Coltivare piante grasse

214
piante grasse

Le piante grasse rientrano in molti generi diversi e provengono da molte parti del mondo. Ciò che li accomuna è la loro capacità di resistere a lunghi periodi senz'acqua. Molte piante grasse sono originarie delle regioni aride, compresi i deserti, dove le precipitazioni sono scarse. In quanto tali necessitano di pochissime annaffiature e sono adatte a coltivare con poca manutenzione schemi di impianto

Le piante grasse sono piene di fascino. È probabile che tu le abbia viste sulle scrivanie in ufficio per la loro capacità di purificare l’aria e su tutti i tuoi account di social media preferiti da seguire. Dire che stanno passando un momento è un eufemismo.

Ma mentre le piante grasse continuano a guadagnare popolarità, alcune persone non si rendono conto che in realtà non sono le piante più facili da curare.

Non lasciarti ingannare dalle loro dimensioni. Le piante grasse richiedono l’adozione di una mentalità da deserto. In altre parole, il sole pieno, le piogge torrenziali e i drastici sbalzi di temperatura tipici degli ambienti desertici sono ideali per alcuni tipi di piante grasse.

Se hai mai avuto una pianta di giada e non sei riuscito a capire perché le sue foglie continuavano a cadere o un sedum che si è avvizzito inaspettatamente dopo un programma di irrigazione di routine, apprezzerai questi suggerimenti su come prendersi cura delle piante grasse. Questi utili suggerimenti includono tutto ciò che devi sapere per mantenere in vita le tue piante grasse in casa, dalla giusta quantità di irrigazione e luce al miglior tipo di terreno.







1. Fornire luce solare

Pianta grassa con luce solare diretta

Non è mai facile cercare di ricreare l’habitat nativo di una pianta all’interno di una casa o ufficio, soprattutto quando si tratta di luce solare. Alcune varietà, come quelle originarie degli ambienti tropicali, possono ancora prosperare nonostante i cambiamenti nell’ombra e nei modelli di sole in una casa.

Detto questo, alcune piante hanno bisogno di pieno sole per 12 ore e se vengono poste su una finestra esposta a est, potrebbero appassire. La tua prossima migliore opzione è posizionare la tua pianta grassa vicino a una luminosa finestra esposta a sud. Se ciò non è possibile a causa della posizione delle finestre, prendi in considerazione una pianta grassa come la pianta di aloe.




2. Irrigazione appropriata

Irrigare con moderazione

Il deserto del Chihuahuan riceve poco più di 22 cm di pioggia all’anno, una goccia nel secchio rispetto a ciò che ricevono i paesaggi verdeggianti che la maggior parte di noi chiama casa. Nel deserto, invece, quando piove, diluvia. Per rendere felice la tua pianta, prova a emulare i modelli di pioggia originari del suo habitat naturale.

Tutte le piante grasse (e tutte le piante del resto) beneficiano di un completo ammollo, fino a quando l’acqua non esce dal fondo del vaso. Aspetta che il terreno sia asciutto e poi annaffiare di nuovo. Assicurati solo di mantenere le foglie asciutte per tenere a bada la muffa.




3. Usa il giusto terriccio

Scelta del terriccio

La maggior parte delle piante in vaso viene fornita in una miscela di terreno standard che funziona per quasi tutti i tipi di piante, dalle felci ai fichi a foglia di violino. Il problema: le piante grasse sono progettate per resistere a uno degli ambienti più estremi del pianeta terra, quindi il terriccio standard non è il migliore per le loro esigenze.

Una volta portato a casa la tua pianta grassa, cambia il suo terreno con un mix, combinando mezzo terriccio con qualcosa come la perlite inorganica. Questo terreno super drenante e povero di nutrienti funzionerà per la maggior parte delle piante grasse in grado di resistere a temperature estreme.




4. Non stipare le piante grasse insieme

Usare un vasetto per ogni piantina

Le piante grasse tendono a venire confezionate in adorabili piattini, tutti stipati insieme guancia dopo guancia. Non ci sono molte piante a cui piace questa disposizione. Il sovraffollamento è uno dei modi migliori per incoraggiare le infestazioni di muffe e insetti.

Il secondo problema è che, sebbene le piante grasse se la cavino molto bene con raccolti magri, hanno comunque bisogno di cibo e acqua. Troppa concorrenza significa che probabilmente si perderanno. Se le tue piante grasse arrivano in una disposizione affollata, strappale con cura e dai loro la loro spazio.




5. Scelte pratiche

So che è davvero difficile resistere alla coltivazione di un cactus saguaro in casa, ma per favore non farlo. Alcune cose selvagge non sono fatte per essere addomesticate, non importa quanto siano belli i loro fiori.

Crassula è un buon genere da esplorare se stai lavorando con condizioni indoor, così come Sansevieria (aka pianta serpente). I cactus Mammillaria (così chiamati per i loro capelli lanosi, vedi sopra) sono un’altra buona scelta se stai cercando un compagno di piante spinose.

Come coltivare piante grasse

Coltiva in terreno o compost drenante, come il compost di cactus, in pieno sole fino a mezz’ombra. Innaffia con moderazione dalla primavera all’autunno, ma evita del tutto di annaffiare in autunno e in inverno. La maggior parte delle piante grasse ha una crescita lenta. Se li coltivi in ​​vaso, rinvasali in compost fresco ogni due anni.




Dove piantare le piante grasse

Le piante grasse crescono meglio in un luogo soleggiato in un terreno molto ben drenato. Le loro foglie carnose sono progettate per immagazzinare l’acqua, quindi sono in grado di far fronte ai periodi di siccità. La maggior parte preferisce un terreno leggermente acido.

Le piante grasse faranno fatica a crescere in terreni pesanti e scarsamente drenati. Un inverno freddo e umido vedrà spesso la perdita di molti. È per questo motivo che sono ideali per i contenitori. È molto meno probabile che in inverno si risucchino d’acqua e nelle zone particolarmente umide possono essere spostati al coperto fino alla primavera.

Le agavi sono meravigliose, ma i tipi più grandi come l’Agave americana sono meglio piantati lontano dai sentieri poiché le foglie appuntite sono molto pericolose, specialmente per i bambini, poiché sono spesso all’altezza degli occhi. Quando si coltivano piante grasse come piante da appartamento, si accontentano di un davanzale esposto a sud o sud-est.




Come piantare le piante grasse

Prima di piantare piante grasse nel terreno del giardino, migliora il drenaggio aggiungendo sabbia orticola. Evita di piantare troppo in profondità poiché le foglie carnose marciranno se vengono a contatto con un terreno umido.

Quando si pianta in contenitori, scegliere vasi di terracotta non smaltati con molti fori di drenaggio sul fondo e aggiungere sabbia al compost. Perfetti per le piante grasse che amano la siccità, i vasi di terracotta si riscaldano rapidamente al sole e sono porosi, quindi il compost si asciuga rapidamente dopo l’irrigazione.

La maggior parte delle piante grasse ha radici fibrose, quindi può essere piantata in vasi poco profondi.

Opta per un compost a base di terra quando pianti piante grasse di grandi dimensioni come le agavi, poiché queste piante hanno bisogno di un compost più pesante per ancorare le loro radici. Indossa i guanti quando maneggi le agavi appuntite poiché le foglie sono incredibilmente affilate.




Come prendersi cura delle piante grasse

In estate, annaffiare le piante grasse in contenitori non più di una volta alla settimana. Una buona irrigazione meno frequente è più vantaggiosa di una tecnica poco e spesso. In autunno e in inverno, ridurre drasticamente l’irrigazione e posizionare le piante tenere e coltivate in contenitori in un luogo leggero e al riparo dal gelo.

Se ciò non è possibile, spostali al riparo della grondaia della casa e coprili con un vello protettivo da giardino.

Rinvasare gli esemplari in vaso una volta all’anno in primavera. Non dovrai necessariamente metterli in un contenitore più grande, ma sarà apprezzato il compost fresco. Le piante grasse non sono piante avide, ma una leggera dispersione di pesci, sangue e ossa durante l’invasatura è spesso utile quando si coltivano esemplari di grandi dimensioni.

Le piante grasse non richiedono potatura. Se il fogliame è danneggiato o morto, staccalo con cura dalla pianta o taglialo con le cesoie.

Come propagare le piante grasse

Molte delle piante grasse più piccole a rosetta, come i sedum e i sempervivum alpini, producono prontamente piccole piante per bambini (offset). Questi possono essere semplicemente tagliati via dalla pianta e messi in vaso.




Coltivare piante grasse: Risoluzione dei problemi

I punteruoli della vite sono un problema comune quando si coltivano piante grasse in vaso. Si pensa che coltivando in un compost a base di terreno, piuttosto che a base di torba, il problema possa essere ridotto.

Anche la pacciamatura del compost con ghiaia o pietre può ridurre l’infestazione. Per rimediare alla situazione, rinvasare in autunno e rimuovere quanto più terreno possibile. Se noti le larve, butta via le piante molto infestate o mettile in quarantena.

Utilizzare un controllo biologico in autunno, come l’applicazione di nemotodi. Trattare di nuovo in primavera, se necessario.

Articoli correlati:



Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close