Cos’è la permacultura

252
permacultura

La permacultura è una filosofia per uno stile di vita olistico e sostenibile. Il ricercatore e scrittore ecologico Bill Mollison e David Holmgren hanno coniato il termine nel 1978. Hanno combinato le parole permanente e agricoltura per creare la permacultura come sistema di agricoltura ecologica. Successivamente l'hanno cambiato in permanente e cultura per includere anche i bisogni sociali delle persone e il loro alloggio.

La permacultura sta diventando una parola d’ordine sempre più popolare e una cassetta degli attrezzi di idee per agricoltori e giardinieri, ma che cos’è esattamente?

Secondo Bill Mollison, cofondatore e padre del movimento,

La permacultura è la progettazione consapevole e il mantenimento di ecosistemi produttivi agricoli che hanno la diversità, la stabilità e la resilienza degli ecosistemi naturali”.

Il sistema di design con il titolo ufficiale di “permacultura” ha avuto inizio negli anni ’70 in Australia.

Il significato originale della permacultura era una contrazione delle parole “permanente” + “agricoltura”, il che significa che se progettiamo i paesaggi agricoli, in particolare i nostri paesaggi domestici, in un modo che migliori e supporti l’ecosistema locale, potrebbero essere vivificanti per generazioni.

La permacultura è stata più recentemente identificata come una contrazione delle parole “permanente” + “cultura” per indicare che il sistema di progettazione può essere applicato a tutti gli aspetti della progettazione di una cultura resiliente, specialmente quando i metodi indigeni di lavorare con la terra e le persone sono riconosciuti e apprezzato.

Tuttavia, l’applicazione originale della permacultura ai giardini delle fattorie e ai paesaggi agricoli rimane il suo uso più popolare.







La Prima Direttiva della Permacultura

L’unica decisione etica è assumerci la responsabilità della nostra stessa esistenza e di quella dei nostri figli.” ― Bill Mollison

La prima direttiva della permacultura è una luce guida, soprattutto per quanto riguarda cosa e come ci nutriamo. Fondamentalmente significa sforzarsi di fare del proprio meglio per prendersi cura dei propri bisogni, data la propria situazione di vita.

Non significa che dobbiamo vivere in isolamento e diventare autosufficienti, ma piuttosto, facciamo la nostra parte per sfruttare al meglio e al massimo le risorse che abbiamo a nostra disposizione.

Etica e principi della permacultura

Il design della permacultura utilizza un insieme di etica e principi per connetterci all’ecologia e al potenziale di un paesaggio.

L’etica

L’etica della permacultura è il fondamento del design della permacultura, che valorizza i sistemi naturali. Sono semplicemente:

  • Prenditi cura della terra
  • Prenditi cura delle persone
  • Reinvestire il surplus (condividere abbondanza)




Etica n. 1: Prenditi cura della Terra

Siamo sani solo come il nostro pianeta. Prendersi cura delle foreste, dei corsi d’acqua e delle diverse forme di vita del nostro magnifico pianeta ci avvantaggia. Significa riconoscere e valorizzare le risorse che entrano ed escono dal tuo sito.

Ad esempio, catturando e rallentando l’acqua piovana, si riduce l’inquinamento nei corsi d’acqua locali.

Sul tuo sito, cerca attivamente modi per rigenerare la fertilità e la biodiversità piuttosto che semplicemente sostenere i livelli attuali.

Ad ogni azione nel mio giardino, chiedo sempre:’ Questa azione aiuta o danneggia l’ecologia? Esiste un modo più ecologico ed efficiente per raggiungere questo obiettivo? In che modo la natura risolverebbe questo problema?’.

Etica n. 2: prendersi cura delle persone

Prendersi cura delle persone include prendersi cura di noi stessi e della nostra stessa famiglia. Quando ci ” assumiamo la responsabilità della nostra stessa esistenza “, inevitabilmente iniziamo a produrre di più ea consumare di meno.

È questo passo lontano dal consumismo che ci aiuta a evitare prodotti e aziende che sfruttano le persone.

Nei tempi moderni, è diventato ammirevole favorire l’opposto dell’assunzione di responsabilità per noi stessi: impegnare la nostra vita esclusivamente per aiutare gli altri .

Tuttavia, questo lascia poco spazio per prendersi cura di noi stessi, poco tempo per raggiungere qualsiasi livello di autosufficienza e poca energia per ridurre il nostro livello di consumo.

Questo purtroppo può avere un effetto netto zero.

Quando sfruttiamo al meglio e al massimo le risorse a nostra disposizione, è probabile che possiamo fare molto per prenderci cura di noi stessi e degli altri .

A volte si inizia con la creazione di un paesaggio di produzione alimentare che sia tanto bello quanto produttivo, che può fungere da modello e ispirare gli altri.




Etica n. 3: reinvestire il surplus

Quando ci prendiamo cura della terra, la natura risponde con abbondanza: più biodiversità, più piante, più animali, acqua più sana, aria più sana e così via.

Possiamo reinvestire i flussi utili, come l’ acqua piovana o il compost , nel giardino per creare un ecosistema autosufficiente che richiede meno input da fonti esterne al sito.

Questo è l’apice della conservazione della terra: onorare e incoraggiare l’abbondanza della terra , piuttosto che considerare le nostre risorse scarse, concentrandosi sull’importazione di materiali.

Lo sapevi che a Los Angeles, dove la piovosità annuale è di soli 6 pollici, si sommano fino a 3.000 galloni di acqua piovana che si raccolgono ogni anno da un tetto di medie dimensioni?

Quando ci prendiamo cura di noi stessi e agiamo come consumatori responsabili, la vita diventa abbondante. Abbiamo accesso a un’abbondante scorta di cibo sano e nostrano. Siamo finanziariamente più resilienti. In definitiva, prendersi cura della propria esistenza (e di qualsiasi terra a cui abbiamo accesso) fornisce abbondanza che può essere reinvestita nella comunità, attraverso la condivisione di cibo, abilità o assistenza finanziaria.

Sei principi guida di permacultura

I principi della permacultura ci guidano nella progettazione di un sito in modo che tutti i pezzi funzionino insieme nel modo più efficiente possibile e le risorse della terra siano utilizzate e valorizzate al massimo delle loro potenzialità. Nel corso degli anni, molti designer e insegnanti di permacultura hanno stabilito un gran numero di principi.

Quello che segue è un riassunto abbreviato di alcuni di quei principi, in nessun ordine particolare, con il merito di Toby Hemenway, autore di Gaia’s Garden: A Guide to Home-Scale Permaculture .

Non si tratta di regole rigide, ma di linee guida, che ci aiutano a cercare di modellare la natura nella progettazione del nostro giardino.




Principio n. 1: osservare e interagire con la terra

Quando prestiamo attenzione a un paesaggio in tutte le stagioni e in tutte le ore del giorno per comprenderne la personalità, l’essenza, impariamo la risposta a domande come:

  • In che modo il sole, il vento e l’acqua si muovono attraverso o attraverso di essa?
  • Quali modelli emergono nel corso delle stagioni?
  • Quali specie vegetali vogliono naturalmente crescere lì?
  • Qualche specie di fauna selvatica si avventura sulla terra? Hanno un percorso specifico, un’ora del giorno o una stagione specifica per la loro attività? Da quali componenti del paesaggio sono attratti?

Le osservazioni possono far risparmiare tempo e fatica. Se ti trasferisci in una nuova casa in piena estate, potresti non accorgerti delle aree che si allagano in primavera, ad esempio.

Principio n. 2: collegare e integrare i pezzi

A volte sentiamo di dover fare All.The.Things per avere un orto super produttivo.

Tuttavia, la produttività della tua fattoria non dipende necessariamente da quante cose fai o hai (ad esempio, filari di raccolti, numero di alberi da frutto, quantità di bestiame, ecc.).

Piuttosto, la produttività e la resilienza migliorano man mano che aumentano le connessioni tra i componenti di cui disponi.

Ad esempio, se raccogli gli avanzi di cibo in cucina ma non arrivano mai alla tua compostiera perché si trova sul retro della proprietà ed è scomodo da raggiungere, allora diremmo che gli avanzi della cucina e la compostiera non sono collegati.

Avvicinando il bidone del compost, colleghi questi due componenti, gli avanzi di cibo si trasformano in un ricco ammendante del terreno ed eviti di sprecare una risorsa preziosa. Collegando e integrando i componenti, l’intero sistema funziona in modo più efficiente.




Principio n. 3: Cattura e immagazzina energia e materiali

Identificare e catturare flussi utili, che possono essere reinvestiti per una maggiore resa o una maggiore biodiversità.

L’acqua è un esempio di flusso utile. La raccolta dell’acqua piovana nel paesaggio riduce la necessità di irrigare e, allo stesso tempo, migliora la salute del suolo.

Tuttavia, quali strategie ti aiutano a lavorare con l’acqua piovana sono specifiche del sito e dipendono dalla quantità di precipitazioni, dal tipo di terreno, dalla pendenza e altro ancora.

Uno swale di permacultura è una tecnica popolare utilizzata per la raccolta dell’acqua piovana in determinate condizioni. Il processo di progettazione della permacultura ti aiuta a soddisfare le tue esigenze e condizioni con strategie e tecniche appropriate.

Principio n. 4: ogni componente svolge molteplici funzioni

Gli ecosistemi naturali sono ricchi e resistenti perché molte piante crescono e interagiscono tra loro. Puoi imitare questa idea dalla natura integrando piante di supporto multifunzionali nei tuoi orti, alberi da frutto , siepi di fauna selvatica e foreste alimentari .

Cerco piante di supporto che forniscano pacciame trita-e-goccia, attirino impollinatori e insetti utili e altro ancora.

” Come sopra, così sotto “, funziona qui. La diversità fuori terra diventa diversità sotto terra, svolgendo molte funzioni che supportano una fiorente ecologia del giardino. Gli organismi del suolo sono la chiave di questa resilienza.




Principio n. 5: il minimo cambiamento per il massimo effetto

“ Osservare la natura a fondo piuttosto che lavorare sconsideratamente. ” ~Masanobu Fukuoka, The One Straw Revolution: An Introduction to Natural Farming

Identificare i punti di leva in cui la minor quantità di lavoro può apportare il maggior cambiamento, per ridurre il lavoro sconsiderato.

Quando ho cercato modi per coltivare più cibo nel mio piccolo cortile, piantare alberi da frutto nella striscia di parcheggio ha fatto proprio questo per pochissimo lavoro e spazio.

A volte le strategie di progettazione fanno uso di materiali che si trovano in loco per ottenere il massimo effetto con la minor quantità di materiali importati. Un esempio è l’utilizzo del legno caduto per stabilizzare un pendio e creare uno spazio più produttivo: ecco un modo rapido per terrazzare un pendio.

Principio n. 6: utilizzare sistemi intensivi su piccola scala

Inizia a casa tua e costruisci il sistema più piccolo per soddisfare le tue esigenze. I piccoli sistemi possono essere gestiti con meno risorse, rendendoli più efficienti in termini di tempo ed energia. Quando un piccolo sistema ha successo e sei pronto a far crescere più cose, replica ciò che ha funzionato nella prossima piccola espansione.

Questo è chiamato ” crescita a pezzi” .

Il paesaggio commestibile offre un esempio di coltivazione a pezzi. Sostituendo semplicemente il paesaggio convenzionale con piante commestibili, puoi aumentare la produttività senza strappare l’intero prato per farlo. Le future espansioni del giardino possono basarsi sui successi di questi piccoli esperimenti.




Come iniziare con la permacultura

La permacultura è un approccio progettuale che può migliorare la produttività e l’efficienza della tua fattoria o giardino su scala domestica, imitando il funzionamento dei sistemi naturali.

Tuttavia, come molte cose nella vita che vale la pena imparare, ci vuole pratica. O almeno, la pratica ti aiuterà a sentirti più sicuro!

Inizia sperimentando piccoli progetti che utilizzano strategie di permacultura. Quindi, raccogli i dati:

Il progetto ha raggiunto gli obiettivi desiderati?
Ha aumentato l’efficienza del sistema del giardino?
Incoraggiare la biodiversità?
Fare un uso migliore di una risorsa in loco?
Non aver paura di sperimentare. E fallire.

In effetti, i miei errori mi hanno aiutato a imparare! Una volta ho creato un sistema di raccolta della pioggia che includeva una combinazione di botti per la pioggia e un giardino della pioggia. Ho imparato dal processo e poi l’ho ricostruito meglio una seconda volta dopo aver osservato come funzionava.

In effetti, molte persone potrebbero costruire un sistema di cattura dell’acqua piovana una volta e dirlo fatto, anche se inefficiente. Tuttavia, l’efficienza è una considerazione primaria in un sistema progettato permacultura.

Osserva dove le risorse e il lavoro vengono sprecati in un sistema e apporta le correzioni, come indicato sopra nel principio n. 5: Il minimo cambiamento per il massimo effetto.

8 Domande frequenti sulla permacultura




Cosa significa permacultura?

La permacultura era originariamente una contrazione delle parole “permanente” + “agricoltura”, il che significa che se progettiamo i paesaggi agricoli in modo da migliorare e sostenere l’ecosistema locale, potrebbero essere vivificanti per generazioni.

La permacultura è stata più recentemente identificata come una contrazione delle parole “permanente” + “cultura” per indicare che il sistema di progettazione può essere applicato a tutti gli aspetti della progettazione di una cultura resiliente, specialmente quando i metodi indigeni sono riconosciuti e valorizzati.

Qual è un esempio di permacultura?

Un esempio è la progettazione di una gilda di alberi da frutto per creare un sistema a bassa manutenzione che funzioni con la natura e migliori la biodiversità. L’obiettivo della gilda è di sottopiantare un elemento centrale, come un albero da frutto, con piante che sono molto utili, multifunzionali e che potrebbero essere naturalmente trovate crescere insieme.

Quali sono i 12 principi della permacultura?

  • Osservare.
  • Collegare.
  • Cattura e immagazzina energia e materiali.
  • Ogni elemento svolge molteplici funzioni.
  • Ogni funzione è supportata da più elementi.
  • Apportare il minimo cambiamento per il massimo effetto.
  • Utilizzare sistemi intensivi su piccola scala.
  • Ottimizza il bordo.
  • Collabora con la successione.
  • Utilizzare risorse biologiche e rinnovabili.
  • Trasforma i problemi in soluzioni.
  • Ottieni un rendimento.




Qual è lo scopo della permacultura?

Lo scopo è quello di fornire un sistema per la coltivazione di cibo per l’uomo in un modo che benefici e funzioni in armonia con l’ecosistema locale.

Come pratichi la permacultura?

Osserva come funziona già la natura in un sito rispondendo a domande come: dove scorre l’acqua? e Quali sono gli insetti e le piante esistenti?, quindi costruire orti che lavorino con l’ecologia e facciano il massimo uso delle risorse naturali disponibili.

In che modo la permacultura è diversa dal giardinaggio biologico?

Il giardinaggio biologico fornisce il cosa – “… coltivare un ecosistema che sostiene e nutre piante, microbi del suolo e insetti benefici piuttosto che semplicemente far crescere le piante”, mentre la permacultura fornisce il come – attraverso un processo di progettazione consapevole.

Quanta terra è necessaria per la permacultura?

La permacultura può essere praticata su qualsiasi quantità di terreno, da un balcone a una grande fattoria.




Risorse di permacultura

A parte le numerose risorse elencate in questo articolo, le seguenti sono utili punti di partenza per saperne di più sulla permacultura.

  • Pianifica una consulenza con un designer di permacultura certificato per ridurre gli errori e le indecisioni, ridurre gli anni di sviluppo e risparmiare denaro.
  • Sfoglia altri dei miei articoli sulla permacultura.
  • Sfoglia la mia raccolta di risorse di permacultura.
  • Iscriviti al mio mini corso di permacultura gratuito di 10 giorni.

Articoli correlati:



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close