Piante grasse con fiorellini: 6 varietà di facile coltivazione

28

Sono l'ideale per chi cerca quel tocco di allegria nei propri spazi verdi senza l'assillo di manutenzioni complesse. Queste meraviglie della natura, non solo abbelliscono con le loro vivaci fioriture, ma sopportano con stoica resilienza le condizioni più aride, richiedendo annaffiature sporadiche. Sono quindi le compagne ideali per chi ama il verde ma ha poco tempo da dedicarvi.

Le piante grasse con fiorellini sono tra le più decorative e apprezzate dagli amanti del giardinaggio. Queste piante succulente producono infatti splendidi fiori dalle tinte vivaci, che conferiscono allegria e colore agli ambienti domestici. Coltivare le piante grasse con fiore è semplice anche per i meno esperti: sono infatti molto resistenti e richiedono poche cure.

Basta seguire alcuni accorgimenti sulle esigenze idriche, di luce e temperatura per ottenere rigogliose fioriture. In questa guida illustriamo tutti i consigli utili per prendersi cura al meglio delle proprie piante grasse con fiorellini, dalla scelta della specie più adatta fino alle irrinunciabili operazioni di potatura e concimazione. Piccola guida per ottenere splendidi fiori colorati tutto l’anno.

Quali sono le specie di piante grasse con fiorellini più consigliate per principianti?

Le specie di piante grasse con fiorellini più adatte ai principianti sono:

  • L’Echeveria, con fiori rosa o arancioni, tra le più facili da coltivare. Resistente e a crescita lenta.
  • Il Cactus di Natale (Schlumbergera), con fiori rosso vivace che fiorisce proprio in inverno. Necessita di poco irrigazione.
  • L’Haworthia, dai fiori bianchi, richiede esposizione a mezz’ombra. Cresce lentamente ed è molto resistente.
  • L’Aloe Vera, con infiorescenze arancioni. Di facile cura e molto utile per le proprietà cosmetiche.
  • Il Lithops, che produce piccoli fiori bianchi e gialli. Ha bisogno di molta luce e poca acqua.
  • La Kalanchoe, dai vivaci fiori rossi o rosa, perfetta per interni. Ricresce facilmente anche da talea.

Sono tutte piante grasse perfette per chi è alle prime armi, molto decorative e con fioriture abbondanti se curate bene.

1. Echeveria

Echeveria
Echeveria

L’Echeveria è una delle piante grasse con fiorellini più apprezzate e diffuse. Si caratterizza per produzione di eleganti infiorescenze dai colori accesi, che spaziano dal rosa, al bianco, al giallo e all’arancione. I suoi fiori dalla forma a campanula donano vivacità e colore agli ambienti domestici.

Inoltre è una pianta grassa molto resistente, che si adatta bene anche a temperature piuttosto rigide. Per queste sue qualità decorative e la facilità di coltivazione, è tra le succulente con fioritura più consigliate ai principianti e a chi desidera una pianta grassa di sicuro effetto ma di semplice cura.

2. Cactus di Natale

Cactus di Natale
Cactus di Natale

Il Cactus di Natale è una pianta grassa molto decorativa grazie ai suoi brillanti fiori rosso intenso a forma di stella che sbocciano proprio nel periodo natalizio. Appartenente alla specie Schlumbergera, è originario delle foreste tropicali del Brasile.

Per la coltivazione è importante sapere che ama posizioni luminose ma teme i raggi diretti del sole. È una pianta grassa tra le più resistenti, adatta anche ai principianti, che non necessita di frequenti irrigazioni. Basta annaffiarla ogni 10-15 giorni e vaporizzarla di tanto in tanto.

3. Haworthia

Haworthia
Haworthia

L’Haworthia è una pianta grassa apprezzata per i suoi graziosi fiori bianchi a forma di stella e per la facilità di coltivazione. Appartiene alla famiglia delle Aloacee ed è originaria del Sud Africa. Si distingue per le sue piccole dimensioni e per le foglie carnose disposte in modo spiralato che la rendono molto decorativa. Non necessita di molte cure: predilige posizioni luminose ma non ama i raggi diretti del sole.

È sufficiente annaffiare ogni 10-15 giorni evitando i ristagni idrici. Sopporta bene la siccità. La fioritura avviene in primavera-estate ma si può prolungare fino all’autunno alle giuste condizioni. Per la sua bellezza, compattezza e facilità di coltivazione, è ideale per chi desidera una pianta grassa resistente e dall’aspetto ornamentale.

4. Aloe Vera

Aloe Vera
Aloe Vera

L’Aloe Vera è una pianta grassa molto diffusa per le sue proprietà cosmetiche e officinali. In primavera-estate produce eleganti fiori tubolari di colore arancio che spuntano da uno stelo legnoso al centro della rosetta di foglie carnose. Oltre che decorativa, è anche molto semplice da coltivare.

Necessita di luce diretta ma non di molta acqua, va annaffiata circa ogni 2 settimane. Teme il freddo ed è consigliabile tenerla in casa d’inverno. Basta rinvasarla in un terreno ben drenato, vaporizzarla di tanto in tanto e concimarla nel periodo vegetativo per ottenere una rigogliosa pianta dai fiori colorati e dalle mille proprietà.

5. Lithops

Lithops
Lithops

Lithops sono piante grasse molto particolari, conosciute anche come “pietre viventi” per la loro forma che ricorda quella di sassi. Originari del Sudafrica, producono fiori solitari di colore bianco o giallo che sbocciano da fessure tra le foglie. Queste piante succulente si adattano bene all’ambiente domestico ma hanno bisogno di molta luce. Necessitano di pochissime irrigazioni, solo quando il terreno è completamente asciutto.

I Lithops vanno coltivati in un terriccio molto drenante, annaffiandoli con moderazione da marzo a settembre. La fioritura avviene in autunno e dura diversi giorni regalando un effetto decorativo particolare. La loro forma curiosa e i piccoli fiori eleganti rendono i Lithops una scelta originale tra le piante grasse con fiorellini.

6. Kalanchoe

Kalanchoe
Kalanchoe

La Kalanchoe è una pianta grassa molto decorativa per via dei suoi vivaci fiori dai colori accesi, che vanno dal rosso al rosa. Appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, è originaria di Madagascar e Africa tropicale. Produce eleganti infiorescenze a ombrella che compaiono alla fine dell’inverno e all’inizio della primavera, donando colore agli ambienti.

È molto semplice da coltivare, basta esporla in posizione luminosa e annaffiarla con moderazione. Si riproduce facilmente per talea ed è quindi ideale per chi è alle prime armi con le piante grasse.

Quanto durano i fiori delle piante grasse?

Le piante grasse con fiorellini regalano splendide fioriture dai colori vivaci, tuttavia spesso la durata dei singoli fiori è piuttosto breve, solo pochi giorni. La ragione sta nel fatto che molte specie di piante grasse hanno origine nei deserti e in ambienti aridi, dove l’impollinazione deve avvenire velocemente. Per questo i loro fiori durano così poco una volta sbocciati. Tra le piante grasse con fioritura lampo troviamo ad esempio la Regina della Notte, il cui fiore si schiude di sera e appassisce già al mattino seguente.

Anche l’Echeveria e il Cactus di Natale hanno fiori che resistono 3-4 giorni al massimo. Tuttavia, se la vita dei singoli fiori è effimera, la fioritura nel suo complesso può durare diversi mesi, con una graduale e continua schiusura di nuovi boccioli. Ad esempio l’Haworthia può fiorire per settimane. Con le giuste cure e condizioni adatte, si può prolungare il periodo di fioritura delle piante grasse, ammirando più a lungo lo spettacolo di colori.

Letture correlate:

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy