Potare la lavanda

292
lavanda

La lavanda ( Lavandula angustifolia ) è un sub-arbusto le cui foglie sono aromatiche ei fiori particolarmente profumati e melliferi. Perfettamente resistente, la lavanda rimane a lungo sul posto a condizione che venga potata correttamente al momento giusto per mantenere un portamento estetico.

Una potatura annuale è un passaggio importante per piante di lavanda di lunga durata ( Lavandula spp.e ibridi).

Senza di esso crescono una base ampia, allampanata e legnosa che può aprirsi in due – ha un brutto aspetto e accorcia la durata della vita della pianta.




Ecco come potare la lavanda in modo che abbia un bell’aspetto (e un profumo) anno dopo anno.

Come potare le nuove piante di lavanda

Inizia a potare la lavanda quando è piccola per incoraggiare la tua nuova pianta a concentrarsi sulla produzione di più radici e steli ramificati, il che si tradurrà in una bella abitudine montata in seguito.

La linea tratteggiata nell’illustrazione sopra mostra come tagliare il fogliame e tutti i fiori da un terzo a metà prima di piantare.




Con gli steli esterni leggermente più corti di quelli centrali, la pianta avrà fin dall’inizio un’abitudine di crescita a tumulo. Potresti ottenere una leggera rifioritura. Vai avanti e rimuovi anche quelli.

Come potare la lavanda consolidata

La lavanda cresce rapidamente, quindi entro il secondo anno, la pianta dovrebbe essere grande circa il doppio e pronta per la potatura una volta che i fiori sono esauriti (o taglia i fiori mentre sono ancora freschi e fai un lussuoso scrub allo zucchero di lavanda! ).

Segui questi semplici passaggi per mantenere la tua lavanda perfetta per gli anni a venire.

Potatura graduale della lavanda

1. Cerca il legno

Trova la base legnosa della tua pianta di lavanda: è il punto in cui la morbida crescita verde incontra il fusto legnoso.

2. Potare la crescita morbida

Seguire lo stelo da 2 a 3 pollici dalla parte legnosa dello stelo contrassegnata nell’illustrazione e rimuovere il resto.




3. Dai forma alla pianta

Per mantenere la tua lavanda in crescita in un’abitudine ordinata, pota i gambi di lavanda come mostra l’illustrazione con i gambi esterni più in basso rispetto al centro.

4. Varietà rifiorenti Deadhead

Ottieni una seconda ondata di fioriture più velocemente sulle varietà rifiorenti con deadheading. Per fare ciò, segui lo stelo fino alla prima serie di foglie e taglialo via. Non tagliare quanto hai fatto durante la potatura.

Potatura lavanda: Cosa non fare

Ci sono alcune cose che vuoi evitare quando poti la lavanda.




  • Non tagliare gli steli legnosi: non ricresceranno molto bene, se non del tutto.
  • Non rimuovere più fogliame di quanto raccomandato sopra. Questo stressa la pianta e spesso la uccide.
  • Non potare la lavanda dopo la fine di agosto. Ciò incoraggia una nuova crescita tenera che verrà uccisa dal freddo invernale, indebolendo la pianta in modo che possa non superare un’altra stagione. Se dimentichi, aspetta fino alla primavera, quando la crescita del fogliame è appena iniziata.

Come essiccare la lavanda?

Una volta potati gli steli fiorali, occorre prepararli per l’essiccazione. Ordinali per evacuare eventuali erbacce e steli di fiori appassiti.

Fare dei piccoli mazzi legati con un rametto di rafia e appenderli all’ombra sotto un riparo ben ventilato, soprattutto non alla luce diretta del sole.

La lavanda asciuga molto velocemente: dopo una decina di giorni potrete recuperare i mazzetti essiccati per farne una decorazione oppure dovrete staccare tutti i fiorellini per riempire i sacchetti di stoffa che nasconderete nei mucchi di biancheria nei vostri armadi per profumare e respingere le tarme.

Articoli correlati:



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close