fbpx

5 curiosità da sapere sui mirtilli da conoscere assolutamente

16

Dalle loro virtù antiossidanti agli effetti protettivi sul cuore e sulla circolazione sanguigna, scopriremo 5 curiosità imperdibili su questi superalimenti in grado di apportare benefici a 360 gradi.

I mirtilli neri sono uno dei frutti di bosco più preziosi e ricchi di benefici per la salute. Questi piccoli gioielli naturali racchiudono infatti una concentrazione eccezionale di antiossidanti, vitamine e minerali che li rendono autentici superfood.

Dalle proprietà antinfiammatorie alla protezione cardiovascolare, passando per gli effetti positivi sul diabete e la neurodegenerazione, scopriremo 5 curiosità imperdibili su questi frutti dall’intenso colore blu-violaceo. Impareremo la porzione giornaliera consigliata, alcune ricette semplici per gustarli e i consigli per una corretta conservazione per averli a disposizione tutto l’anno.

Proprietà nutrizionali: Antiossidanti, vitamine e minerali

Pur essendo tra i frutti a basso contenuto calorico, i mirtilli neri rappresentano un vero e proprio concentrato di preziosi nutrienti. Questi piccoli gioielli scuri sono ricchi di vitamina C, indispensabile per il corretto funzionamento del sistema immunitario, e sali minerali come potassio, magnesio e calcio.

Questi frutti di bosco sono una vera miniera di antiossidanti come gli antociani, responsabili anche del loro affascinante colore blu-violaceo, e i tannini. Queste sostanze combattono efficacemente i radicali liberi e svolgono un’azione protettiva contro l’invecchiamento cellulare.

Benefici per la circolazione: Combattono vene varicose e fragilità capillare

Una delle principali curiosità che riguarda i mirtilli neri è la loro capacità di migliorare la microcircolazione e proteggere la salute dei capillari sanguigni. Questo beneficio è da attribuire soprattutto agli antociani, potenti antiossidanti in grado di rafforzare le pareti dei vasi e contrastare problematiche come le vene varicose, la fragilità capillare, la ritenzione idrica e la cellulite.

Il succo di mirtilli neri, ricchissima fonte di questi preziosi composti, è particolarmente indicato per combattere disturbi come l’insufficienza venosa cronica ed emorroidi grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e drenanti.

Mirtilli neri per il cuore: Proteggono il sistema cardiovascolare

Tra le tante virtù di questo frutto di bosco, spicca la capacità dei mirtilli neri di proteggere il cuore e l’intero sistema cardiovascolare. Ancora una volta, gli antociani giocano un ruolo chiave prevenendo l’aggregazione piastrinica e riducendo così il rischio di formazione di trombi potenzialmente pericolosi. Ma non solo: anche gli altri antiossidanti e minerali contenuti in questi frutti contribuiscono a diminuire l’assorbimento di grassi e zuccheri introdotti con la dieta, contrastando l’insorgenza di diabete e ipercolesterolemia.

Effetti sul diabete, colesterolo e neurodegenerazione

Grazie alla ricchezza di fibre solubili come le pectine e alle loro spiccate proprietà antinfiammatorie, i mirtilli neri possono rivelarsi degli ottimi alleati in caso di disturbi gastrointestinali come la diarrea. Le pectine, infatti, aiutano a normalizzare la consistenza delle feci, mentre i principi attivi antinfiammatori riducono la peristalsi intestinale eccessiva. Inoltre, alcuni studi hanno ipotizzato che l’assunzione regolare di mirtilli possa apportare benefici neurocognitivi e contrastare il declino cognitivo legato all’età, migliorando così anche la neurodegenerazione senile.

Fanno Ingrassare? Calorie e zuccheri di questo frutto di bosco

Se vi state chiedendo se i mirtilli neri fanno ingrassare o meno, sappiate che nella loro versione fresca sono poveri di calorie e rappresentano un’ottima scelta anche per chi deve seguire un regime alimentare ipocalorico o dimagrante. La versione essiccata, invece, pur mantenendo invariate le preziose proprietà nutritive, risulta più concentrata in termini di zuccheri semplici e calorie. Pertanto, se soffrite di diabete o obesità, è preferibile limitarne il consumo e preferire sempre i mirtilli freschi di stagione.

Quanti mirtilli mangiare al giorno?

Le linee guida nutrizionali consigliano un consumo standard di 150 grammi di frutta fresca al giorno, pari a circa un pugno abbondante. Questa quantità può essere tranquillamente coperta dai mirtilli neri, un frutto ideale da concedersi tutti i giorni grazie alle sue caratteristiche salutari: ricco di acqua, fibre, vitamine e antiossidanti ma con un apporto calorico davvero minimo. Una porzione così abbondante vi permetterà di beneficiare a pieno delle virtù di questo superfrutto senza rischi per la linea.

3 Ricette Semplici: Succo, confettura e smoothie

Al di là del semplice consumo del frutto fresco, esistono tante ricette gustose per portare in tavola i mirtilli neri. Un’opzione sfiziosa è il succo di mirtillo fatto in casa, senza cottura: dopo averli frullati, basterà filtrare la polpa e diluire con acqua e zucchero. Un’altra idea è preparare una confettura utilizzando mirtilli freschi, succo di limone e sciroppo d’acero. Per un spuntino energetico e nutriente, provate invece uno smoothie cremoso unendo mirtilli e lamponi surgelati con yogurt greco o una bevanda vegetale.

Come conservare i mirtilli

La stagione principale dei mirtilli neri va da giugno a settembre: quando li acquistate, verificate che siano integri, sodi e privi di ammaccature o muffe. Una volta a casa, lavateli delicatamente sotto acqua corrente e asciugateli con un panno di cotone prima di riporli in frigo, possibilmente in un contenitore ermetico.

Se invece desiderate gustarli anche nei mesi invernali, potete congelarli disponendoli prima su un vassoio ricoperto di carta forno in modo che non si attacchino tra loro. Dopo averli fatti congelare, trasferiteli in sacchetti appositi per alimenti da freezer. Un’altra tecnica di conservazione molto utilizzata è tramite disidratazione del frutto. Questa tecnica permette di conservarli per molti mesi senza perdere e caratteristiche nutrizionali.

Controindicazioni: Allergie, gravidanza e farmaci

Sebbene i mirtilli neri siano un frutto estremamente salutare, è importante esserne a conoscenza delle eventuali controindicazioni. Il loro consumo è sconsigliato in caso di allergia ai principi attivi in essi contenuti. Gli estratti di mirtillo potrebbero interferire con farmaci come anticoagulanti, antiaggreganti e antidiaretici. Anche durante la gravidanza e l’allattamento è bene limitarne l’assunzione e chiedere il parere del proprio medico curante, per escludere potenziali effetti collaterali indesiderati.

Altro sui mirtilli:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Like
Close
Quando Si Pianta by Agenzia Eco Web Srl
© Copyright 2020. Tutti i diritti riservati.
Close
Preferenze Privacy