Come preparare il terreno per l’orto

303

Come preparare il terreno per l’orto: La lavorazione

Un suolo sano è la base di piante sane e di un ambiente sano. Quando il terreno del giardino è in buone condizioni, c’è meno bisogno di fertilizzanti o pesticidi.

Il suolo organico è ricco di humus, il risultato finale di materiali in decomposizione come foglie, erba tagliata e compost. Trattiene l’umidità, ma drena bene.

Un buon terreno biologico è sciolto e soffice, pieno di aria di cui hanno bisogno le radici delle piante, e contiene molti minerali essenziali per una crescita vigorosa delle piante. È vivo di organismi viventi – dai lombrichi ai funghi e ai batteri – che aiutano a mantenere la qualità del suolo.

Un corretto pH è anche una caratteristica essenziale di un terreno sano.

Leggi anche: Come fare un orto in giardino.




Determinazione della salute del suolo

Dei circa 17 elementi ritenuti essenziali per la crescita delle piante, azoto, fosforo e potassio sono i più importanti. Sono conosciuti come primari o macronutrienti perché le piante li prelevano dal suolo in quantità maggiori.

I fertilizzanti che contengono tutti e tre questi nutrienti sono etichettati come fertilizzanti completi, ma difficilmente sono completi in senso assoluto. Anche calcio, magnesio e zolfo, noti come nutrienti secondari, sono importanti per molte piante.

Minori o micronutrienti includono boro, rame, ferro manganese e zinco. Alcuni micronutrienti vegetali hanno funzioni specifiche come il cobalto, che non viene utilizzato dalla maggior parte delle piante ma aiuta i legumi a fissare l’azoto. Un altro componente critico del tuo terreno è il suo equilibrio acido-alcalino o lettura del PH.




Test

Un modo per determinare quali minerali sono carenti o abbondanti nel tuo terreno è farlo testare. I servizi di estensione cooperativa locale spesso offrono test del suolo a basso costo. Questi test di solito misurano i livelli di PH del suolo, magnesio, fosforo, calcio, potassio e talvolta azoto.

Possono anche segnalare il contenuto di micronutrienti del terreno, ma questo non è essenziale per il coltivatore che aggiunge molta materia organica al suo terreno.

I livelli di pH possono essere fondamentali per la capacità della pianta di assorbire i nutrienti. La maggior parte dei minerali e dei nutrienti sono meglio disponibili per le piante in terreni con un PH compreso tra 6,5 ​​e 6,8.

Se il tuo terreno è acido o alcalino, non importa quanto sia ricco di sostanze nutritive, le piante non saranno in grado di assorbirle.

Il momento migliore per testare il terreno è in primavera o in autunno, quando è più stabile. Questo è anche il momento migliore per aggiungere eventuali ammendanti o fertilizzanti organici nel caso in cui il terreno non abbia minerali o sostanze nutritive.




Struttura e tipo del suolo

Oltre a scoprire il PH del terreno, il contenuto di macronutrienti e i livelli di minerali, ti consigliamo di esaminarne la consistenza. La consistenza del suolo dipende dalla quantità di sabbia, limo e argilla che contiene. La sabbia costituisce i pezzi più grandi delle particelle di terreno e si sente granulosa al tatto.

Le dimensioni successive sono le particelle di limo che sono scivolose quando sono bagnate e polverose quando sono secche. I pezzi più piccoli sono argilla. Sono piatti e tendono a impilarsi insieme come piatti o fogli di carta.

Non hai bisogno di un esperto per determinare la consistenza del suolo. Raccogline un po’ e strofinalo tra le dita. Se il terreno è granuloso, è considerato sabbioso. Se il terreno sembra liscio come il borotalco, è limoso. Se il terreno si sente duro quando asciutto e scivoloso e appiccicoso quando è bagnato, il terreno è argilloso pesante.

  • I terreni sabbiosi tendono ad essere poveri di nutrienti poiché l’acqua e le sostanze nutritive drenano rapidamente attraverso gli ampi spazi tra le particelle di sabbia. Questi terreni tendono anche ad essere poveri di microbi benefici e materia organica su cui le piante prosperano.
  • I terreni limosi sono densi e non drenano bene. Sono più fertili dei terreni sabbiosi o argillosi.
  • I terreni argillosi pesanti sono piuttosto densi, non drenano bene e tendono ad essere duri e screpolati una volta asciutti. Poiché non c’è molto spazio tra le particelle di argilla, di solito non c’è molta materia organica o vita microbica nel terreno. Le radici delle piante hanno difficoltà a crescere nel materiale duro.




Miglioramento del terreno

L’aggiunta di materia organica sotto forma di compost e letame invecchiato, o utilizzando pacciame o colture di copertura in crescita (concimi verdi), è il modo migliore per preparare il terreno per la semina.

L’aggiunta di fertilizzanti chimici reintegra solo alcuni nutrienti e non fa nulla per mantenere un terreno buono e friabile. La materia organica aiuterà a fornire tutto ciò di cui le tue piante hanno bisogno.




Aria

Proprio come gli esseri umani, le piante hanno bisogno di aria, sia in superficie per la fotosintesi che anche nel suolo. L’aria nel terreno trattiene l’azoto atmosferico che può essere convertito in una forma utilizzabile per le piante.

L’ossigeno del suolo è anche cruciale per la sopravvivenza degli organismi del suolo a beneficio delle piante.

Un buon terreno fornisce il giusto spazio tra le sue particelle per trattenere l’aria che le piante utilizzeranno. I terreni limosi e argillosi pesanti hanno piccole particelle che sono vicine tra loro. Questi terreni densi hanno poca aria.

I terreni sabbiosi presentano il problema opposto; le loro particelle sono troppo grandi e distanziate. L’eccessiva quantità di aria nel terreno sabbioso porta a una rapida decomposizione della materia organica.

L’aggiunta di materia organica, in particolare il compost, aiuterà a bilanciare l’apporto d’aria (il terreno perfetto è di circa il 25% di aria). Inoltre, cerca di non calpestare i letti o di utilizzare attrezzature pesanti che possono compattare il terreno. Evitare di lavorare il terreno se è molto umido.




Acqua

Tutte le forme di vita, comprese le piante e gli organismi del suolo, hanno bisogno di acqua, ma non troppo o troppo poco. Il terreno sano dovrebbe contenere circa il 25% di acqua.

In terreni con troppo spazio dei pori (terreni sabbiosi), l’acqua defluisce rapidamente e non può essere utilizzata dalle piante. In terreni densi, limo o argillosi, il terreno si impregna d’acqua poiché tutto lo spazio dei pori è pieno d’acqua. Questo soffocherà le radici delle piante e gli organismi del suolo.

I terreni migliori hanno spazi dei pori sia piccoli che grandi. L’aggiunta di sostanza organica (vedi sotto) è il modo migliore per migliorare la struttura del tuo terreno attraverso la formazione di aggregati. Inoltre, la materia organica trattiene l’acqua in modo che le piante possano usarla quando ne hanno bisogno.




Vita del terreno

Una popolazione di organismi sani è essenziale per un suolo sano. Queste piccole creature rendono i nutrienti disponibili alle piante e legano le particelle di terreno in aggregati che rendono il terreno sciolto e soffice. Gli organismi del suolo includono lombrichi, nematodi, collemboli, batteri, funghi, protozoi, acari e molti altri.

Alcuni di questi organismi possono essere acquistati e aggiunti al terreno, ma a meno che l’ambiente non sia adatto a loro, languiranno. È meglio creare un habitat ideale fornendo il cibo (materia organica), l’aria e l’acqua di cui hanno bisogno e lasciandoli prosperare da soli.




Materia organica

L’aggiunta di compost migliorerà quasi tutti i terreni. La consistenza dei terreni limosi e argillosi, per non parlare dei loro livelli di nutrienti, è radicalmente migliorata dall’avere inizialmente mescolato il compost. Tutti i terreni migliorano con le applicazioni annuali in cima. Il compost biologico può essere acquistato al sacco o in cantiere, oppure puoi prepararlo da solo a casa.

Il compost e altri materiali organici tengono insieme le particelle di terreno negli aggregati e aiutano a trattenere l’umidità. Assorbono e immagazzinano anche i nutrienti che sono poi disponibili per le piante e il compost è una fonte di cibo per i microrganismi benefici.

Fare il tuo compost può essere facile come accumulare strati marroni (paglia, foglie) e strati verdi (erba tagliata, letame di bestiame, rifiuti alimentari) uno sopra l’altro. Mantieni il mucchio umido e giralo spesso.

Se una pila è troppo disordinata, o sei preoccupato che roditori e altri animali entrino nella tua pila, ci sono tutti i tipi di composter e bidoni disponibili per l’acquisto per contenere i tuoi avanzi di verdure e rendere un gioco da ragazzi.




Pacciame

Organico (paglia, fieno, sfalci d’erba, corteccia sminuzzata) ricoprono il terreno e lo isolano dal caldo e dal freddo estremi. I pacciami riducono la perdita d’acqua per evaporazione e scoraggiano la crescita delle erbacce.

I pacciami inorganici (ciottoli, ghiaia, plastica nera, tessuti paesaggistici) impediranno una rapida evaporazione e manterranno giù le erbacce proprio come fa un pacciame organico. A differenza dei pacciami organici, non hanno bisogno di essere sostituiti ogni anno e non attireranno insetti e roditori.

Tuttavia, i pacciami inorganici non apportano benefici al suolo scomponendo e aggiungendo materia organica che migliora la struttura del suolo e il contenuto di nutrienti. Se stai cercando di migliorare la struttura del tuo terreno, usa un pacciame da giardino pulito, senza semi e di alta qualità.




Fertilizzante

Il fertilizzante secco o liquido può aggiungere sostanze nutritive al terreno che potrebbero non arrivarci in nessun altro modo. I fertilizzanti organici da giardino funzionano un po’ più lentamente delle loro controparti sintetiche, ma rilasciano i loro nutrienti in un lasso di tempo più lungo.

Inoltre, i fertilizzanti sintetici sono dannosi per l’ambiente e possono peggiorare il terreno a lungo termine poiché i microrganismi benefici vengono uccisi.

I fertilizzanti organici secchi vengono mescolati nel terreno secondo le indicazioni sull’etichetta e quindi annaffiati. Funzionano più lentamente dei fertilizzanti liquidi , ma durano più a lungo. Le miscele di fertilizzanti contengono diverse quantità di azoto, fosforo e potassio. Il rapporto è riportato sull’etichetta (ad esempio 5-10-5).

Altri fertilizzanti possono contenere guano di pipistrello, fosfato naturale, melassa o altri ingredienti. Ci sono dozzine di ricette per fare il tuo fertilizzante organico . La maggior parte sono variazioni sul tema azoto-fosforo-potassio con sostanze nutritive aggiunte che provengono da farine di semi, cenere, calce, sabbia verde o altre polveri minerali e materiali organici aggiuntivi, spesso alghe, muffe fogliari o concimi stagionati.

Leggi anche: Come utilizzare i fondi di caffè.

I fertilizzanti liquidi vengono spruzzati direttamente sul fogliame della pianta o sul terreno. I fertilizzanti liquidi organici popolari includono emulsioni di pesce e miscele di alghe. I tè di compost sono un altro fertilizzante liquido facile da preparare e sfrutta il compost che hai accumulato nel cortile.

Se stai usando uno spray fogliare, assicurati di bagnare la parte inferiore delle foglie. È qui che si trovano gli stomi, le microscopiche aperture che accolgono i gas. Quando si aprono per far entrare l’anidride carbonica e rilasciare l’umidità, assorbiranno rapidamente il fertilizzante. Leggi le etichette del fertilizzante liquido che scegli in quanto alcuni potrebbero bruciare i raccolti e dovrebbero essere applicati solo sul terreno.




Colture di copertura

Le colture di copertura sono una piantumazione temporanea, solitamente seminata in autunno, che aiuta a proteggere il terreno dal vento e dall’erosione e aggiunge prezioso materiale organico. Stabiliscono anche una struttura radicale densa che può avere un effetto positivo sulla struttura del suolo.

Le colture di copertura sopprimono anche le erbacce, scoraggiano gli insetti e le malattie e aiutano a riparare l’azoto. Quando le colture vengono trasformate nel terreno, diventano sovescio (vedi Panoramica delle colture di copertura e dei concimi verdi ). La segale e l’erba medica sono colture di copertura comuni.

Le colture di copertura vengono piantate alla fine della stagione di crescita ( colture di copertura invernali ) o durante una parte della stagione di crescita stessa ( colture di copertura estive ). Legumi come fagioli dall’occhio, soia, trifoglio annuale o fagioli di velluto possono essere coltivati ​​come colture di sovescio estivo per aggiungere azoto insieme alla materia organica.

I non legumi come il sorgo-sudangrass, il miglio, il sorgo da foraggio o il grano saraceno vengono coltivati ​​per fornire biomassa, soffocare le erbacce e migliorare l’inclinazione del suolo.

Le colture di copertura invernale vengono piantate a fine estate o in autunno per fornire copertura del suolo durante la bassa stagione. Scegli una coltura di legumi per l’ulteriore vantaggio della fissazione dell’azoto. I coltivatori negli stati settentrionali dovrebbero selezionare colture di copertura, come veccia pelosa e segale, con una tolleranza al freddo sufficiente per sopravvivere a inverni rigidi.

Molte altre colture di copertura invernale sono adattate al sud degli Stati Uniti. I legumi della stagione fredda includono trifogli, vecce, medicinali e piselli. A volte vengono piantati in un mix con cereali invernali come avena, segale o grano.

Dopo aver raccolto i raccolti estivi, aggiungi il compost e qualsiasi altro emendamento (come la calce) di cui hai determinato il bisogno del terreno. Disperdere i semi del raccolto di copertura e rastrellare leggermente. Se coltivi ortaggi in autunno, pianta i semi delle colture di copertura tra le file un mese o meno prima che prevedi di raccogliere.

Non lasciare che le colture di copertura vadano a seminare o potrebbero rivelarsi invasive. Quando arriva la primavera, semina il raccolto nel terreno 2-3 settimane prima della semina. Una motozappa è un modo semplice per incorporare le colture di copertura nel terreno.




PH

Non pensare di cambiare il PH del tuo terreno con una dose di un materiale meraviglioso.

Il terreno acido può essere tamponato con calcare in polvere aggiunto al terreno in autunno. (L’autunno è il momento migliore per farlo perché ci vogliono diversi mesi per funzionare). Tieni presente che piante come azalee e mirtilli crescono meglio in un terreno acido, ma la maggior parte delle piante no.

Per aumentare il pH del terreno sabbioso di circa un punto, aggiungi 1 – 2 kg di calcare macinato per 30 metri quadrati. Per terreno argilloso, 4- 6 kg di calcare per 30 metri quadrati dovrebbero aiutare e 8-10 kg per 30 metri sono appropriate per terreno argilloso pesante. Il calcare dovrebbe essere applicato almeno due o tre mesi prima della semina per dargli il tempo di lavorare.

La cenere di legno può anche aumentare il pH del terreno, ma è necessario prestare attenzione nel suo utilizzo. L’applicazione di troppa cenere di legno può causare letture di pH elevate e assorbire i nutrienti dal terreno.

Distribuisci solo piccole quantità sul terreno in autunno e assicurati di girare a fondo il terreno in primavera. I semi che entrano in contatto con la cenere potrebbero non germogliare. Se usi la cenere di legno ogni anno, tieni d’occhio il ph del tuo terreno e smetti di usarlo quando viene raggiunta la lettura corretta.

Il terreno alcalino, invece, deve essere reso più acido. Questo può essere fatto con l’aggiunta di zolfo, segatura, aghi di conifere, segatura o foglie di quercia. Nel terreno sabbioso è possibile abbassare il pH di circa un punto aggiungendo mezzo kg di zolfo macinato per 30 metri al terreno sabbioso, 1 kg per 30 metri in terreno argilloso e 1,5 kg per 30 metri a terreni argillosi pesanti.




Struttura del suolo

Per rendere il terreno sabbioso meno sabbioso, mescola 7-8 cm di materia organica (come il compost) nel terreno. Usa trucioli di legno, foglie, fieno, paglia o corteccia per pacciamare le piante e aggiungi almeno 5 cm di materiale organico ogni anno. Se possibile, coltivare colture di copertura e trasformarle nel terreno in primavera (vedi la discussione sulle colture di copertura sopra).

Se il terreno limoso è un problema, puoi migliorarlo aggiungendo un 1 cm di materiale organico ogni anno. Cerca di evitare di compattare il terreno: non camminarci sopra o lavorarlo a meno che non sia assolutamente necessario. I letti rialzati sono un ottimo modo per utilizzare il terreno limoso senza doverlo lavorare intensamente.

Il terreno argilloso pesante sarà migliorato con l’aggiunta di 2-3 cm di materia organica lavorata al suo interno. Quindi aggiungi un altro pollice o più in cima ogni anno. I letti rialzati miglioreranno il drenaggio e ti impediranno di camminarci sopra, il che può compattare il terreno. Cerca di non lavorare se non necessario.




Carenze nutrizionali

Tipicamente, la farina di ossa è raccomandata per aumentare i livelli di fosforo nel terreno mentre la farina di sangue è suggerita per aumentare i livelli di azoto. Tuttavia, entrambi sono prodotti di macelli. Fortunatamente, ci sono alcune alternative.

Al posto della farina di sangue o dell’emulsione di pesce, prova la farina di erba medica o i pellet di erba medica (venduti per il cibo per conigli). Oppure coltivare erba medica come coltura di copertura per rendere disponibile l’azoto alle piante. L’erba medica aggiunge anche un po’ di fosforo e potassio e funziona bene come acceleratore di compost.

Come i pellet di erba medica, la farina di semi di cotone può essere acquistata presso il tuo negozio di mangimi locale e fornisce azoto al terreno. È piuttosto acido, tuttavia, quindi usalo in combinazione con la calce a meno che tu non voglia abbassare il pH del terreno.

In sostituzione della farina di ossa, aggiungi fosfato di roccia tenera per aumentare i livelli di fosforo.

Come nota a margine, a meno che tu non riesca a trovare erba medica biologica o farina di semi di cotone, aggiungerli al terreno non è strettamente “biologico”. I semi di erba medica e di cotone non coltivati ​​biologicamente possono contenere residui di pesticidi ed erbicidi. I fertilizzanti organici aggiungeranno nutrienti senza pericolo di sostanze chimiche.




Preparazione del terreno primaverile: 3 semplici passaggi

L’ultima cosa che vogliamo fare è sopraffare il giardiniere principiante! Mentre di seguito ci addentreremo davvero nella preparazione completa del terreno, ecco 3 passaggi fondamentali per la primavera:

  1. Elimina rocce e detriti. Per scavare l’erba, usa una vanga per tagliare la zolla in piccoli quadrati e fai leva dall’area di semina con l’estremità della vanga.
  2. Allenta il terreno. Se è il tuo primo giardino, allenta il terreno a una profondità di almeno 8 pollici (12 è meglio) in modo che le radici possano raggiungere il basso.
  3. Aggiunta di materia organica: in primavera, se tutto ciò che ricordi è di aggiungere materia organica come il compost, questo ti farà iniziare bene! Aggiungi in un giorno in cui il terreno è umido ma non bagnato.
  • Spargi un minimo di 2-3 cm di compost o letame invecchiato sul terreno.
  • Molti giardinieri scaveranno la materia organica nel terreno.
  • Tuttavia, c’è anche una filosofia no-dig per esporre meno semi di erbacce e non disturbare la struttura del suolo; lascia semplicemente il compost in superficie. Lascia che siano i vermi a scavare per te!
  • Per noi, dipende davvero dalla forma del tuo terreno. Nel primo anno, se hai un terreno povero, lavoreremo nel compost. Oppure, se hai un terreno duro e compatto, considera la possibilità di costruire un letto rialzato. Oppure potresti coltivare in fioriere e contenitori.
  • Livellare il letto da giardino con un rastrello da giardino in acciaio prima di piantare.

Un altro paio di consigli:

Riscaldare il terreno: se vivi in ​​una regione più fredda, prendi in considerazione un letto da giardino rialzato per aiutare i terreni umidi e freddi ad asciugarsi e riscaldarsi più rapidamente. Puoi anche coprire i tuoi letti prima di piantare con plastica nera su cartone per bloccare la luce e proteggerla da neve, pioggia ed erosione.

Eliminare le erbacce: un metodo per sbarazzarsi delle erbacce in anticipo, prima del tempo di semina, è quello di disturbare leggermente la superficie del terreno, quindi riscaldare il terreno usando fogli di plastica trasparente. Una volta che le piantine di erbacce sono in piedi, estraile o rimuovile con una zappa. Non scavare il terreno, che porterà in superficie nuovi semi di erba infestante: l’idea è semplicemente rimuovere quelli che sono già in cima.

Una volta costruite le fondamenta di un terreno ricco, scuro e fertile, il giardinaggio sarà “più facile” per il resto dell’anno e ogni anno in futuro!

Articolo correlato: Cosa coltivare in primavera.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.