Quando si pianta il pesco

627
PESCO

Le pesche, originarie dell'Asia, sono succose, deliziose e particolarmente gustose. Tuttavia, la cura del pesco richiede un impegno nell'imparare a coltivare le pesche. I peschi necessitano di una routine regolare di alimentazione, potatura e gestione di parassiti e malattie.

Quando si pianta il pesco e come si coltiva

I peschi sono disponibili in varie dimensioni, anche cultivar nane che puoi coltivare in un contenitore, quindi non c’è niente che ti impedisca di coltivare un raccolto di pesche che puoi aggiungere a conserve in scatola e frullati.

Quando vengono coltivati ​​​​dal seme, impiegano almeno dai tre ai quattro anni per produrre frutti. L’acquisto di un albero giovane significa che puoi goderti un raccolto prima. Pianta il tuo pesco durante la fine dell’inverno o all’inizio della primavera, durante il suo periodo di dormienza.




Quando si pianta il pesco

Sebbene la coltivazione dei peschi non possa essere presa alla leggera, può essere molto gratificante. Le pesche forniscono vitamine A e C, nonché potassio e fibre. Le pesche fresche, surgelate, secche o in scatola sono una delle vere delizie della natura.

Ingo generali

  • Dimora: Ottobre – Aprile
  • Sole: Pieno
  • PH Terreno: 6,5 – 7,2
  • Tipologia Terreno: Drenante
  • Raccolto: Luglio – Settembre

Specifiche

  • Scegli un tipo di pesco che cresce nel tuo clima. I peschi crescono meglio nei climi con estati calde e temperature invernali non troppo rigide.
  • La maggior parte delle varietà di pesche richiedono tempo a basse temperature per crescere in modo efficace.
  • Questo periodo di dormienza fredda è noto come il "requisito dell'ora fredda" di un pesco.
  • Prima di scegliere una varietà di pesca, controlla il numero di ore di refrigerazione tipiche del tuo clima per assicurarti che soddisfi i requisiti per la varietà di pesca desiderata.
  • Piantare a fine inverno o all'inizio della primavera. Pianta un pesco coltivato in contenitore all'inizio della primavera in modo che abbia l'intera stagione di crescita per adattarsi all'ambiente prima dell'inverno. Pianta i peschi a radice nuda (alberi dormienti che vengono immagazzinati senza terra sulle radici) a fine inverno.
  • Scava una buca per piantare e pianta un palo di albero nel terreno . Fai il buco qualche centimetro più profondo e due volte più largo della zolla dell'albero. Martella il paletto dell'albero nel terreno vicino al buco, profondo almeno 60 cm.
  • Metti l'albero nel buco . Diffondi le radici dell'albero sul cumulo di terreno. La parte superiore della corona della radice dovrebbe essere a livello del suolo, mentre l'unione dell'innesto dovrebbe riposare da due a tre pollici sopra il livello del suolo. Riempi il buco a metà con il terreno e mescolalo delicatamente attorno al sistema radicale.
  • Mnnaffia il terreno e riempi la buca. Immergere il terreno con acqua e attendere che si scoli. Quindi, controlla se la profondità del tronco dell'albero è cambiata e regola se necessario. Riempi il resto della buca con la terra.

Istruzioni

  • Dai ai nuovi alberi due litri d'acqua a settimana. Questo equivale a un pollice di pioggia. Una volta che i peschi maturano, possono passare una settimana e mezza con la stessa quantità d'acqua. Mantieni il terreno uniformemente umido, ma assicurati che non sia mai fradicio.
  • Concimare all'inizio della primavera con un concime a lenta cessione. Scegli un fertilizzante ricco di fosforo e povero di azoto per ottenere i migliori risultati.
  • Potare gli alberi ogni anno per aumentare la produzione di frutta. Le pesche danno frutti sul legno del secondo anno, il che significa che una potatura adeguata quest'anno influirà sulla resa del raccolto del prossimo anno. Pota gli alberi all'inizio dell'estate durante il primo, il secondo e il terzo anno di vita dell'albero. Dopo il terzo anno, potare a fine aprile e mantenere la forma dell'albero tagliando i germogli che crescono dal centro dell'albero.
  • Controllare i parassiti e prevenire le malattie. Malattie come l'arricciatura delle foglie di pesco e il marciume bruno sono devastanti per la resa del raccolto, ma puoi controllarle entrambe con i fungicidi adeguati. I piralidi del pesco sono un dannoso parassita del pesco che puoi scoraggiare con un insetticida. Piuttosto che aspettare che questi parassiti e malattie colpiscano i tuoi alberi di pesco, applica fungicidi e pesticidi in modo proattivo.

Note sulla coltivazione, semina, raccolto, conservazione e altro ancora

Come raccogliere le pesche

Per assicurarti che le tue pesche abbiano un sapore dolce e pieno, è fondamentale raccoglierle al momento giusto. Il tempo di raccolta varia in base al tipo di pesca, ma da fine giugno ad agosto è in genere quando le pesche raggiungono la massima maturazione.
Il colore è uno dei migliori indicatori per capire se le tue pesche sono mature; quando la loro pelle esterna è completamente priva di qualsiasi colorazione verde, significa che sono pronti per la raccolta. Per il test più definitivo, scegline uno e assaggialo prima di raccogliere il resto del tuo raccolto.
Puoi coltivare insieme alle prugne.
Calorie: 41kcal
Portata: frutta
Cucina: Italiana
Keyword: come coltivare il pesco




Come piantare alberi di pesco

Il momento migliore per piantare un pesco è nel tardo inverno o all’inizio della primavera mentre l’albero è inattivo. In questo modo ha l’intera stagione per affermarsi.

Seleziona una cultivar adatta al tuo clima e piantala in un luogo soleggiato e riparato. Un sito leggermente sopraelevato è meglio di una depressione dove si deposita il gelo.

Per un albero a radice nuda, assicurati che il buco che pianti dia alle radici molto spazio per diffondersi. Innaffialo in profondità e considera la pacciamatura intorno alla zona delle radici per sigillare quell’umidità.

Punta l’albero subito dopo la semina. Inclina leggermente il paletto lontano dall’albero e guidalo da 15 a 20 cm nel terreno indisturbato, mai nella zolla. Fissare il tronco al paletto con una fascetta elastica.

I peschi sono autofertili, quindi non è necessario piantarne più di uno per produrre frutti. Se vuoi avviare un mini frutteto, assicurati che abbiano la giusta spaziatura per evitare che si ombreggiano a vicenda a maturità. Pianta le pesche standard a 6 m di distanza e le pesche nane a 1,5 metri di distanza.




Varietà di alberi di pesco

Ci sono centinaia di cultivar di pesco tra cui scegliere. Mentre gli alberi di pesco possono produrre frutti di pietra appiccicosa o da taglio, convenientemente, la maggior parte delle varietà vendute per i giardini domestici sono da taglio. Si può anche scegliere tra polpa gialla o bianca e peschi precoci o tardivi.

  • “Halehaven” è una varietà di mezza stagione molto dolce. Si dice che anche la pelle sia dolce e gli alberi siano vigorosi.
  • “Reliance” è un produttore di inizio stagione che lo rende adatto alle regioni fredde.
  • “Galaxy” e “Saturno” sono entrambe pesche a forma di ciambella che hanno una polpa bianca e dolce.
  • “Bonanza” è un pesco nano che raggiunge solo i 6 piedi di altezza ma produce frutti a grandezza naturale.




Raccolto

Un albero di pesco che è stato piantato come albero giovane (non cresciuto da seme) inizia a dare frutti da due a quattro anni dopo la semina. Dopo le vistose fioriture primaverili rosa, i peschi esporranno molte piccole pesche verdi nei primi mesi estivi.

Tuttavia, oltre alla caduta naturale dei frutti che fanno i peschi in questa fase di sviluppo, devi anche diradare il tuo raccolto, altrimenti dovrai affrontare la delusione dei frutti delle dimensioni di una noce al momento della raccolta.




Potatura

Può sembrare strano rimuovere rami sani da un pesco fitto e cespuglioso, ma una potatura adeguata è fondamentale per gestire le dimensioni dei frutti e garantire che venga ricevuta abbastanza luce sui rami fruttiferi. Quando si pota un pesco, l’aspetto finale dei rami dovrebbe avere un motivo a spina di pesce con un centro aperto, come un vaso.

Mentre la potatura dei peschi viene eseguita all’inizio della primavera, puoi anche fare qualche leggera tosatura estiva se il tuo albero ha germogli vigorosi che ombreggiano i rami fruttiferi all’interno dell’albero. Questi germogli possono essere rimossi a luglio. La quantità di luce che consenti a questi rami fruttiferi dopo la potatura è importante per lo sviluppo dei boccioli dei fiori della prossima stagione.




Parassiti e malattie

Il parassita più significativo del pesco è il piralide del pesco. Questa falena dalle ali chiare assomiglia a una vespa e in autunno depone le uova sulla corteccia degli alberi. Le larve si schiudono e si insinuano nel tronco, dove si nutrono del tronco e delle radici. Cerca una linfa gelatinosa nel foro di ingresso e impalare le larve con un filo.

In termini di malattie, un fungo può causare l’arricciatura delle foglie del pesco, portando a imbrunimento e deformità delle foglie. Utilizzare un fungicida a base di rame nel tardo autunno o all’inizio della primavera per prevenire e controllare questo problema.

Articolo correlato: Coltivazione di un albero di albicocche.




Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close