fbpx

Potatura crisantemi: Come e quando farla

1.6K

Se si vuole contenere la crescita eccessiva, il periodo migliore è la primavera avanzata, quando le gemme cominciano il loro sviluppo. Per incrementare la ramificazione e la fioritura, invece, è preferibile intervenire all'inizio dell'estate, eliminando i fiori appassiti. Per stimolare una seconda fioritura in autunno, la potatura andrà fatta a metà estate, accorciando tutti gli steli di 10-15 cm. Infine, per preparare la pianta al riposo invernale, bisognerà effettuare un'ultima potatura verso ottobre-novembre, tagliando gli steli a 5 cm dal terreno. In sintesi, la potatura dei crisantemi richiede interventi periodici durante tutto l'arco dell'anno.

I crisantemi sono una pianta molto popolare nei giardini autunnali. Mentre il ciclo di fioritura di molte altre piante è già terminato in questo periodo dell’anno, i crisantemi possono regalare uno straordinario spettacolo floreale per settimane, fino all’arrivo del gelo. Questi fiori classici si adattano a qualsiasi giardino e sono disponibili in una varietà di dimensioni e colori. La potatura corretta dei crisantemi è fondamentale per garantire che rimangano sani e vigorosi.

Questa guida passo passo aiuta il lettore a potare i propri crisantemi in modo semplice e sicuro. Si imparano le migliori tecniche di decapitazione, riduzione degli steli e modellazione delle piante per migliorarne la salute e la bellezza. Con pochi e semplici consigli, è possibile potare facilmente ed ottenere fioriture sane e rigogliose per tutta la stagione.

Benefici della potatura dei crisantemi

  • Il vantaggio più ovvio e immediato della potatura dei crisantemi è che favorisce la nuova crescita e la produzione di fiori. Questo allungherà la vita delle piante, permettendovi di godere più a lungo delle belle fioriture. Inoltre, potando i crisantemi in modo diverso, potrete godere di fiori in diversi periodi dell’anno.
  • Potando regolarmente i vostri crisantemi, contribuirete a ridurre il rischio di malattie. La potatura stimola le difese naturali della pianta, tenendo lontani parassiti e malattie. Inoltre, può migliorare la circolazione dell’aria intorno alle piante, il che è particolarmente importante se si coltivano i crisantemi in casa.
  • Mantenere un programma di potatura regolare contribuirà a mantenere le piante sane e belle. La decapitazione (rimozione dei capolini appassiti) e la rimozione del fogliame malato o danneggiato impediranno la diffusione di malattie al resto della pianta.

Quando potare i crisantemi

I periodi migliori per potare i crisantemi sono fine maggio e metà agosto. Per la cimatura, invece, bisogna attendere che i fiori siano completamente appassiti, solo allora si possono spuntare gli steli.

Come potare i crisantemi

Per i crisantemi in piena terra, è consigliabile potare gli steli appena sotto i boccioli appena formati. In questo modo la pianta reagirà facendo crescere nuovi germogli dalla parte potata. Anche per i crisantemi in vaso, potate quando iniziano a formarsi i boccioli, mantenendo il terreno leggermente umido se compaiono prima che si sia asciugato. Potate anche se le piante appaiono rade e poco rigogliose, spesso perché troppo vicine tra loro. Tagliando le cime si incentiva la crescita di nuovi rami rendendole più cespugliose.

Per mantenere sane le piante, eliminate i fiori appassiti con la decapitazione, questo evita la diffusione di malattie e favorisce lo sviluppo di nuovi boccioli. Se gli steli sono troppo legnosi, accorciateli di circa 15 cm dal suolo per rinvigorire la crescita ed evitare un aspetto spelacchiato. Per preservare la forma, potate anche i germogli laterali se troppo lunghi.

Potatura dei crisantemi in piena terra

  • Per prima cosa, eliminate il fogliame malato o danneggiato. Tagliate i fiori appassiti appena sotto il bocciolo per evitare la diffusione di malattie.
  • Riducete le cime delle piante all’altezza desiderata. Se le piante sono diventate leggere, tagliate le cime delle piante a circa 15 cm da terra.
  • Potete anche potare i germogli laterali per mantenere la forma della pianta.

Potatura dei crisantemi in vaso

  • Per prima cosa, eliminate il fogliame malato o danneggiato. Tagliate i fiori appassiti appena sotto il bocciolo per evitare la diffusione di malattie.
  • Riducete le cime delle piante all’altezza desiderata. Se le piante sono diventate leggere, tagliate le cime delle piante a circa 15 cm da terra.
  • Potete anche potare i germogli laterali per mantenere la forma della pianta.

Potatura dei crisantemi dopo la fioritura

  • Se gli steli dei vostri crisantemi sono diventati leggeri, tagliate le cime delle piante a circa 15 centimetri da terra.
  • Tagliate i germogli laterali delle piante a circa 5 cm da terra.

Attrezzatura per la potatura

  • Forbici da potatura: Le forbici da potatura sono un elemento essenziale dell’attrezzatura da giardino e sono perfette per la potatura dei crisantemi. Assicuratevi di scegliere un paio di forbici adatte alle dimensioni delle vostre mani e al tipo di piante che state potando.

Consigli utili per la potatura

Il consiglio più importante per eseguire correttamente la potatura dei crisantemi è tagliare gli steli al di sopra di una gemma o di un nodo. In questo modo si incoraggia la nuova crescita dai nodi e si riduce il rischio di malattie, eliminando i potenziali punti di infezione. Nel potare bisogna sempre utilizzare strumenti ben affilati e disinfettati.

La potatura regolare dei crisantemi ne migliora la salute e ne prolunga la fioritura. Riduce inoltre il rischio di malattie e mantiene il giardino ordinato e bello. È importante potare i crisantemi in modi diversi a seconda del periodo di fioritura, in questo modo si prolunga la durata della fioritura, potendo godere più a lungo dello splendido spettacolo floreale.

Propagazione dei crisantemi

I crisantemi possono essere coltivati a partire dai semi, ma questo metodo è spesso poco efficace poiché molte varietà di crisantemi sono sterili. Un metodo di propagazione più comune è la talea, che prevede il taglio di rametti semi-legnosi all’inizio della primavera o il prelievo del materiale durante la prima potatura.

Le talee possono essere messe a radicare in cassoni pieni di sabbia a circa 16°C. I crisantemi sono piante molto durature e possono vivere anche per due decenni. Tuttavia, temono di essere troppo affollate, quindi è importante diradarle trasferendo o rimuovendo le piante che sono in difficoltà, poiché non è possibile dividere la zolla come si farebbe con altre piante erbacee.

Conclusioni

I crisantemi sono un classico di ogni giardino e sono disponibili in una varietà di dimensioni e colori. La corretta potatura dei crisantemi è essenziale per garantire che rimangano sani e vivaci. Questa guida passo passo vi aiuterà a potare i vostri crisantemi con facilità e sicurezza.

Imparerete le tecniche migliori per la decapitazione, la riduzione dello stelo e la modellazione della pianta per migliorare la salute e la bellezza dei vostri crisantemi. Con alcuni semplici consigli e trucchi, potrete potare facilmente i vostri crisantemi per ottenere fioriture sane e belle per tutta la stagione.

Articoli correlati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy