fbpx

Macerato di ortica: Come si prepara e come usarlo nell’orto

7.4K

Il macerato di ortica è un concime e insetticida ecologico che deriva dall'infusione in acqua delle foglie di questa pianta spontanea. È una tecnica assai diffusa nell'orticoltura biologica e biodinamica dato che l'ortica possiede sostanze che stimolano lo sviluppo delle coltivazioni e le salvaguardano dagli attacchi di parassiti. Oltre al suo utilizzo in agricoltura, il macerato di ortica trova impiego anche nella cosmesi naturale: le proprietà benefiche di questa pianta possono essere sfruttate per realizzare uno shampoo delicato e nutriente.

Il macerato di ortica è un prezioso alleato per ogni giardiniere che desidera prendersi cura del proprio orto in modo naturale ed efficace. Questo preparato, ottenuto dalla macerazione delle foglie di ortica in acqua, offre molteplici benefici alle piante, stimolando le loro difese naturali e favorendo una crescita.

L’ortica, una pianta selvatica facilmente reperibile e dalle sbalorditive proprietà benefiche per l’organismo, che sapientemente lavorata si trasforma così in un potente strumento di difesa contro muffe, insetti e altre avversità, senza ricorrere a prodotti chimici nell’orto. In questo articolo, esploreremo nel dettaglio come preparare il macerato di ortica e come utilizzarlo al meglio nel vostro orto, sfruttando le sue proprietà fertilizzanti e protettive. Scoprirete passo dopo passo le tecniche per ottenere un macerato efficace e pronto all’uso, per garantire la salute e la vitalità delle vostre piante.

Cos’è il macerato di ortica e benefici per le piante

Un macerato è un prodotto naturale ottenuto dalla macerazione di piante selvatiche o coltivate in acqua. Questo processo consente di estrarre i principi attivi delle piante, creando un liquido concentrato che può essere utilizzato per la cura dell’orto.

Il macerato funziona stimolando le difese naturali delle piante, rendendole più resistenti a muffe, insetti e altre avversità. Possiedono anche proprietà fertilizzanti, arricchendo il terreno di nutrienti essenziali.

La chiave per ottenere i migliori risultati è l’applicazione regolare e preventiva: utilizzandoli costantemente, si crea una barriera protettiva intorno alle piante, prevenendo l’insorgere di problemi. I macerati rappresentano un metodo efficace e sostenibile per prendersi cura dell’orto, evitando l’utilizzo di prodotti chimici e sfruttando le proprietà benefiche offerte dalla natura stessa.

Piante utilizzate per i macerati

Esistono diverse piante che possono essere utilizzate per creare macerati efficaci per l’orto. Tra le più popolari troviamo l’ortica, una pianta selvatica ricca di proprietà benefiche, che si trova facilmente in natura. L’ortica è nota per le sue qualità fertilizzanti e per la sua capacità di stimolare le difese delle piante.

Un altro macerato molto apprezzato è quello di equiseto, conosciuto anche come coda cavallina, che si distingue per le sue proprietà fungicide e per la sua azione rinforzante sui tessuti vegetali. L’artemisia è un’altra pianta utilizzata per i macerati, grazie alle sue proprietà insetticide e alla sua capacità di allontanare i parassiti. Anche piante coltivate come l’aglio e il peperoncino possono essere impiegate per creare macerati dal potere repellente contro gli insetti.

Persino le foglie di pomodoro, spesso considerate uno scarto, possono essere trasformate in un macerato utile per tenere lontani gli insetti indesiderati dall’orto. La scelta delle piante per i macerati dipende dalle esigenze specifiche dell’orto e dalle problematiche che si desidera affrontare.

Macerato di ortica: dosi e tempi di macerazione

La preparazione di un macerato richiede attenzione alle dosi e ai tempi di macerazione per ottenere un prodotto efficace. La proporzione consigliata è di un chilo di pianta fresca per dieci litri d’acqua (1:10). Questa ratio permette di estrarre al meglio i principi attivi delle piante senza creare un macerato troppo concentrato.

macerato di ortica
Come è possibile vedere dalla foto, l’ortica viene lasciata macerare nell’acqua utilizzando un secchio di plastica.

I tempi di macerazione possono variare a seconda delle esigenze: per un macerato d’emergenza, si può optare per una macerazione di sole 24 ore, mentre per un utilizzo preventivo si consiglia una macerazione di 7 giorni. Nel caso di macerati fertilizzanti, come quello di ortica, è possibile estendere la macerazione fino a 15 giorni.

  • Per chi non ha la possibilità di prodursi il macerato di ortica, cliccando qui può acquistarlo

È fondamentale rispettare questi tempi per consentire alle sostanze benefiche di essere rilasciate nell’acqua in modo ottimale. Una volta terminata la macerazione, il liquido ottenuto può essere filtrato e conservato in contenitori di vetro scuro, pronti per l’uso sulle piante dell’orto.

Macerato di ortica: contenitori e condizioni ideali per la macerazione

Per garantire una macerazione ottimale, è fondamentale scegliere i contenitori adatti e creare le condizioni ideali. Si consiglia di evitare contenitori in metallo, poiché potrebbero innescare reazioni indesiderate con le piante.

I contenitori in plastica alimentare o in vetro sono le scelte migliori, con una preferenza per quelli a bocca larga che facilitano la miscelazione. Durante la macerazione, è essenziale proteggere il contenitore da insetti e piccoli animali, utilizzando un coperchio traspirante come un tessuto o una rete.

Inoltre, il macerato deve essere posizionato in un luogo ombreggiato e lontano da fonti di calore, per evitare alterazioni del processo. Infine, per favorire una macerazione uniforme, è consigliabile mescolare il contenuto una volta al giorno, assicurando una distribuzione omogenea dei principi attivi nell’acqua.

Filtrazione e conservazione del macerato di ortica

Una volta terminato il periodo di macerazione, è fondamentale filtrare il liquido per ottenere un macerato pronto all’uso. La filtrazione consente di rimuovere le parti solide delle piante, evitando che queste intasino gli ugelli degli spruzzatori durante l’applicazione. Per filtrare il macerato, si può utilizzare un panno o un tessuto a trama fine, come una vecchia maglietta o un pezzo di stoffa.

È importante scegliere un materiale che possa essere poi scartato, poiché il processo di filtrazione può essere piuttosto maleodorante. Dopo aver filtrato il liquido, è consigliabile conservarlo in bottiglie di vetro scuro, poiché il vetro preserva meglio le proprietà del macerato rispetto alla plastica. L’utilizzo di bottiglie scure protegge il macerato dalla luce, evitando il deterioramento dei principi attivi.

Prima di riporre le bottiglie, assicurarsi di sigillarle ermeticamente e di etichettarle con la data di produzione e il tipo di pianta utilizzata. I macerati possono essere conservati in un luogo fresco e buio per diverse settimane, pronti per essere diluiti e utilizzati sulle piante dell’orto quando necessario.

Diluizione e applicazione del macerato di ortica sulle piante

Prima di applicare il macerato sulle piante, è necessario diluirlo con acqua secondo le proporzioni corrette. La diluizione dipende dalla concentrazione del macerato e dalla sua età: un macerato di una settimana richiede solitamente una diluizione di 1:10, mentre quello di due settimane va diluito in un rapporto di 1:20. P

Per i macerati di emergenza, preparati in sole 24 ore, è possibile utilizzarli puri, senza diluizione, ma solo in caso di effettiva necessità. Una volta diluito, il macerato può essere applicato sulle piante utilizzando un spruzzatore o un nebulizzatore, assicurandosi di coprire uniformemente tutte le parti della pianta, con particolare attenzione alle zone colpite da problemi specifici.

È fondamentale effettuare l’applicazione nelle ore più fresche della giornata, evitando le ore di pieno sole che potrebbero causare bruciature alle foglie. Durante l’applicazione, è consigliabile indossare guanti e abiti protettivi, poiché i macerati possono avere un odore pungente.

Dopo il trattamento, è bene lavare accuratamente l’attrezzatura utilizzata per evitare che i residui di macerato possano compromettere future applicazioni. Con una corretta diluizione e un’applicazione regolare, i macerati possono offrire una protezione efficace alle piante dell’orto, favorendo la loro salute e vitalità.

Acquisti su Amazon

QUESTO ARTICOLO CONTIENE LINK DI AFFILIAZIONE AMAZON: QUALSIASI ACQUISTO O ORDINE EFFETTUATO TRAMITE TALI LINK PERMETTERÀ A QUESTO SITO DI RICEVERE UNA COMMISSIONE. IL PREZZO DEL PRODOTTO RIMARRÀ INVARIATO, IN QUANTO LA PERCENTUALE DI COMMISSIONE NON INCIDE SUL PREZZO FINALE CHE L’UTENTE DOVRÀ PAGARE.

Letture correlate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy