fbpx

Photinia foglie gialle: Cause e possibili rimedi naturali da adottare

1.6K
foglie gialle-marrone

Le cause principali delle foglie gialle della Photinia sono stress idrico, sbalzi termici, scarsa luce, parassiti e malattie fungine.

Cari amici lettori, ultimamente vi siete accorti che le foglie della vostra Photinia stanno ingiallendo? Non preoccupatevi, capire la causa di questo cambiamento sarà il primo passo per risolvere il disturbo.

Come saprete, le foglie verdi svolgono un ruolo cruciale nella vita della pianta attraverso il processo di fotosintesi clorofilliana. Scopriremo insieme i fattori che possono alterare la normale colorazione del fogliame e come fare per farlo tornare rigoglioso. Vedremo rimedi naturali efficaci se il problema è limitato e procedure più impegnative se gravi.

Approfondiremo inoltre suggerimenti per prevenire futuri ingiallimenti. L’obiettivo è rendere di nuovo felice la vostra Photinia con semplici cure!

Causes principali del giallo e del deperimento delle foglie di Photinia

Le concause principali sono stress idrico, dovuto a ristagni o periodi prolungati di siccità, e sbalzi termici bruschi. Fattori che possono provocare l’ingiallimento progressivo del fogliame. Anche la scarsa illuminazione porta alla clorosi delle foglie. Altro fattore comune è l’attacco di acari o cocciniglia, che si nutrendo della linfa vegetale indeboliscono la pianta.

Più raramente intervengono muffe grigie causate da condense e ristagni, mentre marciumi radicali portano disseccamento a partire dalle foglie basali. Con tempestività si possono debellare.

Come capire se le foglie gialle sono recuperabili o se è il caso di potare

Bisogna osservare con attenzione il fogliame: se solo poche foglie presentano chiazze ocra circoscritte, probabilmente è possibile intervenire. Ma se sono completamente ingiallite e fragili, meglio rimuoverle. Importante anche verificare lo stato delle altre: se molli e pieghevoli forse è in atto una problematica parassitaria curabile.

Se invece sono raggrinzite o le punte appassiscono, questo potrebbe indicare marciume o presenza di muffe: a quel punto sfoltire i rami eliminando le foglie deperite favorirà la crescita di nuovo fogliame.

Soluzioni e rimedi naturali per far risverdire le foglie parzialmente ingiallite

Se il problema interessa solo alcune foglie, si possono applicare impacchi di acqua e macerato di ortica, dalle note proprietà fertilizzanti e antibatteriche. Lasciarlo agire per un’ora prima di risciacquare delicatamente. Un’alternativa è creare una soluzione a base di acqua, olio di neem e aceto bianco, da nebulizzare sul fogliame una volta a settimana.

Questi rimedi aiutano a prevenire l’insorgere di muffe o parassiti. Bisogna collocare la pianta in penombra creando un ambiente umido, senza sbalzi termici, per agevolare il recupero delle foglie senza stress ulteriore.

Procedure in base alla gravità del problema se tutte le foglie sono gialle

Se tutte le foglie risultano ingiallite, si valuta lo stato delle radici: se sane, basterà potare tutto il fogliame e rinvasare la pianta con terreno fresco e fertilizzato. Se invece le radici appaiono marce o stiracchiate purtroppo il danno è ormai esteso.

A quel punto sarebbe meglio recidere la Photinia quasi a livello del colletto, lasciando 2-3 occhi vitali, per favorirne la ricrescita da polloni e radici nuove. Bisogna quindi collocarla in penombra e concimare ogni 15 giorni per agevolare la ricostruzione dell’apparato fogliare e radicale.

Accorgimenti da adottare successivamente per prevenire future fogliazioni gialle

Terminata l’emergenza è bene adottare piccole accortezze per preservare la salute della pianta. Posizioniamola in una zona luminosa ma riparata, almeno nelle prime settimane. Controlliamo frequentemente lo sviluppo di possibili acari o cocciniglia e curiamoli subito. Concimiamo ogni 15 giorni somministrando concime liquido bilanciato all’acqua di annaffiatura.

Irrigazioni moderate e terreno sempre leggermente umido. Aeriamo bene l’ambiente circostante facendo attenzione che il substrato non ristagni. Piccoli accorgimenti importanti per evitare che l’ingiallimento si ripeta nel tempo.

Posizionamento ottimale e concimazione per una Photinia sempre verde

Per preservare nel tempo il bel fogliame della pianta, è bene creare le condizioni ottimali di crescita. Posizioniamola in penombra, lontana da venti e correnti d’aria ma esposta a luce indiretta. Le temperature interne non devono essere eccessive né scendere sotto i 10°C. Il terreno sarà fertilizzato ogni 15 giorni usando concime specifico per piante a foglia, in grado di fornire gli elementi essenziali come azoto e potassio.

Irrigazioni moderate evitando ristagni, specialmente in inverno quando è opportuno nebulizzare le foglie con acqua per mantenere alto il tasso di umidità. Con queste cure costanti possiamo godere della fioritura estiva e dell’intenso colore autunnale della Photinia.

Principali parassiti e malattie che possono colpire il fogliame

Tra gli infestanti più dannosi abbiamo acari, cocciniglia e aleurodidi che possono indebolire la pianta nutrendosi della linfa fogliare. Particolare attenzione va posta a muffe grigie e antracnosi, malattie fungine che causano macchie e disseccamento radicale delle foglie.

Queste infezioni spesso sono favorite da eccessiva umidità e ristagni. Anche marciumi del colletto possono generarsi per lo stesso motivo. È bene effettuare periodici controlli e, al primo sintomo, trattare tempestivamente con antiparassitari naturali per evitare che il danno si aggravi e si estenda.

Importanza della potatura per stimolare una nuova produzione fogliare

Dopo periodi di stress che hanno portato all’ingiallimento di gran parte del fogliame, una potatura di contenimento e rinvigorimento risulta utile, e non solo per questo motivo. Effettuandola a fine inverno si eliminano rami secchi o troppo fitti, agevolando la circolazione d’aria. Con forbici ben affilate si eseguono tagli netti leggermente obliqui, rimuovendo al contempo le foglie ormai compromesse.

Questo stimola la formazione di nuovi polloni e la crescita di gemme latenti. Sarà possibile così apprezzare, a distanza di poco tempo, una folta ricrescita di foglie verdi e sane. Grazie a potatura e cure successive possiamo godere nuovamente del bel fogliame della Photinia.

Varietà e cultivar di Photinia adatte in base alle proprie esigenze

La specie P.x fraseri è molto rustica e raggiunge i 6 metri, adattandosi a climi miti. P.serrulata ha foglie più allungate, adatta ad alezza. P.sinensis in estate sfoggia grappoli bianchi, compatibile anche con interni. Le nane P.red robin e P.little leddy si prestano per bordure o contenitori. P.glutinosa resiste alle malattie, predilige terreni fertili.

Scegliamo in base a dimensioni desiderate, esposizione a disposizione e se da giardino o da appartamento, poiché alcune specie richiedono una cura leggermente diversa.

Normale cambio di colorazione delle foglie in autunno e altri periodi

In autunno le foglie della Photinia virano solitamente al rosso intenso o al porpora, fenomeno legato alla riduzione dell’attività chlorofilliana tipica della stagione. Questa colorazione così vivace è del tutto naturale. Anche dopo fioriture e periodi di stress, come sbalzi termici, possono verificarsi ingiallimenti parziali che non devono preoccupare.

È importante invece valutare con attenzione l’eventuale comparsa di muffe o acari, l’eccessiva fragilità delle foglie e ingiallimenti omogenei o mollezza, sintomi che potrebbero necessitare di un intervento di disinfestazione o concimazione. Con queste nozioni si comprende meglio lo stato di salute della pianta.

Approfondimento:

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy