fbpx

Pomodori innestati: Il segreto per una coltivazione di successo!

2.3K
innesto

Vuoi raccolti straordinari di pomodori nostrani quest'anno? Prova le piante di pomodoro innestate ! Queste piante attentamente sviluppate e altamente produttive sono molto più avanti in termini di vigore e resa. Che tu preferisca minuscole varietà di ciliegie, pomodori da insalata regolari o bistecche giganti e carnose, ecco tutto ciò che devi sapere sui pomodori innestati e su come ottenere il massimo da loro.

I pomodori innestati sono il risultato dell’unione di due piante di pomodoro, e la pianta che ne deriva incorpora i vantaggi di entrambi i suoi “genitori”. Questa tecnica, sebbene da lungo tempo utilizzata nell’orticoltura, negli ultimi anni è diventata una preziosa risorsa nella gestione delle malattie del pomodoro.

Di solito, almeno una delle varietà di pomodoro selezionate per l’innesto presenta un’eccezionale resistenza alle malattie, spesso essendo un ibrido. I pomodori da innesto sono stati ampiamente coltivati nelle serre europee e asiatiche.

Questo metodo consente agli agricoltori di coltivare pomodori più sani e resistenti alle malattie, contribuendo a migliorare la produzione e la qualità dei frutti.

Cos’è una pianta di pomodoro innestata?

Quando si parla di piante di pomodoro innestate, si fa riferimento al processo di fusione del resistente portainnesto di una pianta di pomodoro con la parte superiore in crescita di un’altra varietà. Questa combinazione crea una pianta che beneficia dell’energico sistema radicale della pianta portainnesto, fornendo un notevole impulso alla varietà superiore selezionata per il suo sapore eccezionale.

Grazie a questa tecnica, la resa dei frutti aumenta in modo significativo, garantendo una produzione abbondante e di alta qualità. L’innesto delle piante di pomodoro è diventato una pratica ampiamente utilizzata dagli agricoltori per ottenere piante più vigorose, resistenti e produttive, offrendo frutti deliziosi che soddisfano le esigenze dei consumatori.

Vantaggi dei pomodori innestati

Gli esemplari vegetali sono selezionati e coltivati per manifestare tolleranza nei confronti dello stress termico, sia quando le temperature sono eccessivamente alte che quando sono eccessivamente basse. Inoltre, sono allevati per sviluppare una maggiore resistenza alle malattie.

Queste piante sono in grado di sopportare l’irrigazione eccessiva o le inondazioni senza subire danni significativi. In aggiunta, sono adattati a sopravvivere in ambienti caratterizzati da un’elevata salinità. Come beneficio aggiuntivo, questi pomodori presentano frutti di dimensioni più grandi e una maggiore produttività.

La ridotta esposizione allo stress e alle malattie favorisce l’assorbimento dei nutrienti da parte delle piante, consentendo loro di concentrare la propria energia sulla produzione di frutti di qualità superiore.

Anatomia di un pomodoro innestato

Il ceppo, noto anche come portainnesto, rappresenta la porzione sotterranea della pianta di pomodoro che viene utilizzata per l’innesto grazie alle sue radici. Questa varietà viene selezionata per l’innesto in virtù della sua resistenza a patogeni fungini, batterici, virali e nematodi, che comprendono malattie fastidiose come la peronospora precoce, la peronospora, la macchia di foglie gialle, l’appassimento di Verticillium, l’appassimento di Fusarium e l’appassimento batterico. Spesso, i pomodori ibridi rappresentano la scelta preferita come portainnesto, poiché sono stati appositamente allevati per offrire una significativa resistenza alle malattie.

La marza, invece, costituisce la parte aerea della pianta di pomodoro utilizzata nell’innesto, comprensiva di steli, foglie, fiori e frutti. Questa varietà viene selezionata per l’innesto in base alle sue qualità di fruttificazione. I cimeli rappresentano una preferenza comune, soprattutto tra i giardinieri appassionati, poiché sono caratterizzati da un gusto particolare e distintivo.

Come si innestano le piante di pomodoro?

Le piante di pomodoro vengono innestate mediante l’utilizzo di due diverse piante coltivate contemporaneamente. Una di queste è una varietà fruttifera gustosa, utilizzata per la parte superiore, mentre l’altra è un portainnesto estremamente resistente, utilizzato per la parte inferiore. Con grande abilità e precisione, le cime delle varietà fruttifere e il robusto portainnesto vengono attentamente rimossi manualmente, grazie all’utilizzo di una lama affilata, in modo da ottenere tagli inclinati su ogni stelo. Successivamente, la parte inferiore del portainnesto e la parte superiore della pianta fruttifera vengono unite tramite un’innesto, tenute insieme da una speciale clip che si stacca naturalmente mentre le due sezioni del fusto si fondono e la pianta continua a crescere.

Durante l’innesto, il portainnesto viene tagliato sopra la prima vera foglia, appena sopra le foglie iniziali chiamate “cotiledoni”. Questa tecnica inganna la giovane pianta facendole credere di essere più matura di quanto sia in realtà. Di conseguenza, la pianta di pomodoro inizia a produrre i suoi frutti in anticipo e su posizioni più basse lungo il fusto, garantendo un rendimento ancora più elevato.

Perché coltivare piante di pomodoro innestate?

La coltivazione delle piante di pomodoro innestate offre una serie di vantaggi che includono:

  1. Un numero maggiore di 6-8 tralci per ogni singola pianta.
  2. Un aumento fino al 75% nella produzione di frutti rispetto alle piante di pomodoro tradizionali.
  3. Un periodo di fruttificazione anticipato e prolungato.
  4. Una resa complessiva più elevata.
  5. Una maggiore resistenza ai parassiti e alle malattie del suolo.
  6. Una migliore capacità di adattamento alla coltivazione all’aperto rispetto alle piante di pomodoro non innestate.

Questi benefici rendono la coltivazione delle piante di pomodoro innestate una scelta vantaggiosa per gli agricoltori e i giardinieri, consentendo loro di ottenere una maggiore quantità di frutti di qualità superiore e di godere di un periodo di raccolta prolungato. Inoltre, la maggiore resistenza ai parassiti e alle malattie del suolo riduce la necessità di utilizzare pesticidi e fertilizzanti chimici, promuovendo una coltivazione più sostenibile ed ecologicamente responsabile.

Come prendersi cura delle piante di pomodoro innestate

Una volta innestata tua nuova pianta, è fondamentale concederle il tempo necessario per adattarsi all’ambiente. Assicurati che il terreno sia leggermente umido: se risulta essere un po’ secco, puoi mettere la pianta (nel suo vaso) in un vassoio con dell’acqua per circa cinque o dieci minuti, fino a quando la parte superiore del terreno risulti umida al tatto.

Posiziona la pianta in una zona calda, luminosa e ben ventilata, come un davanzale o una veranda, e lasciala crescere, mantenendo il terreno umido.

Le piante innestate sono più vigorose rispetto alle piante standard e richiedono un’alimentazione regolare. Ti consigliamo di iniziare a nutrire le tue piante innestate con un fertilizzante ad alto contenuto di potassio non appena spuntano i primi boccioli dei fiori. Durante la fase di fruttificazione, potrebbe essere necessario nutrire le piante un paio di volte alla settimana.

Irriga accuratamente la tua pianta innestata dopo il tramonto, se il terreno si sta asciugando. Le piante di pomodoro ben irrigate producono frutti più grandi, succosi e dal sapore delizioso.

Come invasare o piantare le tue piante di pomodoro innestate

A mano a mano che la pianta di pomodoro si sviluppa e cresce, diventa necessario trasferirla in un vaso più grande per permettere alle radici di avere spazio sufficiente per crescere. Sia che tu stia trapiantando la pianta nel suo nuovo vaso o all’aperto, è importante assicurarsi che il punto di innesto (che si presenta come una “protuberanza” sullo stelo) sia posizionato sopra il terreno o il compost. Se il punto di innesto finisce sottoterra, la varietà superiore tenderà a radicarsi autonomamente, eliminando così i benefici derivanti dalla crescita su un robusto portainnesto.

Quando la tua pianta raggiunge un’altezza di circa 40 cm o mostra i primi fiori gialli, è il momento di trasferirla in una serra o in una posizione soleggiata all’aperto, sia in un contenitore sia direttamente nel terreno. È importante fare attenzione a non spostare la pianta all’esterno finché non sia trascorso il rischio di gelate.

Come legare e potare le pianta di pomodoro innestata

Mentre la pianta di pomodoro si sviluppa, è importante garantire che ogni foglia abbia spazio sufficiente per beneficiare pienamente della luce solare e sia adeguatamente supportata dal terreno. L’assorbimento di una maggiore quantità di luce solare durante il giorno contribuirà a fornire minerali essenziali ai tuoi pomodori. Le foglie che si trovano in ombra effettueranno una fotosintesi ridotta, producendo meno energia e dando origine a frutti di dimensioni più ridotte. Inoltre, la mancanza di esposizione solare sufficiente può lasciare le foglie umide, aumentando la suscettibilità della pianta a malattie fungine.

Utilizza un paio di cesoie per potare le foglie della tua pianta di pomodoro, rimuovendo quelle che si trovano in basso o che creano sovrappopolazione. Inizialmente, concentra l’operazione di rimozione delle foglie nella parte inferiore della pianta, al di sotto del primo grappolo di frutti. Con il passare del tempo, puoi gradualmente eliminare altre foglie per consentire una migliore illuminazione dei frutti che stanno maturando.

Quando la tua pianta di pomodoro innestata inizia a produrre fiori, è necessario fornirle un adeguato sostegno. Ci sono due metodi comuni per farlo. Puoi utilizzare un bastone lungo circa 1,5 metri per sostenere la pianta, oppure puoi addestrarla su un supporto verticale, come uno spago o una corda. Nel caso dei bastoni, basta inserire il bastone nel terreno il più vicino possibile allo stelo principale della pianta. Poi, avvolgi un pezzo di spago intorno al bastone, incrociandolo su se stesso e poi attorno allo stelo formando una figura a otto. Ripeti questa operazione a intervalli regolari lungo i rami che portano i frutti. Tuttavia, il metodo più efficace consiste nell’addestrare la pianta verso l’alto utilizzando una corda verticale e avvolgendo la corda intorno alla pianta in senso orario man mano che cresce.

Più avanti nella stagione, quando la tua pianta sta sviluppando un buon raccolto di pomodori, è consigliabile rimuovere la punta superiore della pianta in crescita. Questo permette di indirizzare tutti i nutrienti e l’energia verso i frutti in maturazione, promuovendone la completa maturazione.

Come raccogliere i pomodori della tua pianta innestata

Quando i frutti della pianta di pomodoro raggiungono una tonalità uniforme di rosso-arancio (o arancione nel caso dell’Orangino) e mantengono una consistenza soda, è il momento di raccoglierli. È consigliabile controllare la pianta ogni due giorni durante il processo di maturazione per raccogliere i frutti nel momento ottimale.

Utilizzando il pollice e l’indice, è possibile staccare il frutto dal gambo nella zona rigonfia appena sopra il pomodoro. Lasciare un piccolo pezzo di gambo verde attaccato al frutto può contribuire a prolungarne la conservazione. Per assaporare i pomodori al meglio, è consigliabile conservarli a temperatura ambiente.

Approfondimento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy