È una pianta perenne a crescita rapida che spesso raggiunge la piena altezza e la maturità di fioritura nella sua prima stagione.

Sebbene non sia considerato invasivo, fa parte della famiglia della menta e si diffonde in modo piuttosto aggressivo.

Dovrà essere controllato a meno che tu non voglia che si diffonda. Mentre gli impollinatori adorano il nettare e gli uccelli canori fanno uno spuntino sulle teste dei semi, il balsamo d’api fa anche un gustoso tè, ha un profumo delizioso e respinge le zanzare quando le foglie vengono schiacciate.







Dove piantare la monarda

Il balsamo d’api è disponibile per la semina in primavera e in autunno. Piantali non appena arrivano in un terreno ben drenato che è stato modificato con materia organica. Se non riesci a piantarli subito in posizioni permanenti, piegali leggermente in una posizione temporanea e mantienili ben annaffiati fino al trapianto.

  • Luce: il balsamo d’api si comporta meglio in pieno sole. Sebbene cresca in parte all’ombra, tende ad allungarsi e a diventare allungato nel tempo.
  • Terreno: il balsamo d’api fa meglio in un terreno uniformemente umido ricco di materia organica. Può tollerare un terreno più leggero, ma un terreno più ricco incoraggerà esemplari più alti e più forti. Le condizioni paludose non sono tollerate, né i terreni che possono asciugarsi per lunghi periodi di tempo.
  • Spaziatura: le piante dovrebbero essere distanziate di 18-24 pollici l’una dall’altra.

Il balsamo d’api è nella famiglia della menta e assolutamente all’altezza del nome della famiglia. Si diffonderà intensamente per una stagione tramite una stuoia di steli sotterranei (stoloni), ma può essere tenuto sotto controllo scavando e dividendo regolarmente.

Piantare: piantare il balsamo d’api in primavera o all’inizio dell’autunno. In entrambi i periodi dell’anno funziona bene; tuttavia, quando si pianta il balsamo d’api in autunno, è meglio tagliare il fogliame per incoraggiare la pianta a concentrare la sua energia verso le radici.




Come coltivare il balsamo d’api durante tutta la stagione

  • Abitudini di crescita: il balsamo d’api può crescere fino a 1 metro circa di altezza con una diffusione di 50-100 cm, ma le varietà nane superano solo 40 cm, con una diffusione di 40-60 cm.
  • Picchettamento: le cultivar più alte di balsamo d’api occasionalmente necessitano di picchettamento, ma di solito i robusti steli quadrati fanno un buon lavoro nel mantenerlo in posizione verticale e gli steli esterni vaganti possono essere tagliati. Se il tuo giardino combatte i forti venti in estate, sarebbe consigliabile creare una rete di corde e picchetti per far crescere la pianta al momento della semina.
  • Annaffiatura: il balsamo d’api preferisce un terreno uniformemente umido e ben drenante. Il terreno che viene lasciato asciugare sostanzialmente può contribuire ai problemi estivi con l’oidio e indebolire la pianta. Durante il suo primo anno nel tuo giardino, è fondamentale seguire un programma di irrigazione regolare in modo che possa stabilire un forte apparato radicale.
  • Fertilizzazione: il terreno ricco di nutrienti organici dovrebbe fornire al balsamo d’api ciò di cui ha bisogno durante il primo o due anni, ma può trarre vantaggio dall’aggiunta di un fertilizzante organico bilanciato se il terreno non viene modificato regolarmente con compost o letame marcito.
  • Pacciamatura: il pacciame è un’ottima idea per il balsamo d’api in quanto ama il terreno umido, ha radici poco profonde e tende ad affollarsi. A volte basta anche una spolverata di buon terriccio; tuttavia, uno strato di due pollici di materiale organico come letame ben decomposto, compost o legno duro a doppio brandello conserverà l’umidità che ama il balsamo delle api per rimanere bello.
  • Taglio e potatura: il balsamo d’api Deadheading incoraggerà la pianta a continuare a fiorire dai nodi inferiori verso la fine della stagione estiva. Per ottenere i migliori risultati, assicurati di farlo regolarmente e non solo alla fine del primo flusso di fioritura.
  • Parassiti e malattie: il principale nemico del balsamo d’api è l’oidio, una malattia fungina che attacca quando il calore e l’umidità si accoppiano, in particolare con condizioni più asciutte nel giardino.




Monarda: Cura di fine stagione

Svernamento: Il balsamo d’api è straordinariamente resistente e non necessita di misure straordinarie da parte sua a fine stagione. Tuttavia, il giardiniere attento alla fauna selvatica potrebbe voler lasciare le ultime teste di semi sulla pianta durante l’inverno per gli uccelli.

Divisione e trapianto: il balsamo d’api si diffonde rapidamente e dividerlo regolarmente è una delle cose più importanti che puoi fare per assicurarne il vigore e quello delle piante che lo circondano. Basta scavare, scartare il centro legnoso, fare piccole divisioni dei germogli e delle radici più recenti e ripiantare.




Quando si pianta la monarda (balsamo d’api)

Pianta del fiore del balsamo d'api – Come piantare il balsamo d'api e la cura del balsamo d'api

Equipment

  • Semina Primavera – Autunno
  • Sole Diretto
  • PH Terreno 7
  • Tipologia Terreno: Drenante

Ingredienti

  • Sebbene il balsamo d'api possa sopportare l'ombra parziale, prospera meglio se riceve almeno sei ore di pieno sole al giorno.
  • La maggior parte dei terreni da giardino sono del tutto adeguati per il balsamo d'api.
  • Il balsamo d'api è una pianta che ama l'umidità e ama avere un terreno costantemente umido.
  • Preferisce condizioni atmosferiche relativamente secche e muffa e ruggine possono diventare un problema in condizioni umide.

Istruzioni

  • Il balsamo d'api si diffonde rapidamente attraverso gli steli sotterranei (stoloni) e il modo migliore per propagare nuove piante è scavare i cespi e dividerli per il reimpianto. L'inizio della primavera è il momento migliore per dividere il balsamo d'api e farlo ogni due tre anni aiuterà a mantenere le piante sane. 5 Ecco come farlo:
  • Quando vedi nuovi steli emergere dal terreno, scava l'intero ciuffo con una pala.
  • Usando un coltello affilato, dividere il ciuffo in sezioni. Ogni sezione dovrebbe avere almeno due o tre germogli e un buon apparato radicale.
  • Ripianta immediatamente i pezzi dove vuoi che crescano nuove piante e annaffia bene.
  • Mantieni la nuova pianta ben irrigata per il primo anno di crescita.

Note

Tipi di balsamo d’api

Mentre alcune varietà di balsamo d’api vendute nei centri di giardinaggio sono specie pure o cultivar dirette, molte hanno una complicata parentela ibrida che include contributi di due o più specie madri. I tipi ibridi nominati sono solitamente venduti semplicemente come Monarda , senza ulteriori designazioni di specie. 3 Le varietà con fiori rossi o rosa-rossastri sono generalmente a base di M. didyma, mentre quelle con fiori lavanda o viola hanno M. fistula come genitore principale.
Alcune delle cultivar di balsamo d’api popolari includono:
  • Monarda didyma:’ ha fiori che sono più scarlatti rispetto alla specie, notevoli per disegnare colibrì.
  • Monarda didyma: è alta da 35 a 45 cm con fiori rosa lavanda. È particolarmente resistente all’oidio.
  • Monarda fistula: ha fiori viola più scuri rispetto alla specie M. fistula pura ed è nota per una buona resistenza all’oidio.
  • Monarda Scorpion: è una varietà ibrida da 90 a 120 cm con brattee di fiori viola. Ha una resistenza al freddo superiore, sopravvive facilmente nella zona 3.
  • Monarda Marshall’s Delight: è un ibrido da 60 a 90 cm con fiori rosa chiaro. Ha una buona resistenza all’oidio.
  • Monarda Vintage Wine: è una varietà ibrida da 60 a 90 cm con fiori rosso vino.
  • Monarda Purple Lace: è un ibrido in miniatura da 30 a 60 cm con fiori rosso porpora.
Keyword: come coltivare il balsamo d’api




Come coltivare il balsamo d’api dai semi

Il balsamo d’api germoglierà facilmente dai semi raccolti dai capolini essiccati in autunno, ma la maggior parte dei balsami d’api acquistati nei vivai sono ibridi e i loro semi spesso non “si avverano” per la pianta madre.

Ma le piante di specie pure possono essere propagate in questo modo e puoi anche acquistare semi commerciali che sono stati allevati sotto un attento controllo. I semi commerciali sono spesso venduti in miscele di vari colori.

Inizia i semi in casa circa otto settimane prima dell’ultimo gelo, usando piccoli vasi o vassoi per piantine pieni di terriccio commerciale. Semina quattro o cinque semi in ogni vaso o due semi in ogni cellula della piantina.

Metti i semi sulla superficie e copri con una spolverata di terriccio: i semi hanno bisogno di luce per germogliare. Metti le pentole o il vassoio sotto le luci e annaffiali con un flacone spray. Mantieni i semi sopra i 55 gradi Fahrenheit. Non lasciare che il terreno si asciughi. Entro poche settimane, i sistemi di root si svilupperanno.

Metti in vaso le piante quando hanno due serie di foglie vere. Assicurati di indurire le piante per una settimana prima di piantare in giardino. Pianta quando il clima si è riscaldato e ogni pericolo di gelo è passato.




Balsamo d’api per invasatura e rinvaso

Sebbene la cultura del contenitore non sia comune, la balsamo d’api viene talvolta coltivata in grandi contenitori da giardinieri urbani che vogliono attirare farfalle o colibrì in un cortile o in un patio.

