Lavanda in inverno

31
lavanda e inverno

La lavanda muore in inverno? Dipende soprattutto dal luogo in cui vivete e dal tipo di pianta di lavanda che scegliete. Le piante erbacee perenni muoiono al suolo in inverno e riprendono vita con i giorni caldi e luminosi della primavera. La lavanda (Lavandula spp.) è una perenne legnosa, quindi continua a crescere di anno in anno, ma gli steli rimangono eretti durante l'inverno per prepararsi alla nuova crescita primaverile. Con le dovute cure e potature, la lavanda sopravviverà in giardino per anni.

Di tutto ciò che piantiamo nei nostri giardini quando fa caldo, è difficile sapere cosa nascerà la prossima primavera.

Dopo aver affrontato lo sforzo di coltivare una bella lavanda, non vorresti assicurarti che duri l’inverno?

Essendo una pianta perenne, la lavanda sopravviverà all’inverno solo per temperature che non scendono costantemente ben al di sotto dello zero.

Tale temperatura molto probabilmente ucciderà la maggior parte dei ceppi a seconda della robustezza della lavanda e dell’età.

Gli inverni miti nel Mediterraneo o in regioni simili possono facilmente supportare una lavanda perenne.

In breve, la lavanda può morire in inverno se fa troppo freddo. Ma quanto freddo?




Svernare la lavanda in casa e all’aperto

La lavanda cresce meglio all’aperto, ma è possibile mantenere in vita queste gemme aromatiche durante l’inverno anche all’interno.

Inoltre, la lavanda non è solo bella: il suo profumo porta un senso di calma in ogni stanza. Ecco alcune varietà di lavanda e consigli su come svernare la lavanda.




La lavanda è una pianta perenne o annuale?

Pianta profumata e colorata originaria dell’Europa e dell’Asia occidentale, la lavanda è un fiore che ama il sole e che è preferibile coltivare all’aperto.

A seconda del tipo di lavanda e del luogo in cui la si coltiva, può essere coltivata come fiore perenne o annuale. In linea di massima, in una zona calda, potrete coltivare la lavanda come pianta perenne all’aperto, a patto che ne coltiviate il tipo giusto per il vostro clima.

Tipi di lavanda

Esistono diverse varietà di lavanda, ognuna di esse ha le sue caratteristiche.

La lavanda inglese (Lavandula angustifolia) è la specie più comune ed è abbastanza resistente. Nonostante il nome, questa pianta non è originaria dell’Inghilterra, ma della calda costa mediterranea dell’Europa.

La lavanda inglese è resistente nelle più calde, e di solito sverna bene nel terreno all’aperto senza alcuna protezione aggiuntiva.

In un inverno aperto e senza neve, possiamo ammassare uno strato sottile da 2 a 5 cm di paglia o di foglie sminuzzate per aggiungere una copertura.




La lavanda spagnola (L. stoechas) e la lavanda frangiata o francese (L. dentata) sono molto più tenere e resistenti all’aperto.

Devono essere spostate in casa per sopravvivere all’inverno nelle zone più fredde. La buona notizia è che le lavande sono piante abbastanza compatte che crescono bene in contenitori, il che rende abbastanza facile il loro spostamento dall’interno all’esterno.

Se le rinvasate, non usate un vaso troppo grande. Lasciate solo un centimetro di terra in più intorno alla zolla. Troppo terriccio resterà inzuppato, cosa che queste piante non tollerano.

Due parti di terriccio e una parte di perlite o di sabbia grossolana garantiranno alle piante il rapido drenaggio di cui hanno bisogno.

Per imitare il terreno alcalino del Mediterraneo, aggiungete 1 cucchiaino di calce al sacchetto di terriccio prima di utilizzarlo nei vasi delle lavande.




Come svernare la lavanda in casa e all’aperto

Come già detto, la lavanda inglese è resistente all’inverno fino e può richiedere solo un po’ di aiuto sotto forma di un sottile strato di paglia. Per il resto, la lavanda non dovrebbe aver bisogno di ulteriori cure all’esterno.

Le lavande spagnole e francesi, invece, dovranno essere portate in casa nelle zone più fredde.

Durante l’inverno, le piante vogliono riposare e non producono molto, se non nessuna, nuova crescita. Sono praticamente dormienti da settembre ad aprile.

Mentre la lavanda è al chiuso per l’inverno, seguite queste pratiche:

  • Innaffiatura: Hanno bisogno di meno acqua anche in inverno; aspettate che il primo centimetro di terreno sia asciutto prima di dargli da bere. Un’annaffiatura eccessiva fa marcire le radici e significa morte sicura.
  • Illuminazione: Anche se non crescono attivamente, queste piante hanno bisogno di molta luce. Se non avete un posto sul davanzale fresco e luminoso, provate a usare una lampada da coltivazione per integrare la luce naturale.
  • Temperatura: Durante l’inverno, le lavande amano il fresco ma non le correnti d’aria; la temperatura può scendere fino a 5°C di notte e non dovrebbe essere più calda di 18°C durante il giorno. Ciò significa che bisogna tenerle lontane dai caloriferi che le seccano e dalle finestre piene di spifferi che potrebbero raffreddarle troppo.
  • Concimazione: Le piante possono sembrare un po’ tristi, ma non concimate fino all’inizio della nuova crescita in primavera. I nutrienti non utilizzati possono accumularsi nel terreno e diventare tossici.

Anche se la pianta è a riposo, il fogliame è ancora profumato e quando lo si sfiora si sente un buon odore. Le qualità rilassanti e antidepressive del suo aroma saranno un gradito ricordo dell’estate e vi aiuteranno a superare il lungo inverno che vi attende.

In primavera, aspettate che l’ultima gelata primaverile sia passata e che le temperature notturne siano superiori a 10°C per piantare nuovamente la lavanda all’aperto. Non dimenticate inoltre di farle indurire prima di esporle al pieno sole e alle fresche temperature primaverili!




Potatura delle piante di lavanda

La lavanda fiorisce ogni anno su legno nuovo, quindi la potatura deve avvenire all’inizio della primavera, prima che gli steli inizino a crescere.

Quando i nuovi steli verdi diventano visibili alla base della pianta, tagliate gli steli di lavanda più vecchi di circa un terzo. La potatura aiuta a evitare che la pianta di lavanda diventi eccessivamente legnosa e favorisce una nuova crescita sana.

Rimuovere gli steli danneggiati o morti a livello del terreno dopo il periodo invernale.

Parassiti e malattie

La lavanda non soffre di molti parassiti o malattie, ma può essere soggetta a malattie del terreno come il marciume radicale se l’acqua rimane intorno alle piante.




Non innaffiate troppo la lavanda. Innaffiate le nuove piantine una o due volte alla settimana fino a quando non si saranno insediate, e le piante mature ogni due o tre settimane fino alla formazione dei boccioli.

Raccolta delle piante di lavanda

Raccogliere la lavanda nelle prime ore del mattino, poiché l’olio è più concentrato nelle prime ore del giorno, quando circa la metà dei boccioli è aperta.

Utilizzando cesoie affilate, tagliate gli steli più lunghi possibile e formate fasci di fino a 100 steli, fissandoli con spago o elastici. Lasciare la lavanda appesa a testa in giù in un luogo fresco e buio, con una buona circolazione d’aria, finché non si asciuga.

Articoli correlati:



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close