Come coltivare le fragole in vaso

215
fragole

Se sei un amante delle fragole e vuoi goderti il loro sapore dolce e succoso tutto l'anno, allora la coltivazione di fragole in vaso è la soluzione ideale per te.

Se hai sempre sognato di avere un piccolo orto nel tuo balcone o sul terrazzo di casa, le fragole sono la scelta perfetta per te. Coltivare le fragole in vaso è un modo semplice e divertente per avere a portata di mano un frutto dolce, gustoso e ricco di proprietà benefiche per la salute.

Ma come fare per avere una pianta di fragole rigogliosa e produttiva? In questo articolo vi guideremo passo dopo passo alla scoperta dei segreti della coltivazione delle fragole in vaso, con consigli utili per scegliere il giusto tipo di vaso, preparare il terreno, piantare le fragole e curarle nel modo migliore.

Con una buona dose di pazienza, attenzione e cura, potrete ottenere una raccolta abbondante e di qualità, da gustare fresca o utilizzare per preparare deliziose ricette. Non importa se siete alle prime armi o se siete già esperti del mondo dell’orticultura: questo articolo è pensato per tutti coloro che vogliono imparare a coltivare le fragole in vaso in modo semplice e divertente.

Quindi, prendete appunti, mettete le mani in pasta e preparatevi a scoprire il piacere di coltivare le vostre fragole in vaso!

Scegliere il giusto tipo di vaso per le fragole

Scegliere il giusto tipo di vaso per le fragole è uno dei passi più importanti per la coltivazione di fragole. Ci sono molti tipi di vasi disponibili sul mercato, ma non tutti sono adatti per la coltivazione delle fragole.

Il primo fattore da considerare nella scelta del vaso è la dimensione. Il vaso dovrebbe avere abbastanza spazio per la pianta di fragole, ma non troppo grande da rendere difficile la gestione dell’irrigazione e della concimazione. In generale, un vaso di dimensioni medie è adatto per la coltivazione di una o due piante di fragole.

Inoltre, è importante scegliere un vaso con un buon sistema di drenaggio. Le fragole richiedono un terreno ben drenato per evitare il marciume delle radici. Assicurarsi che il vaso abbia fori di drenaggio sufficienti per consentire all’acqua in eccesso di defluire è fondamentale per la salute delle piante.

La scelta del materiale del vaso può influire sulla salute delle piante. I vasi in terracotta sono popolari per la loro estetica, ma possono trattenere più umidità rispetto ai vasi in plastica o in metallo. I vasi in plastica sono leggeri e facili da trasportare, ma possono scolorire con il tempo. I vasi in metallo sono resistenti e duraturi, ma possono essere costosi.

Preparare il terreno per la coltivazione delle fragole in vaso

Una coltivazione di fragole in contenitore è un’ottima soluzione per avere un raccolto abbondante in spazi relativamente piccoli. L’importante è preparare il terreno in modo che le piante crescano robuste e producano frutti gustosi e fragrante.

Per cominciare, bisogna scegliere un vaso capiente, possibilmente non inferiore ai 40 litri di capienza, con un buco di drenaggio che consenta il deflusso dell’acqua in eccesso. Il terreno ideale per le fragole è leggero, ricco di sostanza organica come torba o compost, drenante e con PH acido, compreso tra 5 e 6. Aggiungendo del terriccio per fragola si otterranno le caratteristiche ottimali.

Non si deve impoverire il terreno con concimi azotati, che stimolerebbero la vegetazione a scapito della fruttificazione. È sufficiente una moderata concimazione con fertilizzante bilanciato e completo al momento del trapianto. Le fragole vanno annaffiate abbondantemente, ma il terreno non deve risultare mai troppo umido. Si attenderà che la superficie si asciughi leggermente tra un’irrigazione e l’altra.

Quando le piantine cominceranno a produrre fiori, si potrà procedere ad una leggera diradamento per lasciare i racemi più vigorosi e lasciare più spazio alle piante. Questo favorirà una migliore illuminazione e una maggiore produzione di fragole.

Scelta dei migliori semi di fragole per la coltivazione in vaso

Per una coltivazione di fragole di successo in vaso, la semina è fondamentale. È necessario procacciarsi semi di fragola che abbiano le caratteristiche adatte a questa tecnica colturale.

Le varietà da studio selezionate per la coltivazione in contenitore sono valorizzate proprio per la loro capacità di produrre frutti succosi in spazi limitati. Alcune fra le migliori sono: ‘Sequoia’, ‘Portola’, ‘Sweet Scarlet’ e ‘Sarah’s Choice’. Sono varietà a ciclo medio-breve, molto produttive, con frutti dolci e profumati.

Queste fragole producono piantine vigorose, ma contenute nella vegetazione, ideali per essere coltivate in vasi. Il seme può essere acquistato presso vivai specializzati o siti di e-commerce dedicati al giardinaggio. Verificare che il seme sia fresco e non ibrido. I semi ibridi, anche se produttivi, potrebbero rivelarsi poco adatti alle coltivazioni in vaso.

Una volta ottenute le piantine, si procederà al trapianto in vasi riempiti di terreno specifico per la fragola, come descritto nel paragrafo precedente. Le piantine andranno collocate in piena luce, al riparo dal vento, e saranno annaffiate regolarmente per favorire l’attecchimento nel nuovo ambiente.

Scegliendo le migliori varietà e seguendo le giuste tecniche colturali, le fragole in vaso delizieranno con i loro frutti succosi e dal profumo inebriante. La soddisfazione di veder maturare i frutti del proprio raccolto renderà l’esperienza di coltivazione ancora più piacevole.

Acquistare le piante di fragole e piantarle nel vaso

Una volta preparato il terreno e scelto il seme giusto, non resta che acquistare le piantine di fragola e trapiantarle nel vaso. Le piantine andranno scelte in un garden center affidabile, che garantisca la sanità e la qualità delle piante offerte.

Le fragole da vaso dovranno essere piantine robuste e di età compresa fra i 3 e i 6 mesi. Verificare che le piantine abbiano un buon sistema radicale, foglie verdi e vigorose, e non presentino segni di malattie o parassiti. La piantina ideale dovrà essere a portamento contenuto, per non superare le dimensioni del vaso.

Il trapianto nel vaso andrà effettuato una volta che le piantine abbiano superato lo shock del distacco dalla casa madre, facendo attenzione a non danneggiare il sistema radicale. Posizionare il vaso in un luogo luminoso e riparato, annaffiando subito dopo il trapianto e mantenendo il terreno umido nei giorni successivi.

Dopo qualche giorno, si potrà fertilizzare le piantine con un fertilizzante a lenta cessione, scegliendo una formula bilanciata per fragola. Si attendono 2-3 settimane dal trapianto prima di procedere a un’eventuale pinzatura dei germogli laterali. Questo agevolerà una crescita vigorosa delle piante concentrate su pochi germogli produttivi.

Come piantare correttamente le fragole in vaso

Per far sì che le fragole crescano sane e producano abbondanti raccolti, è importante piantarle correttamente nel vaso e nel periodo giusto. Al momento del trapianto, le piantine andranno scelte con attento criterio, e il vaso dovrà essere collocato nella posizione più adatta, al fine di assicurare il perfetto sviluppo delle piante.

Innanzitutto, bisogna selezionare piantine vigorose, senza segni di malattia, con buon sviluppo dell’apparato radicale. Il vaso dovrà essere ampio, almeno 40 litri per ogni pianta, con un foro di drenaggio e un terreno adatto alle fragole, come indicato nei paragrafi precedenti.

Posizionare il vaso in un luogo luminoso, ombreggiato dal sole diretto, e riparato dai venti intensi. Sarà bene esporlo su un tavolo, un davanzale o un balcone, mai per terra. Collocare le piante senza stravolgere le radici, disponendole in modo che il fusto resti dritto e privo di incurvamenti.

Dopo il trapianto, annaffiare abbondantemente, fino a quando l’acqua non defluisce dal foro di drenaggio. La terra dovrà essere umida, ma non satura. Nei giorni successivi, continuerà ad essere necessario un regolare innaffiamento, facendo attenzione a non permettere l’essiccamento del terreno.

Una volta attecchite, si potrà iniziare a concimare le piante con un fertilizzante completo, aggiungendolo a cadenza mensile. Si dovrà munirsi di un nebulizzatore e procedere alla corretta irrigazione fogliare, soprattutto nelle giornate più calde. Pinzando i germogli laterali, si concentreranno le energie sullo sviluppo dei germogli principali.

Cura e manutenzione delle fragole in vaso: annaffiature, concimazioni e potature

Per ottenere una buona produzione di fragole in vaso e mantenere le piante in salute, è di fondamentale importanza la cura e la manutenzione regolare. Annaffiature, concimazioni e potature andranno effettuate con attenzione e continuità per tutta la stagione di coltivazione.

L’annaffiatura è l’aspetto più importante nella cura delle fragole in vaso. Il terreno dovrà restare moderatamente umido, senza eccessi, annaffiando quando la superficie si presenta leggermente asciutta al tatto. L’irrigazione andrà fatta con regolarità, evitando lunghi periodi di siccità o eccessiva bagnatura. Ad ogni annaffiatura, versare l’acqua fino a quando questa inizia a colare dal foro di drenaggio.

La concimazione, preferibilmente con fertilizzante a lenta cessione, sarà fatta in modo equilibrato, evitando eccessi che stimolerebbero la crescita vegetativa a scapito della fruttificazione. Il concime andrà fornito a cadenza mensile, seguendo le indicazioni del prodotto. La concimazione fogliare con nebulizzatore sarà utile nelle giornate molto calde e assolate.

La potatura è fondamentale per concentrare le energie sui germogli principali e favorire la produzione di frutti di qualità. Si dovrà procedere all’asportazione dei germogli laterali, lasciando solo i più vigorosi e ben sviluppati. L’eliminazione dei germogli in sovrannumero consentirà una migliore illuminazione delle foglie e una distribuzione ottimale dei nutrimenti.

Prevenire le malattie delle fragole in vaso: suggerimenti utili

La coltivazione di fragole in vaso rendere felici gli appassionati con raccolti abbondanti e profumati, ma presenta anche alcuni rischi di malattie e parassitosi, che è importante conoscere per poterli prevenire. Per avere piante sane e produzioni di qualità, è necessario adottare le giuste misure precauzionali.

Innanzitutto, bisogna utilizzare materiale di propagazione sano, proveniente da vivai affidabili. Verificare che le piantine non presentino segni evidenti di malattie o danneggiamenti. Una volta acquistate, vigilare attentamente sul loro sviluppo, per individuare tempestivamente possibili sintomi anomali.

Evitare eccessi di umidità e ristagni idrici nel terreno di coltivazione, drenando l’acqua eventualmente in eccesso. L’umidità elevata favorisce la comparsa di muffe e la diffusione di funghi patogeni. Il terreno andrà annaffiato quanto basta, evitando gli eccessi, lasciando la superficie leggermente asciutta tra un’irrigazione e l’altra.

La nutrizione equilibrata e gli interventi di potatura regolare concerranno ad un’ottima aereazione e luminosità delle piante. Questo agevolerà lo sviluppo delle piante, rendendole più robuste e maggiormente resistenti a possibili malattie. Ogni segno sospetto andrà prontamente rilevato ed eliminato.

Si potrà procedere alla difesa chimica solo in caso di reale necessità, utilizzando fitofarmaci eco-compatibili e rispettando le indicazioni di utilizzo. Una volta adottate le giuste precauzioni, sarà più facile contenere qualunque malattia si dovesse manifestare.

Con una scelta attenta di ogni componente chiave, dalle piantine ai terreni di coltivazione, tramite controlli e accorgimenti costanti, si riuscirà a prevenire efficacemente le malattie delle fragole in vaso. Le fragole che ne risulteranno saranno sicuramente sane, gustose e profumate fino all’ultimo frutto.

Raccolta e conservazione delle fragole coltivate in vaso

Coltivare le fragole in vaso regala il privilegio di gustare frutti coltivati e raccolti direttamente dalle proprie piante. Per poterne godere al meglio, è importante conoscere il momento giusto per la raccolta e le migliori modalità per conservarne la freschezza e i sapori.

Le fragole saranno pronte per la raccolta quando il peduncolo inizierà ad allungarsi, il frutto avrà raggiunto le dimensioni tipiche della varietà e la buccia apparirà lucida. Per staccarle, tirare leggermente il frutto portando dietro il peduncolo. Le fragole si raccoglieranno una ad una, evitando di tirarle con forza.

I frutti raccolti vanno consumati nel minor tempo possibile per preservarne le qualità organolettiche. Si possono gustare immediatamente, ma si possono anche conservare in frigorifero per 2-3 giorni. La freschezza sarà maggiore se nessun frutto viene prima conservato a freddo per poi essere esposto nuovamente a temperatura ambiente.

Per mantenere intera la fragranza dei frutti, le fragole dovranno essere conservate a temperatura non troppo bassa, compresa fra i 3 e i 5 °C e alla giusta umidità, utilizzando un imballaggio anti-traspirazione. Si potrà utilizzare il sacchetto originale, oppure contenitori trasparenti forati. L’eccessiva bassa temperatura potrebbe causare rotture nei frutti.

Oltre al frigorifero, una valida alternativa è la conservazione delle fragole in barattolo. Lavate, sbucciate e asciugate le fragole. Tamponatele con zucchero semolato, sciolto in acqua o sciroppo di glucosio. Conservate in barattolo sterilizzato per 2-3 settimane.

Le fragole coltivate personalmente saranno ancor più gustose, garantite dalla qualità e dal profumo, che ne fanno un privilegio da vivere pienamente. Seguendo le giuste tecniche di raccolta e conservazione, le fragole fresche del proprio raccolto saranno una continua gioia anche dopo il periodo di maturazione sulle piante.

Approfondimento:

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy