Potatura cappero, come eseguirla correttamente per una crescita rigogliosa

5.4K
potare

La potatura dei capperi ha lo scopo di mantenere compatta la chioma e stimolare la crescita di nuovi getti fruttiferi. Si effettua dopo la fioritura eliminando i rami secchi e contenendo quelli troppo lunghi, in modo da preservare la pianta sana e produttiva nel tempo.

La potatura è una pratica fondamentale per coltivare il cappero in modo sano e produttivo. Attraverso tagli mirati si stimola la fruttificazione, si mantiene l’equilibrio vegetativo e si favorisce il rinnovo dei rami.

In questa guida vi svelo tutti i segreti di una corretta potatura del cappero, sia se coltivato in orto o in vaso. Imparerete quando intervenire durante l’anno, gli attrezzi più adatti ed eventuali errori da evitare. Scoprirete le tecniche di potatura di allevamento necessarie nei primi anni di vita e quelle di produzione per piante adulte.

Vi spiegherò anche come concimare dopo la potatura e come disinfettare gli attrezzi per prevenire malattie. Grazie ai miei consigli collaudati potrete eseguire una potatura perfetta ed ottenere piante di cappero sane, produttive e ricche di buonissimi boccioli!

Quando effettuare la potatura del cappero per stimolare la fruttificazione

La potatura del cappero va effettuata a fine inverno, indicativamente tra febbraio e marzo prima della ripresa vegetativa, quando la pianta è ancora in riposo. Questo è il momento migliore per asportare i rami non produttivi e stimolare l’emissione di nuovi germogli che daranno fiori e boccioli nella stagione successiva.

Si può effettuare anche una potatura verde dopo la raccolta dei boccioli, tagliando i rami che hanno fruttificato per favorire lo sviluppo di nuove gemme a fiore. Operando nel periodo giusto, la potatura favorirà un’abbondante fruttificazione annuale.

Attrezzi e modalità adatte per potare il cappero senza danneggiarlo

Per potare il cappero senza causare danni, servono forbici da potatura ben affilate o un seghetto. Optate per tagli obliqui subito sopra un nodo, evitando di lasciare monconi. Asportate alla base i rami secchi o malati disinfettando le lame.

Potate leggermente per non stimolare un eccessivo sviluppo vegetativo a discapito della fioritura. Mantenete la forma naturale a cespuglio intervenendo con tagli mirati solo dove necessario. Operate con delicatezza per non compromettere la gemmazione: un cappero potato male fiorirà poco o niente.

Concimazione dopo la potatura del cappero per favorire la ripresa vegetativa

Dopo la potatura è consigliabile concimare il cappero con fertilizzanti specifici per favorire una rigogliosa ripresa vegetativa. Prediligete concimi a lenta cessione o organici, come il pellettato o il guano, che apportino gradualmente azoto, fosforo e potassio.

Lo starter è utile per stimolare la radicazione ed evitare stress da trapianto. In primavera, somministrate concimi per piante da fiore, ricchi di fosforo e potassio che stimolano la fioritura. Apporti mirati di fertilizzanti nella fase post-potatura aiuteranno il cappero a emettere nuovi germogli sani e produttivi.

Potatura di allevamento del cappero nei primi anni per ottenere una forma equilibrata

Nei primi 2-3 anni di vita è importante eseguire una corretta potatura di allevamento per impostare una forma equilibrata al cappero. Accorciate il fusto principale per stimolare lo sviluppo di rami laterali, incidendo subito sopra un nodo. Asportate alla base i polloni e i rami deboli o mal posizionati.

Mantenete una forma a cespuglio aperto, potando leggermente per evitare eccessiva vegetazione. Negli anni successivi, contenete lo sviluppo in larghezza e altezza con tagli di ritorno. Una buona potatura di allevamento è indispensabile per ottenere un cappero adulto sano, produttivo e di bell’aspetto.

Potatura di produzione per il cappero adulto: come stimolare fruttificazione abbondante

Giunto a maturità, il cappero necessita di una annuale potatura di produzione per stimolare l’abbondante fruttificazione. Tagliate alla base i rami che hanno fruttificato nella stagione precedente: questo favorirà lo sviluppo di nuove gemme a fiore. Accorciate leggermente i rami che hanno fruttificato meno per rinnovarli.

Asportate vegetazione debole o malata. Contenete la crescita laterale per mantenere l’equilibrio della chioma. Una corretta potatura di produzione garantirà al cappero adulto il giusto rapporto tra vigoria vegetativa e capacità riproduttiva.

Ripulitura del cappero dopo la raccolta dei boccioli con taglio di rami improduttivi

Subito dopo la raccolta dei prelibati boccioli, il cappero va ripulito con alcuni tagli mirati, per eliminare parti secche o improduttive. Utilizzando forbici affilate, asportate i rami che non hanno prodotto fiori o boccioli, tagliando alla base.

In questo modo stimolerete l’emissione di nuovi germogli per la stagione successiva. Potete anche accorciare parte dei rami che hanno fruttificato meno. Questa ripulitura post-raccolta assicurerà un buon equilibrio vegeto-produttivo e rinnoverà la chioma del cappero.

Errori da evitare nella potatura del cappero per non compromettere la fioritura

Per non pregiudicare la fioritura del cappero, evitate potature drastiche che asportano molta vegetazione. Non accorciate eccessivamente i rami, altrimenti si svilupperanno solo foglie a scapito dei fiori. Non effettuate tagli lasciando monconi: vanno eseguiti subito sopra un nodo. Evitate di potare in periodi troppo freddi.

Non lasciate rami secchi o malati che possono propagare infezioni. Infine, disinfettate sempre gli attrezzi per scongiurare la diffusione di patogeni. Con piccoli accorgimenti e tagli ponderati, la potatura favorirà una rigogliosa fioritura anziché comprometterla.

Malattie del cappero che si propagano con gli attrezzi di potatura e come disinfettarli

Gli attrezzi non disinfettati possono veicolare malattie come muffa grigia, mal bianco e cercosporiosi. Dopo ogni taglio su piante infette, sterilizzateli con sali quaternari di ammonio o amuchina. A fine potatura, immergete forbici e seghetti in una soluzione diluita di ipoclorito di sodio per almeno 20 minuti. Sciacquate e lasciate asciugare all’aria aperta.

Un’alternativa è la disinfezione a vapore: esponete gli attrezzi per almeno 30 secondi a getti di vapore a 100°C. Con queste semplici procedure igienizzanti potrete prevenire efficacemente la diffusione di pericolosi patogeni attraverso gli attrezzi di potatura. Il cappero vi ringrazierà con una crescita rigogliosa e una produzione abbondante di boccioli!

Approfondimento:

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy