fbpx

La pianta di patata: Una preziosa fonte di nutrienti per la salute

42

Questa umile pianta da tubero, originaria delle regioni andine del Sud America, è diventata un vero e proprio pilastro dell'alimentazione globale. Dietro la sua apparente semplicità, si cela una straordinaria ricchezza di nutrienti essenziali, composti bioattivi e proprietà salutistiche che vale la pena esplorare in dettaglio. Fonte foto: vanmeuwen.com/

La pianta di patata, il cui nome scientifico è Solanum tuberosum, è una pianta erbacea perenne straordinariamente preziosa, appartenente alla vasta famiglia delle Solanacee. Originaria delle remote regioni andine del Sud America, questa umile pianta da tubero ha compiuto un percorso folgorante, diventando in breve tempo uno degli alimenti più diffusi, apprezzati e indispensabili a livello globale.

Ciò che rende la patata un vero e proprio tesoro della natura è la sua notevole ricchezza di nutrienti essenziali, unita a molteplici benefici per la salute dell’organismo. Questa radice tuberizzata racchiude al suo interno una vera e propria miniera di composti bioattivi, antiossidanti e fitochimici preziosi, che contribuiscono in modo significativo al benessere generale. Dall’aspetto semplice e dimesso della pianta, emergono qualità eccezionali che l’hanno resa un pilastro fondamentale delle diete di miliardi di persone in tutto il mondo.

Classificazione botanica

Descrizione morfologica

La pianta di patata è caratterizzata da fusti erbacei, ramificati e semi-striscianti, che possono raggiungere un’altezza di circa 60-100 cm. Le foglie sono composte, imparipennate e ricoperte di una fine peluria. I fiori, di colore bianco, viola o lilla, sono riuniti in infiorescenze terminali, mentre i frutti sono delle piccole bacche verdi non commestibili. La parte commestibile è rappresentata dai tuberi, radici tuberizzate di forma ovoidale o arrotondata, che si sviluppano sotto terra.

Ciclo di vita

Il ciclo vitale della patata inizia con la semina dei tuberi-seme o delle pianticelle ottenute da talee. La pianta completa il suo ciclo in 90-120 giorni, a seconda delle varietà e delle condizioni ambientali. Dopo la fioritura, i tuberi commestibili si formano e ingrossano fino alla raccolta, dopodiché la parte aerea della pianta muore.

Valori nutrizionali della patata

Carboidrati complessi e fibre

Le patate sono una preziosa fonte di carboidrati complessi a lento rilascio, come l’amido, che forniscono energia duratura. Inoltre, contengono una buona quantità di fibre solubili e insolubili, utili per la salute intestinale e il senso di sazietà.

Vitamine e minerali essenziali

Queste radici tuberizzate sono ricche di vitamine del gruppo B, come B6, niacina e acido folico, importanti per il metabolismo energetico. Sono anche una buona fonte di minerali essenziali come potassio, magnesio, ferro e zinco.

Benefici per la salute della patata

Grazie al loro contenuto di potassio, fibre e composti antiossidanti, le patate possono contribuire a mantenere una pressione sanguigna sana e a ridurre il rischio di malattie cardiache.

Proprietà antinfiammatorie e antiossidanti

Le patate contengono composti fitochimici come i flavonoidi e gli antociani, che svolgono un’azione antinfiammatoria e antiossidante, contrastando lo stress ossidativo e l’infiammazione cronica.

Potenziali effetti protettivi contro il cancro

Alcuni studi suggeriscono che l’acido clorogenico e altri antiossidanti presenti nelle patate possano avere proprietà chemioprotettive e ridurre il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro.

Varietà e le loro caratteristiche

Patate a pasta gialla e a pasta bianca

Le patate a pasta gialla, come le Yukon Gold, sono note per il loro sapore intenso e la consistenza morbida. Le patate a pasta bianca, come le Russet, sono ideali per la frittura e la cottura al forno.

Patate dolci e patate Blu/Viola

Le patate dolci sono un’altra specie di tubero, ricco di carotenoidi e vitamina A. Le patate blu o viola, invece, devono il loro colore caratteristico agli antociani, potenti antiossidanti.

Patate novelle e patate vecchie

Le patate novelle sono raccolte precocemente e hanno una buccia sottile e una polpa tenera. Le patate vecchie, o patate da consumo, sono lasciate maturare più a lungo per sviluppare una maggiore consistenza.

Coltivazione

Il ciclo di coltivazione della patata ha inizio con la semina dei tuberi-seme o delle pianticelle, che di solito avviene in primavera, quando le temperature diventano più miti. La pianta impiega circa 90-120 giorni per completare il suo ciclo vitale, a seconda delle varietà e delle condizioni ambientali. Durante questo periodo, la parte aerea della pianta cresce e si sviluppano i caratteristici fiori, mentre sotto terra i tuberi commestibili si formano e ingrossano fino al momento della raccolta, solitamente nei mesi estivi o autunnali.

Semina

La semina delle patate avviene in primavera, interrando i tuberi-seme o le pianticelle a una profondità di circa 10-15 cm.

Terreno

Le patate preferiscono terreni ben drenati, ricchi di sostanza organica e con un pH leggermente acido.

Distanza tuberi

I tuberi-seme vanno piantati a una distanza di circa 30-40 cm l’uno dall’altro sulla fila e con uno spazio di 60-80 cm tra le file.

Rincalzo

Durante la crescita, è necessario rincalzare periodicamente le piante, coprendo i fusti con terra per favorire la formazione dei tuberi.

Concimazione

Una concimazione equilibrata con fertilizzanti organici o minerali è fondamentale per garantire una buona produzione.

Raccolta

La raccolta dei tuberi commestibili avviene quando la parte aerea della pianta inizia ad ingiallire e ad appassire, solitamente 3-4 mesi dopo la semina.

Malattie e parassiti

Le principali malattie che possono colpire la patata sono la peronospora, l’alternariosi e la rizoctonia. Tra i parassiti più diffusi vi sono gli afidi, gli elateridi e i nematodi cisticoli.

Metodi di cottura e conservazione

Cottura al forno o al vapore

La cottura al forno o al vapore preserva al meglio le proprietà nutrizionali delle patate, evitando l’aggiunta di grassi e mantenendo intatte vitamine e fibre.

Frittura e precauzioni per la salute

La frittura delle patate comporta un assorbimento di grassi e la formazione di composti potenzialmente nocivi come l’acrilammide. È consigliabile limitarne il consumo e prestare attenzione alle temperature di cottura.

Conservazione e durata delle patate

Le patate vanno conservate in un luogo fresco, buio e ben ventilato, lontano da fonti di luce e calore. Correttamente conservate, possono durare per diverse settimane o mesi. Un’altra tecnica di conservazione è la disidratazione.

Integrare le patate in una dieta equilibrata

Porzioni raccomandate e combinazioni alimentari

Le linee guida suggeriscono di consumare 3-5 porzioni di patate a settimana, abbinandole a proteine magre, verdure e grassi sani come l’olio extravergine di oliva.

Patate e diete specifiche (Vegana, Senza Glutine, ecc.)

Le patate sono naturalmente prive di glutine e rappresentano un’ottima fonte di carboidrati complessi per diete vegane o vegetariane.

Patate nell’alimentazione dei bambini e degli anziani

Grazie al loro profilo nutrizionale equilibrato, le patate sono un alimento adatto sia per l’alimentazione dei bambini che per quella degli anziani, purché inserite in una dieta varia ed equilibrata.

Dal magazine:

Fonti esterne di approfondimento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy