fbpx

Albero di giada foglie marroni: Cause e possibili soluzioni

2K
giada marrone

Le cause delle foglie marroni dell'albero di giada sono stress, eccesso di acqua, parassiti o carenze nutrizionali.

Cari amici, vi siete accorti che le foglie del vostro amato albero di giada stanno diventando marroni? Non temete, capire la causa di questo cambiamento è il primo passo per risolvere il problema per chi coltiva l’albero di giada. Le foglie verdi svolgono un ruolo fondamentale nella crescita e salute della pianta attraverso la fotosintesi.

Scopriremo insieme come valutare lo stato del fogliame e come intervenire, usando semplici rimedi naturali se il danno non è grave. Vedremo anche come prevenire danni futuri attraverso una corretta esposizione e irrigazione.

Non mancheranno approfondimenti sulle cause principali come stress o parassiti. Infine, capiremo la potatura come gestire la ricrescita. L’obiettivo è far tornare rigoglioso il vostro albero grazie a semplici cure!

Cause principali che portano le foglie dell’albero di giada a diventare marroni

Tra le concause principali troviamo l’eccesso di annaffiature, che possono provocare marciume radicale, e gli sbalzi termici improvvisi a cui la pianta non è abituata. Anche la scarsa luminosità porta al ingiallimento progressivo delle foglie.

Ma il fattore più frequente è l’infestazione di acari ragnetto rossi, che si nutrono della linfa vegetale causando Sfogliamento. Possono inoltre danneggiare funghi come l’oidio, riconoscibile dalla compatta patina biancastra sulle foglie. Lo oidio può provocare anche foglie ammuffite.

Come capire se le foglie marroni sono ancora recuperabili o se è il caso di potare

Per valutare la situazione è importante esaminare il fogliame. Se poche foglie presentano macchie marroni circoscritte, probabilmente è possibile un recupero. Ma se sono completamente disseccate e fragili, meglio asportarle. Bisogna anche verificare lo stato delle altre: se ingiallite e molli, forse è in atto un attacco parassitario trattabile.

Se invece sono raggrinzite e le punte appassiscono, potrebbe trattarsi di marciume o oidio: a quel punto una leggera potatura eliminando i rami compromessi può favorire la formazione di nuovo fogliame sano.

Soluzioni e rimedi naturali per far risverdire le foglie parzialmente danneggiate

Se il danno è circoscritto, si possono provare degli impacchi con acqua, limone e olio essenziale di tea tree, noto antimicotico. Si strofinano delicatamente le foglie usando un panno di cotone, poi si risciacquano. In alternativa, si crea un bagno di acqua e macerato di ortica da nebulizzare sul fogliame una volta alla settimana.

L’ortica ha proprietà fertilizzanti e antifungine. Se l’ingiallimento è causato da oidio, anche lo zolfo in polvere può aiutare a debellarlo. È bene creare un ambiente ombreggiato e umido, evitando sbalzi termici, per favorire il processo di guarigione senza stressare la pianta.

Procedure da seguire se tutte le foglie sono ingiallite/marce

Quando il problema è generalizzato, è importante rimuovere con delicatezza tutte le foglie ormai compromesse. Questa potato sfoltimento favorisce l’entrata di luce e aerazione nella chioma. Ora ispezioniamo con attenzione il fusto: se ingiallito e molliccio, purtroppo il danno era troppo esteso.

Ma se di consistenza normale, si può procedere a un rinvaso in un terriccio fresco e drenante per risollevare l’apparato radicale. Concimazioni e irrigazioni moderate, unitamente a luce indiretta, sono il rimedio migliore per favorire una ricrescita fogliare sana e rigogliosa.

Attenzioni da avere nella cura successiva dell’albero di giada

Dopo aver risolto l’emergenza, per evitare recidive è bene adottare piccole accortezze. Collochiamo la pianta in una zona luminosa ma riparata da correnti, almeno per le prime settimane. Controlliamo che il drenaggio del vaso sia ottimale, evitando ristagni idrici, e concimiamo ogni 15 giorni per sostenere il metabolismo della pianta.

Monitoriamo lo sviluppo di possibili acari, trattandoli subito con soluzioni naturali alla prima comparsa. Innaffiamo regolarmente senza eccedere, verificando che il terriccio sia sempre leggermente umido. Con questi piccoli accorgimenti l’albero di giada riprenderà efficacemente colore.

Posizionamento ottimale e concimazione per preservare la salute delle foglie

Per prevenire il problema, poniamo la pianta in una zona luminosa ma non esposta a forti raggi solari, almeno nelle prime fasi di ricrescita fogliare. Il terreno dovrà essere fertilizzato ogni 15 giorni con concime bilanciato per vasi, in grado di fornire tutti i nutrienti necessari.

Somministriamo l’acqua sempre con parsimonia a seconda delle stagioni, facendo attenzione che nel sottovaso non si crei ristagno. Una concimazione bimestrale da marzo a settembre con del macerato di ortica stimola il rinverdimento del fogliame. Infine, arieggiamo bene lo spazio circostante alla pianta.

Principali parassiti e malattie che possono danneggiare il fogliame

Tra gli insetti più comuni abbiamo acari ragnetto rosso e acaro della cacia, che colonizzano il fogliame causandone l’ingiallimento e disseccamento. Poi afidi e cocciniglia succhiano linfa fogliare, indebolendo le piante. Per quanto riguarda invece le malattie, l’oidio è il fungo più temibile, riconoscibile dalla patina biancastra sulle foglie.

Ma anche antracnosi, alternariosi e ciglossariasi, malattie fungine che creano chiazze e necrosi sulle foglie. Monitorare periodicamente l’albero di giada permette di prevenire parassiti e intervenire tempestivamente con prodotti specifici se compaiono primi sintomi.

Potatura come gestire una ricrescita uniforme delle foglie

Dopo un’emissione fogliare non omogenea o al deperimento progressivo del fogliame, una leggera potatura di contenimento e riequilibrio può favorire una rigogliosa ricrescita. Va curata in primavera, eliminando rami secchi o affetti. Con una forbice pulita e affilata si effettua un taglio netto poco al di sopra di un’asse foliare, inclinandolo leggermente verso l’alto.

È bene non accorciare troppo la pianta per non stressarla e non esporre il fusto, ma soltanto stimolare polloni e gemme latenti. Dopo qualche settimana di riposo sarà possibile ammirare nuove foglie sane spuntare in modo uniforme.

Varietà e cultivar di albero di giada, differenze nelle cure

Esistono diverse varietà di albero di giada, che richiedono alcune differenze nelle cure. La specie H.rosea ha foglie carnose con margine rosato, adatta a mezz’ombra. H.compacta ha foglie piccole e cespugliosa forma, per interni. H.depressa è più rustica con foglie allungate, da esterno. H.cooperi ha foglia sagomata, preferendo luce diretta.

Infine H.australis, dai fusti striati, ama terreni fertilizzati e posizioni soleggiate. Scegliamo in base alle dimensioni desiderate e al clima di provenienza, adattando esposizione e innaffiature a ogni varietà.

Importanza delle foglie nella fotosintesi e traspirazione della pianta

Le foglie verdi svolgono un ruolo chiave nella vita dell’albero di giada. Attraverso la clorofillla contenuta nei cloroplasti riescono ad assorbire l’anidride carbonica atmosferica e la luce solare, producendo ossigeno e glucosio tramite la fotosintesi.

Questo processo alimenta tutti i tessuti vegetali. Le foglie consentono inoltre alla pianta di traspirare, rilasciando nell’ambiente circostante acqua e sali minerali assorbiti con le radici. Quando ingialliscono o seccano, l’albero non riesce più a svolgere appieno queste funzioni di sostentamento, che devono essere tempestivamente ristabilite.

Approfondimento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy