fbpx

Portinnesti per agrumi: Guida alla scelta perfetta per clementine, limoni e arance

236

L'innesto consente di unire la qualità di un nesto pregiato con la robustezza di un portinnesto resistente. In questo modo si ottengono piante produttive, di qualità e con taglia controllata. L'innesto anticipa l'entrata in produzione rispetto alle piante franche. La scelta di portinnesti immuni o tolleranti previene molte malattie.

Gli agrumi sono piante che necessitano di portinnesti robusti e resistenti per crescere rigogliosi e produrre frutti di qualità. La scelta del portinnesto più adatto è una decisione cruciale che condizionerà tutta la vita e la produttività della pianta. I portainnesti più utilizzati e affidabili per gli agrumi sono Arancio amaro, Arancio trifogliato, Citrange, Citrus volkameriana e Alemow.

Ognuno presenta caratteristiche specifiche adatte ai diversi tipi di agrume e terreno. In questo articolo faremo una panoramica dettagliata di ogni portinnesto, spiegando le sue proprietà, i punti di forza e quando utilizzarlo. Una guida essenziale per scegliere il giusto abbinamento portinnesto-varietà e ottenere piante di agrumi longeve e produttive.

I portainnesto si distinguono in franco, clonale e da seme

portinnesti per gli agrumi si possono distinguere principalmente in tre categorie: franco, clonale e da seme.

  • Il portinnesto franco deriva da seme della stessa specie del nesto, garantendo poche problematiche di compatibilità e producendo piante vigorose ma con fruttificazione ritardata.
  • Il clonale invece deriva da una selezione e riproduce le caratteristiche della pianta madre, venendo catalogato con una sigla.
  • L’innesto da seme proviene da un seme qualsiasi ed è meno affidabile per compatibilità, basandosi più sull’esperienza.

Per una buona riuscita è cruciale la reciprocità e affinità botanica tra portinnesto e nesto. In generale è preferibile attenersi alle combinazioni collaudate, perché valutare anticipatamente l’affinità non è sempre facile.

Portainnesto per agrumi

portainnesti più usati per gli agrumi sono:

  • Arancio amaro: il più diffuso, è vigoroso e resiste al freddo, ma soffre i terreni argillosi. Adatto a molte specie.
  • Arancio trifogliato: rustico e resistente a freddo e nematodi, è ottimo per arancio dolce. Teme i terreni calcarei.
  • Citrange: incrocio tra arancio trifogliato e dolce, resiste al freddo ed è ideale per arancio e mandarino.
  • Citrus volkameriana: selezionato dall’Istituto di Acireale, è consigliato per i limoneti dato che resiste al mal secco. Evitare i terreni pesanti.
  • Alemow: anch’esso indicato per il limone, è produttivo e più precoce nella fruttificazione dell’amaro.

Conoscere le caratteristiche di ogni portinnesto è cruciale per scegliere il più adatto in base alla specie di agrume che si coltiva e al tipo di terreno. Affidarsi alle varietà più collaudate per la specie garantisce piante longeve e produttive.

Quali sono le combinazioni collaudate tra portainnesto e varietà di agrume?

Tra i portainnesti e le varietà di agrumi esistono delle combinazioni ormai collaudate che garantiscono le migliori performance:

  • Per arancio dolce le scelte migliori sono Arancio Trifogliato e Citrange Carrizo, che conferiscono elevata produttività e qualità.
  • Per mandarinoclementine e ibridi, eccellenti risultati si ottengono con Citrange Carrizo e Troyer, rustici e produttivi.
  • Il limone ha il suo abbinamento ideale con Alemow e Citrus Volkameriana, che inducono fruttificazione abbondante e precoce.
  • Per il pompelmo tra i portinnesti consigliati ci sono l’Arancio Trifoliato e il Citrange Carrizo.
  • Per bergamotto, chinotto, cedro le combinazioni migliori sono con Arancio Amaro e Citrange Troyer.

Rispettare questi accoppiamenti, frutto dell’esperienza di vivaisti e agronomi, è la scelta vincente per ottenere piante di agrumi dalle ottime performance produttive e qualitative. Le affinità collaudate sono garanzia di successo.

Quali sono i portinnesti consigliati per i limoni?

Quando si tratta di scegliere il portinnesto per il limone, la prima opzione da considerare è sicuramente l’Alemow, che garantisce piante molto produttive, con fruttificazione abbondante e precoce. Un’altra scelta eccellente è il Citrus Volkameriana, anch’esso molto adatto al limone grazie alla sua resistenza al mal secco e alla tolleranza al freddo. Tra i portinnesti tradizionali troviamo l’Arancio amaro, robusto e vigoroso ma che teme i ristagni idrici. Infine, validi portainnesti per il limone sono anche il Citrange Carrizo e il Citrus Macrophylla, con qualche accortezza rispettivamente per i terreni calcarei e i ristagni d’acqua.

Quali sono i portinnesti consigliati per arance?

Il primo della lista deve essere l’Arancio trifogliato, la scelta migliore per coniugare vigoria, produttività e qualità dei frutti. Viene ampiamente utilizzato negli aranceti grazie alla sua resistenza al freddo e ai terreni calcarei. Una valida alternativa è il Citrange Carrizo, altrettanto affidabile e produttivo per l’arancio dolce, con la caratteristica di tollerare bene i terreni salini. Tra i portinnesti tradizionali c’è l’Arancio amaro, robusto ma meno produttivo del trifogliato. Il Citrumelo Swingle e il Poncirus trifoliata possono essere delle opzioni, rispettivamente per la resistenza ai nematodi e al freddo, ma con qualche limite produttivo.

Quali sono i portinnesti consigliati per mandarini?

I più indicati sono il Citrange Carrizo e il Citrange Troyer. Entrambi conferiscono elevata produttività e ottima qualità ai frutti. Sono molto rustici e resistono bene al freddo. Anche l’Arancio trifogliato è un’opzione valida, garantisce buona affinità e vigoria alle piante. L’Arancio amaro viene sconsigliato perché induce bassa produttività. Per le varietà precoci di mandarino, si può optare per portinnesti deboli come il Citrange macrophylla, che anticipano la fruttificazione. In ogni caso, per un mandarineto produttivo e qualitativo la scelta migliore ricade sul Citrange Carrizo o Troyer.

Letture correlate:

Unisciti alla conversazione

  1. Complimenti, articolo molto interessante. Vorrei chiedervi quali sono le caratteristiche del portainnesto Alemow?

    1. L’Alemow viene particolarmente raccomandato per il limone in quanto induce un’elevata produttività e una fruttificazione abbondante e precoce. Si adatta molto bene a questa specie, garantendo alberi vigorosi e frutti di ottima qualità. Resiste bene alla siccità ed è quindi indicato per le aree dal clima caldo e arido. Un altro suo punto di forza è che non teme particolarmente nessun tipo di terreno, anche se predilige quelli sciolti o di medio impasto per un migliore sviluppo dell’apparato radicale. Complessivamente l’Alemow è la scelta ideale per avere limoni produttivi e di qualità.

  2. Anche io avrei una domanda, spero che possiate rispondermi alla seguente: cosa significa che il portainnesto Citrus volkameriana conferisce resistenza al mal secco?

    1. Il mal secco è una temibile malattia funginea che colpisce gli agrumi, causata dal fungo Phoma tracheiphila. Si manifesta con l’essiccazione dei rami e una rapida morte della pianta. Dire che il portinnesto Citrus volkameriana conferisce resistenza al mal secco significa che questo portinnesto possiede caratteristiche genetiche che gli consentono di limitare o impedire l’infezione da parte del patogeno responsabile della malattia. In particolare, il Citrus volkameriana presenta meccanismi di difesa della pianta più efficaci nel bloccare la colonizzazione dei tessuti da parte del fungo e nel confinare l’infezione. Innestando la varietà di agrume su questo portinnesto resistente, si ottiene quindi una pianta con maggiore tolleranza al mal secco. Utilizzare portinnesti resistenti è una strategia chiave nella difesa preventiva degli agrumi dalle principali avversità parassitarie come appunto il mal secco. Il Citrus volkameriana rappresenta uno dei portinnesti più adatti per controllare questa temibile fitopatia.

  3. Quali sono le condizioni ideali di terreno per il portainnesto Arancio amaro?

    1. L’Arancio amaro predilige terreni di medio impasto, quindi di tessitura franco-sabbiosa o franco-limosa, mentre soffre molto i suoli argillosi e pesanti dove tende ad asfissiarsi. Necessita inoltre di un buon drenaggio, dato che è molto sensibile ai ristagni idrici; i terreni devono quindi essere ben drenati e privi di zone dove l’acqua può stagnare. Per quanto riguarda il pH, l’Arancio amaro preferisce valori leggermente acidi intorno a 6-6,5 e non tollera eccessiva alcalinità. Anche un’elevata presenza di calcio è da evitare, prediligendo suoli non troppo calcarei. Infine, la presenza di buoni livelli di sostanza organica ben umificata è apprezzata da questo portinnesto. Riassumendo, fornire all’Arancio amaro un terreno franco, acido, ben drenato e con un moderato contenuto di calcare e sostanza organica consente una crescita e una produttività ottimali.

  4. Qual è il miglior portinnesto per gli agrumi da coltivare in vaso?

    1. Per la coltivazione di agrumi in vaso, il portinnesto più indicato è il Citrus volkameriana. Questo portinnesto induce un apparato radicale più contenuto e quindi si adatta meglio allo spazio limitato di un vaso. Inoltre è compatto, vigoroso e fruttifica abbondantemente anche in spazi ristretti.

  5. I portainnesti per agrumi sono compatibili con tutti i tipi di terreno?

    1. No, alcuni portainnesti hanno specifiche esigenze rispetto al terreno. Ad esempio l’Arancio amaro soffre i suoli pesanti e argillosi, il Citrange Carrizo preferisce terreni non calcarei, mentre il Citrumelo swingle è tollerante alla salinità. Bisogna scegliere il portinnesto adatto al proprio tipo di terreno.

  6. Ci sono portainnesti che anticipano la maturazione dei frutti?

    1. Sì, alcuni portinnesti come l’Alemow e il Citrange Troyer tendono ad anticipare leggermente la maturazione dei frutti rispetto ad altri portinnesti più vigorosi. Per varietà precoci di mandarini si usa anche il Citrus macrophylla.

  7. Con quale portinnesto si ottiene maggiore produttività del limone?

    1. Per una elevata produttività del limone, il portinnesto migliore è l’Alemow, che induce fruttificazione abbondante e costante negli anni. Anche il Citrus volkameriana garantisce ottime rese produttive.

  8. Perché è meglio usare portinnesti resistenti al mal secco?

    1. I portinnesti resistenti, come il Citrus volkameriana, limitano o impediscono l’infezione da mal secco grazie a efficaci meccanismi di difesa della pianta. Innestare la varietà di agrume su questi portinnesti fornisce tolleranza a questa temibile malattia fungina. Qui: https://quandosipianta.it/malattie-degli-agrumi/ puoi trovare una guida sulle malattie più comuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy