Potatura gelsomino

338
gelsomino

Il gelsomino, molto volubile, sostiene perfettamente le varie operazioni di potatura; mireranno a ramificare una giovane pianta ma anche a ringiovanire questo profumatissimo rampicante con fiori bianchi o gialli.

Per ottenere il miglior risultato possibile dalla coltivazione del gelsomino, è importante seguire alcune linee guida per la potatura.

In generale, è consigliabile effettuare la potatura principale del gelsomino durante la fine dell’inverno, in modo da eliminare tutti i rami secchi e malati e favorire l’apertura di nuove gemme.

Durante la fase di crescita, è importante rimuovere regolarmente i rami che crescono in modo disordinato o che si sovrappongono, per favorire la formazione di una chioma ben distribuita.

Inoltre, è consigliabile tagliare le infiorescenze appena sfiorite, per incentivare la produzione di nuovi fiori.




Se si vuole ottenere una pianta di gelsomino più compatta e rigogliosa, è possibile effettuare una potatura leggera anche durante l’estate. In ogni caso, è importante utilizzare sempre attrezzi ben affilati e disinfettati, per evitare di danneggiare la pianta o di trasmettere malattie.

Potatura gelsomino: Caratteristiche botaniche della pianta

Il gelsomino è una pianta sempreverde originaria del sud Europa, Asia e America, che può avere un portamento arbustivo o rampicante. Viene spesso coltivata in forma rampicante per coprire muri, graticci e pergolati.

Esistono diverse varietà di gelsomino, tra cui il Jasminum Officinale, noto anche come gelsomino comune, che presenta fiori bianchi profumati, il Jasminum Nudiflorum o gelsomino di San Giuseppe, con fiori gialli ascellari non profumati, il Jasminum Primulinum con fiori gialli ascellari non profumati e il Jasminum Grandiflorum, con fiori rosa profumati più grandi.




La potatura del gelsomino ha un effetto estetico, ma anche una funzione di miglioramento delle condizioni della pianta in futuro.

Attrezzatura necessaria per la potatura

Per potare il gelsomino è importante avere a disposizione gli attrezzi adeguati. Innanzitutto, sarà necessario un paio di forbici da potatura, che devono essere ben affilate e a taglio netto per evitare di danneggiare la pianta. Inoltre, è consigliabile avere a disposizione anche un paio di cesoie, che saranno utili per tagliare i rami più grossi o per rimuovere i germogli laterali.

Altri strumenti utili per la potatura del gelsomino sono il tagliasiepi, per rimuovere i rami piccoli e per mantenere la pianta ben sfoltita, e il tronchese, che permette di tagliare i rami con maggiore precisione.




Infine, è importante disinfettare gli attrezzi prima e dopo l’uso, soprattutto se si stanno trattando piante colpite da malattie o parassiti, per evitare la diffusione di questi problemi. Utilizzare alcool o una soluzione di acqua e candeggina è un modo efficace per disinfettare gli attrezzi.

In sintesi gli attrezzi concigliati:

  • Tagliasiepi: per tagliare i rami di piccole e medie dimensioni
  • Cesoie: per tagliare i rami di medie e grandi dimensioni
  • Lame di ricambio: per sostituire le lame consumate o danneggiate
  • Forbici: per tagliare i piccoli rami e le foglie
  • Guanti: per proteggere le mani dai tagli e dai graffi
  • Occhiali protettivi: per proteggere gli occhi dai ramoscelli volanti durante la potatura
  • Fazzoletto o mascherina: per proteggere naso e bocca dalla polvere e dai pollini

Come potare il gelsomino

Per la coltivazione del gelsomino, è importante sapere come e quando potare la pianta. Nel corso dei primi tre anni di vita, è consigliabile accorciare di circa due terzi i rami alla base per favorire la crescita di nuovi getti laterali e definire la forma e il portamento della pianta per il resto della sua vita adulta.

Inoltre, questo tipo di potatura contribuisce ad infoltire la parte inferiore della pianta. Dopo il terzo anno, è possibile rimuovere rami secchi o danneggiati o effettuare una potatura di ringiovanimento, tagliando i rami.




La potatura del gelsomino ha anche una funzione di miglioramento delle condizioni della pianta durante il periodo successivo alla crescita. La tecnica da utilizzare dipende dalla specie di gelsomino: ad esempio, per il gelsomino comune è necessario diradare i rami tagliandoli alla base, mentre per le varietà Nudiflorum e Primulinum è necessario accorciare i rami di due terzi.

Per le specie perenni, invece, è sufficiente tagliare a pochi centimetri dalla base. Per tutte le altre specie di gelsomino, la potatura di ringiovanimento consiste semplicemente nell’eliminare i rami secchi o appassiti.

Quando potare il gelsomino

Quando potare il gelsomino dipende dalla specie coltivata e dal momento in cui fiorisce. In generale, la potatura di formazione e di ringiovanimento dovrebbe essere effettuata in primavera.

Tuttavia, per le specie che fioriscono sui rami dell’anno precedente, la potatura dovrebbe essere eseguita due settimane prima della fioritura, mentre per le specie che fioriscono sui rami dell’anno, la potatura dovrebbe essere eseguita dopo la fioritura, a fine inverno, cioè all’inizio della stagione vegetativa.




È importante evitare di potare il gelsomino in autunno.

  • Nel nord Italia, il periodo migliore per eseguire la potatura di formazione del gelsomino è la primavera, quando la pianta è ancora giovane e si trova in piena fase di crescita. In questo periodo, è possibile intervenire per modellare la forma della pianta e favorire la comparsa di nuovi getti laterali. La potatura di ringiovanimento, invece, può essere effettuata a fine inverno, quando la pianta si trova ancora in riposo vegetativo. In entrambi i casi, è importante utilizzare attrezzi da potatura affilati e disinfettati per evitare di danneggiare la pianta o di trasmettere patogeni. Inoltre, è sempre consigliabile evitare la potatura autunnale del gelsomino, poiché questa operazione potrebbe indebolire la pianta e comprometterne la fioritura.
  • Nel sud Italia va da fine inverno a inizio primavera. Tuttavia, è importante considerare anche la varietà di gelsomino che si sta coltivando, poiché alcune specie fioriscono sui rami dell’anno precedente mentre altre fioriscono su quelli dell’anno. Nel caso delle specie che fioriscono sui rami dell’anno precedente, la potatura va effettuata almeno due settimane prima della fioritura, mentre per quelle che fioriscono sui rami dell’anno, la potatura va effettuata dopo la fioritura, a fine inverno o all’inizio della stagione vegetativa. È sempre consigliabile evitare la potatura autunnale del gelsomino, poiché potrebbe indebolire la pianta in vista dell’inverno.

Parassiti e malattie del gelsomino

Il gelsomino è una pianta molto resistente, tuttavia può essere soggetta ad attacchi di parassiti o ad alcune malattie. Uno dei parassiti più comuni è il ragnetto rosso, un insetto minuscolo che può causare la comparsa di macchie su foglie e fiori.

Si può intervenire spruzzando un insetticida o rimuovendo manualmente gli insetti. Altri parassiti comuni sono gli afidi, che si nutrono delle sostanze nutritive delle foglie, e le cocciniglie, insetti che si nascondono sotto le foglie e secernono una sostanza appiccicosa.

Anche in questo caso, si può intervenire con l’utilizzo di insetticidi o rimuovendo manualmente gli insetti.




Il gelsomino può anche essere colpito da alcune malattie, come la ruggine, un fungo che si manifesta con la comparsa di macchie giallastre su foglie e fiori, o il marciume radicale, causato da un eccesso di umidità che può portare alla morte della pianta.

Per prevenire queste malattie, è importante mantenere la pianta in un ambiente ben ventilato e assicurarsi di non bagnare eccessivamente il terreno.

Potatura gelsomino: Conclusioni

La potatura del gelsomino è un’attività molto importante per la salute e la bellezza della pianta. È importante scegliere il momento giusto per potare, in modo da non danneggiare la pianta e favorire la crescita di nuovi germogli.

Inoltre, è fondamentale utilizzare attrezzi adeguati e ben affilati per eseguire la potatura in modo preciso e pulito, evitando di lasciare ferite aperte sulla pianta che potrebbero diventare punti di ingresso per parassiti e malattie.

È anche importante saper riconoscere i segnali di parassiti e malattie del gelsomino e intervenire tempestivamente per evitare danni irreversibili alla pianta. Con una buona cura e una regolare potatura, il gelsomino può regalare fiori e profumo per molti anni.

Articolo correlato:



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close