fbpx

Quando si pianta il melograno: Scelta della posizione, periodo e come trapiantarlo

1.5K

Esistono molte varietà diverse di melograno. Tutte le varietà amano il caldo, per quanto si possa dare loro, ma alcune varietà hanno una maggiore tolleranza alle basse temperature rispetto ad altre. Quindi, prima di acquistare e piantare piante di melograno nel tuo paesaggio o giardino, assicurati che le varietà che scegli resistano alle basse temperature medie che la tua zona sperimenta durante l'inverno.

Gli alberi di melograno (Punica granatum) producono frutti deliziosi e, con un clima caldo adatto, sono facili da coltivare e poco soggetti a parassiti o malattie. In genere, ci vogliono dai 3 ai 6 anni prima che gli alberi maturino abbastanza da produrre i caratteristici frutti coriacei di colore rosso, ricchi di succosi e dolci semi commestibili.

Il melograno può variare da un arbusto nano di 90 cm fino a un albero alto 6-9 metri. Nella maggior parte dei luoghi è deciduo, ma nei climi più caldi può essere sempreverde. È anche decorativo, con foglie lucide e fiori rosso scarlatto a forma tubolare, attraenti per colibrì e altri impollinatori. Il melograno è una scelta popolare per il bonsai. La corteccia è di colore rosso-marrone e i rami possono avere spine.

Come piantare alberi di melograno

Specifiche di coltivazione

  • Nome comune: Melograno
  • Nome botanico: Punica granatum
  • Famiglia: Punicaceae
  • Tipo di impianto: Arbusto, albero
  • Esposizione al sole: Pieno sole
  • Tipo di terreno: Ben drenato
  • pH del suolo: Acido, neutro, alcalino
  • Tempo di fioritura: Primavera
  • Raccolto: Autunno – Inverno

Quando piantare

I giovani alberi dovrebbero essere piantati in primavera dopo che il pericolo di gelate tardive è passato.

Selezione di un sito di impianto

In qualche modo resistente alla siccità, un albero di melograno è perfetto per i luoghi più soleggiati e caldi del giardino che potrebbero bruciare altre piante. Quando si pianta, assicurarsi che il terreno sia sciolto e non troppo bagnato.

Spaziatura, profondità e supporto

La distanza di impianto dipenderà dall’utilizzo previsto per il melograno. Per una siepe arbustiva fitta, possono essere distanziati 180-270 cm l’uno dall’altro. Per la produzione di frutta, è meglio distanziarli di circa 4-5 metri. La buca deve essere profonda quanto il vaso o la zolla, e due volte più larga. Se si desidera, i melograni si possono far crescere su una struttura di sostegno come una pergola o parete.

Come curare l’albero di melograno

Esposizione

Gli arbusti di melograno possono essere coltivati in parte all’ombra, ma idealmente dovrebbero essere collocati in un luogo con più sole e calore possibile. Per un buon raccolto, il tuo albero dovrebbe ricevere almeno sei ore di pieno sole al giorno.

Terreno

Il melograno ha bisogno di un terreno ben drenato, anche se può prosperare in un’ampia varietà di terreni, dal terriccio acido (preferito) ai tipi alcalini di scarsa qualità.

Irrigazione

L’albero di melograno è resistente alla siccità, anche se l’irrigazione è necessaria per una corretta produzione di frutti. Innaffia in profondità ogni due o quattro settimane durante la stagione secca quando stai piantando nuovi alberi.

Attenzione, però, a non esagerare con l’acqua. L’eccesso d’acqua e le condizioni di fradicia possono portare a un raccolto scarso. Il frutto sarà anche più incline a spaccarsi, aumentando le possibilità di problemi con parassiti e malattie fungine.

Concimazione

Concimare nei mesi di novembre e marzo per i primi due anni. In caso contrario, non è necessario molto fertilizzante negli anni successivi. In effetti, un’eccessiva fertilizzazione può portare a un raccolto scarso.

Varietà di melograno da piantare

Scegli un tipo adatto al tuo clima (alcuni fanno bene nelle zone più fresche) e scegli le varietà nane per i contenitori se vuoi spostarli in luoghi protetti per l’inverno.

  • Balegal – Frutti grandi con buccia rosa pallido; polpa dal sapore dolce.
  • Granchio – Frutto medio-grande con buccia color bronzo; sapore aspro ma ricco; produttivo.
  • Early Wonderful – Frutti grandi con buccia sottile di colore rosso; sapore aspro; molto produttivo.
  • Granada – Frutto medio con buccia cremisi; semi dolce; matura presto.
  • Dolce – Frutto medio con buccia rosa; pelle verde con vampate di rosso; molto dolce; produttivo; orsi in giovane età.
  • Utah Sweet – Frutto di medie dimensioni con buccia rosa; sapore dolce e semi morbidi; fiori rosa.
  • Meraviglioso – Frutti grandi con buccia rossa; semi piccanti, saporiti e morbidi; grandi fiori rossi; produttivo.

Come coltivare alberi di melograno in vaso

Anche se è più semplice coltivare in vaso un melograno nano, si possono far crescere piante di qualsiasi dimensione in contenitore. Gli alberi di melograno in vaso possono produrre meno frutti perché le radici sono più limitate, ma crescono bene se annaffiati e concimati costantemente. Usare un vaso di almeno 40 litri con numerosi fori di drenaggio. Piantare l’albero in un normale terriccio universale.

Potature

I melograni tendono a produrre polloni (utili per la propagazione), quindi è bene rimuoverli non appena spuntano. Se non si pota il melograno, si svilupperà in una forma cespugliosa e arbustiva più ampia. Potare regolarmente i rami nei primi anni aiuta a favorire lo sviluppo di nuovi germogli sani e una fioritura più abbondante.

Una volta che l’albero è maturo, può bastare potare via solo i rami secchi, incrociati, danneggiati o malati. È utile anche diradare i frutti che crescono fitti sui rami. Così i melograni potranno raggiungere le dimensioni complete e si riduce il rischio che un ramo si spezzi sotto il peso eccessivo.

Propagazione del melograno

La propagazione del melograno può essere complicata, tuttavia, per chi volesse cimentarsi nella sfida, il metodo migliore sono le talee legnose, da prelevare d’inverno:

  • Prelevare talee legnose del diametro di una matita, lunghe 20-25 cm, dalla crescita dell’anno precedente.
  • Immergere la talea nell’ormone radicante (contenente IBA).
  • Interrare metà talea in un vaso con terriccio per semi ben drenante.
  • Coprire con un sacchetto di plastica trasparente forato per l’aria.
  • Tenere all’ombra in luogo luminoso. Dovrebbe radicare in circa 8 settimane.
  • Trapiantare l’anno successivo.

Come coltivare alberi di melograno da seme

Se si sceglie di coltivare piantine di melograno da seme, i semi potrebbero non essere fedeli alla varietà originale. Per germinarli:

  • Rimuovere l’arillo (parte carnosa) dal seme arrotolandolo in carta assorbente che ne assorbe il liquido. Sciacquare e asciugare i semi per un paio d’ore.
  • Conservare i semi tra fogli di carta in un sacchetto per alcune settimane prima della semina.
  • Interrare i semi a una profondità di 1-2,5 cm in terriccio umido.
  • Mantenere il terreno caldo (24-29°C) per favorire la germinazione, ad esempio sotto una serra, con foglio di alluminio o al sole diretto.
  • Trapiantare le piantine in vaso o in zona protetta quando raggiungono 10-15 cm di altezza.

Dopo quanti anni fruttifica il melograno

Il periodo necessario affinché l’albero di melograno dia i primi frutti varia in base a diversi fattori, quali la varietà scelta, il clima e le cure ricevute. Generalmente, dal momento del trapianto ci vogliono tra i 3 e i 5 anni prima di vedere comparire i primi acini colorati. Nelle zone più calde e soleggiate del Sud Italia, grazie alle temperature miti, un melograno potrebbe fruttificare già dopo 2-3 annate.

Al Centro-Nord invece, data la minore esposizione solare, bisogna attendere almeno 4-5 anni. Anche la varietà incide sui tempi: alcune cultivar, come la precoce ‘Apollo’, danno frutti prima rispetto a quelle tardive. Concimazioni equilibrate, innaffiature regolari e potature di formazione permettono alla pianta di raggiungere più rapidamente lo stato adulto e fertilizzarsi. Armati di pazienza, dopo questo periodo si potrà già godere dei deliziosi frutti del proprio melograno!

Parassiti comuni e malattie delle piante

Gli alberi di melograno sono tra i fruttiferi più facili da coltivare, poiché generalmente non sono soggetti a molti parassiti o malattie. Come parassiti occasionali possono manifestarsi farfalle del melograno, tripidi, cocciniglie, pseudococciniglie e aleurodidi. Le malattie sono rare negli alberi ben curati, ma possono includere macchie fogliari, marciumi del frutto, disseccamenti, marciumi radicali e carie del legno.

Altro sul melograno:

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy