Come curare le piante quando si va in vacanza

80
Piante e vacanze

Sia che trascorrerai un lungo weekend in spiaggia o un mese intero all'estero, condividiamo i nostri migliori suggerimenti e trucchi per mantenere le tue piante d'appartamento felici e in salute mentre sei via. Ci vuole solo un po' di tempo per preparare le tue piante in modo che tu possa concentrarti su cose più importanti, come una crema solare forte e un buon libro!

Forse stai uscendo per visitare la famiglia o hai affittato una cabina per un po’ lontano dalle stesse quattro mura. Buon viaggio! Tuttavia, non puoi dimenticare i tuoi cuccioli di piante quando lasci la città! Che tu abbia solo una pianta d’appartamento o tonnellate di fiori e verdure o erbe aromatiche sul tuo balcone o patio, dovrai pianificare in anticipo.

Se non puoi arruolare un amico che possa venire e prendersi cura di loro, annaffia bene prima di partire, quindi segui i nostri suggerimenti per assicurarti che tutti siano ancora vivi e vegeti quando tornerai dalle tue vacanze.

La nostra guida per mantenere vive le piante quando sei in vacanza

Proprio quando i tuoi fiori, i tuoi pomodori e la tua zucca dopo averli piantati sono pieni di vita, proprio quando il clima è diventato caldo e secco e hanno più bisogno della tua attenzione, è allora che puoi prenderti una vacanza.

Sei un buon genitore delle piante e vuoi assicurarti che le tue piante siano ben curate, ma non devi stare a casa per tutta l’estate.




Lascia stare le tue piante grasse

Le piante grasse, come Echeveria, pianta di giada, haworthia e pianta di serpente, non avranno bisogno di coccole mentre sei via. È uno dei motivi principali per cui li amiamo! Possono durare fino a due settimane o più senz’acqua, quindi dai loro da bere prima di andare e non preoccuparti troppo di loro. Sono ottime scelte se viaggi spesso.

Riempi la vasca

Se hai molte piante d’appartamento, mettile insieme nella vasca da bagno, quindi riempi la vasca con 3 o 6 cm. È una soluzione della vecchia scuola, ma funziona se stai via per una settimana o dieci giorni. Assicurati di tirare via il piattino dal vaso (e che i vasi abbiano dei buchi!) in modo che le piante possano assorbire l’acqua attraverso i fori di scarico.




Regola le condizioni interne

Indipendentemente dalla stagione, alla maggior parte delle piante piacciono le condizioni moderate, quindi modifica il riscaldamento o l’aria condizionata di conseguenza. Poiché la maggior parte delle piante d’appartamento sono di origine tropicale, preferiscono temperature comprese tra 12 e 39 gradi.

Se le condizioni interne sono molto secche in inverno, prova a raggruppare le piante su un vassoio di ciottoli e riempilo d’acqua per aumentare il livello di umidità. Si beneficeranno a vicenda essendo più vicini.

Raggruppa le piante da esterno insieme

I vasi all’aperto possono essere raggruppati insieme all’ombra, il che ti fa guadagnare un giorno o due in più prima che abbiano bisogno di essere annaffiate. Anche gli amanti del sole possono tollerare l’ombra per circa una settimana. I raggruppamenti aiutano anche a ridurre la traspirazione e l’evaporazione, che è influenzata da temperatura, umidità e livelli di luce. Quindi, all’ombra, potranno passare più giorni tra un drink e l’altro.




Innaffia automaticamente

Installa un irrigatore su un timer per innaffiare le pentole che hai raggruppato. Un’altra opzione è installare un kit di irrigazione a goccia, che è facile da montare e personalizzare in base al tuo contenitore specifico. Oppure crea un sistema semplice ed economico con un cavo di assorbimento dell’acqua che va da un secchio d’acqua a ciascuna pianta.

Prepara una piscina per bambini

Una variazione sulla soluzione della vasca da bagno è quella di mettere insieme i vasi all’aperto in una piscina per bambini con circa tre 8 cm di acqua. Ancora una volta, è meglio farlo all’ombra in modo che utilizzino meno acqua, e sì, assicurati che i sottovasi siano rimossi in modo che le piante bevano attraverso i fori di scarico del contenitore.




Porta le piante in casa

I vasi da esterno più piccoli possono anche essere portati all’interno (se hai l’aria condizionata), dove le condizioni non sono così dure con il caldo sole estivo che picchia. Possono far cadere alcune foglie mentre si adattano ai livelli di luce più bassi, ma dovrebbero andare bene per circa una settimana.

Optare per le opzioni di autoirrigazione

Per vasi o fioriere che non puoi raggruppare, prova a innaffiare i globi, che sono palline di vetro piene d’acqua, quindi capovolte nei contenitori. L’acqua gocciola lentamente nel vaso. Anche se l’irrigazione in questo modo tende ad essere irregolare, è meglio di niente.

Puoi ottenere praticamente la stessa cosa usando una vecchia brocca di plastica o una bottiglia con dei fori, immersa nel terreno, quindi riempita d’acqua. Le pentole autoirriganti sono un’altra opzione se viaggi spesso o spesso dimentichi di annaffiare! In questo modo, le tue piante assorbono l’acqua di cui hanno bisogno senza alcun aiuto da parte tua.




Cura delle piante d’appartamento per lunghi periodi

Per viaggi più lunghi di oltre una settimana o più, chiedi a qualcun altro di prendersi cura sia delle tue piante d’appartamento che di qualsiasi piantagione all’aperto. Assicurati di lasciare le istruzioni per la loro cura. Non dovresti mai presumere che gli altri sappiano di cosa hanno bisogno le tue piante d’appartamento.

Vuoi essere certo che tutti i requisiti di irrigazione, concimazione e altri requisiti siano accuratamente soddisfatti per evitare qualsiasi shock alle piante d’appartamento mentre sei via. Questo può facilmente verificarsi quando alle piante viene data troppa acqua o non abbastanza.

Se hai piante in vaso all’aperto, allontanale dalla luce solare diretta e posizionale in una zona poco ombreggiata prima di partire. Riducendo la loro fornitura di luce, riduci al minimo la loro crescita e diminuisci la quantità di acqua di cui avranno bisogno durante la tua assenza.

Anche questi vanno annaffiati a fondo prima di partire. Rimuovi i vassoi inferiori, se necessario, per evitare che le piante rimangano nell’acqua per tutto il tempo che sei via, poiché ciò potrebbe far marcire le loro radici e altre parti.

Come con le altre piante, rimuovi il fogliame o la crescita dei fiori sgradevoli. Nessuno vuole essere malato di preoccupazione per la cura delle sue preziose piante d’appartamento mentre cerca di godersi una vacanza tanto necessaria. Praticare in anticipo alcune semplici linee guida può fare la differenza, sia per te che per le tue piante, quindi vai avanti e divertiti!

Potrebbe interessarti: Quali sono i fiori resistenti al caldo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.