Come fare un orto biologico

171
BIOLOGICO

Coltivare un orto biologico è più facile di quanto si possa pensare. Segui i suggerimenti che abbiamo raccolto in questa guida "giardinaggio biologico per principianti" e presto sarai sulla buona strada per un raccolto delizioso.

Come fare un orto biologico in 9 passaggi

Hai cercato di mangiare più cibi biologici, sia per ridurre la quantità di pesticidi che tu e la tua famiglia consumate, sia per aiutare a proteggere l’ambiente. Ma dai un’occhiata alla ricevuta del tuo negozio di alimentari e sai che l’acquisto di prodotti biologici può diventare molto costosi. Fortunatamente, c’è un modo per coltivare i tuoi deliziosi prodotti freschi divertendosi e imparando allo stesso tempo: il giardinaggio biologico!

Non sai da dove cominciare? È possibile assumere qualcuno per installare e mantenere un bellissimo orto biologico, ma la maggior parte di noi può rimboccarsi le maniche con uno sforzo sorprendentemente basso. Ricorda, puoi iniziare in piccolo, anche con una sola pianta o due. Non preoccuparti se le cose non sono subito perfette.

Il giardinaggio biologico significa che non utilizzerai fertilizzanti sintetici o pesticidi, ma ciò non significa che le tue piante si arrangino da sole. Ci sono una serie di strumenti che puoi utilizzare per rafforzare la salute delle piante e scongiurare i parassiti.




Leggi anche: Come fare un orto in casa.

Come iniziare a realizzare un orto biologico

C’è qualcosa di più gustoso di un pomodoro scaldato dal sole che puoi mangiare biologicamente dalla pianta stando in piedi in giardino? Uno dei maggiori vantaggi del giardinaggio biologico è che sai cosa c’è e cosa non c’è nel tuo cibo.

Inoltre, coltivare ortaggi, erbe e fiori in modo biologico significa che il tuo giardino diventa un meraviglioso paradiso per uccelli, api e farfalle. Coltivare un orto biologico è più facile di quanto si possa pensare.

Segui i suggerimenti che abbiamo raccolto in questa guida “giardinaggio biologico per principianti” e presto sarai sulla buona strada per un raccolto delizioso, ma prima di iniziare è bene sapere quali sono gli attrezzi necessari per realizzare un orto biologico.

Leggi anche: Come preparare il terreno.




Preparazione del terreno

Per ottenere i migliori risultati con il tuo orto biologico, ti consigliamo di assicurarti che il terreno sia adeguatamente condizionato. Deve nutrirsi, così come le piante, quindi assicurati che le tue verdure ricevano molte sostanze nutritive fresche.

Un terreno sano aiuta a costruire piante forti e produttive. I trattamenti chimici del suolo non solo possono infiltrarsi nel cibo, ma possono anche danneggiare i batteri benefici, i vermi e altri microbi nel terreno.

Il modo migliore per valutare la qualità del tuo terreno è farlo testare . Puoi ottenere un kit di test a casa o, meglio, inviare un campione all’ufficio di estensione agricola locale. Per una cifra modesta otterrai una ripartizione completa del pH e dei livelli di nutrienti, oltre a consigli sul trattamento; assicurati di dire loro che stai andando biologico. In genere, è meglio testare in autunno e applicare eventuali nutrienti organici prima dell’inverno.

Potrebbe interessarti: Come utilizzare i fondi di caffè.




Fare un buon compost

Tutti i giardini beneficiano del compost e puoi crearne uno tuo in loco. Ehi, è gratis! Il compost alimenta le piante, aiuta a conservare l’acqua, riduce le erbacce e mantiene cibo e rifiuti fuori dalle discariche trasformando i rifiuti in “oro nero”. Spargi il compost intorno alle piante o mescolalo con il terriccio:

Il miglior compost si forma dal giusto rapporto di rifiuti organici ricchi di azoto e carbonio, mescolati con suolo, acqua e aria. Potrebbe sembrare una chimica complicata, ma non preoccuparti troppo se non hai tempo per fare un compost perfetto. Anche un mucchio minimamente curato produrrà comunque risultati decenti.

  1. Per iniziare, misura uno spazio di almeno tre piedi quadrati. Il tuo cumulo di compost può essere una semplice pila o contenuto all’interno di una penna o un bidone personalizzato (alcuni possono essere ruotati, per migliorare i risultati).
  2. Aggiungi strati alternati di materiale di carbonio (o marrone) – foglie e ritagli di giardino – e materiale di azoto (o verde) – come avanzi di cucina e letame, con un sottile strato di terreno in mezzo.
  3. Completa il mucchio con quattro o sei pollici di terreno. Gira la pila man mano che vengono aggiunti nuovi strati e l’acqua per mantenere (appena) umida, al fine di favorire l’azione dei microbi. Dovresti ottenere un buon compost in appena due mesi o più se fa freddo.
  4. Un cumulo di compost adeguatamente mantenuto non dovrebbe puzzare. In tal caso, aggiungi più materiale di carbonio secco (foglie, paglia o segatura) e giralo più frequentemente.




Scegli le giuste piante da coltivare

Vale davvero la pena selezionare piante che prospereranno nelle tue specifiche micro-condizioni. Scegli piante che si adatteranno bene a ogni punto in termini di luce, umidità, drenaggio e qualità del suolo. La maggior parte dei giardini ha gradazioni in queste variabili. Più le tue piante sono felici, più resistenti saranno agli attaccanti.

Se stai acquistando piantine, cerca piante coltivate senza fertilizzanti chimici e pesticidi. Un ottimo posto dove guardare è il mercato degli agricoltori locali, che potrebbe anche avere piante e varietà autoctone adatte alla tua zona.

Molte cose vengono coltivate al meglio dai semi, inclusi girasoli, papaveri annuali, coriandolo, aneto, lupino annuale, glorie del mattino, piselli dolci, zucca e cetrioli.




Piantare colture

Le piante che raccoglierai, come verdure o fiori da taglio, dovrebbero essere raggruppate strettamente in aiuole su cui non cammini. I letti rialzati funzionano benissimo. Il raggruppamento riduce il diserbo e lo spreco di acqua e ti aiuta a indirizzare il compost e i nutrienti. L’ampio spazio tra le file aiuta a favorire la circolazione dell’aria, che respinge gli attacchi di funghi.

Ricorda che le piantine non rimarranno sempre minuscole e vuoi limitare l’ombra . È una buona idea diradare le colture in base ai suggerimenti del vivaio.

Se si desidera ottenere il massimo rendimento dai prodotti biologici con uno spazio e un tempo limitati, queste piante sono in genere vincitrici:

  1. Pomodori indeterminati: così chiamati perché le viti continuano a ingrandirsi e a produrre nuovi frutti fino al gelo.
  2. Fagioli polari non ibridi (vecchio stile): continuano a crescere e produrre fino al gelo, supponendo che tu li mantenga raccolti.
  3. Zucchine: tutto ciò che si dice sulle valanghe di zucchine è vero, in particolare delle varietà ibride.
  4. Bietola svizzera: puoi continuare a staccare le foglie esterne per mesi e ogni raccolta sarà tenera finché le piante avranno abbastanza acqua.
  5. Piselli alti e spicchi di zucchero: crescono facilmente e producono deliziose ricompense.




Irrigazione

Il momento migliore per innaffiare le piante è solitamente la mattina. Come mai? Le mattine tendono ad essere fresche con meno vento, quindi la quantità di acqua persa per evaporazione è ridotta. Se innaffi la sera, le piante rimangono umide durante la notte, aumentando le probabilità di essere danneggiate da malattie fungine e batteriche.

Un sistema a goccia o ammollo può funzionare alla grande, o semplicemente innaffia con cura le basi delle piante a mano.

La maggior parte degli esperti consiglia di annaffiare in modo sostanziale e raro le piante stabilite, in genere un totale di circa 3 cm di acqua a settimana (compresa la pioggia). Una o due applicazioni alla settimana incoraggiano un radicamento più profondo, che promuove piante più forti.

Se riesci a raccogliere l’acqua piovana per annaffiare il tuo orto biologico, sappi che l’acqua piovana è migliore dell’acqua del rubinetto.




Diserbo

Non importa dove vivi, avrai comunque delle erbacce. Tirarli a mano può sembrare un duro lavoro – e può esserlo – ma può anche essere un buon esercizio e portarti fuori all’aria aperta.

Riduci il numero di erbacce con cui devi lottare applicando il pacciame, che aiuta anche a proteggere il terreno. Il pacciame organico e la tela da imballaggio possono funzionare in un pizzico. La paglia costa poco ma dura poco.

I trucioli di legno sono belli, ma possono diventare costosi. Molte persone scelgono di utilizzare lo sfalcio del prato, anche se va notato che poiché sono ad alto contenuto di azoto, l’erba tagliata dovrebbe essere utilizzata solo su piante che necessitano di molti nutrienti, come zucca e lattuga.




Protezione delle piante senza pesticidi

Se il tuo giardino viene assalito da parassiti, potrebbe essere un segno di altri problemi, quindi la prima cosa che dovresti fare è assicurarti che le piante ricevano abbastanza luce, sostanze nutritive e umidità. Ricorda anche che un giardino diversificato aiuta a prevenire i parassiti limitando la quantità di un tipo di pianta offerta ai nemici.

È una buona cosa favorire i predatori naturali nel tuo giardino, come rane, rospi, lucertole, uccelli e persino pipistrelli. Gli insetti utili possono essere i tuoi migliori amici, in particolare le coccinelle. È anche una buona idea coltivare piante con fiori piccoli, come l’alisso dolce e l’aneto, che attirano gli insetti predatori.

Le armi organiche includono Bacillus thuringiensis, un batterio presente in natura che interrompe la digestione dei bruchi e di altri mangiatori di foglie. Puoi anche usare oli per l’orticoltura, saponi insetticidi, aglio o spray al peperoncino.




Raccolto

Non dimenticare di raccogliere i frutti del tuo lavoro! In genere, più raccogli, più le tue piante produrranno per te.

Durante l’alta stagione del raccolto, probabilmente scoprirai che è meglio controllare il tuo giardino ogni giorno. Raccogliere tutte le erbe tranne il basilico a metà mattina, poco dopo che la rugiada si è asciugata. Raccogli il basilico nel tardo pomeriggio, poiché durerà più a lungo dopo un po’ di tempo al sole.

Quando raccogli le verdure a foglia, raccogli sporadicamente dall’intero raccolto, un po’ da ogni pianta. Per i broccoli, aspetta che la testa centrale sia grande quanto diventa, prima di inviare i boccioli per la fioritura.

Taglialo appena sopra il nodo fogliare e probabilmente otterrai una migliore produzione dal resto della pianta. In generale, è meglio tagliare i prodotti con un coltello affilato o delle forbici piuttosto che strappare con le dita, che possono causare più danni ai tessuti vegetali.




Pulire

Se noti piante malate durante la stagione o alla fine dell’anno, assicurati di sollevare l’intero organismo. Non dimenticare di rastrellare sotto, poiché le foglie malate possono causare problemi per molto tempo. Metti tutto il materiale infetto in profondità nel bosco, nel terreno profondo almeno un piede o sul falò.

La maggior parte delle piante sane o scadute può effettivamente essere lasciata sul posto durante l’inverno. Fornirai cibo e habitat per uccelli e altri animali selvatici e la copertura vegetale può aiutare a proteggere il terreno dall’erosione. È meglio tagliare le annuali invece di strapparle via. In questo modo lascerai il terreno intatto e aiuterai a impedire alle erbacce di prendere piede.

Articolo correlato: Cosa coltivare in primavera.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.