fbpx

5 motivi per cui pacciamare gli agrumi coltivati nel frutteto o nel giardino

597
5 buoni motivi

La pacciamatura è una strategia multifunzionale che migliora la salute e la produttività degli alberi di agrumi, riducendo al contempo la necessità di manutenzione e la quantità di risorse necessarie.

Gli agrumi sono colture delicate che in inverno hanno bisogno di particolare protezione per resistere al gelo e allo sbalzo termico. Una tecnica che si rivela molto vantaggiosa è la pacciamatura, ovvero ricoprire il terreno attorno alle piante con un manto isolante.

Questa operazione consente di tutelare le radici più profonde mantenendo una temperatura bilanciata nel suolo. Ma non è l’unico beneficio che la pacciamatura apporta agli agrumi, preservandoli anche dalla siccità estiva e nutrendoli durante il processo di decomposizione del materiale e può contribuire alla prevenzione della rottura della scorsa.

Scopriamo allora i principali motivi per cui varrebbe la pena adottare questa buona pratica agronomica con arance, limoni e mandarini, al fine di salvaguardare al meglio queste coltivazioni dalle intemperie e massimizzare la loro produttività nel corso degli anni.

1. Controllo delle erbacce

La pacciamatura è un’ottima tecnica agronomica che consente un efficace controllo delle erbe infestanti nei terreni coltivati apportando numerosi altri benefici alle piante. Il suolo ricoperto da uno strato organico come paglia o il feltro vegetale impedisce la germinazione del seme delle erbacce.

Le piante infestanti faticano infatti a svilupparsi ed emergere se il terreno circostante è coperto da un materiale isolante. Grazie alla funzione barriera della pacciamatura si riduce sensibilmente la necessità di interventi chimici per arginare la proliferazione delle malerbe.

Questo abbatte notevolmente i costi per il diserbo salvaguardia l’ambiente dall’impiego eccessivo di prodotti fitosanitari. Risulta dunque una tecnica ecologica per il giardino e l’orto che, integrata ad altre buone pratiche, permette di prevenire efficacemente la crescita incontrollata delle infestanti.

2. Conservazione dell’umidità

Uno dei principali vantaggi della pacciamatura è la sua capacità di regolare l’umidità del terreno. Lo strato organico posto attorno alle colture funge da spugna e raggiunge l’obiettivo di conservare l’acqua piovana nel suolo.

Grazie alle sue caratteristiche assorbenti, il materiale pacciamante trattiene l’umidità in eccesso evitandone lo spreco attraverso ruscellamento o evaporazione. Allo stesso tempo, rilascia gradualmente l’acqua assorbita alle radici nelle giornate più aride e calde, prevenendo la disidratazione delle piante.

Risulta quindi particolarmente indicata in terreni secchi e assolati dove, grazie alla pacciamatura, si riesce a mantenere un microclima costante e adeguato alle esigenze colturali. Per questo motivo, la tecnica si rivela essenziale nelle zone con carenza idrica o dal clima arido.

3. Regolazione della temperatura del suolo

Uno dei principali benefici della pacciamatura è la capacità di regolare la temperatura del suolo attorno alle colture. Lo strato di materiale organico posto sul terreno esercita un’azione tampone nei confronti delle variazioni termiche.

Proteggendo il suolo dai raggi solari diretti, mantiene il calore durante il giorno e lo trattiene la notte, evitando gli sbalzi termici. In questo modo le radici rimangono isolate dalle escursioni termiche, preservandosi da danni e stress.

Il pacciame riveste un ruolo particolarmente importante nelle stagioni fredde, quando funge da barriera al gelo notturno. Ma risulta efficace anche d’estate poiché mantiene una temperatura del terreno più bassa e ideale per le colture durante le ore calde.

Grazie alla sua capacità di regolazione termica, la pacciamatura ottimizza lo sviluppo delle piante in ogni periodo dell’anno.

4. Prevenzione delle malattie

Mantenere il suolo asciutto, aerato e a una temperatura bilanciata riduce il rischio di insorgenza di malattie nelle colture. Grazie alla sua capacità di regolazione idrica e termica, la pacciamatura svolge un’importante azione preventiva in questo senso.

Lo strato isolante crea un microclima ottimale attorno alle radici, sfavorendo la proliferazione di fungo e organismi patogeni. Inoltre, impedisce il contatto diretto del suolo con le foglie, rallentando la trasmissione di eventuali agenti nocivi.

Soprattutto nelle stagioni piovose, il pacciame evita i ristagni idrici che danneggiano le colture e favoriscono il manifestarsi di malattie crittogamiche. Grazie alla sua funzione preventiva risulta una tecnica valida per coltivazioni sensibili come pomodori e fruttiferi.

5. Arricchimento del suolo

Uno dei molti benefici apportati dalla pacciamatura riguarda l’ arricchimento delle sostanze nutritive presenti nel suolo. Durante il suo naturale processo di decomposizione, il materiale organico impiegato come pacciame rilascia nel terreno elevate quantità di azoto, fosforo e altri elementi fondamentali per la crescita delle colture.

Ciò avviene grazie all’ azione di batterimicrorganismi presenti nel sottosuolo, che degradano progressivamente la sostanza organica. Tale concimazione naturale evita l’uso eccessivo di fertilizzanti chimici potenzialmente dannosi per l’ ambiente.

Allo stesso tempo, arricchisce costantemente il terreno andando a beneficio della produttività delle colture stagione dopo stagione. Risulta dunque una tecnica agricola ed economica per ottimizzare la fertilità del suolo in armonia con la natura.

Conclusioni

Abbiamo visto come la pacciamatura sia una tecnica agronomica estremamente utile e dai molteplici benefici. Ricoprendo il suolo con uno strato organico, consente di proteggere e favorire la crescita delle colture in modo naturale, senza ricorrere a prodotti chimici. Regolando temperatura, umidità e apportando nutrienti, mantiene il terreno in un equilibrio ottimale per lo sviluppo Radici e parte aerea delle piante.

Inoltre, contrasta efficacemente la proliferazione di infestanti ed ha un ruolo importante nella prevenzione di malattie crittogamiche. Grazie alla sua azione isolante protegge dalle intemperie e dagli sbalzi termici tipici di alcuni periodi dell’anno. Risulta una tecnica agronomica particolarmente indicata per coltivazioni sensibili come gli agrumi ma anche ortaggi e frutteti, contribuendo ad aumentarne resa e produttività.

Per tutti questi motivi, eseguire correttamente la pacciamatura delle nostre piante rappresenta una buona pratica da adottare sempre, sia in giardino che in agricoltura, per ottimizzare la crescita e salvaguardare il suolo nel rispetto dell’ambiente.

Approfondimento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy