fbpx

La riproduzione del melograno per pollone radicale

107

I polloni radicali sono giovani germogli che spuntano spontaneamente dalle radici di alcuni alberi da frutto, come il melograno. Si tratta di nuove piantine geneticamente identiche alla pianta madre, originate per via vegetativa e non per seme. Emergono in superficie e, se lasciati crescere indisturbati, possono svilupparsi in una nuova pianta autonoma. Prelevarli con cura e trapiantarli altrove è un sistema facile ed efficace per moltiplicare piante come il melograno, riproducendone fedelmente tutte le caratteristiche.

Per chi desidera moltiplicare il proprio melograno, esiste un metodo semplice ed efficace: la riproduzione per pollone radicale. Questa tecnica prevede di prelevare le piantine che spontaneamente germogliano dalle radici della pianta madre, per poi trapiantarle altrove. I polloni radicali, infatti, originano dalla stessa pianta originaria e ne ereditano tutte le caratteristiche.

Per questo i nuovi melograni ottenuti in tale modo produrranno frutti identici a quelli della pianta da cui provengono. È il sistema di propagazione ideale per chi vuole moltiplicare il proprio albero, mantenendo varietà e qualità dei frutti. Vedremo come individuare i polloni, prelevarli con cura e trapiantarli correttamente, per dare vita a splendidi nuovi melograni.

La moltiplicazione della pianta madre

La riproduzione del melograno per pollone radicale costituisce di fatto una moltiplicazione della pianta madre. I polloni che crescono spontaneamente dalle radici, infatti, sono geneticamente identici alla pianta da cui originano. Per questo, se il melograno non è innestato, i nuovi alberi ottenuti da tale metodo produrranno gli stessi frutti della pianta madre.

I frutti saranno completamente uguali sia nella forma, dimensione e colore della buccia, sia nelle caratteristiche interne come polpa, succo e semi. Anche il sapore sarà lo stesso, così come l’epoca di maturazione. Propagare il melograno per pollone radicale significa quindi moltiplicare le piante mantenendo invariata ogni caratteristica.

Il melograno è una pianta pollonifera

La facilità di propagazione per pollone radicale deriva dal fatto che si tratta di una pianta pollonifera. Questo significa che il melograno tende naturalmente a produrre nuove piantine che germogliano dalle proprie radici, i cosiddetti polloni radicali. Tale caratteristica, tipica di alcune specie di alberi da frutto, rende il melograno perfettamente adatto alla moltiplicazione agamica, ovvero la riproduzione di un individuo per propagazione vegetativa anziché per seme.

Altri metodi di riproduzione del melograno

Oltre alla tecnica di propagazione del pollone radicale, il melograno si può moltiplicare anche con altri metodi. Una tecnica molto diffusa è la talea, che prevede di prelevare un rametto della pianta madre nel periodo adatto e farlo radicare in un vasetto per ottenere una nuova piantina.

Anche la riproduzione per margotta funziona bene con il melograno: consiste nell’indurre l’emissione di radici in un ramo ancora attaccato alla pianta madre. Infine, è possibile propagare il melograno anche per seme, sebbene con questa tecnica sia difficile ottenere piante con caratteristiche identiche alla pianta madre.

Periodo migliore per prelevare la piantina

Per prelevare con successo i polloni, è importante scegliere il periodo più adatto. Il momento ideale è tra fine autunno e inizio inverno, orientativamente novembre-dicembre. In questa fase di riposo vegetativo, la pianta madre e la piantina da prelevare subiranno minor stress dall’intervento.

Il freddo contenuto poi eviterà l’eccessiva disidratazione del polloni, favorendo l’attecchimento. La stasi invernale, infine, permette di trapiantare la giovane pianta senza comprometterne la ripresa vegetativa, che avverrà normalmente in primavera.

Individuare e prelevare la piantina con radici e terreno

Una volta scelto il periodo adatto, occorre individuare sul melograno madre i polloni da prelevare. Si cercano piantine nate vicino al tronco o comunque a qualche distanza, per essere certi che provengano dalle radici. Si pulisce l’erba circostante e si scava con attenzione intorno alla piantina, cercando di recuperare più radici e terreno possibile. È fondamentale prelevare il polloni con pane di terra annesso per non danneggiare le radici.

Si può poi scegliere, se presente, la piantina migliore, eliminando quelle più deboli o malformate. Importante non avvicinarsi troppo al tronco della pianta madre. Con delle forbici da potatura si eliminano i rametti bassi in eccesso. Il risultato è un polloni ben sviluppato, con apparato radicale integro e parte del terreno originale: pronto per essere trapiantato.

Eliminare la parte in eccesso e cimare

Dopo aver prelevato con cura il pollone radicale, è necessario potare le parti in eccesso. Con delle forbici da potatura si eliminano i rametti bassi, mantenendo invece quelli apicali che serviranno per l’emissione di nuovi germogli.

Si procede poi con la cimatura della piantina: si misura una lunghezza di 60-70 cm dall’apparato radicale e si taglia la parte terminale. Questa operazione è molto importante, poiché la recisione dell’apice causerà un leggero stress nella piantina, stimolandone l’emissione di nuove radici e germogli una volta trapiantata.

Trapiantare in piena terra o vaso

A questo punto il pollone radicale è pronto per essere trapiantato. Si può scegliere di metterlo a dimora direttamente in piena terra o in vaso. Per il trapianto in terra si scava una buca profonda e larga 40-50 cm, si mescola la terra aggiungendo del letame ben maturo per fertilizzare e favorire l’attecchimento della piantina. Si posiziona quindi il pollone, avendo cura di mantenere la zolla di terreno originale intorno alle radici.

In alternativa, si può trapiantare il pollone in un vaso largo 40-50 cm con terriccio specifico per agrumi, ricco di sostanza organica e ben drenante. Il vaso permette di controllare meglio la crescita della giovane pianta. In entrambi i casi, è consigliabile prevedere un tutore per sostenere il fusto del nuovo melograno nella fase di sviluppo.

Letture correlate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy