Quando si pianta il Crinum

452
chinum

I gigli Crinum ( Crinum spp.) sono piante grandi, amanti del calore e dell'umidità, che producono un'abbondante gamma di fiori appariscenti in estate. Coltivato nei giardini delle piantagioni meridionali; molti ne esistono ancora in quelle zone, superate da paludi e paludi. La pianta crinum è spesso indicata come giglio di palude meridionale, giglio ragno o pianta da cimitero, a indicare che era spesso usata per adornare i cimiteri dei secoli passati.

I crinum sono piante robuste e longeve, con foglie larghe e rigide e fiori profumati a forma di imbuto. I bulbi sono resistenti, le piante possono diventare piuttosto grandi, raggiungendo talvolta i 4 metri di altezza.

Si trovano spesso crinum che crescono nei cimiteri e nelle case abbandonate. Simili ai lillà, fioriscono per generazioni con poca o nessuna attenzione.







Cosa sono i bulbi di Crinum

I crinum, o gigli crinum, sono parenti degli amaryllis come i bulbi di clivia e le nerine. I bulbi producono radici spesse e carnose e, una volta piantati, non amano essere disturbati. I bulbi si ingrandiscono con il tempo e nelle piante ben consolidate possono pesare anche venti chili. Può essere quasi impossibile rimuoverli dal terreno. Pianificate per tempo e cercate di evitare il trapianto. Date ai vostri crinum un posto dove possano rimanere per molti anni.

I crinum possono fiorire in primavera, estate o inverno. I singoli fiori durano solo un giorno, ma un gambo contiene molti boccioli e può fiorire per settimane. Non aspettatevi fiori la prima estate dopo l’impianto. Ci vorrà almeno una stagione di crescita completa perché i nuovi bulbi mettano radici e formino i boccioli per il secondo anno.




Quando si pianta il Crinum e come piantarli

La posizione ideale per la messa a dimora è soleggiata, calda e un po’ riparata dal vento. Il terreno deve essere ben drenato e mai inzuppato.

Piantare i bulbi a una distanza di almeno 30-60 cm l’uno dall’altro. Scavate una buca per ogni bulbo profonda. Interrare il bulbo fino al punto in cui il gambo emerge dal “collo” del bulbo. Il gambo deve trovarsi al di sopra del terreno e il collo deve trovarsi sotto il suolo.

Nelle zone in cui i crinum non sono resistenti, possono essere coltivati in vaso. Potete esporre i vasi all’aperto in estate e portarli in casa per l’inverno. Scegliete un contenitore grande per ridurre al minimo le operazioni di irrigazione. Il vaso deve essere abbastanza robusto da resistere alla pressione delle radici che si espandono e premono contro i lati del contenitore.




Come curare i crinum

Le piante di solito mantengono il loro fogliame per tutto l’anno. I bulbi appena piantati e quelli coltivati in vaso possono andare in quiescenza durante i mesi invernali. In questo caso, le foglie ingialliscono e muoiono in autunno. Lasciate semplicemente riposare i bulbi, mantenendo il terreno appena umido. La nuova crescita si ripresenterà in primavera

Durante la prima estate, annaffiate secondo le necessità per mantenere il terreno intorno ai bulbi leggermente umido. Una volta che i crinum sono ben radicati, sono relativamente tolleranti alla siccità, anche se le piante crescono meglio con un’umidità costante. I crinum in vaso devono essere annaffiati frequentemente per mantenere il terreno costantemente umido.

I crinum fioriscono meglio quando vengono nutriti due volte l’anno con un fertilizzante bilanciato. Se il fogliame ha un aspetto rovinato, può essere potato secondo le necessità. Ricordate però che la rimozione di molte foglie può ridurre il vigore della pianta e la produzione di fiori.




Quando si pianta il Crinum

Pianta i grandi bulbi in pieno sole o luce filtrata all'inizio della primavera. Poiché l'umidità aiuta questa grande pianta a stabilirsi.

Equipment

  • Semina Marzo – Aprile
  • Sole Pieno
  • PH Terreno 7 – 7,5
  • Tipologia Terreno: Ben Drenante
  • Fioriture: Agosto – Settembre

Ingredienti

  • Un cumulo di terra attorno ai bordi esterni della pianta crinum aiuta a dirigere l'acqua verso le radici.
  • I bulbi non dovrebbero rimanere nell'acqua, il terreno dovrebbe drenare bene.
  • I fiori di Crinum compaiono a fine estate, offrendo fragranza e fiori grandi e vistosi.
  • Nelle zone più calde, i fiori di crinum persistono per la maggior parte dell'anno.
  • E' noto che i bulbi resilienti del giglio crinum esistono e continuano a fiorire per decenni.
  • La pianta crinum si comporta come una pianta erbacea perenne nelle zone più fredde, morendo a terra in inverno e sparando con i narcisi e i tulipani in molla.

Istruzioni

  • Sebbene resistente alla siccità nei momenti di necessità, il giglio crinum preferisce il terreno costantemente umido a meno che non sia dormiente.
  • Pianta alcuni dei grandi bulbi di giglio crinum per vistose masse di fiori e fragranze nel paesaggio.
  • Tagliare dopo la fioritura; rimuovere le foglie morte.
  • Può essere coltivata come pianta perenne nelle zone calde.
  • Trattalo come un annuale nelle zone più fresche portando i bulbi in casa durante l'inverno.
  • Ci vorranno almeno quattro anni perché i gigli Crinum cresciuti da seme fioriscano.

Note

Come prendersi cura dei bulbi di Crinum

I membri della famiglia Crinum non sono i più facili da curare. Dovrebbero essere fertilizzati circa tre volte l’anno.
Le foglie e i fiori devono essere tagliati una volta che sono morti.
Se vivi in ​​una zona molto fredda, i bulbi dovrebbero essere rimossi dal giardino in autunno e conservati al chiuso in un luogo fresco.
Potrebbero volerci fino a cinque anni prima di vedere i fiori dei tuoi gigli Crinum coltivati ​​​​da seme.
Keyword: come coltivare i buldi di crinum.




Quando si pianta il Crinum e risoluzione dei problemi

Una cosa grandiosa di queste piante è che sono tenaci. Si aggrappano alla vita indipendentemente dalla situazione in cui si trovano. Terreno povero, siccità occasionale o cattive condizioni di temperatura possono causare danni, ma spesso si riprenderanno. Tuttavia, ci sono ancora alcune cose che dovrai ancora gestire se vengono visualizzate. Parliamo di quelli!

Come accennato in precedenza, le piante in condizioni calde e di pieno sole possono sperimentare la bruciatura delle foglie. Sebbene non sia comune, si verifica quando la temperatura raggiunge il picco da metà a fine estate. Se hai una pianta grande, qualche foglia bruciata non ti farà male. Ma se è giovane, questo potrebbe essere un problema. Prova a posizionare le tue piante dove c’è ombra pomeridiana se sei in un clima caldo.

Se innaffiato troppo, potresti scoprire che i bulbi iniziano a marcire. Sono tolleranti all’acqua in eccesso fino a un certo punto, ma alla fine soccomberanno. Assicurati che il tuo terreno sia ben drenante per prevenire questo problema aggiungendo sabbia o perlite.

Se le punte delle foglie iniziano a diventare marroni, di solito è un segno di poca acqua. Assicurati che l’umidità nel tuo terreno sia costante. La pacciamatura intorno alle piante può aiutare a mantenere il terreno umido per periodi di tempo più lunghi.

Potrebbe interessarti anche: Quando piantare i bulbi di Giacinto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close