Cosa sono i ceci

326
CECI

La popolarità dei ceci, che appartiene alla famiglia delle leguminose, nelle cucine di tutto il mondo è relativamente recente, ma la loro coltivazione, soprattutto nel Medio Oriente, risale a migliaia di anni fa.




Cosa sono i ceci, usi in cucina e valori nutrizionali

Il cicer arietinum, comunemente noti come ceci, è un legume ricco di proteine ed originario del Mediterraneo e del Medio Oriente. I ceci sono del Regno Plantae, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Ordine Fabales, Famiglia Fabaceae o Leguminosae (la famiglia dei legumi, dei piselli e dei legumi) e del genere Cicer.

Il loro nome binomiale cicer arietinum. Oltre 90 genotipi di ceci hanno avuto il loro genoma sequenziato, con ricerche che hanno identificato oltre 28.000 geni e diversi milioni di marcatori genetici.

ceci sono diventati popolari in tutto il mondo e sono conosciuti anche come fagioli cecipiselli indiani, grammi del Bengala, chana, kadale kaalu, sanaga pappu e shimbra. Nel notro paese il nome deriva dal latino “cicer”. Bisogna dire che i ceci sono una delle colture più antiche di questo mondo.

Resti di queste colture sono stati riportati alla luce dopo ben 7.500 nelle zone mediorientali della Turchia, ma compaiono nella storia antica anche nelle zone della Grecia, della Francia e altra aree europee. I ceci attualmente forniscono proteine a oltre il 20% del mondo, ma le colture sono minacciate dal cambiamento climatico e dalla mancanza di diversità genetica.

ceci sono stati allevati in modo che il seme rimanga con la pianta, ma questo ha portato a piante meno diverse. La mancanza di diversità genetica ha lasciato i ceci suscettibili a qualsiasi cambiamento ambientale.

Cominciano ad apparire in letteratura intorno all’800 dC con il Capitulare de villis di Carlo Magno. In quel testo, Carlo Magno descrive come venivano coltivati i ceci in ogni demanio imperiale, o area di un maniero controllato da un signore.

I ceci vengono poi citati da Albert Magnus in tre diversi colori, e da Nicholas Culpeper come meno “ventosi” dei piselli e più nutrienti. Vengono citati anche da uno scrittore tedesco nel 1793 come surrogato del caffè. La Germania utilizzerà in seguito questa conoscenza e coltiverà i ceci per questo scopo durante la prima guerra mondiale.




I Ceci nel mondo

Diverse varietà di ceci vengono coltivate in tutto il mondo. Il “Desi chana” assomiglia molto ai ceci trovati negli scavi archeologici e viene coltivato principalmente in Pakistan e in India. Ha semi piccoli e scuri e un pelo ruvido.

Il “Desi chana” è l’antenato selvatico del Cicer reticulatum, i ceci domestici. Il Cicer reticulatum è coltivato principalmente in Turchia. I ceci coltivati nel Mediterraneo, Sud America, Nord Africa, Asia meridionale ed Europa meridionale sono di colore più chiaro, più grandi e hanno un mantello più liscio.

L’India rappresenta il 64% della produzione mondiale di ceci a partire dal 2016, producendo 7.1 milioni di tonnellate di ceci l’anno. Il Myanmar ne produce 0,6 , Pakistan e Turchia ne producono mezza tonnellata ciascuno e Russia ed Etiopia ne producono rispettivamente 0,4 e 0,3 .

Nel mondo si coltivano ogni anno 12,1 milioni di tonnellate di ceci. La coltivazione del calore e dei micronutrienti è attualmente responsabile della maggior parte di questa resa. Questo tipo di coltivazione aiuta la pianta ad ottenere i nutrienti essenziali per la sua crescita: fosforo e azoto.




Utilizzo dei ceci

I ceci sono utilizzati per il consumo umano e per l’alimentazione animale. I ceci sono ricchi di proteine ed energia, il che li rende ottimi per l’alimentazione animale. I ceci crudi hanno dimostrato di essere un’alternativa più salutare rispetto a legumi simili, come i piselli.

La ricerca scientifica ha dimostrato che i ceci non hanno effetti negativi sul bestiame, consentendo agli animali di crescere e produrre latte allo stesso modo della soia o dei cereali.

Per il consumo umano, i ceci sono ricchi di nutrienti, fornendo oltre il 20% del valore giornaliero di proteine, fibre alimentari, acido folico e minerali come ferro e fosforo. Forniscono anche una moderata quantità di zincotiaminavitamina B6 e magnesio. I ceci cotti sono ricchi di aminoacidi.




I Ceci in cucina

Originari del Medio Oriente circa 7.500 anni fa e ora sono un ingrediente economico ed essenziale nelle cucine di tutto il mondo, specialmente in Nord AfricaSpagna e India. I ceci compaiono in piatti che vanno dall’hummus e chana masala, ai falafel e alle insalate. I ceci possono essere mangiati direttamente da una lattina, passati in purea, in umido o essiccati e macinati in farina. I ceci secchi devono essere ammollati e talvolta sbucciati prima di essere cotti.

Estremamente versatili possono essere aggiunti a piatti interi o frullati come base cremosa per una varietà di usi. I ceci arrostiti o fritti aggiungono un tocco croccante a insalate, risotti e zuppe. Possono essere conditi per adattarsi al profilo aromatico di quasi tutte le cucine.

I ceci sono un pilastro delle ricette vegetariane indiane, ma aggiungono anche consistenza ai piatti di pasta e costituiscono una base ricca di proteine.

Sono molti gli usi dei ceci nelle nostre cucine regionali. Come non menzionare la deliziosa Farinata Ligure. Una torta salata molto bassa e rotonda che ha per ingredienti solo acqua olio sale e ferina di ceci. Un’ altra menzione doverosa la dobbiamo riservare alla Panella Siciliana.

I prodotti di preparazione sono gli stessi della cugina ligure, con aggiunta di pepe e prezzemolo, ma differisce da questa per il tipo di cottura: la frittura alla fine. Ed infine, ovviamente, la Pasta e Ceci con le miriadi di variazioni che ogni luogo di Italia ha aggiunto, sottratto o cambiato a questa ricetta di cucina popolare.




Valori nutrizionali dei ceci

I ceci sono un’ottima fonte di fibre e proteine. Molti studi scientifici hanno dimostrato che fagioli e legumi come i ceci possono aiutare a ridurre il peso, i fattori di rischio per le malattie cardiache e potenzialmente anche il rischio di cancro, soprattutto quando sostituiscono la carne rossa nella dieta.

Qui di seguito i valori nutrizionali dei ceci (per 100 grammi di prodotto)

  • Calorie – 130
  • Zuccheri – 1,5 g
  • Proteine – 7,5 g
  • Fibra – 6,3 g
  • Grassi – 2,5 g
  • Sodio – 5 mg
  • Potassio 300 mg
  • Fosforo 150 mg

Articolo correlato: Guida per principianti per realizzare un orto.



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close