Quando si pianta il tamarindo

287
tamarindo

L'albero di tamarindo (Tamarindus indica) viene coltivato come coltura commerciale nei climi caldi, ed è anche coltivato per il suo valore come grande albero da ombra. La pianta del tamarindo produce frutti commestibili. È una pianta sempreverde. La pianta del tamarindo può essere alta 25 m e larga 7 m. È una pianta a crescita lenta e può vivere più di 300 anni.

Il tamarindo è originario dell’Africa e cresce come una pianta selvatica nel subcontinente indiano. Viene anche coltivato nel sud-est asiatico, nel Sud America e nelle parti tropicali dell’Australia e del Nord America.

I fiori del tamarindo sono formati in gruppi e hanno una linea rossa al loro interno. Le sue foglie si presentano in forma di coppia, il che significa che un bastoncino ha molte paia di foglie.

Se vuoi coltivare piante di tamarindo dai semi, l’ebollizione e l’ammollo dei semi prima di piantare è una buona idea perché i semi di tamarindo hanno gusci duri. Puoi rompere i gusci facendoli bollire e immergendoli per la crescita sana delle tue piantine di tamarindo.







Informazioni sull’albero di tamarindo

Il tamarindo è un albero a crescita lenta. È in grado di raggiungere un’altezza di 25 metri una circonferenza di 7 m, molto longevo, infatti, può sopravvivere per più di 300 anni. Le foglie di tamarindo sono sempreverdi, come pennate lunghe fino a 15 cm composte da 10 – 12 paia di foglioline.

Le sue foglie assomigliano in qualche modo a foglie di acacia. I fiori di tamarindo sono raggruppati in infiorescenze e hanno cinque petali gialli con striature rosse. L’impollinazione dei fiori è entomofila (impollinata dagli insetti).

I frutti di tamarindo sono legumi. Leggermente ricurvo, lungo da 10 a 15 cm e ha un colore marrone. I suoi semi, da 4 a 12 per baccello, costituiscono il 34% del legume e sono inseriti in una polpa di colore giallastro o marrone che ha un sapore molto aspro e dolce ma gradevole e rappresenta la maggior parte del frutto.

Rispetto ad altri frutti, nel tamarindo, durante la fase di maturazione l’acidità non diminuisce, mentre l’idrolisi dell’amido porta ad un accumulo di zuccheri riducenti (saccarosio).

La polpa di tamarindo contiene il 70% di carboidrati, il 3% di proteine ​​e meno dell’1% di grassi, inoltre contiene acido tartarico (8-10%), che si trova anche in altri frutti come banane e uva.




Come coltivare l’albero di tamarindo dal seme

Immergere i semi di tamarindo per una notte in acqua tiepida per accelerare la germinazione. Semina semi 1,5 cm di profondità in una miscela di partenza di semi di buona qualità. La germinazione avviene entro una o due settimane dalla semina.

*Le piante coltivate da semi non entrano in produzione prima dei 6 – 7 anni dopo la germinazione. Quindi è meglio coltivare il tamarindo dal taglio o acquistare una pianta dal vivaio se vuoi risultati rapidi.

Piantare il tamarindo

Scavate una buca grande il doppio della zolla della pianta. Rimuovere delicatamente la pianta dal vaso e tagliare le radici morte o danneggiate. Inserire la zolla nella buca e riempire il terreno intorno alla zolla per mantenere il tronco dell’albero al di sopra della linea del suolo. Rassodare il terreno e innaffiare abbondantemente la pianta.

Per i coltivatori commerciali, la densità di impianto è grande a causa del fogliame ben sviluppato e della larghezza delle esigenze del tamarindo, la distanza dovrebbe essere di circa 5-15 m, a seconda della varietà.




Posizione Per La Crescita Dell’albero Di Tamarindo

Il tamarindo preferisce il clima tropicale e subtropicale, secco e ventoso. Può adattarsi anche al clima temperato caldo, ma lì non sarà molto produttivo. Le giovani piante non sopportano il freddo, mentre gli adulti sono resistenti alla temperatura solo fino a -2 gradi C.

La migliore posizione di impianto è in pieno sole. Per la fioritura, l’allegagione e lo sviluppo dei frutti, l’albero di tamarindo ha bisogno di cielo sereno e giorni più asciutti.

Come coltivare l’albero di tamarindo nei climi freddi

Il tamarindo è un albero tropicale come l’ananas, sopporta inverni miti ma coltivarlo all’aperto in climi più freddi è sicuramente una cattiva idea. Se vuoi coltivarlo, coltiva l’albero di tamarindo in vaso e tienilo al chiuso o in una serra durante l’inverno. Puoi anche fare un bellissimo bonsai di tamarindo.




Quando si pianta il tamarindo

Per coltivare un albero di tamarindo, puoi germinare un seme o piantare una talea in un luogo che riceve il pieno sole.

Equipment

  • Semina Marzo – Aprile
  • Sole Pieno
  • PH Terreno 6,5 – 7,5
  • Tipologia Terreno: Drenante
  • Raccolto Ottobre

Ingredienti

  • Per una salute e una crescita ottimali, il tamarindo ha bisogno di una posizione in pieno sole.
  • Gli alberi di tamarindo non moriranno se ricevono meno di questa raccomandazione, ma potrebbero non essere all'altezza del loro potenziale.
  • Il tamarindo non è troppo esigente riguardo al tipo di terreno su cui è piantato.
  • La tolleranza al PH del tamarindo riduce anche un'ampia fascia di tolleranza, da quella acida a quella alcalina, e preferisce il terreno umido a quello umido, purché il terreno drena bene e le sue radici non si trovino su terreno fradicio.
  • Se stai coltivando più di un albero di tamarindo, è importante considerare le loro dimensioni mature in modo da distanziarli correttamente l'uno dall'altro.
  • Se vengono piantati troppo vicini tra loro, le loro radici possono competere tra loro per l'acqua e le sostanze nutritive, che potrebbero indebolire gli alberi.

Istruzioni

  • Simile ai requisiti di irrigazione per la maggior parte degli alberi giovani, dovrai annaffiare il tamarindo più spesso fino a quando le sue radici non si stabiliscono, quando gli alberi maturi iniziano a diventare più resistenti alla siccità.
  • Due variabili importanti che influenzano quando dovrai annaffiare il tuo albero di tamarindo e quanta acqua dargli sono il periodo dell'anno e il tipo di terreno.
  • Un giovane albero di tamarindo può beneficiare di un bacino d'acqua attorno al suo tronco.
  • Il tamarindo ha un basso fabbisogno di fertilizzazione, quindi potresti voler applicare il fertilizzante secondo le raccomandazioni del test del suolo per assicurarti di non esagerare.
  • In assenza di un test del suolo, concimare i giovani alberi ogni due o tre mesi con 6-6-3 fertilizzante o un equivalente organico.
  • Se il tuo albero di tamarindo sta dando frutti, concima con 8-3-9 o un equivalente organico.

Note

La potatura degli alberi di tamarindo

Man mano che matura, un albero di tamarindo cresce naturalmente nella sua caratteristica forma arrotondata o a vaso, che offre molta ombra sotto la sua fitta chioma. Non dovrai modellare il tamarindo potandolo come un albero per ottenere questo attributo desiderabile.
Assicurati che i rami dell’albero che crescono dal tronco centrale siano distanziati invece di crescere insieme. Rimuovi tutti i rami che crescono più grandi della metà della dimensione del tronco. Pulisci o immergi il tuo strumento di potatura in etanolo o alcol isopropilico tra ogni taglio per aiutare a prevenire la diffusione della malattia.
Calorie: 239kcal
Keyword: come coltivare un albero di tamarindo




Benefici nutrizionali del tamarindo

Oltre alla sua desiderabilità come grande albero da ombra, ci sono altri benefici del tamarindo. Come albero di legno duro, il legname di tamarindo viene utilizzato nella fabbricazione di mobili e prodotti speciali in legno come intagli e ceppi. Ma forse il suo attributo più noto è che porta anche dei frutti.

Il frutto del tamarindo non è solo commestibile, ma è anche usato in medicina. Il frutto viene utilizzato per insaporire curry, caramelle, bevande e salse, inclusa la salsa Worcestershire. La polpa del frutto è una miscela di dolce e salato perché contiene sia zucchero che acido citrico. I benefici nutrizionali del tamarindo includono una ricca fonte di vitamine e minerali del gruppo B.

Se coltivi il tamarindo per i suoi frutti, non è necessario piantare più di un albero perché ogni pianta porta fiori perfetti. Ciò significa che i singoli fiori hanno parti riproduttive sia maschili che femminili e sono in grado di autoimpollinarsi senza fare affidamento su un secondo albero per l’impollinazione incrociata per fertilizzare i fiori. Gli alberi crescono così alti che non è pratico raccoglierli manualmente; dovrai aspettare che il frutto cada dagli alberi per raccoglierlo.

Leggi anche: Come coltivare il cocco.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close