fbpx

Minatrici degli agrumi: come riconoscere e combattere questo parassita

62

Dopo aver parlato a fondo di foglie gialle e arricciate nel limone, e di come curare il problema delle foglie nere negli agrumi, oggi ci dedichiamo a un altro nemico per i nostri alberi: le minatrici. Queste fastidiose larve scavano gallerie nelle foglie, rovinandole. Vedremo come riconoscere i sintomi di un attacco e come debellarle in modo naturale con l'olio di neem. Scopriremo dosi e tempi di applicazione per liberare gli agrumi da questo temuto parassita. Fonte foto: pierucciagricoltura.it

Le minatrici sono tra i parassiti più temuti da chi coltiva agrumi. Queste larve scavano gallerie all’interno delle foglie, provocando gravi danni alla chioma. È importante riconoscere subito i sintomi di un attacco, come foglie accartocciate e bucherellate. In questa guida spiegheremo come identificare con certezza la presenza delle minatrici e come debellarle in modo naturale ed efficace.

Vedremo perché i tradizionali insetticidi non funzionano su questo insetto e come invece l’olio di neem può eliminarlo se applicato correttamente. Scopriremo dosi e tempi di intervento per dire addio alle minatrici e ritrovare piante sane.

Cos’è la minatrice degli agrumi e i suoi danni

La minatrice è il nome comune dato alle larve di alcuni microlepidotteri, minuscole farfalline che attaccano gli agrumi. In particolare la specie più diffusa è il Phyllocnistis citrella, originaria dell’Asia. Le femmine depongono le uova sulle foglie più tenere, da cui nascono piccole larve che penetrano nei tessuti fogliari dove scavano gallerie nutrendosi della lamina.

Queste “miniere” provocano l’accartocciamento e il disseccamento delle foglie, che si presentano bucherellate. Con attacchi gravi si può arrivare alla defogliazione della pianta. Anche i germogli più giovani e il fusto possono essere intaccati. Una presenza massiccia di questo insetto deprime fortemente la vitalità degli agrumi.

Sintomi e foglie danneggiate dalle minatrici degli agrumi

I primi sintomi di un attacco di minatrici si riscontrano sulle foglie più giovani e sui germogli in accrescimento. Le piccole larve penetrano all’interno del parenchima fogliare dove scavano minuscole gallerie ramificate, nutrendosi del mesofillo. Con il progredire dell’attività trofica, la foglia inizia a deformarsi, accartocciandosi su se stessa.

Si notano zone scolorite e bucherellate dove il parassita ha consumato i tessuti. Le mine o gallerie possono essere rilevate osservando la pagina inferiore contro luce. Le foglie gravemente intaccate si seccano, assumono una consistenza croccante e finiscono per cadere precocemente. I germogli colpiti si accartocciano e smettendo di accrescersi.

Perché gli insetticidi tradizionali non funzionano con la minatrici degli agrumi

Molti coltivatori, non appena notano i primi danni da minatrice, ricorrono a insetticidi tradizionali come piretro o saponi molli. Tuttavia questi prodotti risultano del tutto inefficaci contro questo parassita. Il motivo è che le larve di minatrice vivono all’interno dei tessuti fogliari e non entrano mai in contatto con i principi attivi depositati sulla superficie.

Si tratta quindi di insetti minatori, contro cui servono prodotti specifici con azione traslaminare. Solo sostanze che riescono a penetrare nel mesofillo fogliare possono raggiungere ed eliminare le larve che scavano le gallerie. È dunque inutile nebulizzare insetticidi generici sul fogliame: occorrono soluzioni mirate per debellare la minatrice dagli agrumi.

L’olio di neem: il rimedio naturale per combattere la minatrici degli agrumi

Per debellare le minatrici dagli agrumi, l’olio di neem rappresenta il rimedio naturale più efficace. Questo insetticida biologico deriva dai semi dell’albero del neem ed ha la proprietà di penetrare nei tessuti vegetali senza danneggiarli. Agisce per ingestione sulle larve della minatrice, che si nutrono della lamina fogliare, provocando la morte del parassita. Inoltre possiede un’azione repellente che scoraggia le femmine dalla deposizione delle uova.

L’olio di neem va applicato tramite nebulizzazione serale, quando la pianta non è esposta al sole, ad una concentrazione dell’1-2%. Rispettando queste indicazioni, si ottengono ottimi risultati nell’eliminazione delle minatrici in modo ecologico.

Come e quando applicare l’olio di neem contro le minatrici degli agrumi

Per un’efficace azione contro le minatrici, l’olio di neem deve essere applicato nel modo e nel momento giusto. La soluzione va preparata con una concentrazione pari all’1-2% del prodotto puro, diluito in acqua. Ad esempio, in un litro d’acqua vanno aggiunti 10-20 ml di olio di neem. È fondamentale nebulizzare la soluzione così ottenuta sulle piante di agrumi alla sera, quando non sono esposte ai raggi solari.

L’olio di neem va distribuito uniformemente sul fogliame, insistendo su giovani germogli, foglie e fusto. I trattamenti vanno ripetuti ogni 7-10 giorni nel periodo primaverile ed estivo quando le minatrici sono più attive. Seguendo queste semplici indicazioni si otterrà nel tempo l’eliminazione completa del parassita dagli agrumi.

Altre letture sugli agrumi:

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy