Come conservare la salvia

213
salvia

La salvia è un'erba intensamente aromatica e, a differenza dei suoi teneri cugini, basilico e prezzemolo, le sue foglie sono robuste e resinose. A causa del potente aroma e della consistenza oleosa della salvia, un po' va molto lontano, dal punto di vista del sapore. Le possibilità di conservazione sono numerose, quindi possiamo essere creativi con questa potente perenne.

Sebbene la salvia abbia i suoi molteplici usi, è spesso usata in molti piatti. In particolare, la salvia si adatta bene ai ripieni delle feste, carni come salsiccia e pollame e si trova tipicamente in altri alimenti con erbe come timo, maggiorana e rosmarino.

La salvia è un’erba versatile e altamente aromatica. È una delle erbe più resistenti e quella robustezza ti consente di conservarla in una moltitudine di modi, tutti che hanno vari vantaggi nel mantenere il sapore della salvia pronto per i mesi a venire. Esaminiamo come conservare la salvia per il sapore più fresco possibile.







Conserva la salvia in frigorifero

La salvia fresca può durare in frigorifero fino a una settimana se la conservi correttamente. Eliminate le foglie dai gambi, avvolgete in un tovagliolo di carta umido e mettete in un sacchetto di plastica richiudibile.

Un’altra opzione è quella di mettere le foglie in un barattolo o un contenitore simile e coprire con olio. Questo metodo può mantenere il tuo saggio utilizzabile per un massimo di tre settimane. Puoi usare qualsiasi tipo di olio da cucina, ma l’olio d’oliva funziona meglio.

Come essiccare la salvia

Il metodo più tradizionale per conservare la salvia è asciugarla all’aria. Non hai bisogno di attrezzature speciali per farlo, solo un modo per proteggere le foglie dalla luce solare. Lega insieme i gambi e copri il fagottino con un sacchetto di carta in cui hai fatto dei buchi.

I fori assicurano che l’aria possa passare attraverso la borsa. Hai bisogno di aria sufficiente affinché la salvia si asciughi correttamente e impedisca che si ammuffiscano. Appendi il fagotto di salvia in un luogo con aria secca e in movimento.

La salvia dovrebbe impiegare circa due settimane per asciugarsi, a seconda di quanto è umida nella tua posizione.




Se non vuoi aspettare due settimane, puoi anche essiccare la salvia nel tuo forno. Tutto ciò di cui hai veramente bisogno è la spia luminosa, ma per accelerare il processo, puoi accendere il forno a circa 180 gradi. Stendete la salvia su una teglia foderata di carta da forno e mettetela in forno. Lasciare leggermente aperta la porta del forno per evitare che si surriscaldi troppo e per far fuoriuscire l’umidità. La tua salvia dovrebbe essere asciutta dopo circa due ore.

Un disidratatore alimentare farà anche un buon lavoro asciugando la salvia. Impostalo sulla temperatura più bassa e asciuga la salvia per circa un giorno.

Qualunque sia il metodo che usi, dovresti sbriciolare la salvia una volta asciutta. Questo ti permette di sbarazzarti delle parti legnose più dure. Puoi quindi impacchettare il tuo saggio per la conservazione a lungo termine.

Come congelare la salvia

Questo è un ottimo metodo per la salvia in quanto consente di preservare il sapore fresco dell’erba. Hai più opzioni per congelare la salvia.

Uno dei metodi più semplici è semplicemente quello di congelare le foglie in sacchetti per congelatore. Lavate la salvia, asciugate le foglie e toglietele dai gambi prima di metterle nei sacchetti per il congelatore che avete etichettato e datato.




Sage funziona bene anche con il metodo del cubetto di ghiaccio. Tritare le foglie di salvia e metterle negli stampini per cubetti di ghiaccio. Puoi aggiungere acqua o burro agli scomparti e congelare. Una volta congelato, togliere dai vassoi e metterlo in sacchetti per congelatore per la conservazione a lungo termine. Basta lanciare un cubetto o due in un piatto per insaporire.

Puoi conservare la salvia congelata per un massimo di un anno, ma è meglio se usata nei primi sei mesi.

Aceto di salvia

Metti tre o quattro rametti di salvia fresca in una bottiglia, aggiungi circa una tazza di aceto e mettila in un luogo soleggiato per due o tre settimane. Lasciarlo riposare ancora più a lungo è meglio poiché più sapore di salvia si infonderà nell’aceto.

Puoi usare la maggior parte degli aceti non balsamici, ma per ottenere i migliori risultati, prova il vino bianco o l’aceto di mele.

Articoli correlati:



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close