fbpx

Parassiti albero di Giada, come identificarli e combatterli

783
giada

Sebbene non ci siano molti parassiti comuni sulle piante di giada, le infestazioni occasionalmente compaiono e rovinano la perfezione per cui sono famose queste succulente di facile manutenzione.

L’albero di giada è una pianta amata e coltivata in casa dagli appassionati di piante d’appartamento, ma può essere soggetto all’attacco di alcuni parassiti. Tra i parassiti più comuni dell’albero di giada ci sono la cocciniglia, che succhia la linfa e può provocare macchie e indebolimento delle foglie, e il ragnetto rosso, un acaro invisibile che causa macchie clorotiche sul fogliame fino a farle ammuffire.

Altri parassiti includono gli afidi e le lumache rosse, che possono danneggiare le foglie. È possibile combattere i parassiti dell’albero di giada con rimedi come l’uso di alcol per rimuovere la cocciniglia o l’isolatione della pianta per prevenire la diffusione dei parassiti.

Mantenere un’osservazione attenta e adottare misure preventive può aiutare a proteggere l’albero di giada dai parassiti e mantenere la sua bellezza.

1. Cocciniglie

Le cocciniglie (Pseudococcidae) sono i parassiti più comuni delle piante di giada. Questi insetti bianchi ricoperti di cera presentano filamenti e talvolta code sui lati del corpo. La loro alimentazione consiste nella suzione della linfa dalla pianta, causando il deterioramento delle foglie e la perdita di vigore. L’infestazione grave può persino portare alla morte della pianta se non trattata.

Questi parassiti possono essere difficili da controllare poiché si nascondono nelle fessure e sono protetti dalla loro cerosità. È possibile rimuoverli manualmente o utilizzare un batuffolo di cotone imbevuto di alcool per colpire gli insetti singolarmente, evitando di toccare le foglie con l’alcool. L’uso di un forte flusso d’acqua fredda può anche essere efficace per rimuoverli dalla pianta.

L’impiego di predatori come il Cryptolaemus montrouzieri può essere una soluzione, così come l’utilizzo di saponi insetticidi e olio di neem. Le cocciniglie delle radici (Rhizoecus spp.) possono anche attaccare le piante di giada, vivendo nel terreno o nel substrato dei vasi e nutrendosi delle radici.

In caso di infestazione, la soluzione può richiedere lo scarto della pianta e del terreno, insieme a una pulizia accurata del vaso. L’introduzione di insetti predatori come Dalotia coriaria può essere un’opzione, ma solitamente all’aperto.

2. Ragnetto rosso

Gli acari sono minuscole creature a otto zampe che possono tessere ragnatele simili a quelle dei ragni e succhiare la linfa dalle piante. Le foglie danneggiate presentano punti di colore chiaro, spesso argentati o bronzati, e possono essere coperte da sottili ragnatele.

Gli acari del ragno a due macchie, noti come Tetranychus urticae, occasionalmente attaccano anche le piante di giada. Questi acari hanno corpi chiari con due macchie scure. Amano le condizioni calde, asciutte e polverose, quindi mantenere una corretta irrigazione della pianta e pulirla regolarmente con un panno umido può fare la differenza.

Se noti la presenza di acari, un forte getto d’acqua può essere efficace per respingere le popolazioni e pulire la pianta contemporaneamente.

Esistono diversi predatori benefici, inclusi acari predatori, che possono contribuire a ridurre questi parassiti. Ogni specie di acaro predatore ha le proprie condizioni ambientali ideali, come temperatura e umidità.

Il genere Amblyseius comprende diverse specie come swirskii, andersoni, californicus e fallacis. È possibile selezionare le specie più adatte al proprio ambiente per combattere i parassiti sulle piante d’appartamento. Ad esempio, A. californicus, disponibile presso Arbico Organics, può sopravvivere a un’umidità inferiore rispetto ad altre specie ed è quindi una buona scelta per le piante d’appartamento indoor.

Alcuni pesticidi come i piretroidi, gli organofosfati e gli acaricidi possono essere utilizzati per combattere gli acari, ma va considerato che la maggior parte di questi prodotti aggressivi non è adatta all’uso in ambienti chiusi. Inoltre, possono essere dannosi per gli insetti utili all’aperto.

3. Parassiti rosicchiatori

I parassiti rosicchianti sono una tipologia di parassiti che causano danni alle piante mordendo e rosicchiando le loro foglie, steli e radici. Questi parassiti includono insetti come i bruchi, le larve di diverse specie di coleotteri e alcuni roditori come i topi. Il loro comportamento alimentare può provocare la deformazione delle foglie, il deterioramento delle radici o la riduzione del vigore della pianta.

Per combattere naturalmente i parassiti rosicchianti, esistono diverse strategie. Una delle più efficaci è l’uso di insetti predatori o parassitoidi che si nutrono dei parassiti dannosi. Questi includono insetti come le coccinelle, le larve di sirfidi e i nematodi benefici. Introdurre questi predatori nell’ambiente della pianta può aiutare a controllare l’infestazione.

Un’altra opzione è l’impiego di rimedi naturali come l’uso di estratti vegetali repellenti o insetticidi a base di piante, come l’olio di neem o l’estratto di piretro. Questi prodotti possono essere applicati sulle piante per respingere o uccidere i parassiti senza danneggiare l’ambiente circostante.

Inoltre, è importante adottare pratiche colturali adeguate per prevenire l’insorgenza di infestazioni. Queste includono una buona gestione del terreno, la rotazione delle colture e l’uso di varietà resistenti ai parassiti.

Combattere i parassiti rosicchianti in modo naturale può richiedere un po’ di tempo e pazienza, ma è un approccio sicuro ed ecologico per proteggere le tue piante. Seguendo queste strategie, puoi ridurre l’impatto dei parassiti e mantenere le tue piante in salute in modo sostenibile.

Approfondimento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy