fbpx

Quando si pianta la barbabietola: Semina, trapianto e raccolto

917
barbietola

La barbabietola è un ortaggio facile da coltivare, adatto anche ai principianti. Ama il sole e terreni fertili, ricchi di sostanza organica. Va annaffiata con costanza per ottenere radici carnose. Con concimazioni organiche ed equilibrate cresce rigogliosa. In pochi gesti si può avere una produzione abbondante di questa versatile verdura.

La barbabietola è una pianta che vanta una storia millenaria, conosciuta e apprezzata fin dagli albori dell’agricoltura per le sue eccellenti proprietà alimentari e medicinali. La sua diffusione è proseguita nei secoli, intensificandosi soprattutto a partire dal Medioevo quando si scoprì che dalla sua radice si poteva estrarre un dolcificante naturale.

Oggi la barbabietola è molto diffusa negli orti familiari per la sua versatilità d’uso. Appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae, si distingue per la caratteristica radice a fittone di color rosso vivo e per le grandi foglie coriacee di un bel verde brillante.

Entrambe le parti sono edibili e gustose. La radice può essere consumata sia cotta che cruda, mentre le foglie trovano impiego in cucina al posto degli spinaci. Scopriamo tutti i segreti per coltivare con successo questo prezioso ortaggio.

Cosa sono le barbabietole

Barbabietole – o “radici di barbabietola” – sono un raccolto colorato e di stagione fresca che è facile da coltivare da seme in terreno ben preparato e cresce rapidamente in pieno sole.

Sono un’ottima scelta per i giardinieri del nord perché possono sopravvivere al gelo e alle temperature prossime allo zero. Questo li rende ottimi anche come raccolti autunnali.

Se sei un principiante, cerca varietà resistenti, che hanno meno possibilità di avvitarsi (maturando troppo rapidamente) quando fa caldo. Esistono molte varietà diverse di barbabietole, che mostrano radici rosse, gialle, bianche o striate di diverse forme.

Le radici di barbabietola possono essere raccolte dal momento in cui hanno all’incirca le dimensioni di una pallina da golf alle dimensioni di una pallina da tennis; le radici più grandi possono essere dure e legnose. Inoltre, le barbabietole hanno un sapore delizioso e caratteristico e contengono ancora più nutrimento delle radici!

Come e quando seminare i semi di barbabietola

Semina i semi di barbabietola all’aperto da metà Aprile a fine Giugno, in una seminatrice poco profonda, profonda 1 cm. Distanzia i semi a 10 cm di distanza l’uno dall’altro, con 30 cm tra le file. Essendo un raccolto di radici, è meglio se il terreno è privo di grossi sassi e preferisce un terreno da leggero a abbastanza pesante.

Per un raccolto precoce di barbabietola, selezionare una varietà nota per la sua resistenza alla semina e seminare all’inizio di Marzo. E’ possibile scegliere anche varietà adatte alla semina autunnale.

Vale la pena “seminare in stazione” la barbabietola per garantire un buon raccolto. Ciò significa seminare due semi in ogni punto e diradare in seguito fino a una piantina: le piantine diradate sono deliziose mangiate crude in insalata. Etichetta la riga, quindi annaffia per tutta la sua lunghezza.

La barbabietola cresce bene in grandi contenitori di terreno da giardino setacciato o compost. È un raccolto attraente e perfetto per un orto ornamentale.

Semina autunnale

La barbabietola è una specie biennale che forma la radice bulbosa commestibile nel primo anno di vita. Per questo si semina di preferenza in autunno, per sfruttare le basse temperature e ottenere radici più consistenti. La semina può avvenire tra settembre e ottobre direttamente in pieno campo, optando per un terreno profondo, fertile e privo di ristagni idrici.

La distanza tra le file deve essere di almeno 40 cm, interrando i semi a 1 cm di profondità. Dopo la germinazione, è importante effettuare sarchiature frequenti per contenere le infestanti ed evitare competizione.

La barbabietola teme il freddo intenso, quindi in caso di gelate si consiglia di pacciamare con paglia. Irrigazioni regolari favoriscono lo sviluppo di radici carnose e zuccherine. In primavera, le piante vanno diradate per non eccedere le 8-10 piante per metro quadrato.

Come fare il trapianto delle piantine di barbabietola

Il passaggio a dimora definitiva delle piantine di barbabietola può essere effettuato in primavera, fra marzo e aprile, oppure in tarda estate-inizio autunno, tra agosto e settembre. Per il trapianto si procederà aprendo dei solchi nel terreno precedentemente lavorato in profondità. Le giovani piante andranno posizionate nei solchi distanziate di 20-30 cm, dopo averle bene irrigate per facilitare l’attecchimento.

Dopo aver interrato le piantine e pressato leggermente il terreno intorno alle radici, sarà fondamentale procedere a frequenti annaffiature in assenza di piogge. La barbabietola predilige temperature miti, sui 15-24°C, mentre mal tollera gelate e temperature sotto i 5°C che possono comprometterne la crescita.

Come coltivare la barbabietole nell’orto

Per una crescita ottimale, la barbabietola necessita di un terreno ben drenante e fertile, con pH leggermente acido compreso tra 6 e 7. Va posizionata in pieno sole, al riparo dal vento. Per un buon sviluppo del fittone è essenziale mantenere il terreno sempre umido con annaffiature regolari e abbondanti, evitando di bagnare il fogliame.

Ogni 2-3 settimane, durante la fase vegetativa, è consigliabile distribuire un concime completo ed equilibrato, meglio se organico. La barbabietola trae beneficio anche da una pacciamatura con paglia o fieno durante i mesi più caldi.

Per favorire la formazione di radici uniformi ed evitare l’insorgenza di malattie è opportuno effettuare rotazioni almeno triennali ed evitare ristagni idrici. Rispettando queste semplici indicazioni su irrigazione costante, concimazione mirata e scelta dell’habitat ideale, anche i coltivatori alle prime armi potranno ottenere barbabietole sane e produttive.

Come e quando raccogliere la barbabietola

Coltivare diverse varietà di barbabietola ti consente di goderti il ​​raccolto per un lungo periodo, senza doverlo conservare. La maggior parte dei tipi di globo sono pronti per la raccolta in 8-10 settimane; le varietà più lunghe e cilindriche richiedono circa 20 settimane.

Quando raccogli le barbabietole, afferra saldamente il fogliame nel punto in cui incontra la parte superiore della radice e tira. Le barbabietole si raccolgono meglio troppo presto piuttosto che troppo tardi: le radici più giovani sono più tenere. Tira le radici delle dimensioni di una palla da cricket o più piccole e conserva solo quelle integre. Dopo il sollevamento, torcere il fogliame a circa 5 cm dalla radice, lasciando steli corti.

Puoi coltivare la barbabietola con la compagnia dei broccoli.

Preparazione e usi della barbabietola coltivata nell’orto

Lavare delicatamente la barbabietola in acqua fredda, lasciando sulla radice lunga e facendo attenzione a non forare la pelle. In questo modo si evita il “sanguinamento” durante la cottura.

La barbabietola rossa può essere bollita per una o due ore, a seconda dell’età, quindi scolata e sbucciata, oppure provala avvolta nella carta stagnola e cotta a forno basso per circa due ore. È delizioso con i salumi o in insalata con formaggio di capra.

Cosa piantare vicino alla barbabietola:

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy