Come potare le ortensie

351
potatura

Le ortensie sono dei bei punti focali nel giardino e richiedono cure minime oltre alla potatura e alla concimazione. Sebbene molte ortensie abbiano fogliame e corteccia interessanti, la maggior parte viene coltivata per i loro fiori grandi e vistosi.

Il primo passo per potare le ortensie è identificare la varietà, poiché questa determina come, quando e anche se necessita di potatura. Esistono 2 gruppi principali di ortensie:

Gruppo 1: Quelli che fioriscono sulla crescita dell’anno scorso, o legno vecchio, e dovrebbero essere potati a fine estate:

  • Ortensie foglia di quercia ( H. quercifolia )
  • Ortensie bigleaf ( H. macrophylla )
  • Ortensie di montagna ( H. serrata )
  • Ortensie rampicanti ( H. petiolaris )

Gruppo 2: Quelle che fioriscono su una nuova crescita, o su legno nuovo, e dovrebbero essere potati tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera:

  • Ortensie lisce ( H. arborescens )
  • Ortensie pannocchia ( H. paniculata )

Esistono anche nuove varietà dette “rifiorenti” o “rimontanti” che fioriscono sia sul legno vecchio che su quello nuovo. Questi tipi non richiedono affatto la potatura, ma solo la manutenzione per la salute delle piante come tagliare rami morti, malati, danneggiati o incrociare.







Come potare un’ortensia in primavera

La maggior parte delle ortensie viene potata in primavera, i loro capolini sono stati lasciati accesi durante l’inverno per proteggere i boccioli sottostanti. Le ortensie rampicanti sono l’eccezione a questa regola: vengono potate in estate, dopo la fioritura.

La potatura impedisce alle ortensie di diventare legnose e congestionate e incanala l’energia delle piante nella produzione di una forte crescita e grandi fioriture. Dopo la potatura, pacciama la pianta con letame o compost ben decomposto.

Diversi tipi di ortensie vengono potati in modi diversi, come alcuni fiori su legno vecchio e altri su legno nuovo. Una potatura scorretta influirà sulla fioritura.

Hydrangea macrophylla, Hydrangea aspera, Hydrangea serrata e Hydrangea quercifolia vengono leggermente potate tagliando i vecchi capolini a un paio di gemme sottostanti. Hydrangea paniculata e Hydrangea aborescens possono essere tagliate più approfonditamente.

Se non sei sicuro del tipo di ortensia che hai, è meglio semplicemente eliminarlo e osservare come cresce. Se noti che produce fiori durante la crescita di quest’anno, puoi potarlo più forte l’anno prossimo.




Ortensie Mophead e Lacecap

Ortensie Mophead e Lacecap (Hydrangea macrophylla) fioriscono sulla crescita degli anni precedenti. Sono un’eccezione alla regola che dice che gli arbusti che producono i loro fiori sulla crescita della stagione precedente dovrebbero essere potati dopo la fioritura.

La struttura degli steli di ortensia significa che è meglio lasciare il taglio fino alla primavera. Questo perché gli steli sono simili a sughero, piuttosto che legnosi, e trattengono abbastanza umidità al loro interno durante l’inverno perché questo si congeli in caso di gelo.

Se si potano in autunno, dopo la fioritura, le gemme possono congelare, uccidendo gli steli e le loro gemme. Lasciare i vecchi fiori sulla pianta durante l’inverno, fino a quando le peggiori gelate non saranno passate, aiuterà a proteggere gli steli e le loro nuove gemme.

Una volta che la linfa inizia a crescere in primavera, questi boccioli si apriranno e molti dovrebbero continuare a portare fiori l’anno successivo.




Rimuovi i capolini dell’anno scorso

Come potare le ortensie in primavera: rimuovere un vecchio capolino di ortensia sopra un nuovo germoglio in crescita

Ad aprile, rimuovi i vecchi capolini appena sopra un paio di gemme. I germogli di ortensia possono essere facilmente staccati, quindi tagliali con cura usando le punte delle tue cesoie. Se la pianta ha molti steli, taglia un angolo tra i germogli per rimuovere uno dei due.

Ciò dirigerà la crescita in un germoglio anziché in due, impedendo alla pianta di congestionarsi.




Taglia i gambi sottili e deboli

Come potare le ortensie in primavera – potando i vecchi steli di ortensie

Taglia gli steli sottili e deboli attorno alla base della pianta e rimuovi uno o due degli steli più grandi e più antichi il più in basso possibile per promuovere nuovi germogli dalla base. Questi cresceranno nei prossimi anni e porteranno fioriture in futuro.

Se hai una pianta troppo cresciuta, taglia alcuni steli fino alla base.




Ortensia aspera e Ortensia serrata

Anche Hydrangea aspera, Hydrangea serrata e Hydrangea quercifolia vengono leggermente potate in primavera: basta rimuovere i vecchi capolini e i vecchi steli incrociati o lunghi e in modo simile ai mophead e ai lacecaps.

Hydrangea paniculata e Hydrangea aborescens

Come potare le ortensie in primavera – Hydrangea paniculata ‘Phantom’

Hydrangea paniculata e Hydrangea aborescens producono fiori su legno nuovo, il che significa che puoi tagliarli più forte senza perdere i fiori di quest’anno. La potatura non è essenziale, ma se non viene potata la pianta diventerà più alta, con la maggior parte dei fiori in cima.

Riduci a una struttura sana

Tagliare all’inizio della primavera, potando la crescita dell’anno scorso in una struttura sana che è alta tra 30 cm e 60 cm. Pota appena sopra un paio di gemme sane su ogni stelo. Riduci le cime sane più basse per fiori grandi o meno dure per un aspetto naturale o una pianta più alta.

Consigliati da Google:



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close