Come fare una talea di melograno

782
talee melograno

Se hai mai mangiato un melograno, sai che all'interno contiene centinaia di semi croccanti, ognuno nella sua copertura carnosa. Gli alberi si propagano facilmente dai semi, ma non vi è alcuna garanzia che i nuovi alberi assomiglieranno all'albero madre. Fortunatamente, ci sono altri metodi di propagazione dell'albero di melograno, come l'utilizzo di talee di albero di melograno. Se stai propagando alberi di melograno da talee, ottieni un albero della stessa specie e cultivar del genitore.

Ci sono diversi motivi per cui potresti scegliere di coltivare i tuoi alberi di melograno a casa.

Ovviamente, c’è il fattore fresco: i prodotti nostrani sembrano avere un sapore migliore quando sono appena stati raccolti rispetto alla frutta acquistata in negozio che è stata spedita da lontano e lasciata riposare, vero?

Poi, c’è la facilità di accesso. Forse il tuo negozio locale non offre i prodotti che desideri, quindi stai prendendo in mano la situazione e cerchi informazioni su come fare una talea di melograno.

Propagare i tuoi alberi o arbusti a casa è abbastanza facile e ci sono diversi metodi a tua disposizione. In questa guida esamineremo le tue opzioni e spiegheremo i passaggi necessari per iniziare.




I migliori metodi di propagazione del melograno per i coltivatori domestici

Ognuna delle tecniche qui descritte si tradurrà in nuove piante o ti consentirà di dare a quelle che hai acquistato un inizio di successo.

Copriremo le talee radicali e la stratificazione dell’aria, nonché il trapianto di alberelli e piante a radice nuda che hai acquistato. Tieni presente che la propagazione dei melograni dai semi produrrà una pianta il cui frutto o portamento di crescita è diverso da quello della pianta madre.

Anche con il potenziale per un’ampia gamma di variazioni nei risultati, a volte può ancora valere la pena sperimentare con alberi coltivati ​​​​da seme, poiché molte delle oltre 500 cultivar di melograno denominate derivano da variazioni prodotte coltivandole da seme originariamente.




Ma se vuoi un risultato più affidabile, è meglio usare altri metodi di propagazione.

Si noti che può essere possibile anche l‘innesto o la propagazione tramite colture di tessuti, ma queste opzioni sono generalmente rare per i melograni e generalmente riservate all’uso commerciale.

La propagazione della coltura tissutale richiede un ambiente di laboratorio sterile e attrezzature speciali e l’innesto non è generalmente preferito poiché i melograni sono particolarmente inclini a succhiare.

Condizioni di coltivazione adatte

Anche se questi alberi possono sopportare un bel po’ di variazioni nel loro ambiente, e talvolta condizioni del suolo non ideali, preferiscono un terreno ricco di sostanze nutritive e argilloso.

Gli alberi di melograno che vengono coltivati ​​in un terreno sano con molto materiale organico generalmente producono frutti di migliore qualità e rese maggiori rispetto a quelli che crescono in condizioni meno favorevoli.

Scegli un luogo in cui le piante ricevano almeno otto ore di luce solare diretta e piena e dove il terreno drena bene. Suggerisco di testare il terreno prima di piantare, poiché queste piante preferiscono condizioni leggermente acide a neutre. Un pH compreso tra 5,5 e 7,0 è il migliore.




È anche importante lasciare uno spazio adeguato tra le piante, quindi pianifica di fornire almeno 4 metri tra ogni albero se stai piantando multipli, a meno che tu non stia pianificando di formare una siepe, nel qual caso da sei a otto piedi dovrebbero essere adeguati con un’adeguata potatura.

Non piantare gli alberi vicino a strutture come la tua casa, recinzioni o annessi. Lascia almeno 4 metri tra l’albero e la struttura, a meno che tu non preveda di eseguire una potatura seria.

Ora che sai come fornire condizioni di crescita ideali, continua a leggere per conoscere le migliori opzioni di propagazione per i coltivatori domestici.

Talee e ventose radicanti

Se il tuo obiettivo per piantare alberi di melograno è clonare il frutto di una pianta madre matura, iniziare con le talee funziona bene e offre alcuni vantaggi.

Le talee di legno duro prelevate da una pianta che sta già producendo frutti generalmente produrranno fiori e frutti in meno tempo rispetto a partire dal seme.

Alberi sani, resistenti alle malattie e produttivi sono la migliore fonte di talee, soprattutto se stai coltivando i tuoi nella stessa regione in cui cresce il genitore, al contrario di una pianta acquistata che è stata coltivata altrove.

Il rooting è un processo facile se fatto al momento giusto. Tieni presente, tuttavia, che alcune talee potrebbero non radicare nonostante i tuoi migliori sforzi. Pianifica di iniziare con un paio in più per compensare eventuali errori.




È meglio tagliare i rami dormienti per il radicamento, se possibile, quando la pianta non sta crescendo attivamente a fine inverno. A quel tempo, il ciclo di crescita naturale della pianta incoraggerà il radicamento e la crescita delle foglie nel tardo inverno e all’inizio della primavera.

Nelle regioni in cui non si verifica la dormienza, dove le temperature tutto l’anno rimangono al di sopra di circa 50 ° F, le talee possono essere prelevate in qualsiasi periodo dell’anno.

I melograni fioriscono sulla punta dei rami, quindi assicurati di rimuovere eventuali gemme prima di radicare. Non tagliarne troppi alla volta, in particolare se il tuo albero è piccolo, poiché rimuovere i rami in erba può ridurre il raccolto complessivo della stagione successiva.

Cerca rami sani nelle aree in cui la potatura aprirà spazio nella pianta, sia nella chioma dell’albero che all’interno dell’arbusto. Lo spazio extra favorisce il flusso d’aria e può aiutare a prevenire alcune malattie, come l’ oidio.

Puoi anche usare polloni che crescono dalle radici di un albero di melograno o di un arbusto per il radicamento, perché queste piante raramente si propagano per innesto.

I polloni potati da alberi e arbusti che vengono innestati, d’altra parte, non produrranno tipicamente piante che producono frutti come il genitore, poiché condivideranno le caratteristiche del portainnesto invece del rampollo, o della cima produttiva della pianta.

Radicare i polloni può essere particolarmente attraente, per non dire pieno di risorse, se hai intenzione di potarli comunque per mantenere la forma dell’albero della tua pianta e per impedire loro di trarre energia e risorse dal genitore.




Avranno l’opportunità di essere sfruttati al meglio, invece di essere gettati sul mucchio di detriti!

I rami che sono spessi come una matita generalmente funzionano meglio per scopi di radicazione.

Non è necessario selezionare i rami che hanno le foglie, poiché queste dovranno essere tagliate via. Gli alberi dormienti nelle aree in cui i melograni sono decidui non avranno comunque foglie.

Usa cesoie affilate o un coltello per tagliare il ramo tra i nodi fogliari a una lunghezza di circa quattro o sei pollici. Taglia eventuali foglie o boccioli di fiori, in modo che l’energia della nuova pianta venga indirizzata verso il radicamento, piuttosto che sostenere la crescita fuori terra.

I polloni possono essere tagliati anche usando forbici da potatura affilate, ma assicurati di tagliarle sopra il colletto o l’area in cui il ramo inizia ad allargarsi dove è attaccato all’albero.

Assicurati di mantenere le talee orientate in posizione verticale, in modo che la parte tagliata venga piantata e la punta rimanga fuori terra.

Avvolgi le talee in un tovagliolo di carta bagnato per mantenerle umide mentre aspettano la semina; i rami secchi hanno meno probabilità di attecchire.

Preparare una piantagione di vasi piatti o da quattro pollici riempiendoli con una parte di terreno e una parte di sabbia silicea grossolana. Il mezzo di radicazione dovrebbe essere poroso e di tessitura sciolta con un buon drenaggio.

Spruzzare la miscela con acqua fino a quando non risulta leggermente umida, ma non bagnata al tatto.

Puoi raschiare mezzo pollice o giù di lì di corteccia alla base per esporre lo strato di cambio verde del taglio e quindi immergerlo nella polvere di ormone radicante, se lo desideri, per promuovere il radicamento.




Attacca i rami a una profondità di circa mezzo pollice o un pollice nel mezzo di radicazione, ma non compattarlo attorno alla base. Assicurati che siano abbastanza profondi da rimanere in piedi.

Metti il ​​vassoio o le pentole in un luogo caldo; le temperature dovrebbero essere comprese tra 21 e 23 ° C per risultati ottimali.

Non è necessario esporre le talee alla luce solare fino a quando non iniziano a formare germogli fogliari, ma pianifica di nebulizzare il terriccio almeno uno al giorno per mantenerlo umido, poiché l’essiccazione inibisce la radicazione.

Se non hai accesso a una serra , puoi posizionare l’appartamento o i vasi all’interno di una borsa di plastica trasparente con un coperchio per mantenere l’umidità, o avvolgere i singoli vasi in sacchetti di plastica trasparente.

L’umidità è molto importante per le talee poiché non sono in grado di assorbire l’acqua senza radici, quindi la assorbono dall’aria.

Possono essere necessari da uno a due mesi prima che talee o polloni mettano radici, ma noterai la formazione di gemme fogliari quando le radici si saranno stabilizzate.

Dopo che le prime foglie si sono spiegate, puoi indurirle per trapiantarle all’aperto o spostarle in vasi più grandi per continuare a crescere fino al momento di piantarle.

Quando sono pronti per essere piantati nella loro casa permanente, scegli un luogo con almeno otto ore di luce solare al giorno.




I melograni hanno bisogno di molto sole, ma le giovani piante potrebbero aver bisogno di una protezione per il primo anno fino a quando le loro chiome non saranno più stabili.

Il sito dovrebbe avere un buon drenaggio poiché queste piante non tollerano il terreno fradicio. E mentre possono resistere a un terreno povero, cresceranno e produrranno meglio in un terreno ricco di sostanze nutritive.

Dovresti anche essere preparato a proteggere gli alberelli da forti venti, forti piogge e animali da caccia.

Prepara un buco che sia due volte più largo e uno o due pollici più profondo dell’apparato radicale e posiziona la pianta nel buco. Riempi intorno alle radici e premi il terreno con le mani per stabilizzare la pianta.

Innaffialo bene per stabilizzarlo e assicurati di fornire circa un pollice d’acqua a settimana per il primo anno, a meno che non ci siano state precipitazioni adeguate.

Stratificazione dell’aria

La stratificazione dell’aria è un’altra opzione a tua disposizione. Questo è il processo per incoraggiare le radici a svilupparsi su un ramo che è ancora attaccato alla pianta madre, e quindi tagliare il ramo radicato libero per piantare altrove.

È importante notare che non dovresti usare più di due o tre rami per albero per stratificare contemporaneamente, perché il processo di radicazione può essere faticoso per l’albero, portando a una cattiva salute generale.

Per le piante composte sia da semi-legno duro che da legno duro, come il melograno, la stratificazione dell’aria funziona molto bene.

È quasi sempre il metodo più semplice e altamente garantito rispetto alle altre opzioni, per diversi motivi.




In primo luogo, la stratificazione dell’aria consente alle radici di svilupparsi prima di separare il ramo dalla pianta madre, invece di prelevare talee, un metodo che ha un moderato tasso di cedimento.

In aggiunta a questo, non c’è bisogno di aspettare come faresti per un taglio per sviluppare le foglie e poi passare attraverso il processo di indurimento, poiché le piante saranno già acclimatate alle condizioni di crescita all’aperto.

Un altro vantaggio è che la porzione propagata può essere potenzialmente più grande, più resistente e pronta a produrre fiori e frutti più rapidamente dopo essere stata piantata nella sua nuova casa – e il frutto che produce sarà cloni di quello della pianta madre, con le stesse caratteristiche.

È anche il metodo di propagazione con la manutenzione più bassa, rispetto agli altri. Dopo la configurazione iniziale, dovrai solo controllarlo periodicamente fino a quando non sarà pronto per essere tagliato e piantato, a meno che non sia disturbato da animali o insetti.

Se animali o insetti riescono a scartare o penetrare nella plastica, controlla che non abbiano mangiato o infestato le radici che si stanno formando. In entrambi i casi, dovresti rimuovere l’involucro, tagliare il ramo sotto le radici e ricominciare con un nuovo ramo.

Per iniziare, tutto ciò di cui hai bisogno è un coltello affilato per piante igienizzato, un po’ di muschio di sfagno, un involucro di plastica e una fascetta, una fascetta o del nastro adesivo.

Scegli un ramo di legno duro sano di 30-60 cm di lunghezza che abbia almeno un anno.




Un ramo che mostra segni di nuova crescita è l’ideale, quindi pianifica di iniziare la stratificazione dell’aria a fine inverno o all’inizio della primavera nelle regioni più calde, o da metà a tarda primavera nelle regioni più fresche.

Dalla punta del ramo, scendi da otto a 45 cm, lasciando diversi pollici del ramo liberi tra il sito e il tronco, e usa il coltello per tagliare lo strato esterno di corteccia in un anello tutto intorno al ramo.

Circa un pollice sotto il primo taglio, fai un altro taglio parallelo in un anello tutto intorno.

Tra questi due anelli, taglia solo la corteccia aperta con una fessura, ma non tagliare o attraversare l’interno del ramo. Staccare l’anello di corteccia e raschiare via la maggior parte dello strato di cambio verde sottostante rimanente.

Puoi spolverare la parte esposta con polvere di ormone radicante in questo momento, se desideri usarla.

Stendi un pezzo di pellicola trasparente da 60 a 70 cm su una superficie piana. Inumidisci una manciata di muschio di sfagno e posizionalo al centro dell’involucro di plastica trasparente.

Oppure, se stai utilizzando un dispositivo acquistato, usa invece il muschio per riempire entrambi i lati del dispositivo di stratificazione dell’aria.

Avvolgi la plastica o aggancia il dispositivo attorno al ramo per racchiudere completamente la parte esposta e fissalo in posizione con fascette, fascette o nastro impermeabile.

Ci vorranno almeno alcune settimane prima che si formino le radici, ma sarai in grado di dirlo sia sentendo la plastica, che sembrerà notevolmente più solida, sia aprendo la plastica o il dispositivo di stratificazione e dando un’occhiata.




Le radici saranno di colore da bianco a marrone chiaro e, man mano che crescono, ti consigliamo di assicurarti che il terreno rimanga umido ma non bagnato.

L’aggiunta di un contagocce d’acqua quando si nota che il mezzo sembra quasi asciutto al tatto – circa una volta ogni una o due settimane – è sufficiente per inumidire il mezzo senza causare la decomposizione.

Una volta che le radici riempiono lo spazio disponibile fino a quando non sono visibili all’esterno del muschio, è il momento di tagliare il ramo libero dalla pianta madre.

Usa cesoie affilate e fai un taglio netto sotto le radici avvolte, tra la zolla e il tronco dell’albero. Tieni le radici avvolte finché non sei pronto per piantare.

Preparare il sito di impianto – che dovrebbe avere un buon drenaggio, terreno argilloso con molto materiale organico e almeno otto ore di piena luce solare – con un buco profondo e largo circa il doppio dell’apparato radicale. Allentare il terreno per consentire alle giovani radici di crescere facilmente.

Scarta con cura le radici e posiziona la pianta nella buca, spingendo il terreno intorno ad essa e premendo con le mani per posizionarla saldamente. Innaffialo a fondo per sistemarlo.




Trapianto di alberelli da vivaio in vaso e piante a radice nuda

Il modo più popolare per propagare gli alberi di melograno a casa è iniziare con un alberello acquistato da un vivaio. Ciò ti consente di selezionare una cultivar sana di tua scelta.

Questi hanno in genere tra uno e tre anni e un’altezza da uno a quattro piedi. Le piante in vaso e a radice nuda sono entrambe disponibili per i giardinieri domestici.

Gli alberi o gli arbusti di melograno hanno un apparato radicale relativamente poco profondo, ad eccezione di un fittone che può crescere fino a due o tre piedi di lunghezza negli alberi maturi.

Le piante acquistate da un vivaio possono anche essere coltivate in contenitori, di cui parleremo in una guida separata.

Preparare un buco nel sito di impianto che abbia la stessa profondità e da due a tre volte più largo dell’apparato radicale della pianta. Se il terreno è pesante o denso, come quello che contiene una grande quantità di argilla, o se è compattato, prenditi del tempo per allentarlo con un rastrello a mano e considera di modificare il compost per aggiungere materiale organico.

Se i tuoi trapianti sono in vaso, estraili con cura dai vasi e posizionali nella buca nel sito di impianto.




Le piante a radice nuda dovrebbero essere posizionate nella buca a una profondità di circa due pollici sopra l’apparato radicale in modo che la maggior parte dello stelo sia posizionata sopra il livello del suolo.

In entrambi i casi, riempi lo spazio intorno a loro con terra e premi con le mani per fissarlo in posizione. Innaffia in profondità e controlla i livelli di umidità fino a quando non si sono abituati alla loro nuova casa, fornendo acqua supplementare secondo necessità.

Idealmente, i melograni altamente produttivi ricevono da 125 a 150 cm di pioggia o annaffiature supplementari all’anno per produrre i migliori raccolti.

Nei climi aridi, assicurati di fornire acqua a sufficienza in particolare durante il primo anno. Da uno a due pollici di acqua alla settimana saranno sufficienti per sostenere la crescita degli alberelli mentre il sistema radicale continua a maturare.

Riduci gradualmente la quantità di acqua che offri verso la fine del primo anno di vita delle piante nel tuo giardino per incoraggiare le radici a raggiungere più in profondità.

Un pollice d’acqua a settimana è sufficiente nella maggior parte delle regioni in assenza di pioggia.




Ora sei pronto per avviare le tue piante di melograno!

Come puoi vedere, ci sono diversi modi per iniziare a coltivare alberi di melograno o arbusti a casa, e tutti quelli descritti qui sono piuttosto semplici.

Con un sito di impianto accuratamente scelto in un luogo soleggiato e alcune cure attente, la tua pianta crescerà sana e felice, sfornando deliziosi e nutrienti globi pieni di semi ogni stagione.

Hai deciso quale varietà intendi coltivare? Come lo diffonderai? Fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto!

Stai ancora cercando maggiori informazioni sul melograno?



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close