Quando raccogliere le angurie: Il periodo è la chiave di tutto

2.2K
raccolta

La raccolta delle angurie avviene solitamente tra la fine di agosto e la fine di settembre, quando i frutti raggiungono la maturità. Durante la raccolta, le angurie vengono tagliate dallo stelo con l'aiuto di un coltello affilato.

Non c’è nulla di più piacevole che gustarsi una fetta fresca di anguria in una calda giornata estiva, soprattutto quando l’hai coltivata personalmente. E quando l’anguria raggiunge la giusta maturazione, diventa una preziosa fonte di antiossidanti naturali, associati a numerosi benefici per la salute. Tuttavia, se hai incertezze su quando e come raccoglierla, non preoccuparti.

Questa guida pratica ti fornirà tutte le informazioni necessarie per sfruttare al meglio il trattamento estivo con i cocomeri. Scoprirai il momento ideale per raccogliere le angurie, i segnali da cercare per identificare la maturità ottimale e i metodi corretti per raccoglierle senza danneggiarle.

Con questi consigli utili, potrai goderti appieno il frutto del tuo lavoro e sperimentare tutto il sapore rinfrescante e i benefici nutrizionali dell’anguria coltivata in casa.

Di cosa avrai bisogno per la raccolta delle angurie

Per la raccolta delle angurie, avrai bisogno di alcuni attrezzi specifici per ottenere risultati ottimali. Ecco una lista degli strumenti che possono essere utili:

  1. Coltello affilato: Un coltello con una lama lunga e affilata sarà essenziale per tagliare le angurie dalla pianta. Assicurati che il coltello sia ben affilato per un taglio pulito e preciso.
  2. Cesoi pesanti da giardinaggio: Le cesoie pesanti sono ideali per tagliare il gambo dell’anguria dalla vite senza danneggiare il frutto. Assicurati che le cesoie siano robuste e affilate per un taglio netto.
  3. Guanti da giardinaggio: Indossare guanti protettivi durante la raccolta delle angurie può proteggere le mani da eventuali graffi o tagli. Scegli guanti resistenti ma comodi per facilitare il lavoro.
  4. Secchio o cesto: Avrai bisogno di un contenitore adeguato, come un secchio o un cesto, per raccogliere le angurie man mano che le tagli. Assicurati che il contenitore abbia abbastanza spazio per ospitare i frutti.
  5. Cuscini o strofinacci: Posizionare dei cuscini o strofinacci morbidi nel contenitore in modo da proteggere le angurie durante il trasporto e prevenire eventuali danni.

Ricorda di mantenere gli attrezzi puliti e ben conservati per un utilizzo efficiente. Seguendo queste indicazioni e utilizzando gli strumenti adeguati, sarai pronto per raccogliere le angurie nel modo migliore possibile.

Come sceglie l’anguria da cogliere

Imparare a scegliere l’anguria è un compito appassionante per i principianti del giardinaggio. Tuttavia, la chiave per un raccolto delizioso è sapere quando raccogliere l’anguria, e questo dipende da come e quando viene piantata. Se hai coltivato il tuo melone partendo da un seme, dovrai aspettare circa 80 giorni per avere un’anguria matura, e potrai iniziare a controllare la maturazione intorno ai 75 giorni dalla semina.

La pazienza è fondamentale: saprai che i meloni stanno maturando quando il loro profumo dolce riempie l’aria. Per raccogliere l’anguria, lascia circa due pollici di gambo attaccati al frutto. Usa con cautela un coltello affilato o cesoie da giardinaggio per tagliare il melone dalla pianta. Una volta raccolto, puoi conservarlo a temperatura ambiente per circa una settimana o in frigorifero per due settimane.

Qui offriamo cinque suggerimenti da considerare quando cerchi di scegliere un’anguria.

1. Cerca un aspetto uniforme

Anche se le angurie si presentano in varie forme e dimensioni, è consigliabile scegliere un’anguria dalla forma simmetrica, senza irregolarità, ammaccature o tagli. Cerca un’anguria opaca e pesante, poiché questo indica la sua maturità; se è lucida, allora sta ancora maturando.

Le irregolarità e la lucentezza possono indicare che l’anguria non ha ricevuto sufficiente acqua durante la crescita o non è stata impollinata correttamente. Inoltre, tagli e ammaccature significative possono indicare la presenza di insetti o funghi.

D’altra parte, macchie secche causate dall’azione degli agenti atmosferici e ragnatele simili a vene sulla superficie dell’anguria possono indicare un sapore molto dolce. Queste macchie indicano che lo zucchero in eccesso è fuoriuscito dal frutto durante la sua crescita.

2. Verifica il peso delle angurie

Anche le angurie di piccole dimensioni possono essere sorprendentemente pesanti. Quando valuti il peso di un’anguria, desideri che risulti pesante rispetto alle sue dimensioni, indicando che il frutto è ricco di acqua e quindi succoso al punto giusto.

3. La tecnica del tapping

Questo metodo può essere soggettivo, ma è uno dei preferiti dai coltivatori di angurie. Quando si picchietta o si schiaffeggia un’anguria, dovrebbe produrre un suono profondo e pieno, simile a un tenore. Se il frutto suona vuoto, potrebbe essere troppo maturo.

Al contrario, se emette un suono più acuto, potrebbe essere leggermente acerbo. Utilizzare l’udito per valutare la consistenza dell’anguria può essere un’indicazione utile per determinarne il grado di maturazione.

4. Durezza della buccia

Oltre a garantire che l’anguria sia sufficientemente matura per essere raccolta, è importante evitare che diventi troppo matura. Un modo per fare ciò è controllare attentamente la buccia del frutto. Afferrando delicatamente l’anguria con entrambe le mani, esercita una leggera pressione. Un’anguria maturo non dovrebbe cedere facilmente.

Se lo fa, potrebbe indicare che il frutto è troppo maturo. Un altro test utile consiste nel graffiare la buccia con un’unghia: se la pelle si taglia o si rompe facilmente, potrebbe essere un segno che l’anguria è eccessivamente matura.

Quando raccogliere le angurie dall’orto

Quando raccogliere le angurie dall’orto è una fase cruciale per garantire frutti deliziosi e appaganti. L’anguria raggiunge la sua maturazione durante i mesi estivi, ed è importante individuare il momento giusto per la raccolta al fine di godere appieno delle sue qualità. Esistono diversi segnali da tenere in considerazione.

Per ottenere angurie dalla polpa più dolce, è consigliabile ridurre le irrigazioni nella fase finale della maturazione e sospendere l’apporto di acqua quando necessario. Inoltre, per evitare marciumi, si può porre l’anguria su una superficie sollevata come una cassetta o della paglia secca, evitando il contatto diretto con il terreno.

Determinare l’esatto momento in cui staccare l’anguria dalla pianta può essere un’impresa, ma esistono alcuni trucchi utili. Ad esempio, è possibile eseguire una leggera pressione sul frutto: se risponde con una certa resistenza, è probabile che sia pronto per essere raccolto.

Allo stesso modo, un’anguria matura non dovrebbe presentare una buccia facilmente graffiabile o rompibile. Prestare attenzione a questi segnali permetterà di gustare angurie succose e saporite direttamente dall’orto.

Raccolta angurie periodo

La raccolta delle angurie varia a seconda della varietà, ma in generale i frutti possono essere completamente raccolti tra la fine di agosto e la fine di settembre.

Conservazione delle angurie raccolte

La conservazione delle angurie è importante per evitare sprechi e mantenere il frutto fresco e gustoso. Ecco alcuni consigli utili per conservare al meglio le angurie:

  1. Conservazione in frigorifero: Se hai aperto l’anguria e non hai consumato tutto il frutto, puoi conservarla in frigorifero. Dopo aver lavato bene la parte esterna dell’anguria, avvolgila con pellicola trasparente per alimenti per evitare che si ossidi a contatto con l’ossigeno. Puoi conservarla intera o tagliarla a cubetti e metterla in un contenitore di plastica chiuso ermeticamente. Assicurati di sistemarla nella parte più bassa del frigorifero e consumarla entro tre o quattro giorni.
  2. Conservazione nel freezer: Se desideri conservare l’anguria per un periodo più lungo, puoi congelarla. Taglia l’anguria a cubetti e mettila in sacchetti adatti al congelamento. Assicurati di rimuovere l’aria dal sacchetto e sigillarlo bene. Per consumarla, basta tirarla fuori dal freezer qualche minuto prima di servirla.
  3. Conservazione a temperatura ambiente: Se hai un’anguria intera e non l’hai ancora aperta, puoi conservarla a temperatura ambiente. Evita di metterla in frigorifero, poiché potrebbe compromettere il suo valore nutrizionale. Tuttavia, assicurati di consumarla o tagliarla entro due settimane dall’acquisto.
  4. Lavaggio: Prima di conservare l’anguria, è consigliabile lavarla per rimuovere eventuali batteri e mantenere la polpa fresca. Assicurati di asciugarla bene prima di procedere alla conservazione.

Ricorda che la freschezza e il gusto dell’anguria andranno gradualmente persi nel tempo, quindi è meglio consumarla il prima possibile per apprezzarne al massimo le qualità. Seguendo queste indicazioni, potrai conservare le angurie in modo adeguato e goderti il loro sapore rinfrescante anche per un periodo più prolungato.

Approfondimento:

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy