Piante antimuffa

188
muffa

Le piante sono state utilizzate per secoli per le loro proprietà curative e medicinali e le vediamo sempre utilizzate nei prodotti di bellezza per una serie di motivi, dall'eliminazione dell'acne alla fornitura di antiossidanti nella pelle. Ma un vantaggio delle piante di cui potresti non essere a conoscenza è la disintossicazione dell'aria, che è semplice come acquistare un paio di piante e metterle in giro per casa.

L’aria interna della casa è quasi il 30% più inquinata dell’aria esterna. Si dice che le piante aiutino a purificare l’aria interna. Questo perché la pianta funge da filtro, assorbendo le tossine attraverso le foglie e le radici, quindi rilasciando ossigeno e umidità nell’aria.

Le piante d’appartamento possono anche produrre umidità interna e ridurre i livelli di anidride carbonica all’interno.

Si dice che molte piante d’appartamento, almeno 42 varietà, abbiano un impatto sulla qualità dell’aria interna. Assorbendo le tossine, trasformandole in ossigeno e rilasciando aria pulita, queste piante filtrano l’aria e la rendono più pulita.

Le piante spostano le sostanze chimiche nell’aria alle loro radici assorbendole attraverso le foglie. Più grandi sono le foglie della pianta, maggiore è la traspirazione e il livello di umidità. Le stanze con piante hanno dal 50 al 60% in meno di spore di muffe e batteri rispetto a quelle senza.

Le tossine vengono anche scomposte quando la pianta attira l’ossigeno fino alle sue radici, dove vengono neutralizzate dai microbi nel terreno.







Traspirazione

Le foglie grandi, appuntite e appuntite hanno tassi di traspirazione più elevati. Pertanto, possono filtrare più aria, più velocemente. La traspirazione è controllata dall’umidità in una stanza. Il livello di umidità ideale è compreso tra il quaranta e il sessanta per cento.

Le piante tropicali sono le migliori in questo tipo di ambiente. Le piante producono umidità pulita e sana durante la traspirazione che non causerà muffe o funghi. Le piante emanano una sostanza fitochimica che sopprime le spore di muffe e i batteri presenti nell’aria.




Piante d’appartamento anti umidità

Le piante benefiche includono la pianta ragno, le varietà di filodendro, sempreverde cinese, pianta di serpente e varietà di dracaena. Il giglio della pace rimuove tutte le tossine, inclusi benzene, xilene, toluene e tricloroetilene.

Altre piante che si ritiene abbiano un effetto filtrante in casa includono la palma areca, la palma a lamella, la palma da donna e la palma da dattero nana. Le piante tropicali producono una secrezione che può proteggere le loro foglie da muffe e funghi.

La felce di Boston rimuove la formaldeide dall’aria. Alcune altre piante benefiche da considerare sono la felce spada australiana, le viti a punta di freccia, l’erba ombrello, le piante della gomma e i fichi piangenti.




In che modo le piante puliscono effettivamente l’aria nelle nostre case?

Da quando la NASA ha rilasciato informazioni che suggeriscono che le piante d’appartamento potrebbero rimuovere le tossine dall’aria, Internet è stata inondata di articoli su quali piante ottenere e quali tossine possono eliminare in casa.

Ma mentre è stabilito che piante diverse funzionano meglio per eliminare alcune tossine, pochi articoli affrontano i come e i perché. Ciò ha fatto sembrare l’intera premessa più simile alla magia che alla scienza.

Se ti stavi chiedendo se hai bisogno di iscriverti a Hogwarts per capire come le piante d’appartamento gestiscono le tossine, siamo qui per aiutarti. La risposta breve è che le piante assorbono i gas attraverso il fogliame e le radici.

Le piante sono utilizzate anche per eliminare i cattivi odori dai bagni.




NASA: le piante d’appartamento puliscono l’aria

La National Aeronautics and Space Administration, nota come NASA, ha deciso di determinare se le normali piante d’appartamento potessero pulire l’aria nelle stazioni spaziali.

Questo studio, chiamato NASA Clean Air Study, ha scoperto che le piante erano davvero in grado di aiutare. L’annuncio del 1989 ha rivoluzionato il modo di pensare alle piante d’appartamento.

La maggior parte dei giardinieri sa che le piante assorbono l’anidride carbonica dall’aria e quindi rilasciano ossigeno nell’aria come parte del loro processo di fotosintesi. Ma questo studio ha suggerito che le piante potrebbero anche rimuovere i composti organici volatili (VOC) che inquinano l’aria, come il benzene, la formaldeide e il tricloroetilene.

Poiché questi COV sono collegati a condizioni di salute acute come l’asma, il cancro e le malattie respiratorie, molte persone erano molto entusiaste della notizia.




“Respirazione” attraverso gli stomi

Allora come funziona tutto questo? È noto che le piante assorbono gas attraverso le foglie. Assorbono un gas, come l’anidride carbonica durante la fotosintesi, attraverso piccoli fori simili a pori sulla superficie fogliare chiamati stomi.

Rilasciano il post-prodotto della fotosintesi, l’ossigeno, attraverso questi stessi stomi. Questo accade ogni giorno durante la fotosintesi, il processo mediante il quale le piante convertono l’energia luminosa e l’anidride carbonica in energia chimica per alimentare la crescita.

Gli stomi sono minuscole aperture nel tessuto vegetale, che si trovano tipicamente sulle foglie delle piante ma a volte si trovano anche sugli steli. Gli stomi si comportano come piccole bocche che si aprono e si chiudono durante la traspirazione.

Le cellule di guardia sono cellule specializzate che circondano gli stomi e li aprono e li chiudono. Le cellule di guardia chiudono gli stomi quando fa caldo e secco per prevenire la perdita d’acqua.

Nel loro studio, gli scienziati della NASA hanno scoperto che le piante d’appartamento possono assorbire non solo anidride carbonica ma molti altri tipi di gas attraverso gli stomi sul fogliame.

Ciò include COV come il benzene (presente in alcune materie plastiche, tessuti, pesticidi e fumo di sigaretta), la formaldeide (presente in alcuni cosmetici, detersivi per piatti, ammorbidenti e detersivi per tappeti) e tricloroetilene (presente in adesivi, svernicianti, correttori per macchine da scrivere e smacchiatori).

Diverse specie di piante funzionano meglio per diverse tossine, quindi quando lo fai a casa, è meglio usare un mix di piante. Fortunatamente, le piante migliori per pulire l’aria sono piante d’appartamento comuni, non esemplari rari e costosi, e ci sono anche le piante grasse che hanno questa prerogativa.




Ruolo delle radici

La conclusione della NASA è stata che le piante d’appartamento possono assorbire questi gas attraverso le foglie. Ma cosa succede allora ai COV? Le piante le trasportano alle loro radici, dove i microbi si nutrono e le disintossicano.

I microrganismi che vivono nel terreno delle piante in vaso sono anche strumentali alla neutralizzazione dei COV e di altri inquinanti.

In effetti, gli scienziati che hanno condotto ulteriori ricerche su questo argomento nel 2004 hanno scoperto che le foglie non stavano facendo la maggior parte del filtraggio dell’aria. Piuttosto, questo è stato realizzato dalle radici e dal suolo.

Come parte dell’esperimento, i ricercatori hanno tolto tutto il fogliame della pianta e, con loro sorpresa, hanno scoperto che l’effetto di purificazione dell’aria era solo leggermente inferiore rispetto a quello con le foglie al loro posto.




Lo studio conclude che sono le radici delle piante e i microrganismi associati che effettivamente distruggono i virus patogeni, i batteri e le sostanze chimiche organiche. Nel tempo, tutti questi inquinanti atmosferici si trasformano in nuovo tessuto vegetale.

La maggior parte delle piante può farlo in una certa misura, ma alcune sono più abili a rimuovere i COV rispetto ad altre. Questi includono piante di ragno, felci di Boston, edera inglese, palme areca, pothos d’oro, aloe vera, piante di serpente e gigli della pace.

Articoli correlati:



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close