Come curare il cactus

53
cactus

Se stai cercando Come salvare un cactus morente, questo articolo dovrebbe aiutarti. La maggior parte delle persone che comprano e si prendono cura dei cactus li adorano. Quando si ammalano è sconvolgente perché probabilmente sono in giro da anni. Usa questi passaggi per salvare un cactus morente a casa o in azienda.

I cactus sono piante straordinarie e sono piuttosto resistenti. Ma anche se i cactus sono resistenti, alcuni piccoli errori possono portare a contrarre malattie e parassiti. Questo accade alla maggior parte degli appassionati di cactus e oggi discuteremo di tutte le malattie dei cactus, di come riconoscerle e trattarle.

Prendersi cura della salute dei cactus è molto importante per farli vivere più a lungo e avere un aspetto attraente.

La maggior parte delle malattie dei cactus sono causate da batteri, virus, funghi e altri microrganismi. È abbastanza difficile trattare un cactus per i parassiti e soprattutto le malattie, quindi è la migliore pratica monitorare regolarmente le condizioni di crescita. La prevenzione è sempre più facile del trattamento.

Ora, diamo un’occhiata alle comuni malattie e parassiti dei cactus.







1. Dai ai tuoi cactus abbastanza luce

Lascia che prendano il sole, ma non troppo, e goditi il ​​calore. Vuoi che le cose siano giuste per la tua pianta spinosa. “I cactus godono di tutta l’attenzione che possono ottenere dal sole e prosperano alla luce diretta: posizionali nell’angolo più caldo e soleggiato della tua casa.

Adorerebbero uscire per una vacanza estiva se hai un patio o un cortile soleggiato. Portali fuori quando le minime notturne sono superiori a 10° C. Prospereranno all’esterno e inizierai a vederli crescere molto più velocemente rispetto all’essere al chiuso della casa.

Non c’è bisogno di preoccuparsi di annaffiarli quando sono all’aperto: la pioggia occasionale dovrebbe essere sufficiente per loro! Riportali dentro alla fine del estate quando inizia a scendere sotto i 10°C .

Mentre i cactus dovrebbero essere esposti a molta luce solare diretta ogni giorno, è anche importante essere consapevoli del fatto che non ricevono troppa luce solare. “I cactus possono scottarsi. Anche se amano il sole, possono ingiallire o diventare marroni e, se inizia a succedere, allontana il cactus dalla sua fonte di luce per raffreddare.




2. Innaffia correttamente i tuoi cactus

Dai loro da bere, ma non troppo, e fai lunghe pause nel mezzo. “I cactus sono noti per sopravvivere senza molta irrigazione, poiché trattengono l’acqua nei loro steli. Tuttavia, ciò non significa che non abbiano bisogno di acqua.

Assicurati di controllare il terreno ogni poche settimane. Se i primi 2 o 3 centimetri di terreno sono asciutti, è ora di dare da bere alla pianta.

Il motivo per cui la maggior parte delle persone fallisce con i cactus è la tendenza a innaffiare eccessivamente, che può portare al marciume radicale e alla crosta, che appare come aree color ruggine e sughero sugli steli.

Il mio consiglio è peccare per eccesso di irrigazione; la maggior parte delle volte puoi riportarli dalla fase di disidratazione senza problemi.

Assicurati che lo strato superiore del terreno del tuo cactus si sia asciugato completamente tra un’annaffiatura e l’altra. “In un terreno ben drenato, il tuo cactus richiede acqua solo ogni 10-14 giorni durante i mesi estivi. Se noti delle rughe sul tuo cactus, in particolare verso la base della tua pianta, la tua pianta è molto secca e bagnata.

Può sembrare controintuitivo dare da bere a un cactus, ma rimarrai scioccato dal modo in cui il tuo cactus assorbirà l’acqua e tornerà a gonfiarsi. Dopo l’irrigazione, assicurati sempre di svuotare l’acqua in eccesso dal piattino —il tuo cactus non vuole mai stare nell’acqua perché ciò può portare a marcire.

Nei mesi invernali dovresti innaffiare i tuoi cactus di rado. “I cactus di solito vanno in letargo durante l’inverno e non crescono affatto o molto poco, ed è del tutto normale.




3. Usa il terreno e il fertilizzante giusti per i tuoi cactus

Il mix di terreno e il cibo su misura per i cactus sono fondamentali per una crescita sana. “Assicurati che venga utilizzata la giusta miscela di terreno durante l’invasatura dei cactus. I cactus preferiscono un terreno che includa più sabbia e rocce, per drenare l’acqua e mantenere la pianta asciutta tra un drink e l’altro e prevenire il marciume radicale.

Come il terreno, è importante utilizzare fertilizzanti realizzati appositamente per i cactus per assicurarsi che non siano nutriti a sufficienza o in difetto e ricevano un’alimentazione ottimale. Puoi anche usare concime indicato per piante grasse.

Diluire il fertilizzante secondo le indicazioni sulla bottiglia. Innaffia prima il tuo cactus, quindi applica il fertilizzante sul terreno umido in modo che non bruci le radici. Consiglio di concimare una volta in primavera e una volta durante l’estate.




Suggerimenti generali sulla prevenzione e il trattamento dei cactus per parassiti e malattie:

  • Controlla le radici dei tuoi cactus ogni 2-3 mesi. Molti cambiamenti richiedono alcuni mesi per essere mostrati e il tuo cactus potrebbe già soffrire di parassiti/malattie. Puoi scoprire molti problemi osservando le radici dei tuoi cactus.
  • Se usi l’alcol per trattare eventuali parassiti/malattie su un cactus, assicurati di proteggerlo dal sole diretto per 3-5 giorni dopo l’applicazione. L’alcol e il sole possono bruciare la pelle dei cactus, quindi proteggerli dal sole può aiutare a evitare la fototossicità.
  • Quando tratti il ​​tuo cactus per eventuali malattie/parassiti, assicurati di disinfettare il vaso e il terreno (fresco) prima di piantare il tuo cactus. Altrimenti, c’è una grande possibilità di reinfezione.
  • Metti in quarantena (isola) i cactus appena acquistati o colpiti. I cactus appena acquistati potrebbero essere portatori di parassiti e causare infezioni ad altre piante. Lo stesso vale per le piante infette: la quarantena è d’obbligo.
  • Non esagerare con i tuoi cactus, poiché ciò potrebbe causare molti problemi.




Marciume del cactus: marciume secco e umido causato da batteri e funghi

Il tuo cactus potrebbe marcire a causa di diverse cause: principalmente batteri e funghi, ma possono anche essere virus. Potrebbero esserci alcuni motivi che portano alla decomposizione del cactus. La decomposizione è un problema molto comune che i nuovi appassionati di cactus potrebbero dover affrontare.

  • Prima di tutto, se vivi in ​​un luogo con un inverno freddo, dovrai fornire al tuo cactus un periodo di riposo in un luogo freddo.
  • Inoltre, in inverno dovrai annaffiare il tuo cactus molto meno. Se inverni il tuo cactus in inverno, non utilizzerà l’acqua ed è probabile che la pianta inizi a marcire.
  • Un altro problema che può portare alla decomposizione è l’immersione dei cactus in primavera e in estate. Sì, questo può portare a radici secche e il tuo cactus non crescerà durante la stagione attiva. Ciò porterà a un cattivo apparato radicale nel tuo cactus ed è improbabile che sopravviva all’inverno e marcirà.
  • I tuoi cactus hanno bisogno di terreno roccioso e ben drenante + un vaso con fori di drenaggio. Non concimare il terreno con letame o altri fertilizzanti ad alto contenuto organico. Se il terreno del cactus rimane bagnato per periodi di tempo prolungati, causerà marciume. L’aria stagnante, l’umidità elevata e le basse temperature possono causare un lento assorbimento d’acqua. Leggi qui come preparare il terreno per cactus.
  • Quando rinvasi il tuo cactus, fai attenzione a non danneggiare le radici e lo stelo. Eventuali piccoli tagli sulle radici o sul gambo potrebbero causare la putrefazione. Continua a leggere il rinvaso dei cactus qui . Una regola molto importante è non innaffiare il tuo cactus prima e dopo il rinvaso per un massimo di una settimana!
  • Se tagli accidentalmente il tuo cactus, le sue radici o causi danni meccanici con conseguenti ferite aperte, usa carbone attivo come questo per disinfettare le ferite. Altrimenti, può causare infezioni batteriche e di altro tipo.
  • Asciugare il tuo cactus dopo aver lavato le radici è un must. Appendi il tuo cactus verticalmente o mettilo in un vaso vuoto.




Come riconoscere se il tuo cactus sta marcendo?

La putrefazione può essere un processo lento se si tratta di un marciume secco e sarà molto più veloce con il marciume molle. Se noti che il tuo cactus non è cresciuto durante la stagione di crescita attiva e non risponde rapidamente alle annaffiature, potrebbe esserci un problema con le radici.

Dovresti anche allarmarti se noti che lo stelo si sta seccando. La maggior parte dei processi di decomposizione inizia dalle radici e si fa strada verso l’alto. Controlli regolari delle radici dei cactus possono aiutarti a individuare precocemente la putrefazione. La putrefazione umida o morbida (macchia nera o bianca sulle radici e sul gambo) progredisce più velocemente di una putrefazione secca.

La putrefazione morbida presenterà radici bagnate e stelo uniforme, con stelo avvizzito e macchie nere/marroni. Un marciume secco sembra più una macchia marrone che si diffonde attraverso lo stelo. Con un marciume secco, lo stelo diventa secco dall’interno e di solito è difficile da notare presto.

Ci sono pochi tipi di funghi e batteri che causano la decomposizione del cactus. Ad esempio, il fungo Phytophtora cactorum provoca un marciume alle radici e allo stelo della pianta. Il marciume progredisce rapidamente, quindi devi agire in fretta.

Questo tipo di putrefazione ha un aspetto “classico”: radici bagnate e nere e morte della pianta. È probabile che il tuo cactus contragga questa infezione se lasci tagli non trattati sulla pianta.




Marciume secco del cactus causato da funghi

Diplodia, Phyllosticta concava e altri funghi causano macchie nere sui cactus, portando al marciume secco. Puoi anche notare macchie prominenti color marrone/ruggine (che causano secchezza sul cactus) spesso circondate da bordi marroni, che significano anche marciume del cactus. Agire rapidamente e rimuovere le parti interessate della pianta.

Altrimenti, noterai che le macchie nere/marroni diventano più grandi. Se non riesci a tagliare le parti interessate, metti in quarantena e la cosa migliore è sbarazzarti completamente del cactus. Puoi anche provare i fungicidi, ma di solito non riescono a trattare completamente la pianta.

Marciume molle del cactus causato da batteri

La putrefazione umida o morbida è solitamente causata da batteri del genere Erwinia. La putrefazione umida di solito segue qualsiasi danno o taglio al cactus, ed è così che i batteri entrano nella pianta. Il sintomo principale è l’ammorbidimento dello stelo, che può anche diventare di colore scuro, accoppiato a macchie nere. Dovrai tagliare le aree interessate per trattare il tuo cactus.




Ingiallimento di un cactus

Potresti anche notare l’ingiallimento del tuo cactus e potrebbero esserci poche cause di ciò. Innanzitutto, l’ingiallimento di un cactus potrebbe essere un sintomo di carenza di nutrienti. Se noti un ingiallimento del cactus, che spesso colpisce le parti superiori della pianta, usa del fertilizzante per nutrire la pianta.

Ma per di più, l’ingiallimento potrebbe essere il sintomo di una malattia virale/batterica e di solito è chiamato “ittero da cactus”. Non ci sono trattamenti per l’ittero del cactus, che porta alla putrefazione e alla morte della pianta. Se i fertilizzanti non aiutano, è probabilmente l’ittero. Il cactus colpito può morire in pochi mesi o pochi anni.




Come prevenire e curare la decomposizione dei cactus

Per prevenire la putrefazione del cactus, assicurati di seguire i suggerimenti sopra menzionati (principalmente irrigazione e cura invernale). Inoltre, assicurati di spruzzare/nebulizzare il tuo cactus una volta al giorno la sera (durante il suo periodo di crescita).

Il cactus apre i suoi stomi principalmente di notte, per ridurre la perdita d’acqua. Nebulizzare la pianta rimuoverà la polvere, preverrà la formazione di muffe e aiuterà il tuo cactus a respirare ed evaporare l’acqua.

Controlla le radici della tua pianta una volta al mese per assicurarti che non marcisca. Se vedi il tuo cactus marcire, puoi comunque salvare la pianta se l’infezione non si è diffusa molto.

Se le radici sono diventate nere e sottili o con qualsiasi tipo di decomposizione, dovrai pulire il cactus, rimuovere le radici morte e tagliare le parti colpite. Per questo, dovrai sterilizzare le forbici o le forbici (usa il fuoco o l’alcol denaturato ) e tagliare tutte le radici morte e tutte le parti marce, anche fino a uno stelo se necessario.

Durante il taglio, assicurati che non ci siano macchie nere o marroni sullo stelo e continua a tagliare fino a quando non avrai uno stelo pulito e verde. Quindi, lava il tuo cactus e le sue radici in acqua tiepida e fai un bagno caldo.




Tappatura di un cactus vs scottatura solare (fototossicità)

La tappatura di un cactus può sembrare simile a un’ustione. Mentre la tappatura è un processo naturale di un cactus che invecchia, l’ustione solare è negativa per il tuo cactus.

La tappatura sembrerà un sughero marrone attorno alla base della pianta e non c’è nulla di cui preoccuparsi. Se sta tappando dall’alto, c’è un altro problema, come gli acari. La tappatura può anche essere il risultato di condizioni e cure improprie.

L’ustione solare si verifica quando lasci che il tuo cactus sia esposto alla luce solare diretta subito dopo il periodo di riposo, senza ombreggiarlo in anticipo. Lo stesso accade quando usi pesticidi o alcol sul cactus e lo lasci riposare al sole.

Troppo sole brucerà l’epidermide della pianta, impedendole di respirare e crescere. Eventuali zone bruciate diventano marroni e non possono essere trattate.

Tieni presente che se il tuo cactus diventa viola o rosso, questo può essere normale se hai preparato il tuo cactus per la luce solare diretta. Questo può accadere nei cactus preparati o se il tuo cactus ha subito venti freddi (il che significa che il tuo cactus è troppo freddo).

Come trattare il cactus bruciato dal sole

Mentre la tappatura è naturale, dovrai trattare i cactus bruciati dal sole. Se noti che il tuo cactus diventa debole e marrone, portalo immediatamente all’ombra, spruzzalo con acqua e copri con un sacchettino. Lascialo lì per qualche giorno e tiralo fuori. Proteggi il tuo cactus dal sole diretto e preparalo per l’estate.

Con lievi ustioni, il tuo cactus continuerà a crescere e dovrà crescere fuori dall’ustione. La macchia marrone rimarrà e guarirà. Ma con gravi ustioni, il tuo cactus potrebbe smettere di crescere e morire. Assicurati di aumentare gradualmente il tempo al sole, soprattutto dopo il periodo di riposo.




Cactus danneggiato dal gelo o danni causati da temperature fresche e vento

Ci sono diversi motivi per cui il tuo cactus potrebbe ammalarsi a causa del freddo o dell’acqua. Per esempio:

  • Hai lasciato il tuo cactus sul davanzale freddo
  • C’è il condizionamento nella stanza e il tuo cactus è stato freddo
  • Hai annaffiato il tuo cactus con acqua fredda. Ricorda che devi annaffiare il tuo cactus con acqua tiepida

Il tuo cactus potrebbe anche diventare “malato” se fa freddo e annaffia, il che può causare la decomposizione. Ad ogni modo, noterai se il tuo cactus è stato danneggiato dal gelo: si avvizzerà e diventerà da marrone scuro a nero dopo alcuni giorni di gelo.

La decomposizione in caso di freddo o acqua avrà i sintomi classici. Non tutti i cactus possono sopravvivere alle basse temperature e alcuni possono sopravvivere solo per brevi periodi di tempo.

Non c’è niente che tu possa fare per trattare le aree colpite di cactus danneggiati: dovrai cambiare immediatamente le condizioni e aspettare che il tuo cactus “cresca fuori”.




Acari e cactus del ragno rosso

I tuoi cactus potrebbero anche essere infettati dagli acari. Gli acari del ragno rosso sono quelli che possono attaccare il tuo cactus e ucciderlo succhiandone i succhi. Gli acari del ragno sono molto piccoli e di colore rosso.

Possono vivere e moltiplicarsi nel terreno tutto l’anno. Potresti non vedere gli acari, ma creeranno anche piccole ragnatele attorno alla pianta. Il tuo cactus inizierà a diventare secco e marrone, perché gli acari berranno il succo di cactus dallo stelo.

Le macchie interessate avranno un colore marrone ruggine. Agli acari piace attaccare le parti fresche della pianta, che di solito è dall’alto. Può sembrare una tappatura del cactus, quindi puoi usare una lente d’ingrandimento per esaminare il cactus alla ricerca di acari.

Il cactus dovrà crescere fuori dall’infestazione e, dopo averlo trattato per gli acari, avrà una crescita fresca dall’alto e rimarrà una parte marrone sul fondo. Gli acari rossi maturi possono essere di colore giallo-verdastro, ma anche rossi.

Afidi su un cactus

Gli afidi sono piccoli insetti verdi, ma a volte possono essere grigi o giallastri. Questi piccoli insetti si trovano spesso in gruppo e succhiano i succhi dal gambo dei cactus e uccidono i fiori. Gli afidi sono solitamente visti con le formiche.

Articoli correlati:



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close