Poiché una pianta deve essere abbastanza grande ed espansiva per attirare efficacemente gli impollinatori, usa un contenitore grande, con una dimensione di almeno 20-40 litri. La plastica in resina è un buon materiale, anche se qualsiasi contenitore ben drenante sarà sufficiente.

Riempilo con un terriccio standard mescolato con ulteriore compost, quindi pianta la melissa al centro del vaso. Le varietà in miniatura spesso funzionano meglio per la coltura in contenitore. Metti la pentola in un luogo soleggiato e annaffia ogni volta che il pollice superiore del terreno si asciuga.

Le piante di balsamo d’api in vaso dovrebbero essere lasciate all’aperto per l’inverno, ma dovrebbero essere spostate in un luogo riparato, una cornice fredda o un portico o un garage non riscaldati.

È possibile spostare un balsamo d’api in vaso in casa per l’inverno, ma non aspettarti che fiorisca. Il balsamo d’api non è una buona pianta d’appartamento permanente, poiché va in letargo ogni inverno.

La pianta dovrà essere divisa ogni due anni per evitare che si leghi alle radici nel vaso.




Svernamento

Dopo che il gelo ha ucciso le piante in autunno o in inverno, taglia tutti gli steli a circa 5 cm. I detriti dovrebbero essere gettati via piuttosto che aggiunti ai cumuli di compost, per evitare che le spore fungine persistano.

Non è necessaria alcuna protezione invernale nella maggior parte delle regioni, anche se i giardinieri in climi con inverni estremamente freddi potrebbero voler pacciamare la corona per proteggere le radici dai cicli di gelo-disgelo.




Parassiti comuni e malattie delle piante

Il balsamo d’api può essere influenzato da una varietà di parassiti minori, sebbene le infestazioni non siano quasi mai gravi, forse perché questo membro della famiglia della menta ha un profumo che respinge naturalmente gli insetti.

Di gran lunga il problema più grande con il balsamo d’api è l’ oidio, una malattia fungina che provoca un residuo bianco o grigio polveroso sulle foglie. Mentre molte piante sono suscettibili all’oidio, il balsamo d’api è colpito molto più gravemente della maggior parte. Un ambiente con notti umide e giornate fresche è più favorevole a questo fungo.

Se le tue piante soccombono all’oidio dopo aver goduto i fiori per un po’, potrebbe essere meglio potarli a terra e smaltire correttamente la crescita tagliata. In alternativa, se le tue piante di balsamo d’api si ammalano di muffa in polvere troppo presto e tagliare le piante è fuori questione, prova a spruzzare con un fungicida commerciale o fatto in casa. Saranno necessarie applicazioni ripetute, iniziando presto, per controllare completamente la muffa.

Per evitare l’oidio in primo luogo, mantieni queste piante perenni distanziate di almeno 60 cm l’una dall’altra in modo che l’aria circoli bene intorno a loro. Aiuta anche ad annaffiare alla base della pianta piuttosto che spruzzare sopra la testa, che aumenta il livello di umidità nella corona della pianta.

Il balsamo d’api può anche essere suscettibile al fungo della ruggine che può sfigurare le foglie. Controllare la ruggine con fungicidi spray se la malattia è grave.




Come far fiorire il balsamo d’api

La maggior parte delle varietà di balsamo d’api fiorisce per otto settimane o più ad un certo punto nella finestra estiva, di solito a partire da metà estate e fino all’autunno. È piuttosto raro che ci siano problemi con la fioritura di queste piante, ma se l’esposizione dei fiori non è all’altezza dei tuoi standard, cerca queste soluzioni:

  • Aumenta la luce solare. Il balsamo d’api ha bisogno di almeno sei ore buone di luce solare diretta ogni giorno per fiorire adeguatamente e può essere utile spostare la pianta in un luogo più soleggiato.
  • Sollevare e dividere la pianta in primavera. Un balsamo d’api più vecchio spesso viene ricoperto di vegetazione, con una parte centrale legnosa della corona che non produce molti steli o fiori. Dividere la pianta ogni due o tre anni risolverà questo problema.
  • Assicurati di annaffiare adeguatamente. I balsami d’api prosperano nel terreno umido e l’irrigazione settimanale assicurerà normalmente una buona fioritura.
  • Ispezionare per malattie. Una pianta di melissa con un brutto caso di oidio non avrà solo le sue foglie, ma anche il suo fiore.
  • Riduci il fertilizzante. Se la tua abitudine è quella di concimare regolarmente tutte le piante del tuo giardino, ciò potrebbe causare problemi a queste piante che si nutrono di luce. I balsami d’api necessitano, al massimo, di una singola alimentazione leggera all’inizio della primavera. Più di questo può causare fogliame robusto ma ridurre lo sviluppo di boccioli di fiori.

Note: Il genere rientra nella famiglia delle labiate, che comprende le erbe aromatiche comuni, ad esempio salvia, rosmarino, basilico, lavanda, e timo.

Articoli correlati:



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close