Cosa sono i carciofi

409
Carciofo

Il carciofo è da sempre conosciuto per le sue qualità benefiche. Nonostante si raccolga da ottobre a giugno, è già un ottimo ortaggio di stagione a novembre. Questa caratteristica lo rende considerato da molti un ottimo ortaggio di stagione. Il vero re di inverno.




Cos’è il carciofo: Le sue generalità

carciofi sono erbe tipiche del bacino del Mediterraneo (in Italia si trovano principalmente nel centro-sud). Appartengono alla famiglia Compositae, alla sottofamiglia della famiglia Cichorioidaei.

La sottospecie più diffusa è la muffa melmosa. Alla fine, le tre nomenclature comuni del carciofo corrispondono al cardo piccolo. I carciofi sono i principali ortaggi commestibili dell’infiorescenza (capolini immaturi che vengono poi raccolti prima che i fiori sboccino) e gli steli corrispondenti.

Questi sono alimenti vegetali, ma a differenza di altre verdure contengono più proteine ​​che carboidrati. Questa caratteristica è legata all’ottimo contenuto di fibre, che dovrebbero fare in modo che i carciofi abbiano un indice glicemico molto basso.

Inoltre, per il contenuto di altre molecole molto utili all’organismo umano, il carciofo rappresenta la materia prima per alcuni integratori alimentari e prodotti farmacologici.




Cos’è il carciofo: Descrizione

La struttura dei carciofi sono caratterizzate da una parte floreale di base (cuore) gonfia, carnosa e succosa, protetta da un foglio protetto a scaglie, a seconda della specie, con spine alle estremità.

Questi pezzi diventano sempre più fibrosi dall’interno verso l’esterno, diventando sempre più difficili da mangiare. In alcune preparazioni, una volta rimossa la pelle più dura e compatta, lo stelo può essere reso commestibile. 

Le foglie possono essere lunghe fino ad arrivare a 80 cm, verdi o viola, con riflessi grigi, e sono suddivise in piccoli grappoli.




I carciofi tra storia e leggenda

Da Novembre ad Aprile si mangia il carciofo come un delizioso ortaggio: i più voraci impazziscono per il suo “fondo” soffice e delicato, mentre chi ha una maggiore dimestichezza con questo ortaggio, lo consuma mangiando e sfogliando le sue foglie. Il carciofo (Cynara cardunculus scolymus) deriva il suo nome comune da alcuni dialetti dell’Italia settentrionale. Più esattamente deriva dalle parole “articiocco”, “articoclos” e “articioc” che, molto probabilmente, hanno tutte origine dal termine ligure “cocali” che significa pigna.

Secondo una leggenda dell’Egeo e lodato in una canzone del poeta Quinto Orazio Flacco, il primo carciofo fu un’adorabile fanciulla che viveva sull’isola di Zinari. Zeus, che stava visitando suo fratello Poseidone, emerse dall’acqua e vide una bellissima giovane donna mortale.

Non sembrava spaventata dalla presenza di un dio e Zeus colse l’occasione per sedurla. Era così compiaciuto della ragazza, di nome Cynara, che decise di farla diventare una dea, in modo che potesse essere più vicina alla sua casa sull’Olimpo. Cynara acconsenti a tutto ciò, tuttavia manco presto sua madre e ebbe nostalgia di casa così tornò di soppiatto nel mondo dei mortali.

Zeus, scoperto questo comportamento insolente, si infuriò e la trasformò in uno spinoso e squisito carciofo.




Gli antichi Greci ed anche i Romani consideravano i carciofi una prelibatezza ma soprattutto un grande afrodisiaco. Nell’antica Grecia gli veniva attribuito, addirittura, l’efficacia nel garantire la nascita dei figli. I ricchi romani, che invece ne amavano l’uso culinario, li consumavano abbinati al miele e all’aceto e conditi con il cumino.

I carciofi furono coltivati per la prima volta a Napoli (In questo articolo tutte le informazioni su quando piantare i carciofi) intorno alla metà del quindicesimo secolo e gradualmente si diffusero in altre parti d’Europa. Dopo la caduta di Roma, i carciofi divennero scarsi ma riemersero durante il Rinascimento quando la famigli Strozzi, nel 1466, li portò da Firenze a Napoli.

Nel 1800 gli immigrati francesi, che si stabilirono nel territorio della Louisiana portarono i carciofi negli Stati Uniti. Successivamente, alla fine del 1800, gli spagnoli svilupparono i campi di carciofi commerciabili in California. Ad oggi la California fornisce quasi il 100% del raccolto degli Stati Uniti.

Nel sedicesimo secolo mangiare un carciofo era un piacere riservato solo agli uomini. Alle donne veniva negato il diritto di poterne mangiare perché il carciofo era considerato un afrodisiaco e si pensava che aumentasse la potenza sessuale.

Articolo correlato: Come coltivare i carciofi.



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close